Variazione raggio piegatura

tanticapelli

Utente Standard
Professione: Impiegato tecnico
Software: DraftSight e SolidWorks 2019 SP 3.0 Professional
Regione: Piemonte
Ciao a tutti,
pongo una domanda alla quale non sono riuscito a trovare risposta negli argometi già trattati.
Mi si pone un problema: in un progetto composto da molte lamiere piegate che ho già modellato si è verificata la necessità di variarne (aumentare di 2 mm) il raggio di piegatura senza variare le dimensioni dei pieghi.
La cosa comporta una variazione dimensionale di tutti quei pieghi costruiti con "Flangia del bordo" mentre l flangia di base rimane invariata.
Mi chiedevo se ci fosse qualche accortezza particolare nel progettare una lamiera (si tratta nel mio caso di lamiere chiuse "a cassetta" utilizzate per rivestimenti architettonici) in modo da digerire meglio eventuali variazioni di raggio o anche di spessore senza dover cambiare manualmente le dimensioni dei pieghi.

Spero di essermi spiegato

tanticapelli
 

MassiVonWeizen

Utente Senior
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014 e 2019
Regione: Friuli Venezia Giulia
vediamo se ho capito:
siccome la flangia del bordo definisce la distanza della piega dal bordo in funzione se questa sia interna esterna o media si ha che questa distanza è comunque sempre vincolata al raggio.
tu vorresti fare in modo che la distanza rimanga costante pur variandone il raggio.
è un bel casino...
 

MassiVonWeizen

Utente Senior
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014 e 2019
Regione: Friuli Venezia Giulia
mi permetto una piccola osservazione.
da tecnico che lavora in un'azienda che produce elementi ricavati da lamiera ti posso dire che non sempre viene rispettato il raggio del disegno, ma viene usato quello dell'attrezzatura più indicata a processare il particolare.
questo per dire che se sul disegno trovo raggio interno 5 per lamiera da spessore 5 ma la nostra attrezzatura ha raggio 2 viene fatto con quest'ultimo pur mantenendo le dimensioni dell'oggetto finito. raramente, da noi, viene consultato il cliente.
se per voi il raggio è importante indicatelo chiaramente a disegno
 

MassiVonWeizen

Utente Senior
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014 e 2019
Regione: Friuli Venezia Giulia
facendo qualche prova mi accorgo che questo problema, se l'ho compreso bene, si manifesta solo se come opzione do posizione flangia si imposta piegatura esterna. usando materiale interno o materiale esterno questo non succede.
puoi darmene conferma?
 

tanticapelli

Utente Standard
Professione: Impiegato tecnico
Software: DraftSight e SolidWorks 2019 SP 3.0 Professional
Regione: Piemonte
vediamo se ho capito:
siccome la flangia del bordo definisce la distanza della piega dal bordo in funzione se questa sia interna esterna o media si ha che questa distanza è comunque sempre vincolata al raggio.
tu vorresti fare in modo che la distanza rimanga costante pur variandone il raggio.
è un bel casino...
Sì esatto (non ho detto che utilizzo la flangia del bordo sempre con opzione "Posizione flangia" posta su "piegatura esterna").
Mi sono sentito col fornitore il quale utilizza solidedge e mi ha detto che probabilmente il problema sta proprio nel fatto di come io utilizzo questa opzione (dovrei utilizzare la prima ma ricordo che mi ha dato un sacco di problemi in passato in certe condizioni particolari)...
 

tanticapelli

Utente Standard
Professione: Impiegato tecnico
Software: DraftSight e SolidWorks 2019 SP 3.0 Professional
Regione: Piemonte
Anzi, ora che ci penso siccome per le lamiere da rivestimento di solito ciò che conta sono le viste dei pieghi (dal punto di vista dimensionale) bisognerebbe che la stessa lamiera fosse costruita non con la stessa opzione di flangia del bordo ma con opzione differenziata (tra materiale interno ed esterno) a seconda di come viene prelevato il materiale.
 

MassiVonWeizen

Utente Senior
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014 e 2019
Regione: Friuli Venezia Giulia
se usi sempre l'opzione piegatura esterna un metodo sbrigativo per modificare il raggio senza variare le dimensioni potrebbe essere quello di cancellare i raggi col comando cancella faccia e poi ripristinarli con le dimensioni desiderate. ovviamente non è un metodo pulito come filosofia di modellazione.
è il metodo che uso quando importo file step con raggi non adatti.

edit:
in alternativa si può usare nella scheda posizione flangia l'opzione offset impostandola a 2 verso l'interno. va ovviamente fatta per ogni funzione flangia del bordo

il problema più grosso è quello di una sommarsi di funzioni flange del bordo che quindi dipendono une dalle altre.
per capirsi se tutto si limita ad una base (flangia base) e quattro pareti (flangia del bordo) si può gestire con un'equazione oppure semplicemente modificando la dimensione della base con un calcolo a mente; se alle pareti (flangia del bordo) si mettono altre flange del bordo (ad esempio come se facendo una sezione si vedesse una C) bisogna modificare anche la dimensione della flangia del bordo precedente e creare eventualmente un'altra equazione.
la cosa diventerebbe complicata anche se non impossibile; però creare un sistema parametrico avrebbe senso se si presumesse di dover nuovamente modificare quel raggio.
 
Ultima modifica:

tanticapelli

Utente Standard
Professione: Impiegato tecnico
Software: DraftSight e SolidWorks 2019 SP 3.0 Professional
Regione: Piemonte
La soluzione a io avviso è quella che ho già scritta sopra:

" per le lamiere da rivestimento di solito ciò che conta sono le viste dei pieghi (dal punto di vista dimensionale) bisognerebbe che la stessa lamiera fosse costruita non con la stessa opzione di flangia del bordo ma con opzione differenziata (tra materiale interno ed esterno) a seconda di come viene prelevato il materiale. "

Ho verificato e fuziona.

Non riesco ad applicarla facilmente sulle lamiere che hanno pieghi o "punte" in gradazione.