Turbulent viscosity limited to viscosity ratio of 1.000000e+05

Sylnet

Utente Junior
Professione: Ingegnere
Software: Fluent
Regione: Umbria
#21
Grazie immaginavo che non era "molto bravo" a ricavare questa perdita di carico...infatti i conti non tornano molto! non avevo pensato, o meglio, mi ero scordato che la CFD non fa molto con l'attrito!

Ok non avevo visto il punto davanti al 60...dopo 6 ore di studio la testa va un po'....:biggrin:

Si, i valori sono decisamente migliori, io ho riportato dei valori molto più grandi, ma questo è ovvio dato che l'aria ha una viscosità più bassa i profili di velocità si estendono maggiormente. Io comunque ai lati estenderei ancora un po', come pure dietro il bulbo...poi sarebbe da vedere la turbolenza, magari dopo 4 m sarà sufficientemente bassa da evitare ricircoli.

Cmq concordo, con un'immagine sarebbe molto più semplice capire la situazione
 

Sylnet

Utente Junior
Professione: Ingegnere
Software: Fluent
Regione: Umbria
#23
La mesh cosi mi sembra ok, anche la distanza davanti e dietro il bulbo dovrebbero essere ok. Hai ancora problemi? O adesso funziona meglio? In caso di da ancora problemi prova a mettere una velocità in entrata molto più bassa, tipo 5 m/s, cosi potresti magari verificare se il problema di un eventuale non convergenza è dovuto alla mesh o all'outlet ancora troppo vicino
 

Random86

Utente Junior
Professione: studente
Software: Ansys
Regione: Lombardia
#24
Penso di aver risolto il problema nel caso con il dominio presentato di sopra. Adesso sto facendo delle prove nel caso di dominio diviso con transizione imposta da laminare a turbolento. Tuttavia, mentre nel caso di dominio unico e conto tutto turbolento riesco ad arrivare ad una soluzione che è quella che mi aspettavo, nel caso dei domini separati ritorno ad avere il problema. Non riesco a capire se è un problema della condizione imposta all'interfaccia (che ho definito interior) o che altro. Tra l'altro la mesh è sostanzialmente la stessa nelle due simulazioni.
 

Spes

Utente poco attivo
Professione: studente
Software: Gambit, Fluent
Regione: Puglia
#25
Buonasera,
sono uno studente del Politecnico di Bari. Il caso che sto trattando è abbastanza simile a quello del quale avete discusso. Io ho, al momento, due bulbi, d'uguale dimensione e profilo, l'uno in coda all'altro. Ho isolato una generatrice e costruito una griglia 2D, in Gambit, che vorrei risolvere in Fluent, con solver Axisymmetric. Pur adoperando tutti gli accorgimenti su letti, peraltro già suggeritomi dagli ingegneri che mi affiancano, il limite del turbulent viscosity ratio viene puntualmente raggiunto, con il progredire delle iterazioni, da un numero sempre maggiore di celle.
Ad instabilizzare il calcolo, probabilmente, l'elevata dimensione del dominio (ogni bulbo è lungo circa 8 metri e l'ingresso, del dominio, dista dall'uscita 64 metri) a fronte d'una necessità di risolvere totalmente il flusso (dal sottostrato laminare sino al flusso turbolento totalmente sviluppato).
Credo che la soluzione non sia immediata e spero in qualche consiglio, che peraltro sto ricercando da ogni fonte.
 

Random86

Utente Junior
Professione: studente
Software: Ansys
Regione: Lombardia
#26
Controlla bene le condizioni al contorno che hai imposto e dopo controlla che la mesh di strato limite sia corretta. Soprattutto per gli elementi della prima cella.
 

Spes

Utente poco attivo
Professione: studente
Software: Gambit, Fluent
Regione: Puglia
#27
Stai dicendo bene, nel senso che sono esattamente gli aspetti da te citati quelli che solitamente causano il problema di cui sopra. Purtroppo per il caso in esame ho già consdierato più volt i suddetti aspetti, focalizzando su grow factor, altezza della prima cella a parete e via dicendo...
Comunque sembrerebbe, in qualche modo, che se ne possa uscire; stanotte il pc sta iterando con la giusta turbolence length.
Una curiosità: ma tu quale solutore hai usato per la viscosità? Hai abbassato i fattori di sottorilassamento?Perché affidarsi al coupled quano non è di fluidi comprimibili ad alte velocità che ci stiamo occupando ma d'acqua?
Com avrete capito son alle prime armi però spero vogliate fornirmi la vostra interpretazione. Non vi nascondo che sto trovando non poche differenze tra docenti, ingegneri, help di fluent e via dicendo...
 

Random86

Utente Junior
Professione: studente
Software: Ansys
Regione: Lombardia
#28
Il coupled aiuta a risolvere il problema sulla turbulent viscosity, ma per me è un pò un rischio. Tieni conto che fluent è un programma che cerca in ogni modo di forzare la convergenza. Con il solutore coupled la forzi ancora di più e rischi di trovare soluzioni non molto coerenti. Inoltre ci mette molto più tempo rispetto al simple, che è quello che ho usato io. Prova a controllare anche che Gambit non ti mangi
qualche elemento di cella di strato limite a parete. Questo lo puoi vedere anche da fluent: visualizzi le y+ e vedi che siano tutte sotto 4 o 5. Il problema comunque nasce dalla mesh e dalle condizioni imposte. Che modello usi poi?? Hai attivato Enhanced Wall Treatment??
Poi, anche se sicuramente funziona, prova a fare una mesh solo tetraedrica per l'analisi a potenziale.
in questo modo ti togli definitivamente i dubbi che il modello CAD puro non abbia problemi.
 

Spes

Utente poco attivo
Professione: studente
Software: Gambit, Fluent
Regione: Puglia
#29
Ho usato anch'io il Simple. Con il coupled è saltato in aria tutto :S
Sto lavorando con una y+ quasi pari a 0.7 (valore desiderato in quanto voglio risolvere il sottostrato laminare).
Ho provato ad utilizzare l'enhanced wall treatment ma senza esito positivo. In particolare il solutore k-epsilon non riesce a trovare soluzione.
Il k-omega SST al momento si è rivelato l'unico stabile. Sto cercando, con quanto acquisito da quest'ultimo, di trovare conferma, ai dati ottenuti, attraverso altri solutori (k-omega standard, lo stesso k-epsilon) ma al momento non ho avuto alcun esito positivo.
Credo, in qualsiasi caso, che mi stia sfuggendo qualcosa, di non molto immediato!
 

daniele.arlotti

Utente poco attivo
Professione: studente tesista
Software: Fluent & ICEM
Regione: Lombardia
#30
Buon giorno a tutti,
Sono uno studente del Politecnico di Milano (Energetica) e scrivo in questo forum perchè ho avuto anch'io dei problemi riguardanti il Turbulent Vicosity Ratio :
Io sto simulando un tronco di pala eolica con profilo DU-97-W-300 caratterizzato da "blunt trailing edge" e ho creato la mesh in ICEM aggiungendo dei generatori di vortici su estradosso (Vortex Generator VGs) allo scopo di incrementare l'angolo di stallo della pala ; il modello di turbolenza che uso è lo spalart-allmaras considerando il fluido comprimibile (V=75m/s e Re=3000000 con corda profilo=0.6m e lunghezza tronco =0.21m).
come densità imposto ideal gas e come viscosità uso modello di Sutherland e come equazioni tutto al secondo ordine ( uso approccio density-based ).
effettuando una FMG ( Full Multigrid Initialization ) e lanciando la simulazione mediante "Solution Steering" ottengo il messaggio riportato nell'immagine che allego (ho fatto anche il display del contour del turbulent viscosity ratio nelle celle dove si presenta tale problema ) Turbulent Viscosity Ratio Limited to 100000.jpg
qualcuno sa aiutarmi?
NB: il problema si riscontra dopo aver fatto l'adapting su fluent nella regione intorno alle VGs
Grazie mille
Arlotti Daniele