Storia dei sistemi cad: ptc, sw, se, autocad & altri

painaz

Utente Standard
Professione: ingegnere
Software: proe
Regione: veneto
#1
non sapevo bene dove mettere la discussione....

Comunque vi segnalo questo link ad un libro on_line (centinaia di pagine di storia del cad):

http://www.cadhistory.net/toc.htm

Ci sono veramente quasi tutti e le informazioni sono molto dettagliate: c'è perfino think3, notevole CAD 3d di paternità tutta italiana (Filippo Zuccarello, fondata nel 1979). Unica mancanza, strana, è Me10.
 

dieva

Utente Standard
Professione: CAD Manager - AutoCAD sw developer
Software: AutoCAD | BricsCAD | 3DSMax | Revit
Regione: puglia
#2
interessante, grazie per la condivisione!
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#3
non sapevo bene dove mettere la discussione....

Comunque vi segnalo questo link ad un libro on_line (centinaia di pagine di storia del cad):

http://www.cadhistory.net/toc.htm

Ci sono veramente quasi tutti e le informazioni sono molto dettagliate: c'è perfino think3, notevole CAD 3d di paternità tutta italiana (Filippo Zuccarello, fondata nel 1979). Unica mancanza, strana, è Me10.
Bello! Appena ho una mezz'ora me lo guardo un po' meglio, grazie per adesso!:finger:
 

painaz

Utente Standard
Professione: ingegnere
Software: proe
Regione: veneto
#6
Io ho lavorato su stazioni HP-Unix+Me10

All'università Proe-18, l'hardware forse era ibm-AIX (unix proprietario ibm).

A mio parere i pc hanno raggiunto una potenza di calcolo adeguata per il 3d (grafica e processore) attorno al 2003 (pentium 4 AGP 8x)
 

falonef

Moderatore CATIA V5
Staff Forum
Professione: PLM Support Expert (Consumer Goods)
Software: CATIA V5 / PARTsolutions / QA-Report / Q-Checker / Type3toCatia / Agile-PLM / Windows 10
Regione: Svizzera
#7
history of cad
history_of_cad.png
 

tizibrembi

Utente poco attivo
Professione: progettista
Software: attuale UG 10 e Pro/e Wf4
Regione: italia
#8
Un bel post ! molto Interessante !
painaz
Io ho iniziato a disegnare con il software DDM della Calma con workstation APOLLO !
Che tempi!
 

falonef

Moderatore CATIA V5
Staff Forum
Professione: PLM Support Expert (Consumer Goods)
Software: CATIA V5 / PARTsolutions / QA-Report / Q-Checker / Type3toCatia / Agile-PLM / Windows 10
Regione: Svizzera
#9
Un bel post ! molto Interessante !
painaz
Io ho iniziato a disegnare con il software DDM della Calma con workstation APOLLO !
Che tempi!
madonna non conosco nessuno dei tre nomi da te fatti ma dovrebbe esser stata una faticaccia 😉
 

Tristus

Utente registrato
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
#11
A cavallo degli anni 80/90, nello studio in cui ho fatto apprendistato avevamo 2 computer. Sistema operativo --(Vattelappesca)-- non ricordo il nome, forse era il Pcos. Schermi a diodi luminosi color ocra, niente hardisk, solo due driver per i floppy disk (di quelli flessibili). Accendevi il pc e inserivi il floppy contenente il sistema operativo. Il pc se lo caricava e una volta caricato in memoria inserivi nell'altro drive il floppy contenente il programma che si voleva far girare. Si digitava la lettera del drive contenente il floppy del programma e poi il nome dell'eseguibile che identificava il programma. Per i computi metrici adoperavamo un programma costituito da 3 floppy. Due floppy contenevano il programma vero e propro, l'altro l'archivio dell'analisi prezzi.
Ogni tanto il programma si bloccava per chiederti di inserire un floppy numerato onde caricarsi in memoria la parte rimanente del programma. Evidentemente le memorie di allora erano microscopiche.

QUalche tempo dopo arrivo' in studio il primo "compatibile Ibm". Si chiamavano cosi' quei personal computer in grado di far girare il sistema operativo adottato dall'Ibm, (l'Ms-Dos di Bill Gates, per intenderci, quello che sarebbe poi diventato lo standard mondiale).
Schermo a colori, hardisk interno (con altri 2 driver per i floppy disk di quelli rigidi)e naturalmente niente Windows. Nonostante avesse un suo hardisk i programmi che avevamo erano ancora dentro i floppy. Programmi per progettazione stradale, profili, sezioni, computo metrico ecc ecc.
Ovviamente le sezioni ed il profilo che vedevi su video erano spartane al massimo, pero' te le visualizzava comunque.
Ricordo il Concant, un programma per computi metrici estimativi e probabilmente una delle prime versioni di Autocad. Ci smanettai un po' ma riuscii a fare giusto qualche linea, perchè non riuscii a trovare il manuale. Pensate, quell'Autocad stava in 4 floppy disk rigidi. 3 erano pieni e l'altro semivuoto, in pratica meno di 5 megabite.

Quando vedo i cad odierni penso all'enorme salto tecnologico che è stato fatto. Cose impensabili nei primi anni 90. A noi pareva già un miracolo che il pc disegnasse a video una serie spartana di linee di una sezione stradale o di un profilo.

Per quanto riguarda Bill Gates e la Microsoft, è stato demonizzato perchè avrebbe (a detta di molti) monopolizzato il mondo del computer, e sicuramente è vero, pero' da un lato è stato un bene perchè si è giunti ad uno standard per tutti. Anche se oggi esistono molti sistemi operativi diversi, quasi tutti sono ideati per far girare gli eseguibili per Windows. Prima era diverso, e un programma non girava se non avevi il sistema operativo per il quale era nato, e di sistemi operativi ne esistevano parecchi. Correvi il rischio di ritrovarti con un computer nel quale non girava il programma che aveva il tuo collega nel suo pc. E non c'era nessuna maniera per farlo girare. Pero ad un certo punto uutti si riversarono a comprare i "compatibili Ibm". Anche se non erano di marca Ibm adottavano l'Ms-Dos e chi produceva software, anche se non professionalmente, si adeguo'.
Oggi si potrebbe dire che tutti i pc sono "compatibili Ibm" anche se la cosa oggi suona incomprensibile. Pero' in quegli anni sentivi i commercianti dire "compri questo, è un compatibile Ibm" e ti spiegavano perchè era meglio acquistare un "compatibile Ibm". Ecco da cosa nacque l'esigenza di uno standard unico. Oggi questa esigenza non c'è piu', ma solo perchè tutti i sistemi operativi fanno girare gli eseguibili nati con l'Ms-dos. Persino su Linux oggi puoi far girare un eseguibile exe, naturamente non tutti i programmi, pero' quelli piu' leggeri girano tramite una Virtual Box (la Wine).