• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Spessore grezzo, finito e sovrametallo

alexrib89

Utente poco attivo
Professione: studente
Software: autocaz
Regione: umbria
#1
Buongiorno a tutti,

è da molto che sono registrato in questo forum quindi credo (ma non sono sicuro) di essermi presentato anni fa! :wink:

Leggo molto le vostre discussioni e spesso trovo risposta alle mie domande.

Mi son laureato in Ing. Meccanica da poco più di un anno ed attualmente lavoro in una piccola e giovane azienda che realizza Banchi prova. Il mio compito (oltre ad altre mansioni marginale) è quello di progettare e disegnare telai in carpenteria e pezzi lavorati di macchina

Questa volta sono qui per porvi un quesito, che se pur marginale, ha creato diverse controversie fra me ed i miei colleghi dell'ufficio progettazione.

Premetto che la mia esperienza in questo settore non è molto sviluppata, vista anche l'età, però sono un tipo puntiglioso, attento ed appassionato, quindi sono cresciuto abbastanza in fretta in questo ruolo lavorativo (anche se ancora ho molto da imparare).

Dopo questo breve preambolo veniamo al mio quesito.

Spesso mi trovo a disegnare dei componenti meccanici realizzati tramite la saldatura di lamiere e poi lavorato di fresa; come altri in questo forum Utilizzo L'assieme saldato di inventor che permette di rappresentare il grezzo, e il finito. e fin qui tutto ok.

Per i pezzi più semplici evitiamo di fare il disegno grezzo, quotando solo il pezzo finito, e per facilitare l'interpretazione ai costruttori meccanici (ditte esterne) inseriamo nella prima pagina di ogni disegno la distinta di taglio dei vari elementi costituenti l'assieme (ES. Lamiera sp. 5 150x150).

Nella distinta di taglio (visto che sono puntiglioso) inserisco le misure del grezzo ed a fianco inserisco i mm di sovra metallo da me stimati che poi dovranno essere asportati, faccio un esempio :

"Lam. Sp. 15 150x150 compresi 3 mm di sovra metallo"

poi nell'assieme quotato lo spessore di quella lamiera (che sarà spianata di fresa) verrà indicato con la quota "15mm FINITO"


io in normativa ho trovato come si quota il sovra metallo, però mi da l'idea che tale informazione non venga recepita con chiarezza dall'operatore finale e non so quanto bene si adatti a dei pezzi saldati che richiedono l'asportazione di materiale solo su alcune facce.

Ora vi chiedo:
Secondo voi questo metodo che adotto è giusto?
Può creare confusione in fase di realizzazione?

Voi come fate in questi casi?

Grazie in anticipo delle risposte che darete e spero di essere stato chiaro!

Ciao!
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#2
Buongiorno a tutti,

è da molto che sono registrato in questo forum quindi credo (ma non sono sicuro) di essermi presentato anni fa! :wink:

Leggo molto le vostre discussioni e spesso trovo risposta alle mie domande.

Mi son laureato in Ing. Meccanica da poco più di un anno ed attualmente lavoro in una piccola e giovane azienda che realizza Banchi prova. Il mio compito (oltre ad altre mansioni marginale) è quello di progettare e disegnare telai in carpenteria e pezzi lavorati di macchina

Questa volta sono qui per porvi un quesito, che se pur marginale, ha creato diverse controversie fra me ed i miei colleghi dell'ufficio progettazione.

Premetto che la mia esperienza in questo settore non è molto sviluppata, vista anche l'età, però sono un tipo puntiglioso, attento ed appassionato, quindi sono cresciuto abbastanza in fretta in questo ruolo lavorativo (anche se ancora ho molto da imparare).

Dopo questo breve preambolo veniamo al mio quesito.

Spesso mi trovo a disegnare dei componenti meccanici realizzati tramite la saldatura di lamiere e poi lavorato di fresa; come altri in questo forum Utilizzo L'assieme saldato di inventor che permette di rappresentare il grezzo, e il finito. e fin qui tutto ok.

Per i pezzi più semplici evitiamo di fare il disegno grezzo, quotando solo il pezzo finito, e per facilitare l'interpretazione ai costruttori meccanici (ditte esterne) inseriamo nella prima pagina di ogni disegno la distinta di taglio dei vari elementi costituenti l'assieme (ES. Lamiera sp. 5 150x150).

Nella distinta di taglio (visto che sono puntiglioso) inserisco le misure del grezzo ed a fianco inserisco i mm di sovra metallo da me stimati che poi dovranno essere asportati, faccio un esempio :

"Lam. Sp. 15 150x150 compresi 3 mm di sovra metallo"

poi nell'assieme quotato lo spessore di quella lamiera (che sarà spianata di fresa) verrà indicato con la quota "15mm FINITO"


io in normativa ho trovato come si quota il sovra metallo, però mi da l'idea che tale informazione non venga recepita con chiarezza dall'operatore finale e non so quanto bene si adatti a dei pezzi saldati che richiedono l'asportazione di materiale solo su alcune facce.

Ora vi chiedo:
Secondo voi questo metodo che adotto è giusto?
Può creare confusione in fase di realizzazione?

Voi come fate in questi casi?

Grazie in anticipo delle risposte che darete e spero di essere stato chiaro!

Ciao!

ciao
il prob lo affronto nel quotdiano
anche se in settore un attimo diverso
ma sempre di sovrametallo parliamo
da sempre lo risolviamo come da jpeg allegato
anche se ogni tanto c'e' sempre qualcuno che commette qualche errore
grazie mille
 

Allegati

ninfh

Utente Standard
Professione: meccanico?
Software: inventor, autocad, keyshot, mani
Regione: Lombardia
#3
personalmente quoto il sovrametallo solo per alcune lavorazioni di rettifica, o quando sono io a fornire il materiale, per il resto do le msure del pezzo finito, il tipo di materiale ed eventuali trattamenti.

se chiedo un pezzetto di tornio DeØ19mm-DiØ17mm per me possono anche partire da un pieno di Ø200mm e divertirsi a tornirlo, basta che i prezzi ed i tempi siano rispettati



per le poche strutture di carpenteria saldata che faccio, nel materiale indico il tipo di profilato e le dimensioni
 

bradipo666

Utente Standard
Professione: disegnatore
Software: Inventor 2018, Autocad 2018, Solidworks 2014
Regione: abruzzo
#4
Anch'io in passato, a causa della mia inesperienza, ho avuto non pochi problemi :tongue:
comunque io faccio cosi:

1) disegno i/il pezzo/i grezzo/i
2) creo un assieme saldato con uno o piu particolari
3) eseguo le lavorazioni (con lavorazioni meccaniche)
4) intavolo sia il grezzo che il pezzo finito (se è un solo particolare, metto il grezzo e il lavorato su di un unico foglio)
 

windreef

Utente Junior
Professione: Progettista meccanico
Software: Inventor 2010 + Vault Manufactoring 2010 ; Catia V5R18 + Smarteam
Regione: Toscana
#5
Ciao anch'io faccio più o meno come te nel senso per i pezzi complessi due tavole, grezzo e finito. Per i pezzi semplici solo la tavola del finito indicando in distinta le misure di pezzi compresi sovrammetallo ma senza indicare il sovr. a parte.D'altronde se in distinta il pezzo ha spessore 15 e nel disegno è indicato 12 è logico che vanno tolti 3 mm, è comunque ,come diceva Ninfh , quello che conta è il disegno finito da dove partono affari loro.
 

Peppe

Utente Standard
Professione: Impiegato
Software: inventor
Regione: Emilia Romagna
#6
Cosa non da poco, utilizzare i simboli di rugosità in maniera accurata permette di far capire all'operatore dove risiede il sovrametallo e di conseguenza la/le zona/e da lavorare.