Sollevatore a forbice (Tesina)

Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#81
Non capisco il tuo problema.
I cilindri da usare sono quelli saldati doppio effetto, con cerniera su forcella e sulla culatta posteriore. La culatta si vincola ad un perno delle traverse che compongono la x del pantografo mentre la For ella anteriore si collega al un perno di un piatto saldato sul tubo centrale del pantografo in modo che ci sia un braccio che permette la rotazione.
 

Luca Giannini

Utente registrato
Professione: Ingegnere
Software: Inventor
Regione: Emilia Romagna
#82
Buongiorno,
Sono nuovo del forum e ho trovato questa discussione cercando informazioni in merito a piattaforme a pantografo..
Mi ricollego quindi perchè ho anche io qualche problema a riguardo e sono troppo arrugginito con meccanica applicata.. :rolleyes:
Devo dimensionare il cilindro di sollevamento per una piattaforma a pantografo a 2 stadi. Pensavo di fissare, a differenza di quanto trovo in precedenza, il cilindro da un lato della piattaforma.
Ho provato a schematizzare il tutto ma non riesco a calcolare le reazioni vincolari.
Provo a riassumere il procedimento sperando che qualche anima pia mi dia una dritta..
Il carico applicato alla piattaforma è un carco distribuito di 500N, ma considerato che mi basta un dimensionamento di massima si potrebbe pure considerare un carico concentrato applicato al centro della larghezza.
Le reazioni vincolari sono due forze su x e y in A, una in direzione y in corrispondenza di B e due (su x e y) in C (lo snodo dove fisso il cilindro).
Io ricavato le 3 equazioni di bilanciamento di forze in x e y e il momento rispetto ad A.
Poi ho ipotizzato di spezzare la struttura in C e D per ricavare due ulteriori equazioni (le variabili sono 5).
Non mi riesce però di calcolare le componenti orizzontali della forza..

Inoltre avrei anche un paio di quesiti, e magari c'è qualcuno più esperto di me su questo tipo di strutture..
In primis che differenza c'è tra il fissare il cilindro alla base o tra due degli elementi che si muovono?
io vedo esempi pratici di entrambe le soluzioni e non ne colgo i vantaggi o svantaggi, se non che tenendo fermo il cilindro ci sono meno "giri" con i tubi..
In seconda battuta, mi risulta naturale pensare che al crescere del numero degli stadi del pantografo debba crescere la forza esercitata dal cilindro. A pari corsa del cilindro stesso infatti il carico viene alzato proporzionalmente di più. Non riesco però anche in questo caso a creare un modello schematico di questa cosa.. Ovviamente non capisco dove sbaglio..

Grazie a chi perderà tempo a guardare quanto sopra e a buon rendere.
 

Allegati

Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#83
Se lo stai facendo per lavoro e non riesci a calcolarlo, mi sorge il dubbio che anche le normative legate ad prodotto tu non le conosca. Se dovesse essere così è molto pericoloso.
Ci sono diversi modi di vincolare e collegare il cilindro per sollevare.
Qui trovi la risoluzione nel dettaglio dei sollevatori a pantografo.
I cilindri normalmente non si montano al primo stadio se hai un pantografo multiplo per ragioni di spazio ma anche per migliorare la stabilità in sollevamento.
Poi c'è questo sito.
Poi cercando scissor lift con Google si trovano un sacco di cose.
Come lo hai schematizzato tu non è nient'altro che uguale al pantografo singolo ma con il peso di tutte le X da aggiungere.
Se usi Solidworks o Inventor usa i moduli di cinematica e ti fai la simulazione che ti fornisce già il risultato.
 

Luca Giannini

Utente registrato
Professione: Ingegnere
Software: Inventor
Regione: Emilia Romagna
#84
Innanzitutto grazie per le dritte!

Come lo hai schematizzato tu non è nient'altro che uguale al pantografo singolo ma con il peso di tutte le X da aggiungere.
Riguardo a questo, non capisco bene..
Provo a spiegarmi: se vado a considerare il lavoro che svolgo per sollevare il carico, aggiungendo uno stadio (una "X") vado a raddoppiare il lavoro da svolgere. In un modo o nell'altro, a compiere lavoro è il cilindro.
Questo ha corsa fissa. Da qui ipotizzavo che la forza di spinta dovesse variare.

Mi ricorda un po' il principio della carrucola: se voglio sollevare un peso F di una quota y, posso aggiungere delle carrucole e sollevare applicando F/4 a patto di tirare la fune per 4y...
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#85
Se una X pesa 100kg e il cilindro spinge 20kg....metti 5 X e il cilindro spinge 5x20 kg....oltre al carico sulla piattaforma.
Ma non si amplifica in modo esagerato.
Per facilità di comprensione monta il cilindro verticale per terra. Lo agganci alla seconda X e vedi cosa succede.
 

Luca Giannini

Utente registrato
Professione: Ingegnere
Software: Inventor
Regione: Emilia Romagna
#86
Se una X pesa 100kg e il cilindro spinge 20kg....metti 5 X e il cilindro spinge 5x20 kg....oltre al carico sulla piattaforma.
Ma non si amplifica in modo esagerato.
Per facilità di comprensione monta il cilindro verticale per terra. Lo agganci alla seconda X e vedi cosa succede.
Mah l'impressione è che non si amplifichi, ma tutto il contrario.. A parità di peso caricato sulla piattaforma, la mia paura è che al crescere degli stadi cresca proporzionalmente la forza che deve esercitare il cilindro.
Per le dimensioni ed i carichi che sto valutando (parliamo di poche decine di kg e di una piattaforma di mezzo metro), il peso delle X è probabilmente trascurabile..