software pirata ricatto di denuncia

gege_67

Utente poco attivo
Professione: prog
Software: inventor
Regione: lazio
Buonasera spero sia il posto giusto dove esporre questo problema. Un mio caro amico ha una azienda che vende prodotti x l'edilizia, suo nipote (studente in un istituto meccanico)a sua insaputa ha installato su un portatile aziendale del nonno x provare a disegnare un pezzo meccanico x un progetto scolastico un software meccanico scaricato dalla rete. Circa un mese fa ha ricevuto in ufficio una telefonata da parte di un dipendente della azienda proprietaria del programma che annunciava al mio amico di essere in possesso e di utilizzare un programma non licenziato (il mio amico e caduto dal pero in quanto non aveva la più pallida idea di cosa si trattasse) a questo punto ha chiesto all'interlocutore di inviarle una email con la spiegazione della problematica. Nel frattempo ha chiesto in famiglia ai nipoti chi aveva installato tale programma e a questo punto ha trovato il colpevole chiedendo al nipote di disinstallare immediatamente il programma. Dopo qualche giorno ha ricevuto la email dalla ditta. Nella email erano presenti dei codici del pc e dell ip dell azienda ( lo ha chiesto al consulente che gli segue i computer della ditta che ha confermato che corrispondono al pc portatile e all'indirizzo aziendale) e in fondo alla email la richiesta dell'acquisto del programma x un valore di circa 50000€ oppure l'azienda si riserva di procedere x vie legali. Il mio amico ha spiegato che il programma è stato installato dal nipote sul computer aziendale e che aveva gia provveduto a far togliere quel programma , ma all'azienda proprietaria non interessa , ha spiegato che di tale programma non sa cosa farsene l'unico programma che utilizzano e un programma di contabilità. Il mio amico deve per forza acquistare quel programma? é normale che una azienda possa entrare nel tuo computer senza chiedere il permesso? Grazie
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Membro dello Staff
Professione: Progettista
Software: Swx2016/2018/2019 - R2W2019 - Composer 2016/2018/2019
Regione: Veneto
Buonasera spero sia il posto giusto dove esporre questo problema. Un mio caro amico ha una azienda che vende prodotti x l'edilizia, suo nipote (studente in un istituto meccanico)a sua insaputa ha installato su un portatile aziendale del nonno x provare a disegnare un pezzo meccanico x un progetto scolastico un software meccanico scaricato dalla rete. Circa un mese fa ha ricevuto in ufficio una telefonata da parte di un dipendente della azienda proprietaria del programma che annunciava al mio amico di essere in possesso e di utilizzare un programma non licenziato (il mio amico e caduto dal pero in quanto non aveva la più pallida idea di cosa si trattasse) a questo punto ha chiesto all'interlocutore di inviarle una email con la spiegazione della problematica. Nel frattempo ha chiesto in famiglia ai nipoti chi aveva installato tale programma e a questo punto ha trovato il colpevole chiedendo al nipote di disinstallare immediatamente il programma. Dopo qualche giorno ha ricevuto la email dalla ditta. Nella email erano presenti dei codici del pc e dell ip dell azienda ( lo ha chiesto al consulente che gli segue i computer della ditta che ha confermato che corrispondono al pc portatile e all'indirizzo aziendale) e in fondo alla email la richiesta dell'acquisto del programma x un valore di circa 50000€ oppure l'azienda si riserva di procedere x vie legali. Il mio amico ha spiegato che il programma è stato installato dal nipote sul computer aziendale e che aveva gia provveduto a far togliere quel programma , ma all'azienda proprietaria non interessa , ha spiegato che di tale programma non sa cosa farsene l'unico programma che utilizzano e un programma di contabilità. Il mio amico deve per forza acquistare quel programma? é normale che una azienda possa entrare nel tuo computer senza chiedere il permesso? Grazie
L'azienda non entra nel tuo pc, installando il software è il tuo pc che invia i dati di utilizzo all'azienda. Da quanto ne so io queste segnalazioni partono se l'utilizzo è stato continuato per diverso tempo e non di qualche ora. In Italia ci sono troppi furbi e il loro modo di fare massacra il mercato a scapito di chi si comporta bene. Ma sai quante volte mi è stato detto che sono troppo caro da persone che non hanno nemmeno un'idea di cosa costa l'attrezzatura per progettare? Siccome lo stato non controlla e le leggi non vengono rispettate le software house si sono attrezzate. Il software pirata non va installato, punto e fine. Io utilizzo software anche ad uso privato e se me lo posso permettere lo acquisto, altrimenti vedo di ripiegare su soluzioni meno performanti ma gratuite. Sarò quadrato, ma a me sembra giusto così.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Membro dello Staff
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
Buonasera spero sia il posto giusto dove esporre questo problema. Un mio caro amico ha una azienda che vende prodotti x l'edilizia, suo nipote (studente in un istituto meccanico)a sua insaputa ha installato su un portatile aziendale del nonno x provare a disegnare un pezzo meccanico x un progetto scolastico un software meccanico scaricato dalla rete. Circa un mese fa ha ricevuto in ufficio una telefonata da parte di un dipendente della azienda proprietaria del programma che annunciava al mio amico di essere in possesso e di utilizzare un programma non licenziato (il mio amico e caduto dal pero in quanto non aveva la più pallida idea di cosa si trattasse) a questo punto ha chiesto all'interlocutore di inviarle una email con la spiegazione della problematica. Nel frattempo ha chiesto in famiglia ai nipoti chi aveva installato tale programma e a questo punto ha trovato il colpevole chiedendo al nipote di disinstallare immediatamente il programma. Dopo qualche giorno ha ricevuto la email dalla ditta. Nella email erano presenti dei codici del pc e dell ip dell azienda ( lo ha chiesto al consulente che gli segue i computer della ditta che ha confermato che corrispondono al pc portatile e all'indirizzo aziendale) e in fondo alla email la richiesta dell'acquisto del programma x un valore di circa 50000€ oppure l'azienda si riserva di procedere x vie legali. Il mio amico ha spiegato che il programma è stato installato dal nipote sul computer aziendale e che aveva gia provveduto a far togliere quel programma , ma all'azienda proprietaria non interessa , ha spiegato che di tale programma non sa cosa farsene l'unico programma che utilizzano e un programma di contabilità. Il mio amico deve per forza acquistare quel programma? é normale che una azienda possa entrare nel tuo computer senza chiedere il permesso? Grazie
A leggere qui' sul forum di solito chiedono di comprare la suite completa (i 50.000 proposti) ma poi si accontantano di molto meno, se ci si mette a trattare. L'alternativa penso sia fare lo struzzo e fargli fare lo sbattimaneto di chiedere alla magistratura una perquisizione presso la sede aziendale. Nel tuo caso penso che non troverebbero nulla, in quanto non credo che siano stati salvati file di progetto sulla rete aziendale.
Ossia, non essendo il software utilizzato a scopo di profitto, non sono sicuro che esista la fattispecie di reato.
 

rinato

Utente Standard
Professione: creo problemi
Software: visi
Regione: veneto
...L'alternativa penso sia fare lo struzzo e fargli fare lo sbattimaneto di chiedere alla magistratura una perquisizione presso la sede aziendale. Nel tuo caso penso che non troverebbero nulla, in quanto non credo che siano stati salvati file di progetto sulla rete aziendale.
Ossia, non essendo il software utilizzato a scopo di profitto, non sono sicuro che esista la fattispecie di reato.
mi permetto di far notare che "invitare" ala magistratura ad eseguire una perquisizione, vuol dire tirarsi in casa o la Polizia Postale nel migliore di casi, o la GDF. Se i primi, forse, si fermano al sw piratato in questione, la GDF ha l'occhio lungo per molte altre cose. Spiace dirlo, ma il titolare rischia di tirasi la zappa sui piedi, e su questo fanno conto i commerciali della software-house in questione. Io inviterei questi ultimi in sede, per parlarsi a quattrocchi e far capire la situazione, 'che con il solo scambio di carte il tono rischia solo di abbruttirsi e non se ne cava più un ragno dal buco.
Di certo una cifra con 4 zeri non ha senso, soprattutto se il sw piratato, è stato in realtà rilasciato dagli stessi proprietari per far conoscere il prodotto ai potenziali futuri utilizzatori ( pratica ammessa da un commerciale, a margine di una openhouse, per gli anni addietro... ).

Se non ricordo male, ma dovete cercare, c'era stato anche un pronunciamento favorevole della Cassazione in merito all' uso personale di sw commerciali piratati. Roba di una decina d'anni fa. Che in Italia vale solo per la particolare causa in esame, però, se ancora valida come indirizzo, è pur sempre una carta da giocare.
 

tecnico_plast

Moderatore
Membro dello Staff
Professione: disegnatore/progettista/grafico
Software: Creo Parametric...e molti altri
Regione: Sicilia
Mi sa di truffa.
 

drake

Utente Standard
Professione: Ingegnere strutturista
Software: SW 2017 sp5.0
Regione: Marche
Non è affatto una truffa, il problema c'è e come. E' anche il motivo x il quale le software house stanno mandando la verifica delle reti aziendali con le licenze possedute. In particolare autodesk lo fa e ne sono a conoscenza. Se ne è parlato qui nel forum.
 

tecnico_plast

Moderatore
Membro dello Staff
Professione: disegnatore/progettista/grafico
Software: Creo Parametric...e molti altri
Regione: Sicilia
Si, se parliamo delle grandi software house.
Ma in giro ci sono anche programmini "free" che poi vengono usati per ricattare l'utente, o per installare trojan.
Capitò una cosa simile ad un mio conoscente, che diversi anni fa aveva installato un software free per fotoritocco, alla scadenza del periodo di prova, invece di disattivargli la licenza, lo hanno contattato via email per chiedergli un pagamento di qualche decina di dollari.
Probabilmente il caso in esame in questo post è ben diverso.
 

drake

Utente Standard
Professione: Ingegnere strutturista
Software: SW 2017 sp5.0
Regione: Marche
Certo quando, purtroppo, ci si imbatte in tali episodi poco simpatici è bene accertarsi con cura e valutare se è appunto una truffa o no. Comunque spero che il gege ci faccia sapere gli sviluppi.
 

tecnico_plast

Moderatore
Membro dello Staff
Professione: disegnatore/progettista/grafico
Software: Creo Parametric...e molti altri
Regione: Sicilia
No, spesso accade proprio questo.
Invece di procedere per vie legali ti obbligano ad acquistare dei pacchetti.
Non credo ti possano obbligare, legalmente intendo.
Certo, è un modo per metterti paura, su migliaia di casi...qualcuno lo acchiappano.
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
Non è affatto una truffa, il problema c'è e come. E' anche il motivo x il quale le software house stanno mandando la verifica delle reti aziendali con le licenze possedute. In particolare autodesk lo fa e ne sono a conoscenza. Se ne è parlato qui nel forum.
Non ho capito bene cosa starebbero facendo le software house, in particolare Autodesk.
Noi abbiamo 2 product design suite ma controlli non ne abbiamo mai avuti.
 

drake

Utente Standard
Professione: Ingegnere strutturista
Software: SW 2017 sp5.0
Regione: Marche
Stanno chiedendo di comunicare a loro tutti i dati della rete aziendale e tutte le licenze intestate. Se non hai ricevuto nulla non preoccuparti. Se ricevi fai quello che ti dicono. Di solito iniziano con mail e poi scrivono il cartaceo senza raccomandata. Io mi sono fermato a quel livello, non so dopo quello farebbero se non si risponde. Si pensava che fosse una truffa, ma all'ennesima richiesta abbiamo sentito un rivenditore e ci hanno confermato che non è affatto una truffa, anzi di rispondere quanto prima. Non credo sia il caso di vedere eventuali sviluppi legali, anche se i modi della loro richiesta lasciano molto perplessi. Ricordiamoci che loro hanno il coltello dalla parte del manico... Se ne è parlato anche qui nel forum.
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
Sicuramente se riceviamo qualcosa risponderemo, anche perché abbiamo due licenze in Subscription regolarmente aggiornate.
Quello che non capisco è cosa richiedono, sanno benissimo la situazione di ogni azienda.
Tant'è vero che tempo fa ci hanno contattato per trasformare una vecchia licenza Autocad in abbonamento.
Conta che, essendo andate via le persone che c'erano prima in UT, non sapevamo nemmeno di averla.
Quindi perché chiedere dati?
Sperano che uno che ha una licenza pirata sia così "furbo" da dirglielo?
 

drake

Utente Standard
Professione: Ingegnere strutturista
Software: SW 2017 sp5.0
Regione: Marche
Perchè secondo me vogliono legare in maniera ufficiale le licenze alle reti o nodi internet aziendali. In realtà loro lo sanno già, ma forse, dico forse xchè non ne sono certo, hanno così la possibilità di controllo con i dati forniti dai clienti, non "presi" di nascosto. Una volta che hanno i dati, al momento che "i furbetti" si collegano.....
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Membro dello Staff
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
Ma le ore di lavoro necessarie a rispondere al questionario poi autodesk te le paga?
 

rinato

Utente Standard
Professione: creo problemi
Software: visi
Regione: veneto
ripesco questa discussione solo perché posso confermare che le software-house fanno proprio il tipo di comunicazioni segnalate dall' utente che ha aperto la discussione.
Un amico, commerciale nel settore stampi, ha a sua volta amicizie in una sw-h e mi ha raccontato a margine di discorsi più seri che ora, questi ultimi, si fanno vivi tramite avvocati con il monte ore sfruttato dalla licenza craccata o simile e presentano il conto in via "risolutiva". Altrimenti gli avvocati fanno fondo all' artiglieria.
Ovviamente c'è ancora modo di craccare quel particolare sw e restare anonimi, ma è sempre più laborioso. Non che io ne sostenga la pratica, anzi: noi solo licenze pagate, e stringendo la cinghia...
Saluti.
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
Alla fine pare che il famoso controllo di Autodesk sia arrivato.
Pare però diverso da come l'avevate descritto, è arrivata una lettera in cui si dice che le nostre licenze potrebbero essere usate in modo non legale e che ci ricontatteranno entro 7 giorni.
A me pare strana come cosa, noi abbiamo 2 Subscription regolarmente manutenute. Tra l'altro una delle due non è nemmeno utilizzata.
Anche a voi hanno comunicato la cosa in questo modo?
 

radio

Moderatore
Membro dello Staff
Professione: Progettista (credevo...)
Software: Solid Edge ST7
Regione: Lombardia
Ma le ore di lavoro necessarie a rispondere al questionario poi autodesk te le paga?
Purtroppo non è solo Autodesk che fa perdere tempo; mi è appena arrivata (un'altra volta) una mail da Microsoft con la richiesta di un attività SAM (Software Asset Management).
Un inglesismo del cavolo per dire che dobbiamo contare tutte le licenze dei prodotti Microsoft, indentificare tutti i relativi n.di serie (sempre che riesca a trovarli tutti, ad es., per la CAL sarà un casino) e dichiarare su che macchina è installato cosa.
Abbiamo più di 50 PC in azienda, più relativi server, per fare tutto mi ci vorranno 3-4 giornate di lavoro, non scherzo!
La cosa ridicola e tragica al tempo stesso è che abbiamo appena finito di rinnovare il parco macchine, in 2 anni abbiamo sostituito tutti i pc (e quindi tutti i SO), e solo questo mese abbiamo acquistato 25 pacchetti Office 2016, alcuni dei quali ancora da installare perchè le procedure per farlo sono così farraginose e bizantine, che preferiamo a ricorrere a personale esterno per non perdere troppo tempo.
Microsoft ci ringrazia in questo modo.
E pensare che avevo caldamente raccomandato di far passare tutti ad OpenOffice, ma no, restiamo con MS Office perchè è meglio! :mad::mad::mad:

P.S. Dimenticavo, è assolutamente necessario rispondere entro 2 settimane, altrimenti... immagino non succeda nulla, anche perchè mi ci vorrà un mese per trovere il tempo per farlo!
 

TAURUS77

Utente Standard
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: ...più vado avanti più li dimentico
Regione: Piemonte
Purtroppo non è solo Autodesk che fa perdere tempo; mi è appena arrivata (un'altra volta) una mail da Microsoft con la richiesta di un attività SAM (Software Asset Management).
Un inglesismo del cavolo per dire che dobbiamo contare tutte le licenze dei prodotti Microsoft, indentificare tutti i relativi n.di serie (sempre che riesca a trovarli tutti, ad es., per la CAL sarà un casino) e dichiarare su che macchina è installato cosa.
Abbiamo più di 50 PC in azienda, più relativi server, per fare tutto mi ci vorranno 3-4 giornate di lavoro, non scherzo!
La cosa ridicola e tragica al tempo stesso è che abbiamo appena finito di rinnovare il parco macchine, in 2 anni abbiamo sostituito tutti i pc (e quindi tutti i SO), e solo questo mese abbiamo acquistato 25 pacchetti Office 2016, alcuni dei quali ancora da installare perchè le procedure per farlo sono così farraginose e bizantine, che preferiamo a ricorrere a personale esterno per non perdere troppo tempo.
Microsoft ci ringrazia in questo modo.
E pensare che avevo caldamente raccomandato di far passare tutti ad OpenOffice, ma no, restiamo con MS Office perchè è meglio! :mad::mad::mad:

P.S. Dimenticavo, è assolutamente necessario rispondere entro 2 settimane, altrimenti... immagino non succeda nulla, anche perchè mi ci vorrà un mese per trovere il tempo per farlo!
Se non si inizia pian piano a passare ai software open source o free questi non abbasseranno mai la cresta perchè senza rendercene conto abbiamo spianato loro la strada e hanno fatto cartello.