Reazioni sulle ruote di una culla per elevatore

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna e Seguace Anonimo di Shiren :)
Software: Inventor 2018 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
#1
Buongiorno a chi mi legge.
Ho un quesito banale da sottoporre in risposta al quale sento un po' di tutto.
In sostanza sto facendo un lavoro dove il cliente mi ha passato il suo elevatore standard e mi ha chiesto di farne X in un layout dove, come al solito, non ci sono le altezze sufficienti all' interno del fabbricato.
Ulteriore richiesta è quella di sostituire le ruote fin' ora usate, costruite e gommate artigianalmente, con altre da commercio e quindi certificate per le portate.
Fatte le varie considerazioni, sulle quali sorvolo, ora ci troviamo a dover ridurre il carico sulle ruote.
La prima soluzione è la classica, aumentiamo l' interasse delle ruote, peccato che nel fabbricato ci stiamo appena ed una soluzione del genere è impraticabile.
Ora però ho fatto una considerazione a bocce ferme ( è Domenica e nessuno disturba )
Ho fatto questo schema dove ho indicato i carichi, le posizioni degli stessi e la posizione dell' aggancio alla cinghia di sollevamento.
Io sostengo che i carichi, e relativi momenti, vanno calcolati riferendosi al punto di appensione e sono contrastati, in questo caso, dalla sola ruota inferiore.
Questo per dire che non è tanto l' aumento della distanza tra le ruote che riduce il carico, ma l' aumento della distanza tra punto di appensione e ruota inferiore.
La ruota superiore, nella migliore delle condizioni possibili, dovrebbe essere montata allo stesso livello dell' attacco cinghia, ma un delta di un centinaio di millimetri dovrebbe essere ininfluente.
Studio culla elevatore.jpg
Allegherei il foglio excel dei conti ( chiamarli calcoli sembra brutto ) che genera questa tabella, ma non trovo più il bottone per farlo, dove diafolo ò finito ?
Tabella risultati.jpg
 

Allegati

Professione: Ingegnere Meccanico
Software: PTC Creo Parametric
Regione: Campania
#4
Ciao,
ma le ruote nel tuo caso sono vincoli bilaterali? (nel senso reagiscono come dei carrelli nei due versi dell'asse orizzontale?)..dal disegno non riesco a capire (e non sono del settore)..ad ogni modo se calcoli la reazione sulle ruote inferiori facendo l'equilibrio ai momenti nel centro quelle superiori (il sistema ad occhio mi sembra isostatico) ti ritroverai un certo carico orizzontale sulla ruota inferiore che dovrà essere equilibrato per forza di cose da un carico uguale e contrario su quella superiore visto che i restanti carichi sono tutti verticali (sempre se ho capito bene lo schema/progetto)...in tal caso se aumenti la distanza sulle ruote per forza di cose diminuirà la reazione orizzontale delle stesse..cioè da come hai strutturato il foglio dovrebbe esserci un carico di 1400 Kg anche sulle due ruote superiori..le ruote indipendentemente dal delta "vedono" sempre la stessa coppia...
 
Ultima modifica:

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna e Seguace Anonimo di Shiren :)
Software: Inventor 2018 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
#5
La ruota in alto tocca l' ala del profilo a dx, quella in basso a sx.
Secondo me, essendo il sistema appeso alla cinghia ( dove c'è il simbolo di spina ), i carichi generano un momento orario, contrastato dalle ruote inferiori.
Le ruote superiori mantengono la perpendicolarità della cinghia, evitandone lo sbandamento verso dx.
Se il punto di appensione fosse rigidamente fermo, le due ruote sotto equilibrerebbero i carichi e sarebbero sufficienti, o no ?
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#6
Non è che ci ho capito molto.
Io le culle le uso per portare a spasso i coils.
Credo che tu abbia un elevatore che sale e scende montato su colonna verticale con binario e ci hai delle ruote gommate al posto di usare le guide speciali con le loro ruote.
Forse le vuoi gommate per assorbire urti e vibrazioni....ma 90ShA son dure....per essere morbide 60ShA ma poi non tengono grossi carichi.
Certo che se i brracci son lunghi si hanno reazioni diverse. È tutto un calcolo di momenti. Se vuoi fare prima ti consiglio consiglio Ftool.
 
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: PTC Creo Parametric
Regione: Campania
#7
Le ruote superiori mantengono la perpendicolarità della cinghia, evitandone lo sbandamento verso dx.
Se il punto di appensione fosse rigidamente fermo, le due ruote sotto equilibrerebbero i carichi e sarebbero sufficienti, o no ?
Esatto è proprio quello il punto..secondo il mio modesto parere se nel sistema in oggetto è tutto fermo deve essere mantenuto l'equilibrio alla traslazione orizzontale (perchè si genera una forza di reazione orizzontale sulle ruote inferiori che contrasta il momento orario)..questa forza orizzontale o la "bilancia" la componente orizzontale della tensione della catena (che tende a sbandare come hai detto tu) oppure,se ci sono le ruote superiori che toccano sulla pista, la bilanciano queste ultime (un po come il discorso viti a ricircolo/guide lineari..non è che la vite a ricircolo è sottoposta a momento flettente,quest'ultimo se lo beccano i pattini..)
 
Ultima modifica:

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna e Seguace Anonimo di Shiren :)
Software: Inventor 2018 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
#8
Credo che tu abbia un elevatore che sale e scende montato su colonna verticale con binario e ci hai delle ruote gommate al posto di usare le guide speciali con le loro ruote.
Forse le vuoi gommate...
In questo tipo di macchine si usano sempre le ruote gommate per una questione di rumore ed è sempre più richiesto l' uso di ruote commerciali per via della certificazione data dal fornitore, come ho scritto precedentemente, le ruote costruite non danno affidabilità sulla vulcanizzazione del rivestimento.
 

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna e Seguace Anonimo di Shiren :)
Software: Inventor 2018 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
#9
Esatto è proprio quello il punto..secondo il mio parere .../QUOTE]

E' quello che vorrei capire, la forza che devo applicare per tenere in linea la cinghia.
Secondo me interviene anche la lunghezza della cinghia, la distanza tra tamburo di sollevamento ed aggancio sulla struttura mobile, ci sto lavorando, tra una telefonata e l'altra.
 

Focus

Moderatore
Staff Forum
Professione: Odio il sitema italiota e gli italioti di professione.
Software: Solid Edge
Regione: Toscana
#10
Dico la mia...Se la cinghia di sollevamento fosse in asse con il baricentro del carico, in teoria le ruote non dovrebbero contrastare niente, se sposto l'asse si genera un momento che viene contrastato dalle ruote.
A questo punto mi verrebbe da dire in uguale misura fra le superiori e le inferiori, non vedo come la cinghia, che è "flessibile", possa evitare che la parte superiore si sposti verso l'esterno.
 
Ultima modifica:
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: PTC Creo Parametric
Regione: Campania
#11
Dico la mia...Se la cinghia di sollevamento fosse in asse con il baricentro del carico, in teoria le ruote non dovrebbero contrastare niente, se sposto l'asse si genera un momento che viene contrastato dalle ruote.
A questo punto mi verrebbe da dire in uguale misura fra le superiori e le inferiori, non vedo come la cinghia, che è "flessibile", possa evitare che la parte superiore non si sposti verso l'esterno.
E' è esattamente quello che sostenevo nel primo post...le ruote sono caricate in eguale misura (in modulo) qualora tutte e quattro fossero a contatto con le rispettive piste.. se ci fossero le sole ruote inferiori d'altrocanto,il perno nel punto di appensione agisce come una cerniera (e quindi espica una reazione che si oppone a quella del carrello),ma essendo una cerniera "appesa" alla catena,quest'ultima si inclina di un certo angolo funzione del rapporto tra la reazione verticale ed orizzontale della cerniera (fino a che non si raggiunge una posizione di equilibrio) ...non so se sono stato chiaro ..magari farò uno schema più tardi..comunque in definitiva se tutte e quattro le ruote sono "vincoli" la catena esercita la sola forza verticale (come sostiene anche Focus se ho be capito) :giggle:
 

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna e Seguace Anonimo di Shiren :)
Software: Inventor 2018 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
#12
... in risposta al quale sento un po' di tutto.
Sono d'accordo con tutti voi, quello che volevo capire è se c'è una procedura corretta da applicare una volta per tutte.
Il contrasto delle ruote in egual misura mi convince poco, se non con l' appensione equidistante dalle due.
Avere l' appensione allineata alle ruote in alto o in basso mi da idea che non sia proprio la stessa cosa.
 

ale_.93

Utente Junior
Professione: Ingegnere meccanico - Systems layout engineer
Software: Solidworks-NX10-Autocad-Matlab-Excel-Simulink
Regione: Italia
#13
Ciao stefanobruno! Se devo essere sincero ci ho capito poco o nulla. Riusciresti a postare un altro paio di viste per capirci meglio?
 

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna e Seguace Anonimo di Shiren :)
Software: Inventor 2018 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
#14
Ciao stefanobruno! Se devo essere sincero ci ho capito poco o nulla. Riusciresti a postare un altro paio di viste per capirci meglio?
Telaio mobile completo.jpg
Abbiamo assodato che la coppia di ruote in alto è sollecitata in maniera uguale e contraria alla coppia in basso, non sono convinto ma mi hanno convinto.
Mi sa che rubo i Lego di mio figlio e mi faccio un modellino per essere più convinto.