• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

quanti in presa?

Professione: studente
Software: solid works, ansys
Regione: lombardia
#1
ciao
sto dimensionando un accoppiamento tra ingranaggi denti dritti
come faccio a sapere quanti denti sono in presa avendo solo moduli e numero di denti?
in soldoni come faccio a conoscere il rapporto di condotta trasversale
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#2
Cerca le formule. Ne abbiamo parlato tantissime volte e se guardi il sito KHK gear troverai i pdf con tutte le formule e le spiegazioni per gli ingranaggi.
Basta aver voglia di far andare il ditino sul mouse e cliccare su cerca.

Ti allego quanto ho segnato io nei miei appunti.
wp_ss_20171130_0001.png
 
Professione: studente
Software: solid works, ansys
Regione: lombardia
#3
Ti sembrerà assurdo ma questa è la stessa formula che ho sulle slide dell'università ma mai stata spiegata...
Io non so cosa sono d testa, db1 e l angolo An

Ho cercato con google mi è venuto fuori di tutto tranne questa,
 

volaff

Utente Senior
Professione: Studente
Software: Solidworks 2014,Ansys APDL
Regione: Campania
#4
Senza saper leggere e ne scrivere cosi direi:

testa: diametro di testa

db1: diametro di base ruota 1

An: angolo di pressione

La butto lì

Prova a dare una occhiata qui:

http://khkgears.net/
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#6
Senza saper leggere e ne scrivere cosi direi:

testa: diametro di testa

db1: diametro di base ruota 1

An: angolo di pressione

La butto lì

Prova a dare una occhiata qui:

http://khkgears.net/
Esatto. Si usano sempre le stesse lettere e sono definite dalle norme uni/iso ecc. Quindi sempre la stessa simbologia.
Pensa un po' te che io a suo tempo l'ho presa dalle norme FIAT che erano fatte del gran bene nonostante fossero la copia delle norme UNI di una quindicina di anni fa.
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#7
Visto che i manuali KHK gear dovrebbero far scuola per studenti e professionisti....riporto quanto indicato nel loro manuale gratuito di ingranaggi in merito al fattore di ricoprimento:
wp_ss_20171130_0003.png

Ripeto: Una volta non c'era internet e bisognava andare in biblioteca, in qualche azienda a chiedere ecc ed era uno sbattimento....adesso basta fare un cerca....non si dice di sapere le cose, però saperle cercare sí.
 
Professione: studente
Software: solid works, ansys
Regione: lombardia
#8
ripeto ho cercato con google ed ho trovato di tutto anche questa formula che ho pure sulle slide dell uni, ma una leggenda chiara non cera in nessuna di essa...sara' che saro' tonto, o vuoi per la fretta o per l ansia che dovevo rimediare ad un danno in poco tempo non ho trovato nessuna spiegazione sintetica e concisa(molto probilmente cera ma non lho vista) ed ho optato per il forum, nella speranza che qualche anima pia mi chiarisse in modo chiaro ma non pensavo che andasse cosi...va beh lasciamo perdere
grazie comunque, ho risolto lo stesso, tra l altro ho scoperto che sotto al z17 non si scende mai per via del rumore che si puo' generare e soprattutto per avere una continuita di moto (parlo in ambito industriale, dove i carichi sono piuttosto grandi, lo sapevo per il sottotaglio dei denti dell ingranaggio, in pratica nella creazione non pensavo valesse anche per l accoppiamento)...
ma mi chiedo ora come fanno i cambi delle macchine dove la maggiorparte se non tutte optano per un sistema epicicloidale...misteri...forse sara' che ci sono tre pignoni in presa...
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#9
Se cerchi bene sul forum, troverai diversi interventi miei in merito, con spiegazioni e formule.
A livello accademico insegnano che zminimo = 17. É una balla colossale.

Se non fai spostamento di profilo positivo hai il limite di 17 denti. Se fai un fattore di correzione verso x=+0,5 puoi arrivare tranquillamente a z=11.

Nelle ruote elicoidali, quindi non a denti dritti, si sfrutta molto X>0, angolo elica da 10 a 15 gradi per realizzare rapporti molto spinti e non rumorosi. Il ricoprimento totale é quello normale più quello dell'effetto dell'elica.

A livello industriale si costruiscono riduttori su misura con rapporto singolo stadio con riduzione di 7-9 volte, numeri di denti tra i 9 e gli 11 denti scavando negli alberi e con potenze installate da 500 a 1000kW con regimi di regolazione molto ampi, cioè da 500 a 2500rpm a potenza costante e macchine con inversioni di carico. Il tutto funziona se dimensionato correttamente.
Ti consiglio i tre volumi di Niemann per gli ingranaggi e per la progettazione....perché purtroppo i docenti insegnano cose basilari, generiche e che andavano bene 30 anni fa.
 
Professione: studente
Software: solid works, ansys
Regione: lombardia
#10
alt
spostarmi di x=+0,5 significa fare un interasse piu corto? o correggere sola dentatura senza toccare l interasse?

per quanto riguarda i riduttori industriali ...ti dico che ho dovuto montare un epicicloidale sull' applicazione che ho studiato ma ti ripeto mi lascia molto perplesso tutto quanto e non riesco a capire il come anche perche la menata che sotto i 17 denti non si deve andare per evitare urti e moti non continuativi me lha detta un ingegnere di azienda di ralle piuttosta grossa

quindi non sto capendo un accidenti

cerchero i libri di Niemann, il problema sara solo trovare il tempo
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#11
La menata, come dici tu, sta solo nei riduttori epicicloidali che vengono costruiti in serie e coprono range di potenze e coppie diverse usando gli stessi ingranaggi. Poi i 17 denti permettono di unire teoria e dimensione utile per avere dei satelliti di dimensioni normali. Se fai un satellite con 11 denti a pari modulo, ottieni una riduzione alta che non tiene la coppia a pari modulo. Rossi riduttori, nei loro epicicloidali nuovi hanno un satellite in più per portare più carico....guarda che ne sentirai tante di cose.

Una volta si diceva solo due satelliti nell'epicicloidale...son passati gli anni e son diventato tre....ora ne stanno usando 4. C'è chi dice che perde potenza, c'è chi dice che guadagna carico, tutti dicono una fila di cose a sentimento. La realtà é che 4 satelliti rettificati super fine non hanno perdere potenza e aumentano la coppia trasmissibile nonché la durata e si può usare un dente o due in meno. Chi non ha rivoluzionato gli epicicloidali dicono che non sono cose che funzionano....
Quindi vedi tu cosa vuoi vedere, credere e fare. Sicuramente é una giungla.

Lo spostamento di profilo lo puoi fare congiuntamente al cambio di interasse oppure no facendo sui due ingranaggi una correzione positiva e una negativa.
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#12
Se vuoi un valido strumento di calcolo e verifica per ingranaggi ti consiglio kisssoft. Si studiano davvero un sacco di cose anche fuori standard.
 
Professione: studente
Software: solid works, ansys
Regione: lombardia
#13
vero si possono prendere ingranaggi e modificarli...non ci avevo pensato...anche se per un neofita come me e' un po casino