• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Prodotto di design per alimenti: quali passi di processo hanno usato?

RiccDS

Utente Junior
Professione: Ingegnere
Software: CATIA, COMSOL, Autocad
Regione: Lazio
#1
Ciao ragazzi, volevo realizzare un oggetto con uguale tecnologia di piegamento e più o meno stessa finitura superficiale(lievemente gommoso) e materiale dell'immagine seguente. Io penso sia abbastanza indifferente se viene realizzato (pieghe comprese) per stampaggio ad iniezione o con pressa/taglio. Per la finitura superficiale non so se hanno usato un rivestimento o meno. Io speravo di trovare uno spray per rivestimento alimentare dal matte gommoso su un bulk in materiale rigido tipo HDPE, trattandosi almeno per ora di una prototipazione. Concordo che dalla foto non si capisce molto.

Voi come lo realizzereste?
 

Allegati

Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#2
Sembra una supercazzola....lamiera preverniciata da stampare o piegare. Alternativa lamiera nuda stampata o piegata e verniciatura epossidica o a immersione speciale.
 

RiccDS

Utente Junior
Professione: Ingegnere
Software: CATIA, COMSOL, Autocad
Regione: Lazio
#3
Si in effetti ho un po' troppo ricamato :tongue:
Due domande:
1-Possibile che abbiano usato una plastica stampata/piegata al posto della lamiera?
2-immersione "speciale"? cosa comporta?
 
Professione: Progettista
Software: Inventor 2010/2017,Pro/e WF5,SWX2014,SE st6
Regione: Umbria
#4
Ma dovrebbe essere un tagliere pieghevole?
Mi spiego meglio,questa cosa dovrebbe avere una forma apera e poi a seconda dell'esigenza dell'utente dovrebbe potersi ripiegare,oppure rimane sempre cosi "chiusa"?
 
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Inventor/Rhinoceros/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#5
Si può fare benissimo di plastica per stampaggio, se hai il pezzo lo capisci bene se è metallo o plastica.
Se non ce l'hai basta dare un occhiata alla scheda prodotto, il materiale deve essere indicato.
Attenzione a farlo gommato, se è per alimenti potrebbe essere una scelta poco adatta.
 

RiccDS

Utente Junior
Professione: Ingegnere
Software: CATIA, COMSOL, Autocad
Regione: Lazio
#6
Andrea, sicuramente è un tagliere pieghevole. Cioè quando devi tagliare è piatto, quando devi travasare il cibo si piega. E' in particolare la piegabilità che mi interessa.

Tecnomodel, si in effetti penso anch'io non sia gommato, considerato che è un tagliere poi, peggio mi sento. Mi pare che il manico sia gommato però. Sapete come può essere realizzata quella gommatura? maschera e verniciatura? nel caso avete mai visto bombolette per simili rivestimenti? non avendo una lira dobbiamo prototipare "in casa".
 
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Inventor/Rhinoceros/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#7
In produzione si potrebbe fare il manico sovrastampando il primo pezzo con un materiale gommoso, ovviamente il sovrastampaggio va fatto solo nella zona del manico.
Per far si che si possa piegare dovresti fare un "taglio" non passante in modo che rimanga un labbro di materiale che si possa piegare. Bisogna trovare l'equilibrio giusto nelle dimensioni e nella geometria per far si che si pieghi ma non si rompa dopo poco.
Sul prototipare in casa una cosa del genere la vedo dura.
Io mi rivolgerei a qualcuno che stampa in 3d, ci sono stampanti in grado di stampare anche materiali diversi e dovresti riuscire ad avere un buon prodotto.
Se fai un prototipo raffazzonato rischi che il cliente non valuti bene l'oggetto e non mandi avanti il progetto.
 

RiccDS

Utente Junior
Professione: Ingegnere
Software: CATIA, COMSOL, Autocad
Regione: Lazio
#8
No cioè abbiamo un piccolo fablab al quale rivolgerci per alcune lavorazioni, tipo taglio laser, stampa 3d, piccole lavorazioni da fresa non metalliche. Devo chiedere se per la stampa 3d possono usare anche materiali gommosi, però penso che se esistesse una qualche bomboletta del genere si potrebbe ottenere un risultato decentemente omogeneo per la realizzazione di un video di presentazione. Personalmente ho qualche dubbio che la stampa 3d possa far ottenere linee di piegatura che abbiano buon comportamento a piegamento, ma io non sono abbastanza esperto per esserne certo. Io vedrei meglio taglio laser per ottenere la base; poi ottenere le piegature con una pressa e un punch lineare che abbia il giusto spessore, forma e applicando la giusta forza. Dovrei riguardarmi un po' di teoria sui polimeri ma se non erro dovrebbe orientare le catene polimeriche in direzione trasversale al taglio e quindi renderlo più flessibile e più resistente. Ma è più che possibile che dico una scemenza, non conosco troppo queste tecnologie.

La sovrastampa dici con la stampate 3d?
 
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Inventor/Rhinoceros/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#9
Che cosa dovrebbe orientare le molecole?
Una volta stampato l'orientamento delle fibre è e rimane quello.
Se pieghi un pezzo di plastica con una pressa vai a rompere le catene del polimero nella zona di piega, crei un aspetto biancastro nella zona e perdi tutte le proprietà del materiale.
Dopo sarebbe impossibile addrizzare e ripiegare il pezzo come vorresti che fosse nel suo funzionamento finale.
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#10
Andrea, sicuramente è un tagliere pieghevole. Cioè quando devi tagliare è piatto, quando devi travasare il cibo si piega.
ma ROTFL! E' senza dubbio una cagata galattica, ma come tale venderà tantissimo... :smile:
 

RiccDS

Utente Junior
Professione: Ingegnere
Software: CATIA, COMSOL, Autocad
Regione: Lazio
#11
Tecnomodel attenzione che parlo di un termoplastico non reticolato, non di un termoindurente. Per quest'ultimo sono d'accordo con te. Per un termoplastico io mi ricordo dai libri di testo che il riorientamento delle catene si otteneva ad esempio sottoponendo un provino a trazione; da uno stato di entanglement si passa a uno stato di catene disposte longitudinalmente (parallelamente alla trazione), senza rotture, che a pelle direi facilitino la flessione. Inoltre se guardi nel grafico allegato vedi che si verifica una sorta di incrudimento all'aumentare della deformazione. Cioè fino a un certo punto guadagni in resistenza a trazione il che non è male. Andando a usare un punch(se così si chiama) opportunamente sagomato secondo me parte di questo effetto si può ottenere localmente. Non parlo di piegamento! Proprio l'altro giorno avevo in mano un contenitore con una linea di piegamento che penso sia stata realizzata in questo modo ed ha un comportamento molto resistente che non aspetteresti da una plastica. Se poi il polimero è in stato cristallino forse è ancora più pronunciato l'effetto.


marcof non realizzerò una cosa simile, ma in ogni caso basta che mi faccia guadagnare un minimo, del resto che ci importa:tongue:
 

Allegati

ninfh

Utente Standard
Professione: meccanico?
Software: inventor, autocad, keyshot, mani
Regione: Lombardia
#12
l'immagine postata e' abbastanza fuorviante sulla forma, non e' piatto

https://www.amazon.com/Joseph-NSG016SW-Chop2Pot-Foldable-8-75-inch/dp/B005D4VBK6

il manico resta sollevato dal piano d'appoggio, ci sono versioni in commercio molto piu' semplici, senza manico sovrastampato e realizzati da foglio piano....

se serve solo un prototipo dimostrativo, io prenderei un foglio di PE e farei gli scassi per le pieghe con un pantografo giocattolo (o un trincetto.... dipende dallo spessore)


per il processo di realizzazione in serie, dipende un po' dagli spessori, se si riesce a realizzare le "pieghe" direttamente in stampaggio ben venga, altrimenti e' necessaria una lavorazione di asportazione materiale in seguito, ma visto i prezzi probabilmente e' tutto di stampo
 

Meteor02

Utente Standard
Professione: Tecnico stampaggio plastica
Software: Solidworks 2016
Regione: Emilia romagna
#13

RiccDS

Utente Junior
Professione: Ingegnere
Software: CATIA, COMSOL, Autocad
Regione: Lazio
#14
Meteor per puro caso ho proprio uno di quei contenitori. Lo spessore nella zona dell'intaglio è di 0,5mm a fronte dei 2mm del materiale limitrofo.
Ho capito. Farò qualche prova con una lastra spessa 2mm in plexiglass che mi gira in casa da anni e usando un taglio laser per lavorare le pieghe(meglio del pantografo ve? al fablab regionale penso me lo fanno fare gratuitamente). Alternativamente, visto che secondo voi non serve pressare, come diceva Tecnomodel posso usare una stampante 3d per tutto il pezzo, dovrebbe farcela.

Cosa pensate sia meglio per quanto riguarda le pieghe? stampa 3d o intaglio laser?
 

Meteor02

Utente Standard
Professione: Tecnico stampaggio plastica
Software: Solidworks 2016
Regione: Emilia romagna
#15
Per ottenere un pezzo flessibile è necesario usare il giusto materiale. Il plaexiglas nn ha sufficenteelasticità puoi provare con una lastra di polipropilene copolimero ma con l'asportazione non puoi raggiungere il risultato di un particolare stampato, si vanno a tranciare le fibre facilitando la rottura. Sulla tsampa 3d dubito che la stratificazione possa reggere varie piegature.
 

RiccDS

Utente Junior
Professione: Ingegnere
Software: CATIA, COMSOL, Autocad
Regione: Lazio
#16
Si chiaro che lo userei più che altro per sbarazzarmi di quel plexiglass, esercitarmi con gli strumenti e magari individuare correzioni da fare sul design, almeno per ora. Viste un po' di caratteristiche meccaniche contavo di risolvere problemi di rottura dell'incavo semplicemente andando a fare un intaglio il doppio più largo in modo da ripartire le deformazioni e quindi ridurre gli sforzi.
D'accordo su stampa, la utilizzerei in produzione. D'accordo su stampa 3d, non mi ispira troppa fiducia per spessori così piccoli, chiederò al lab cosa ne pensano.
 

RiccDS

Utente Junior
Professione: Ingegnere
Software: CATIA, COMSOL, Autocad
Regione: Lazio
#17
Comunque niente, sarebbe tutto bello se trovassi una lastra in polipropilene dello spessore di 3-5mm. Ma non la trovo. Pare ne facciano solo piccoli spessori, tipo 1mm.
 

ninfh

Utente Standard
Professione: meccanico?
Software: inventor, autocad, keyshot, mani
Regione: Lombardia
#18
ma.... perche cerchi PP e non PE? (LDPE o HDPE), lo trovi senza problemi in millemila formati diversi, non e' la prima scelta per farci delle cerniere ma ci si fanno senza grossi problemi
 

RiccDS

Utente Junior
Professione: Ingegnere
Software: CATIA, COMSOL, Autocad
Regione: Lazio
#19
Si in effetti era la mia seconda scelta e missà dovrò adeguarmi. Ora non me ne intendo tanto ma l'impressione che ho avuto è che il PP abbia un aspetto e una consistenza più gradevoli. Pazienza, per ora prenderò un HDPE. Si vede che il PP lo vendono soprattutto in pellet per stampaggio a iniezione visto che buona parte dei contenitori con simili cerniere sono fatti in PP.
 

RiccDS

Utente Junior
Professione: Ingegnere
Software: CATIA, COMSOL, Autocad
Regione: Lazio
#20
Non me ne dice bene una, ho trovato una lastra in polipropilene da 2mm. Ho tentato un taglio laser da 30W ma è molto difficile da lavorare. In pratica il PP si squaglia troppo facilmente. Ma ci sono andato molto vicino, forse con un laser più potente riesco.

Ninfh, mi dicevi di usare un pantografo giocattolo. Mi puoi postare un link di esempio? non trovo giocattoli. Alcuni scassi devono essere abbastanza larghi per cui penso sia più adatto il pantografo del cutter.