Pressione deviatore

Gioan

Utente Junior
Professione: Progettazione
Software: SolidE
Regione: Lombardia
Buongiorno.
Chiedo cortesemente un parere su un argomento in cui sono lacunoso (sono progettista meccanico ma non in questo settore).
Ho un deviatore/distributore in alluminio certificato per lavorare con aria con pressione massima di esercizio di 12 bar.
Un cliente che vorrebbe utilizzare acqua anziche aria mi chiede il valore di PN, ho letto della documentazione e con PN=PFA (pressione di funzionamento ammissibile in bar) si intende la somma di vari contributi: pressione asse condotta, sovrapressioni di moto vario, contributo temperatura.... Ma non sapendo nulla dell'impianto completo (e quindi nulla di questi contributi) è corretto dire che il mio deviatore/distributore è PN10 (valore inferiore ai 12 bar dalla scala PN 6-10-16-20 ecc)?
Ringrazio anticipatamente per le vostre delucidazioni.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
non credo sia corretto PN10 perché normalmente tutti gli oggetti che resistono a pressioni nominali, hanno un valore di scoppio più alto. Quindi se é certificato per 12bar sicuro che a 16ci arriva e bisogna vedere a quanti bar realmente sopravvive. Tu dagli la scheda e lui si arrangia.
 

Gioan

Utente Junior
Professione: Progettazione
Software: SolidE
Regione: Lombardia
non credo sia corretto PN10 perché normalmente tutti gli oggetti che resistono a pressioni nominali, hanno un valore di scoppio più alto. Quindi se é certificato per 12bar sicuro che a 16ci arriva e bisogna vedere a quanti bar realmente sopravvive. Tu dagli la scheda e lui si arrangia.
Grazie per la risposta Meccanicamg, sapendo che resiste con aria a 12 bar, per sicurezza comunicherò il valore PN10.