Potrei avere un futuro lavorativo come utilizzatore CAD?

liukk

Utente registrato
Professione: In cerca di occupazione
Software: In fase di apprendimento
Regione: Piemonte
#1
Ciao a tutti!
Ho letto sul forum i racconti di ragazzi neodiplomati e neolaureati alla prima esperienza lavorativa, le ricerche di informazioni di chi invece vorrebbe imparare, gli utili e preziosi consigli di chi ha più esperienza, della motivazione necessaria, delle paghe di cui spesso ci si deve accontentare senza esserne pienamente soddisfatti. Vorrei approfittare dell'ottimo forum per esporre anche io la mia situazione e i miei dubbi, sperando di non essere troppo ripetitivo rispetto a discussioni precedenti.
Ho 29 anni (età di apprendistato, anche se solo ancora per pochi mesi), vivo in Piemonte, diploma di geometra e laurea triennale in ingegneria civile (non ho maturato esperienze lavorative in tali settori). Essendo alla ricerca di lavoro, quando mi rivolgo alle agenzie interinali, queste mi chiedono sempre se sarei in grado di fare il disegnatore CAD, il che mi può far intendere che ci sarebbero possibilità. Effettivamente, da una prima occhiata, anche i vari siti di offerte di lavoro riportano diversi annunci per disegnatori e progettisti cad. Se ancora non si fosse capito: il cad purtroppo non lo so usare, quindi sto valutando la possibilità di farmi la gavetta per imparare. Ho individuato un corso serale (250 ore) di quelli finanziati dalla Provincia, a cui suppongo dovrei come minimo affiancare un bel tirocinio.
Una prima perplessità, ingenua mi rendo conto, che mi viene in mente è la seguente. La gran parte degli annunci di lavoro che leggo per disegnatore cad riguardano l'ambito della meccanica o dell'industria. I miei titoli di studio invece riguardano il settore delle costruzioni, molto in crisi. Secondo Voi potrei essere comunque preso in considerazione nelle aziende che si occupano di progettazione meccanica? In ambito edile/costruzioni esiste la figura del disegnatore non progettista e ci sono reali opportunità?
Grazie per l'attenzione e il Vostro tempo!
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#2
Le aziende che progettano e installano impianti di meccanica, per esempio laminatoi, colate continue, linee di taglio lamiere, linee di processo come spianata, sgrassaggio, zincatura ecc. richiedono un progettista disegnatore delle opere civili che si occupa delle fondazioni in cemento. Quindi di pesi, dimensioni, cunicoli, corrugati, tiranti per ancorare le macchine, scale, botole ecc.
Certo che arrivare a 29 anni e non saper usare un CAD non è una bella partenza. Pensare di iniziare a lavorare con apprendistato è solo una minchiata di questi anni, perché da che esiste l'ingegnere è sempre stato assunto a tempo determinato con un contratto normale.
Ai nostri tempi, e non tanto addietro, chi voleva imparare un CAD o un programma se lo cercava, lo installa a e lo imparava a testa bassa di notte. Ora non capisco perché sti giovani son diventati tutti molluschi che non possono, non sanno, non vogliono.... Ecco perché poi vi fanno i contratti di apprendistato dove non vi pagano una mazza per 3 anni.
 
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#3
in effetti che una scuola che deve far uscire geometri, ma vale anche per ingegneri et similia, e che non da una formazione sugli strumenti che verranno usati è inquietante. il tempo del compasso e della squadra a 90° è tramontato da un bel pezzo.
un po' come se al muratore insegnassero solo la chimica del cemento e non ad usare la livella ed il piombino.
 

TAURUS77

Utente Standard
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: ...più vado avanti più li dimentico
Regione: Piemonte
#4
Avete perfettamente ragione ma la situazione è questa. Nelle università non c'è tempo per imparare un CAD o un fem e quando fanno i corsi sono fatti alla c...o di cane. Nella nuova e civile società di oggi paghi le tasse universitarie per studiare da autodidatta. Sono come voi uno della vecchia guardia ma potrei raccontarne di cotte e di crude ai limiti del grottesco e della comicità.
 
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#5
possiamo dire che ci sia una parte di colpa anche in chi il mestiere lo sta imparando?
che una persona in 6/8 anni (ci metto anche quelli di ITIS o similare) non abbia mai sentito nominare il termine cad e che non si sia mai chiesto a cosa serve, quanto serve, perché non lo insegnano?
che non si sia posto la domanda: ma una volta finiti 'sti anni di università di pratico cosa porto in saccoccia? cosa mi chiede chi offre lavoro?
cacchio, sono un mucchio di anni... uno non può vivere in una bolla a base di spritz, qualche canna e tesine.
 

TAURUS77

Utente Standard
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: ...più vado avanti più li dimentico
Regione: Piemonte
#6
possiamo dire che ci sia una parte di colpa anche in chi il mestiere lo sta imparando?
che una persona in 6/8 anni (ci metto anche quelli di ITIS o similare) non abbia mai sentito nominare il termine cad e che non si sia mai chiesto a cosa serve, quanto serve, perché non lo insegnano?
che non si sia posto la domanda: ma una volta finiti 'sti anni di università di pratico cosa porto in saccoccia? cosa mi chiede chi offre lavoro?
cacchio, sono un mucchio di anni... uno non può vivere in una bolla a base di spritz, qualche canna e tesine.
Invece si... vi è una gioventù che vive di canne, spritz e un non ho voglia di fare un c.... o.
 

liukk

Utente registrato
Professione: In cerca di occupazione
Software: In fase di apprendimento
Regione: Piemonte
#7
Grazie per le risposte!

Certo che arrivare a 29 anni e non saper usare un CAD non è una bella partenza.
Già, purtroppo i lavori che ho fatto negli anni scorsi non c'entravano nulla col CAD (e in generale col settore costruzioni, come ho detto).

Pensare di iniziare a lavorare con apprendistato è solo una minchiata di questi anni, perché da che esiste l'ingegnere è sempre stato assunto a tempo determinato con un contratto normale.
Ai nostri tempi, e non tanto addietro, chi voleva imparare un CAD o un programma se lo cercava, lo installa a e lo imparava a testa bassa di notte. Ora non capisco perché sti giovani son diventati tutti molluschi che non possono, non sanno, non vogliono.... Ecco perché poi vi fanno i contratti di apprendistato dove non vi pagano una mazza per 3 anni.
Okay, ma io non do per scontato di trovare lavoro come ingegnere iunior civile (purtroppo non è per nulla scontato). Quindi devo fare i conti con la realtà dove le aziende di qualsivoglia settore per qualsivoglia posizione preferiscono candidati in età di apprendistato (mollusco o non mollusco).

in effetti che una scuola che deve far uscire geometri, ma vale anche per ingegneri et similia, e che non da una formazione sugli strumenti che verranno usati è inquietante. il tempo del compasso e della squadra a 90° è tramontato da un bel pezzo.
un po' come se al muratore insegnassero solo la chimica del cemento e non ad usare la livella ed il piombino.
Avete perfettamente ragione ma la situazione è questa. Nelle università non c'è tempo per imparare un CAD o un fem e quando fanno i corsi sono fatti alla c...o di cane. Nella nuova e civile società di oggi paghi le tasse universitarie per studiare da autodidatta. Sono come voi uno della vecchia guardia ma potrei raccontarne di cotte e di crude ai limiti del grottesco e della comicità.
Sono d'accordo con voi, ma purtroppo è così. Per quanto riguarda la mia esperienza, alla scuola per geometri il professore di disegno era vecchia scuola e abbiamo esclusivamente disegnato a mano. Che fosse perché prossimo alla pensione e Autocad non lo sapesse usare nemmeno lui, non voglio pensarlo. E sicuramente c'è chi sosterrebbe ancora oggi che sia giusto iniziare con carta e matita e che il software si può imparare in qualsiasi momento (l'ho letto anche sul forum effettivamente). Io credo che la cosa migliore stia nel mezzo. Certo, i miei compagni e io avevamo tutti Autocad installato sul pc e ci giocavamo per conto nostro, però il nostro livello era ragionevolmente basso e chi poi ha proseguito per strade diverse, non avendolo usato regolarmente, ha dimenticato anche quel poco.
All'università invece proprio no, come dice TAURUS77 si fa proprio altro, almeno nel mio indirizzo e nell'Ateneo che ho frequentato (Civile, Politecnico di Torino). Discorso diverso è sicuramente per i corsi di Architettura e Ingegneria Edile, in cui vedevo gli studenti usare Autocad regolarmente.

Tuttavia, non sono qui per piangermi addosso. Credo che le lacune si possano sempre colmare. Ciò che vorrei valutare è se effettivamente questo possa aprire qualche porta in più.

Grazie ancora!
 

liukk

Utente registrato
Professione: In cerca di occupazione
Software: In fase di apprendimento
Regione: Piemonte
#8
possiamo dire che ci sia una parte di colpa anche in chi il mestiere lo sta imparando?
Certamente.

uno non può vivere in una bolla a base di spritz, qualche canna e tesine.
Invece si... vi è una gioventù che vive di canne, spritz e un non ho voglia di fare un c.... o.
sti giovani son diventati tutti molluschi che non possono, non sanno, non vogliono....
Rispetto l'esperienza di chi ha più anni di me e apprezzo i consigli preziosi. Mi permetto di dire che forse generalizzate un po'. Tuttavia riconosco tutte le mie colpe nel non essermi dato più da fare in questo senso.
C'è anche chi pur avendo seguito un certo percorso di studi poi fa altro e non necessariamente sia un fattone di canne, spriz, molle di carattere e con voglia di fare un cazzo. Ma vabbé, questi discorsi non li trovo costruttivi. Prendo atto e ringrazio.
 
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#9
Ciò che vorrei valutare è se effettivamente questo possa aprire qualche porta in più.
cioè saper usare un cad? se vuoi entrare nel mondo che ha a che far ecol disegno tecnico è indispensabile.
anche il design passa attraverso il cad e non vive solo con bozzettti fatti a mano che fa tanto Pininfarina.
però se tu che hai fatto il geometra o cerchi di entrare in ambienti dove questa figura è richiesta e allora magari che tu non sappia usare il cad potrebbe passare in secondo piano altrimenti, sperare di iniziare a fare il disegnatore meccanico senza saper usare un cad, saper leggere un disegno tecnico, saper nulla di lavorazioni meccaniche e tolleranze, rasenta il miracolo.

ovviamente quello dello spritz e delle canne è un'iperbole, ma il resto del discorso è valido. a magior ragione se un cad già ce l'avevate e non vi siete preoccupati di pensare che nel mondo del lavoro se quello che s'impara a scuola viene ridimensionato verso il basso perché giustamente non si è capaci di contestualizzarlo, col cad ci lavori e non puoi metterci mezz'ora per ruotare una linea quindi almeno le bsi devono essere solide. a scuola fai i disegni a mano e a casa li rifai col cad
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#10
Io son contento che quando ho fatto l'ITIS al terzo, quarto e quinto anno avevamo un professore di disegno vecchio stile, molto bravo e pignolo ma lui fece GBG ai tempi che fu. Ebbene quando c'è stato il momento di fare Autocad, ha avuto il coraggio di dirmi: non so un c.... o, non è che puoi darmi una mano facendomi delle dispense e dando una mano ai tuoi compagni e fare tu le lezioni di Autocad?
Io orgoglioso, che erano già 3/4 anni che Autocad lo usavo in 2d sia piano che con ucs per fare le isometriche, son stato ben contento di aver spiegato quello che sapevo ai miei colleghi e al mio prof.
Qualcuno deve spezzare la catena del "non faccio niente tanto c...o me ne frega".
Noi ci davamo da fare, prof o non prof.
 

liukk

Utente registrato
Professione: In cerca di occupazione
Software: In fase di apprendimento
Regione: Piemonte
#11
Allora, un momento. Non ho dato la colpa al mio professore delle superiori, anche se forse è quello che hai voluto leggere, perdonami. Ho solo detto che ci ha fatto disegnare a mano, in risposta al fatto che alla scuola per geometri non sempre insegnano a usare il software.
Anche noi fuori dalle lezioni, per conto nostro, cercavamo di imparare a usare Autocad. Ma mi sembra come minimo umile e onesto da parte mia sostenere che siano passati 10 anni e non mi sento di dire di saperlo usare (e non c'è solo Autocad). Ho riconosciuto le mie mancanze nello studio di questi programmi negli utlimi anni, ma non vuol dire essere necessariamente un caso da "non faccio niente tanto c...o me ne frega" come dici tu, semplicemente si può fare altro nella vita.
Ora mi sono trovato senza lavoro e sto semplicemente valutando se, con la giusta gavetta, può essere utile e conveniente intraprendere una certa nuova strada piuttosto che altre. Non penso di essere stato maleducato o presuntuoso: se è questo il messaggio che è passato tra le righe me ne dispiaccio e me ne scuso.
Onestamente speravo di trovare un dialogo per un futuro costruttivo, invece di questa ostilità. Non ho interesse e tempo per continuare la discussione sui giovani che non hanno voglia di fare nulla, e pare che oltre a quello non si riesca ad andare, per cui vi ringrazio comunque per il vostro tempo.
Ciao
 
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#12
al di la delle critiche ritorno sulle tue domande iniziali:
Secondo Voi potrei essere comunque preso in considerazione nelle aziende che si occupano di progettazione meccanica? In ambito edile/costruzioni esiste la figura del disegnatore non progettista e ci sono reali opportunità?
parti dal presupposto che chiunque ti assuma, per quante agevolazioni e sgravi possa avere, avrà un periodo che avrà nella tua figura una perdità economica che viene intesa come investimento. questa perdità sarà inversamente proprorzionale alla tua conoscenza della materia. va da se che se sei già formato sulle basi il tempo di formazione sarà relativamente breve e dopo 6 mesi l'azienda inizia ad avere un ritorno; se sei tabula rasa questo ritorno potrà avvenire fra un paio di anni. (tempistiche ipotetiche tanto per dare delle cifre).
detto questo a me pare ovvio che se non sai niente di meccanica risulta difficile che qualcuno possa aver intenzione di assumerti.
se hai delle basi di edilizia le possibilità sono ben maggiori; anche nell'edilizia come in qualsiasi altro campo servono manovali che producano o rendano producibile quello che i vari ingegeri, progettisti, architetti pensano. non crederai davvero che un architetto che progetta un grattacielo poi si faccia tutte le tavole da mandare in cantiere da solo? ovvaimente no, ecco allora che salta fuori il disegnatore che mette in bella gli studi dell'Escher di turno e che da agl'operai del cantiere delle tavole con tutte le informazioni per tirare su quei quattro muri sbilenchi
 

liukk

Utente registrato
Professione: In cerca di occupazione
Software: In fase di apprendimento
Regione: Piemonte
#13
al di la delle critiche ritorno sulle tue domande iniziali:

parti dal presupposto che chiunque ti assuma, per quante agevolazioni e sgravi possa avere, avrà un periodo che avrà nella tua figura una perdità economica che viene intesa come investimento. questa perdità sarà inversamente proprorzionale alla tua conoscenza della materia. va da se che se sei già formato sulle basi il tempo di formazione sarà relativamente breve e dopo 6 mesi l'azienda inizia ad avere un ritorno; se sei tabula rasa questo ritorno potrà avvenire fra un paio di anni. (tempistiche ipotetiche tanto per dare delle cifre).
detto questo a me pare ovvio che se non sai niente di meccanica risulta difficile che qualcuno possa aver intenzione di assumerti.
Grazie. Mi pare ragionevole. Naturalmente non potrei parlare di propormi come progettista meccanico. Volevo approfondire il discorso sulla mansione di disegnatore proprio perché mi rendo conto di non avere conoscenze di meccanica. Quindi anche il disegnatore ha bisogno di competenze meccaniche. E anche se queste potrebbero essere imparate durante una gavetta, risulta comunque difficile trovare chi mi assumerebbe in questo campo. Capisco.

se hai delle basi di edilizia le possibilità sono ben maggiori; anche nell'edilizia come in qualsiasi altro campo servono manovali che producano o rendano producibile quello che i vari ingegeri, progettisti, architetti pensano. non crederai davvero che un architetto che progetta un grattacielo poi si faccia tutte le tavole da mandare in cantiere da solo? ovvaimente no, ecco allora che salta fuori il disegnatore che mette in bella gli studi dell'Escher di turno e che da agl'operai del cantiere delle tavole con tutte le informazioni per tirare su quei quattro muri sbilenchi
Ciò che mi spaventa nell'edilizia è il consiglio di molti vecchi compagni di corso di cercare lavoro altrove, visto che anche loro fanno fatica ormai. Viceversa in ambito meccanico mi pare che l'offerta sia maggiore. Da qui nasceva il mio post iniziale.

Grazie mille
 
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#14
Quindi anche il disegnatore ha bisogno di competenze meccaniche.
ovviamente. il disegno non è solo un insieme di righe che chiunque sa fare.
come immagino un disegnatore di edilizia debba sapere che informazioni mettere nel disegno come il tipo di cemento da usare, quanti ferri mettere nel pilastro, così anche nel disegno meccanico bisogna sapere come e dove indicare le lavorazioni da fare a macchina, dove ci sono le saldature e di che tipo, le zone che necessitano di tolleranze. il progettista può decidere il tipo di materiale, i trattamenti termici ed altre cose inderogabili, ma poi la stesura produttiva la fa il disegnatore che deve avere determinate conoscenze.
nel forum trovi decine di disegni e assemblaggi; mettiti alla prova: se già quotato decifra le informazioni che sono inserite, se si tratta di un assemblaggio cerca di capire quali e come sono fatti i particolari
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#15
Infatti ti ho detto che puoi proporti alle azje de meccaniche che mettono impianti su fondazioni ed ecco che lì puoi far uscire le competenze del cemento armato che sono in te, pur essendo nel settore meccanico.
 

gianni55

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: CATIA V5
Regione: Piemonte
#16
Imparare un CAD mediante un corso finanziato dalla provincia, può offrirti qualche possibilità in più, rispetto alla tua situazione attuale con minima esperienza in un settore già in crisi...
Dopo aver imparato i rudimenti, ti dovrai applicare cercando di riprodurre in 3D e in 2D ciò che ti è congeniale per i tuoi studi e infine ampliare con 3D e 2D derivati da ambito meccanico/industriale, solo a quel punto puoi tentare di metterti sul mercato confrontandoti però con ragazzi più giovani che rispetto a te sono favoriti (per via dei contratti, perché smanettano da più tempo, perché hanno formazioni più appropriate ecc.).
A quel punto per riuscire ad entrare devi metterti in gioco magari dando tanta disponibilità per finire in qualche ufficio che chiede interinali anche con poca esperienza per via di sedi scomode o turni pesanti... Se la tua formazione e l’impegno tenace riescono a produrre frutti che vengono apprezzati, lavorerai un pochino e acquisirai esperienza, altrimenti il sistema ti riporterà al punto di partenza.
Voglia di studiare e lavorare, curiosità e tenacia (oltre a capacità e predisposizione), uniti a spirito di sacrificio, generano grandi cammini e questo vale per diventare caddista, pizzaiolo o panettiere.
Se pensi possa essere una strada che ti piace, percorrila, altrimenti cerca qualcosa a te più congeniale.
Ciao
 

shirokko

Utente Junior
Professione: Progettista cad-cam
Software: CimatronIT, Cimatron 13, Rhinoceros 5, Solidworks 2019, SolidCAM 2018
Regione: Marche
#17
Onestamente trovo che parlare di "operatore CAD" in genere sia più filosofia che tecnica. Nel senso che si parla di una gamma di applicazioni talmente vasta che facilmente ci si può perdere. Io personalmente ci ho provato tanto tempo fa per conto mio proponendomi a degli studi di progettazione per mettere in bella le loro commesse, ma nonostante tutta la buona volontà fu un buco nell'acqua. Poi ho avuto la fortuna che nell'azienda di stampi in cui lavoravo, con olio e trucioli fino al collo, mi hanno scelto per avviare la produzione con macchine CNC attraverso progettazione CAD/CAM, e lì ho trovato la mia strada.
Se posso esprimere un parere, proporsi ad uno studio per fare il caddista è come proporsi in una officina per fare il martellatore: non ha senso. Procedendo al rovescio trova piuttosto un obiettivo, inquadra l'azienda o la tipologia di prodotto su cui puoi lavorare e cerca di capire con quale strumento CAD puoi essere appetibile nel settore, poi impara quello. Oltre ai corsi sovvenzionati esistono anche i distributori di software con i quali vale la pena di fare due chiacchiere per esplorare le possibilità di formazione che offrono.
Non ti spaventare se per quello che vedi non hai delle basi apprezzabili: può essere che ti troverai a modellare superfici complesse, e per per quello occorrono occhio e pazienza, più che una laurea.
In bocca al lupo!
 

TAURUS77

Utente Standard
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: ...più vado avanti più li dimentico
Regione: Piemonte
#18
Certamente.




Rispetto l'esperienza di chi ha più anni di me e apprezzo i consigli preziosi. Mi permetto di dire che forse generalizzate un po'. Tuttavia riconosco tutte le mie colpe nel non essermi dato più da fare in questo senso.
C'è anche chi pur avendo seguito un certo percorso di studi poi fa altro e non necessariamente sia un fattone di canne, spriz, molle di carattere e con voglia di fare un cazzo. Ma vabbé, questi discorsi non li trovo costruttivi. Prendo atto e ringrazio.
Certamente.




Rispetto l'esperienza di chi ha più anni di me e apprezzo i consigli preziosi. Mi permetto di dire che forse generalizzate un po'. Tuttavia riconosco tutte le mie colpe nel non essermi dato più da fare in questo senso.
C'è anche chi pur avendo seguito un certo percorso di studi poi fa altro e non necessariamente sia un fattone di canne, spriz, molle di carattere e con voglia di fare un cazzo. Ma vabbé, questi discorsi non li trovo costruttivi. Prendo atto e ringrazio.
In ogni caso penso che questa discussioni è intesa in generale come senso del discorso e non ha nulla di personale. In molte occasioni mi sono trovato a confrontarmi con le nuove generazioni di studenti univeritari e le situazioni che mi sono trovato davanti sono le più variopinte ma tutte legate da un filo conduttore molti si iscrivono all'università per prova e non hanno motivazioni e stimoli che li portano ad appassionarsi alla disciplina. Molti di questi ragazzi sentono dire che ingegneria offre più sbocchi lavorativi e si inscrivono pensando di avere risolto i loro problemi....poi quando mi capita di tirare fuori un argomento per vedere come interagiscono annegano in un bicchiere d'acqua. Per quanto riguarda la tua voglia di fare e di metterti in gioco apprezzo molto questo atteggiamento...l'unico consiglio che mi sento di darti è quello di acquisire quelle nozioni meccaniche che ti mancano magari sfruttando delle buone dispense in ambito di disegno tecnico, lavorazioni meccaniche etc etc...ma come diceva qualcuno nella discussione è una goccia nell'oceano. I corsi di di cui parli possono contribuire a allargare le tue conoscenze ma secondo me l'ideale sarebbe trovare una azienda che ti permetta di fare un po di gavetta....ma la vedo dura perchè trovare questa disponibilità è come un sei al superenalotto e spesso non sei retribuito.
 

liukk

Utente registrato
Professione: In cerca di occupazione
Software: In fase di apprendimento
Regione: Piemonte
#19
Capisco il senso del discorso. Non è una professione che si impara da un giorno all'altro o con un corso. Forse con un corso si può imparare a usare lo strumento CAD, ma evidentemente non basta. Infatti ciò che mi spaventa meno è proprio imparare il software: non che credo sia facile, anzi tutt'altro, ma ci sono corsi e libri quindi con la buona volontà magari si può fare. Mentre ciò che più mi preoccupa è la mancanza di conoscenze meccaniche e che questa mancanza possa escludermi dalla possibilità di trovare un impiego.
Secondo voi non è possibile che ciò che serve sapere si possa imparare direttamente lavorando?
Per quanto riguarda il discorso della laurea, io non credo che possa sostituire anni di esperienza lavorativa, ma questo non solo nel vostro settore, in qualunque. Non è che chi ha la laurea automaticamente sa tutto ed è più bravo di tutti, anzi a dimostrazione di ciò si può dire che sia spesso vero il contrario. Per quella che è stata la mia esperienza, gli studi in ingegneria mi sono serviti a sviluppare un certo modo di ragionare, una sorta di educazione. Questo mi è utile nella vita a prescindere dal lavoro. Poi che vada a fare il l'operaio, il muratore, il pizzaiolo o il disegnatore CAD, tocca imparare come tutti gli altri.