Piano di sezione nel asse di simmetria

Akram_2002

Utente poco attivo
Professione: Martino federico
Software: Autocad
Regione: Mantova
Salve a tutti, sono al secondo anno di ingegneria meccanica. Mancano tre giorni alla verifica ed il mio professore mi ha dato da fare una sezione. Il piano di sezione deve essere posizionato nel asse di simmetria del disegno. L’ho fatto però non so se è giusto. Qualcuno mi può dare una mano. Grazie e buona serata image.jpgimage.jpg
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Cosa dovremmo fare noi? Le quote cerchiate giacciono sull'asse di simmetria....mi pare che chiunque capisca dove sta il piano di simmetria.... cioè che divide due parti simmetriche.
Ci posti il risultato? Sicuramente ci sarà un errore da correggere ....
 
Ultima modifica:

MassiVonWeizen

Utente Senior
Professione: disegnatore
Software: solidworks 2019
Regione: Friuli Venezia Giulia
A) perché postare due volte lo stesso pos
B) perché postarlo entrambe le volte senza la tua soluzione.
 

Akram_2002

Utente poco attivo
Professione: Martino federico
Software: Autocad
Regione: Mantova
Cosa dovremmo fare noi? Le quote cerchiate giacciono sull'asse di simmetria....mi pare che chiunque capisca dove sta il piano di simmetria.... cioè che divide due parti simmetriche.
Ci posti il risultato? Sicuramente ci sarà un errore da correggere ....
 

Akram_2002

Utente poco attivo
Professione: Martino federico
Software: Autocad
Regione: Mantova
Spiego meglio. Devo disegnare quella figura sezionata. Il piano di sezione si trova nel asse di simmetria. Vorrei confrontare il mio disegno con qualcun altro se possibile
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Oh...ora ho capito dove sta il tuo problema. Infatti la sezione è fatta nel posto giusto ma manca di linee di chiusura geometria che esistono, e manca della lavorazione interna al foro. Inoltre a opera finita c'è da fare la campitura.
Mancano le linee tratto punto con i terminali grossi e frecce con relativa indicazione di sezione.
 
Ultima modifica:

antonio_sc

Utente Junior
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: PTC Creo Parametric
Regione: Campania
Aggiungi anche gli assi di simmetria dei fori,vanno sempre riportati:giggle: ;)
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Tieni presente che il pezzo è una unica fusione e non è un composto elettrosaldato.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Anche senza cad?
IMG_20181209_142458.jpg
 

Akram_2002

Utente poco attivo
Professione: Martino federico
Software: Autocad
Regione: Mantova
Grazie mille, più chiaro di così. Mi hai tolto un dubbio che mi perseguitava nel sonno. Grazie a tutti senza di voi avrei preso un insufficienza
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
Akram_2002, permettimi alcune considerazioni.

Tu, tra poco più di un anno, sarai probabilmente un ingegnere meccanico. Alla fine di questo thread ringrazi per averti evitato "un'insufficienza" a una "verifica" (ma non si fanno più gli esami all'università?).

Tutto qui? Non è che per caso hai capito di non saper fare una sezione di quelle che un quindicenne dell'ITIS del secolo scorso faceva con le mani dietro la schiena? Credi che un ingegnere meccanico possa lavorare senza saper fare una sezione (e di conseguenza senza saper neppur leggere un disegno che la contenga)? Ti preoccupa solo il passare la "verifica"?

Imparare a fare quella sezione, studiando su un testo delle superiori, è lavoro di un paio di giorni, quelli che tu non hai dedicato a questo argomento.

Perché? Pensi siano cose inutili, oppure non ti appassionano?

Non prendere questo post come un'accusa. Le domande che ti ho posto non sono retoriche, mi piacerebbe davvero avere una risposta per capire meglio le nuove leve della nostra capacità progettuale italiana.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Per quello che ho n potuto vedere in questi anni, sono meno i veri appassionati che da piccoli trafficando con i ferri di papà e che poi fanno perito meccanico e che poi vogliono fare ingegneria meccanica e progettare la meccanica industriale.
Tanti fanno il liceo scientifico e alcuni il classico...un po' per sbaglio o perché non hanno ancora sviluppato una inclinazione o perché i genitori non sono stati in grado di dargliela. Poi vanno in università e di progettare non ne vogliono sapere, fanno corsi che sono teorici e poco utili al territorio. Oppure hanno ambizioni alte come andare in Ferrari, Brembo, ecc e dopo 6 mesi di ritirano o iniziano a perdere gli anni e poi magari si riprendono se va bene.
Arrivano in azienda e magari vogliono progettare col cad...non hanno mai visto o sanno cosa sia interferenza, albero base, un ingrassatore, un distanziale .... Eppure ti parlano che per fare una verifica su un asse, dobbiamo semplificare, schematizzare, applicare le forze e i vincoli....i vincoli? Cerniera e carrello.....sempre?e poi scriviamo le equazioni....blablabla von Mises....il materiale che usiamo ....ehmmm quale? Tecnologia non la si fa più? Boh
 

IronMike87

Utente standard
Professione: Ufficio Tecnologie
Software: Solidworks 2019
Regione: Lombardia
Da ex studente del Polimi, anche se non più freschissimo (iniziai la laurea triennale nel 2006) posso dire che, col senno del poi, l'esame di disegno è stato uno dei più poveri che abbia sostenuto.
Non tanto per la qualità dell'insegnamento, quanto per il posizionamento (2° semestre del I anno) e per la dissociazione dalle altre materie.
Ti parlano di rugosità ma ancora non hai mai visto una macchina utensile, men che meno una di controllo (CMM per dire), e non hai ancora fatto "Tecnologia meccanica", forse forse hai fatto "Misure" (corso che ricordo tra i peggiori per qualità dell'insegnamento), "Costruzioni di Macchine" e "Meccanica Razionale/Applicata" men che meno. Ti parlano di assemblaggi, ma te se non hai fatto perito molto probabilmente non sai realmente di che si parla, etc...
Non c'è mai stato un pezzo fisico da vedere, studiare, cercare di disegnare. Sempre e solo teoria. Che poi magari non è neanche ben finalizzata perché si attiene ad un testo che magari non recepisce tutte le ultime normative.
Di buono ci fu che ai tempi mi insegnarono bene i rudimenti dei software 3D.

Ora da quel che ho capito la parte di uso dei CAD 3D è stata potenziata (almeno al Polimi), ma temo che sul resto sia rimasto uguale.
Un esame "soft" nel primo anno, quando invece servirebbe fare sì un'introduzione, e poi rivedere le parti importanti più in là (opinione personale)


C'è da dire che ormai tra tanti OEM sembra che il 2D venga ritenuto un peso.
Ho perso il conto delle RFQ che mi son arrivate per la realizzazione di componenti con il solo file 3D.

Chiedi il 2D per le tolleranze (roba da niente) e ti senti rispondere che non è disponibile se non tra n-mesi a ridosso del lancio della produzione del primo lotto prototipale, ma intanto devi fare l'offerta ... tanto, mica si può discostare di tanto una volta ricevuto il disegno, no? :cautious: