Passione o stipendio?

Angela89

Utente registrato
Professione: Ufficio tecnico
Software: Inventor,autocad
Regione: Liguria
#1
Buongiorno a tutti,
mi sono gia presentata,spero nella sessione adatta. Ho 29 anni e da circa 2 lavoro in un azienda che produce stampanti 3d e relativa componentistica. Non mi trovo tanto bene e sinceramente vorrei cambiare area per vari motivi,primo tra tutti la scarsa possibilità di crescita professionale e la scarsa possibilità di fare carriera. Mi si sono presentate due possibilità.

*Azienda che progetta e produce compressori a vite e a pistoni. La mansione è di impiegato tecnico,ma entrerei per occuparmi principalmente dell'aspetto di gestione dei prodotti (PLM,distinte base, gestione della documentazione,gestione delle modifiche per non conformità,gestione scorte a magazzino)..quindi un ruolo gestionale. Lo stipendio è di 37000 euro.L'azienda è di circa 200 persone.
*Azienda che si occupa di progettazione/costruzione di apparecchi speciali di sollevamento (oleodinamica principalmente). Mi occuperei dapprima di progettazione in prospettiva arrivare al ruolo di Project Manager.Da quello che ho capito per "Project Manager" intendono gestione della commessa e progettazione elettromeccanica della stessa,in pratica tratti sia aspetti gestionali che tecnici. Sinceramente il ruolo mi piace molto di più ma lo stipendio è inferiore (circa 25000 euro).L'azienda è piccola ed a conduzione familiare (circa 30 persone).

Premesso che,partirei comunque da 0 perchè non ho esperienza specifica in entrambi i settori e la cosa mi preoccupa un po ma mi interessano entrambi dal punto di vista di "prodotto". Sono ancora piu preoccupata dal fatto che non conosco molto il tipo di lavoro che svolgerei nel primo caso,ma mi sa un po di "riempicarte". E non vorrei fosse un ruolo statico,in cui nasci e muori li,senza possibilità di migliorare. Nel secondo caso invece forse sacrificherei un po il presente per il futuro,ma sono solo opinioni. Non conosco molte aziende,solo la mia si può dire.

Voi cosa ne dite? E' da pazzi rinunciare ad un offerta più allettante economicamente per un altra che appassiona maggiormente? Secondo voi è cosi "povero tecnicamente" il primo tipo di impiego da giustificare una rinuncia sotto tali condizioni contrattuali?

Ho parlato con ex amici universitari e per la stragrande mi hanno detto che la passione non paga,specie in Italia...ma non vorrei iniziare polemiche..

Un sentito grazie a quanti mi risponderanno ^_^
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#2
Scusa ma i 25.000 e i 37.000 a cosa corrisponderebbero come 13 mensilita' nette?
 

Stan9411

Utente Junior
Professione: Studente
Software: PTC Creo parametric, Matlab
Regione: Lombardia
#3
Se vai nell’azienda che ti dà tanto, ma effettivamente il lavoro non ti piace, dopo due mesi ti licenzi e di aver firmato un ricco contratto te ne fai poco. È sempre la solita questione della coperta corta. Io andrei nell’azienda dove si fa ciò che mi piace. Aspetterei di essere entrato bene nei meccanismi ed essere diventato produttivo e, se mi sembra il caso, in funzione dei vantaggi che porto all’azienda, chiederei l’aumento. A maggior ragione che è una realtà piccola e di solito ci si può accordare più facilmente, specialmente se dimostri di essere una risorsa che a loro serve
 
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#4
io rimango sempre allibito quando leggo cifre come 37000€, ma anche 25000 non sono pochi, date ad una persona che non ha nessuna conoscenza per il ruolo in cui viene assunta.

fai una lista di pro e contro e poi fai un confronto fra gli aspetti salienti dei due lavori dando un livello di importanza ad ognuno; fatto questo hai un quadro generale che può essere chiarificatore enel caso che non lo fosse ti ha permesso di fare una disamina ragionata e non solo emotiva della situazione.
quanto conta il denaro? quanto prendi adesso e come arrivi alla fine del mese?
quanto conta il tempo che impiegherai al lavoro comprese il viaggio di andata e ritorno?
se farai il project manager hai capacità manageriali? hai il carattere per importi in una discussione coi superiori? sai motivare le persone?
e via dicendo....
inoltre se hai dubbi sulla tue mansioni chiama le ditte e fattele spiegare bene, magari proponiti per fare una giornata di visita affiancata per vedere effettivamente quali processi andrai a gestire
 

Angela89

Utente registrato
Professione: Ufficio tecnico
Software: Inventor,autocad
Regione: Liguria
#5
Scusa ma i 25.000 e i 37.000 a cosa corrisponderebbero come 13 mensilita' nette?
Circa 1450 per la prima e 2000 per la seconda

io rimango sempre allibito quando leggo cifre come 37000€, ma anche 25000 non sono pochi, date ad una persona che non ha nessuna conoscenza per il ruolo in cui viene assunta.
Ho fatto anche presente la cosa,per evitare di creare false aspettative. Ma mi hanno detto che poco gli interessava il lato tecnico specifico perché avrei avuto comunque modo di imparare e per loro conta molto di più l'aspetto soft skill e comportamentale,che è in linea con le loro esigenze. Per curiosità,in che ambito lavori? Automotive-packaging? Almeno qui in zona nel settore Oil & Gas,biomasse,turboamcchine etc.. questi sono gli stipendi.Almeno confrontandomi con ex compagni di università.

se farai il project manager hai capacità manageriali?
Ho fatto presente anche questo. Ma mi hanno spiegato che da loro i project manager sono dei capi commessa,a quanto ho capito ovvero la intendono in questo modo: non il classico progettista che si chiude in UT ma si interfaccia anche con fornitori,visite ai clienti e gestisce il suo lavoro in autonomia programmando e rispettando le tempistiche,senza direttive soffocanti. Pero ci arriverei comunque dopo molto tempo,quello è un punto di arrivo.
 

Angela89

Utente registrato
Professione: Ufficio tecnico
Software: Inventor,autocad
Regione: Liguria
#6
Se vai nell’azienda che ti dà tanto, ma effettivamente il lavoro non ti piace, dopo due mesi ti licenzi e di aver firmato un ricco contratto te ne fai poco. È sempre la solita questione della coperta corta. Io andrei nell’azienda dove si fa ciò che mi piace. Aspetterei di essere entrato bene nei meccanismi ed essere diventato produttivo e, se mi sembra il caso, in funzione dei vantaggi che porto all’azienda, chiederei l’aumento. A maggior ragione che è una realtà piccola e di solito ci si può accordare più facilmente, specialmente se dimostri di essere una risorsa che a loro serve
Condivido in pieno,il problema è che c'è chi lavora da 5-6 anni in UT e in termini di esperienza vale molto piu di me che prende meno di me e non ha avuto sensibili aumenti,pur seguendo la passione. Invece chi se ne è fregato ed ha pensato solo ai soldi sembra sia andato meglio. Per questo mi sono posta qualche domanda. Ma probabilmente la normalità sta diventando l'anormalità,cosa volete che vi dica. Ovviamente queste sono solo le impressioni,non esiste una regola precisa. Pero in linea di massima sono d'accordo,alla lunga la passione premia. Almeno fai qualcosa che ti piace fare ed è come se non lavorassi!
 
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#7
Scegliere passione o soldi è esclusivamente una scelta personale che segue il proprio carattere, ed entrambe sono corrette. Che tu sia d'accordo con Stan hai già la risposta alla tua domanda iniziale
 
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#8
Giusto per soddisfare la tua, legittima, curiosità io sono un disegnatore tecnico da 15 anni in ambito prevalentemente siderurgico, ma ho fatto anche meccanica di precisione e sviluppo produttivo. Più 7anni come tornitore, il mio titolo scolastico.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#9
Condivido in pieno,il problema è che c'è chi lavora da 5-6 anni in UT e in termini di esperienza vale molto piu di me che prende meno di me e non ha avuto sensibili aumenti,pur seguendo la passione. Invece chi se ne è fregato ed ha pensato solo ai soldi sembra sia andato meglio. Per questo mi sono posta qualche domanda. Ma probabilmente la normalità sta diventando l'anormalità,cosa volete che vi dica. Ovviamente queste sono solo le impressioni,non esiste una regola precisa. Pero in linea di massima sono d'accordo,alla lunga la passione premia. Almeno fai qualcosa che ti piace fare ed è come se non lavorassi!
Come diceva @MassiVonWeizen dovremmo capire come assecondare il nostro carattere. Tutte le scelte possono essere soddisfacenti, concordemente agli obiettivi che abbiamo. Chi ha l'obiettivo di avere la villa e il SUV scegliera' la carriera commerciale/finanziaria, chi trova soddisfazione nel creare qualcosa da zero e farlo funzionare scegliera' la carriera tecnica. Dobbiamo solo sperare che la scelta che facciamo oggi non si riveli penalizzante quando fra venti anni guarderemo al mondo con altri occhi.

Per quanto riguarda lo stipendo, 1450 per un'ing con due anni d'esperienza penso sia nella media, anche se magari parametrato al costo della vita del nord Italia potrebbe non essere granche'. E' presumibile che nel futuro ruolo di project manager guadagnerai sensibilmente di piu'.

Una cosa su cui invece dovresti riflettere e' che il ruolo di project manager e' molto stressante perche' fondamentalmente non esistono date e orari, se non la data di collaudo dell'impianto. Questo potrebbe essere un problema quando magari in futuro avrai dei bimbi.
 

Stan9411

Utente Junior
Professione: Studente
Software: PTC Creo parametric, Matlab
Regione: Lombardia
#10
Ho letto adesso le cifre al netto ... 2000€ al mese puliti per un neo-assunto senza esperienza!! e viste le dimensioni dell’azienda scommetto che c’e anche la mensa compresa. E visto la mansione ci scappa pure il telefono aziendale.

*Aspetta che finisco di rosicare*

Al netto delle inclinazioni personali (io non passerei una carriera a riempire tabelle neanche se mi minacciassero con una pistola) ricordo sempre che si lavora per vivere e non si vive per lavorare ....... trai le tue conclusioni
 

Angela89

Utente registrato
Professione: Ufficio tecnico
Software: Inventor,autocad
Regione: Liguria
#11
Ho letto adesso le cifre al netto ... 2000€ al mese puliti per un neo-assunto senza esperienza!! e viste le dimensioni dell’azienda scommetto che c’e anche la mensa compresa. E visto la mansione ci scappa pure il telefono aziendale.
Hai colto nel segno. Ma sinceramente credo sia più anormale ,in un azienda serie del settore metalmeccanico,pagare un neoassunto come una badante od una barista che questo (lo so perchè ho fatto anche quello). Anzi..dovrebbe essere cosi ovunque. Purtroppo ti ripeto,in questo bel paese la normalità è diventata anormalità. Per di più i ruoli molto tecnici sono stra-sottopagati. Dove sono ora mi occupo di R&D ma era meglio fare il dottorato all'università. Come netto orario prendevo molto di più :una cosa sono 15000 euro ed è richiesto di 'lavorare' 3 ore al giorno,una cosa è prenderne 20000 scarsi e lavorare 10 ore in media,esclusi i sabato mattina regalati. Ti dico,sinceramente,con tutta la passione del mondo,se prendessi uno stipendio da fame,inferiore a quello che percepisco,preferirei lavorare in un negozio di cosmetici nel viale sotto casa e godermi la serata senza troppi problemi "del giorno dopo in UT". E se si è arrivati a questo è anche colpa di molte persone che svendono questa professione e fanno la gara al ribasso.
 
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#12
gli stipendi sono definiti dal contratto nazionale in base alla figura professionale ed al livello che si ricopre. mica che si prende quanto gli garba al titolare che se ti assume con la luna buona prendi 2500€ e fai gli orari che vuoi e ti offre un viaggio premi a trimestre, ma se lo trovi che si è alzato male ti da 800€, devi lavorare 12 ore al giorno, sei cronometrato e prima di uscire gli devi dire anche grazie badrone.

ma poi perché stai a piangere il morto? dai tuoi discorsi hai già deciso cosa fare e prendi cifre affatto male anche nel caso peggiore
per di più i ruoli molto tecnici sono stra-sottopagati
scusa, ma quanti anni sono che lavori per dire una cosa del genere? quanti ambienti lavorativi tecnici hai vissuto? cosa significa per te ruolo molto tecnico?
mi sembra che stai facendo il passo più lungo della gamba...
 

paulpaul

Utente Standard
Professione: Macchinista
Software: Solid Edge, Autocad, Matlab
Regione: Parma
#13
Condivido in pieno, il problema è che c'è chi lavora da 5-6 anni in UT e in termini di esperienza vale molto più di me che prende meno di me e non ha avuto sensibili aumenti, pur seguendo la passione. Invece chi se ne è fregato ed ha pensato solo ai soldi sembra sia andato meglio.
Da quanto ho potuto vedere in una quindicina d'anni d'esperienza, molto dipende dal settore: nel campo del packaging e filling il ruolo del tecnico mi sembra un po’ defilato. Al contrario, nel campo dell'energia ed oil & gas (turbine, compressori. motori, ecc.), riveste un ruolo decisamente più centrale, ed anche le figure gestionali e commerciali, pur non progettando, non possono assolutamente prescindere dall’occuparsi di aspetti tecnici, anche in modo molto approfondito.

Una piccola nota: per me la parte PLM e gestione diba è un ruolo assolutamente tecnico e non gestionale. Dipende da cosa intendiamo per ruolo “tecnico”, a questo punto 😉
 

Stan9411

Utente Junior
Professione: Studente
Software: PTC Creo parametric, Matlab
Regione: Lombardia
#14
BC0BF207-1AFE-4B51-9B61-7A160931FA5D.png

@MassiVonWeizen trovami un lavoratore che svolge “attività manuali per le quali non è richiesta alcuna competenza”, che prende COME MINIMO 1310 € al mese e vado a lavorare al posto suo.
1300€ li prende di media un disegnatore/progettista di componenti , dopo essersi fatto un annetto (se non di più) di apprendistato a 500€ al mese..
 

Angela89

Utente registrato
Professione: Ufficio tecnico
Software: Inventor,autocad
Regione: Liguria
#15
gli stipendi sono definiti dal contratto nazionale in base alla figura professionale ed al livello che si ricopre. mica che si prende quanto gli garba al titolare che se ti assume con la luna buona prendi 2500€ e fai gli orari che vuoi e ti offre un viaggio premi a trimestre, ma se lo trovi che si è alzato male ti da 800€, devi lavorare 12 ore al giorno, sei cronometrato e prima di uscire gli devi dire anche grazie badrone.
Hai ragione mi correggo,il problema è che siamo un popolo di schiavi che accetta tutto, basta che si sta bene nel proprio orticello,mentre in Francia ad esempio per 5 centesimi in più sulla benzina hanno scatenato un putiferio. Cambia il contenuto del messaggio ma la realtà non cambierà mai purtroppo.

scusa, ma quanti anni sono che lavori per dire una cosa del genere? quanti ambienti lavorativi tecnici hai vissuto? cosa significa per te ruolo molto tecnico?
mi sembra che stai facendo il passo più lungo della gamba...
Non c'è bisogno di stare 50 anni a lavorare per capire che si è sottopagati,basta guardare le statistiche, i ricercatori italiani che emigrano,le discussioni sui Forum, i notiziari notturni,le risposte di quelli che mi dicono che 35 mila euro per un laureato neoassunto è troppo e non mi interessa andare avanti...ma ti assicuro che potrei. Fatto sta che è una mia opinione,ognuno ha la sua,non un assioma universale (
tant è che ,come hai detto tu,ho ottime proposte) ed essendo un opinione non è diversa da quella secondo cui 30000 euro o 35000 sono troppi per un neoassunto.

Una piccola nota: per me la parte PLM e gestione diba è un ruolo assolutamente tecnico e non gestionale. Dipende da cosa intendiamo per ruolo “tecnico”, a questo punto 😉
Non sono molto esperta in materia.Come tecnico intendevo che c'è poco dal punto di vista calcolistico immagino,nella mia azienda c'erano figure simili ma erano quasi degli amminsitrativi, riempivano tabelle (come ha detto Stan)e fogli excel dalla mattina alla sera con codici ed anagrafiche.Ogni tanto curavano la stesura di qualche manuale ma raramente e non ci vedo molto di stimolante in questo,ma c'è senz'altro a chi piace ed è un lavoro di tutto rispetto come tutti gli altri...pero sono curiosa a questo punto di sapere queste figure,nella tua azienda o altre di cosa si occupano nello specifico. Puo darsi che dipenda molto dall'industria in cui si opera. :)

Comunque vi ringrazio per aver condiviso i vostri pareri e vi auguro una buona serata ^_^
 
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#16
lo sai vero che sono importi lordi?
una prima categoria che prende 1300€ porterà a casa circa 1000€.
 

Stan9411

Utente Junior
Professione: Studente
Software: PTC Creo parametric, Matlab
Regione: Lombardia
#17
Ah cazzo , allora adesso sì che c’e da essere felici !! Fammi dare un’altra occhiata: Quinto livello, 1792€ .... al netto saranno 1300... vuol dire che la legge autorizza il datore di lavoro a pagare 1300 € un dipendente che, e cito testuale, ha le seguenti caratteristiche: “Alla quinta categoria appartengono i lavoratori che compiono, con maggiore autonomia esecutiva e con l’apporto di particolare e personale competenza operazioni su apparati o attrezzature complessi, che presuppongono la conoscenza della tecnologia specifica del lavoro e del funzionamento degli apparati stessi e che guidano e controllano con apporto di adeguata competenza tecnico-pratica un gruppo di altri lavoratori, esercitando un certo potere di iniziativa per la condotta ed i risultati delle lavorazioni”.
.....
Adesso sì che mi sento tutelato dal CCNL
 
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#18
il discorso della Francia è un tantino più complesso dei 5 centesimi che viene riportato dai giornali e comunque, come tutte, le rivoluzioni se a lungo andare può portare vantaggi (non tutte le rivoluzioni somo vincenti) all'inizio colpisce sempre i più deboli.
Non c'è bisogno di stare 50 anni a lavorare per capire che si è sottopagat
è quale sarebbe secondo te il prezzo onesto per una persona neoassunta che non ha esperienza in quel determinatoo lavoro? sono curioso... senza polemica e solo per l'amore della discussione

Quinto livello, 1792€ .... al netto saranno 1300.
veramente sono di più, non molto ma mi aggirerei sui 1450.
se invece quei 1300 fossero netti andresti davvero a lavorare in fonderia a spalare terriccio di fusione o in un reparto di saldatura a molare cordoni tutto il giorno?

chiariamo che io non sto dicendo che gli stipendi siano giusti, ne meritocratici. può sembrare, ma assicuro che non è così. sto dicendo che gli stipendi minimi, sono gestiti dal contratto nazionale.
certamente se si alzasse il livello generale di 3/400€ netti si starebbe tutti meglio, l'economia girerebbe allegramente e via dicendo.... o forse basterebbe non avere una tassazione esagerata.
 

paulpaul

Utente Standard
Professione: Macchinista
Software: Solid Edge, Autocad, Matlab
Regione: Parma
#19
pero sono curiosa a questo punto di sapere queste figure, nella tua azienda o altre di cosa si occupano nello specifico.
Le diba sono uno degli output fondamentali dell'UT (derivanti da calcoli, disegni, specifiche tecniche, ecc.), e non potrei pensare ad una loro gestione al di fuori di UT: deve essere UT a dire cosa va montato sulla macchina, rispettando al tempo stesso i vincoli di costo ed i tempi di consegna. Se necessario, altri reparti (acquisti e produzione principalmente) segnaleranno criticità specifiche di determinati codici (tempi di consegna eccessivi ad esempio) ed eventualmente proporranno alternative, che comunque dovranno essere sempre approvate da UT.