Parere montaggio cuscinetti 7208BE

New Rider

Utente Standard
Professione: Impiegato Tecnico
Software: SWorks17s.p05 / Sworks18s.p03 / DSight / SEdge2019/AutoCadLt./ProgeCAD
Regione: Veneto
#1
Salve a tutti,

ognuno giustamente ha i propri punti di vista e considerazione sull'installazione dei cuscinetti.
Vi allego due immagini di una mia applicazione su cui devo installare 2 cuscinetti 7208 obliqui a sfere.
L' applicazione non compie nessun giro sui 360° ma oscilla tra 0°/180°.
Quale delle due installazioni è più corretta?
Io proporrei l'immagine 1 mentre alcuni avrebbero consigliato la 2. La 2 mi sembra un'pò troppo vincolata la cosa però voglio sapere altre vostre opinioni.
Vi ringrazio.
 

Allegati

  • 133.7 KB Visualizzazioni: 103
  • 35.1 KB Visualizzazioni: 107

New Rider

Utente Standard
Professione: Impiegato Tecnico
Software: SWorks17s.p05 / Sworks18s.p03 / DSight / SEdge2019/AutoCadLt./ProgeCAD
Regione: Veneto
#4
Questa è la mia versione. Il mio responsabile vuole mettere la 2....
 

Allegati

  • 24.7 KB Visualizzazioni: 63
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#5
sbaglio o la differenza sta tutta nel distanziale che prende sull'anello interno dei cuscinetti?
 

stevie

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Solidedge, Cosmos
Regione: Lombardia
#6
La 1 , nella 2 nemmeno hai bloccaggio assiale del gruppo albero-cuscinetti. Per come è disegnato potrebbe "traslare" il tutto verso destra con sfregamento della flangia albero sulla parte fissa.
 

New Rider

Utente Standard
Professione: Impiegato Tecnico
Software: SWorks17s.p05 / Sworks18s.p03 / DSight / SEdge2019/AutoCadLt./ProgeCAD
Regione: Veneto
#7
sbaglio o la differenza sta tutta nel distanziale che prende sull'anello interno dei cuscinetti?
La 1 , nella 2 nemmeno hai bloccaggio assiale del gruppo albero-cuscinetti. Per come è disegnato potrebbe "traslare" il tutto verso destra con sfregamento della flangia albero sulla parte fissa.
La differenza tra versione 2 e la 3 (tralasciamo la versione 1 ) è:
Ver.2
Cuscinetto di SX bloccato sia sull'anello interno che esterno da ambo i lati mediante spallamenti sul lato sx e da 2 distanziali lato dx
Cuscinetto di DX bloccato sia sull'anello interno che esterno da ambo i lati da 2 distanziali sul lato sx e da una ghiera e coperchio (non rappresentato) sul lato dx
Ver.3
Cuscinetto di Sx bloccato anello interno sul lato sx da spallamento albero e anello esterno sul lato dx dallo spallamento corpo
Cuscinetto di dx bloccato anello esterno sul lato sx da spallamento corpo e anello interno lato dx da ghiera

...
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Technical manager - Mechanical engineer 🔩📐
Software: SolidWorks, FreeCAD, Nanocad, Me10, Excel
Regione: Lombardia
#8
La versione uno non ha una regolazione sensibile al precario assiale ed è la versione che piace a chi non sa usare i cuscinetti.
La versione due, invece ha l'anello esterno che comanda, mentre l'anello interno va rettificato fintanto che si crea la precarica voluta assiale....che si può dedurre da alcune tabelle skf oppure chiedendo al servizio ingegneria. Con il modo due non si creano giochi....mentre con la uno, dopo un po' dondola.
 
Ultima modifica:

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#9
La versione uno non ha una regolazione sensibile al precario assiale ed è la versione che piace a chi non sa usare i cuscinetti.
La versione due, invece ha l'anello esterno che comanda, mentre l'anello interno va rettificato fintanto che si crea la precarica voluta assiale....che si può dedurre da alcune tabelle skf oppure chiedendo al servizio ingegneria. Con il modo due non si creano giochi....mentre con la uno, dopo un po' dondola.
Premetto che di cuscinetti ne so pochissimo, però mi piace imparare.....
Se ho ben capito, quello che tu chiami anello esterno è il distanziale che "lavora" sugli anelli esterni dei cuscinetti?
Se è così, stabilita la misura di quest'ultimo si andrà a rettificare quello che "lavora" sugli anelli interni dei cuscinetti fino ad ottenere il precarico voluto, giusto?

Se hai sottomano un immagine un pò più chiara te ne sarei grato.
 

New Rider

Utente Standard
Professione: Impiegato Tecnico
Software: SWorks17s.p05 / Sworks18s.p03 / DSight / SEdge2019/AutoCadLt./ProgeCAD
Regione: Veneto
#10
La versione uno non ha una regolazione sensibile al precario assiale ed è la versione che piace a chi non sa usare i cuscinetti.
La versione due, invece ha l'anello esterno che comanda, mentre l'anello interno va rettificato fintanto che si crea la precarica voluta assiale....che si può dedurre da alcune tabelle skf oppure chiedendo al servizio ingegneria. Con il modo due non si creano giochi....mentre con la uno, dopo un po' dondola.
Quindi anche il modo 3 è errato?
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Technical manager - Mechanical engineer 🔩📐
Software: SolidWorks, FreeCAD, Nanocad, Me10, Excel
Regione: Lombardia
#12
Il distanziale che fa pacco sugli anelli esterni lo si fa a zero.
L'anello che fa pacco agli anelli interni lo si fa a +0,2mm e poi si vede quanto togliere fintanto che si ottiene il gioco o la precarica a pacco (dipende cosa si vuole) e si tira la ghiera.
Io 10 anni fa ho fatto la cazzata del tipo uno.... perché ho rimontato una testa di una rullatrice per perni che zigrinava il tratto centrale di un perno da 16mm ....con 22kW e dopo mezz'ora mi son trovato l'albero che ballava 5 mm....quindi... soprattutto con vibrazioni è doveroso rendere rigido il pacco cuscinetti e dare solo il gioco che serve.
 

New Rider

Utente Standard
Professione: Impiegato Tecnico
Software: SWorks17s.p05 / Sworks18s.p03 / DSight / SEdge2019/AutoCadLt./ProgeCAD
Regione: Veneto
#14
nella soluzione 2 il mozzo esterno è libero di traslare verso sinistra
Non trasla verso sinistra perché manca in coperchietto ( non c’è perche devo finire la progettazione)
Il distanziale che fa pacco sugli anelli esterni lo si fa a zero.
L'anello che fa pacco agli anelli interni lo si fa a +0,2mm e poi si vede quanto togliere fintanto che si ottiene il gioco o la precarica a pacco (dipende cosa si vuole) e si tira la ghiera.
Io 10 anni fa ho fatto la cazzata del tipo uno.... perché ho rimontato una testa di una rullatrice per perni che zigrinava il tratto centrale di un perno da 16mm ....con 22kW e dopo mezz'ora mi son trovato l'albero che ballava 5 mm....quindi... soprattutto con vibrazioni è doveroso rendere rigido il pacco cuscinetti e dare solo il gioco che serve.
E la stessa cosa che ha detto il mio superiore lo si fa +0,2 e poi giù di rettifica. Se vuoi il pacco lo fa a +0,0 altrimenti -0,.. in base alla precarica assiale.
Sta di fatto che io avevi preso spunto da installazioni tipiche che si trovano in rete e sui manuali Schaeffler (allego foto esempio)
 

Allegati

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#15
La soluzione 2 è errata: anche considerando un blocco assiale che impedisca la traslazione, la soluzione di utilizzare distanziali calibrati per stabilire il precarico comporta, per quanto precisa si faccia la rettifica, la forte dipendenza dai gradienti di temperatura tra albero e supporto. I distanziali per stabilire il precarico sono una soluzione valida solo quando i cuscinetti sono a contatto, o quasi.

La soluzione 1 è universalmente adottata, e l'unica condizione che comporta la formazione di gioco, è il caso in gui la ghiera dovesse allentarsi, ma allora ci troviamo in una condizione di guasto.

Il mio consiglio è quello di adottare la soluzione 1 e di aggiungere una adeguata molla a tazza tra ghiera e cuscinetto, per compensare le dilatazioni termiche mantenendo pressoché invariato il precarico sui corpi volventi. E' sottinteso che la ghiera deve essere dotata di validi (e comunissimi) sistemi di bloccaggio antisvitamento (tra l'altro ben visibili nel disegno in #14).
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Technical manager - Mechanical engineer 🔩📐
Software: SolidWorks, FreeCAD, Nanocad, Me10, Excel
Regione: Lombardia
#16
Non trasla verso sinistra perché manca in coperchietto ( non c’è perche devo finire la progettazione)

E la stessa cosa che ha detto il mio superiore lo si fa +0,2 e poi giù di rettifica. Se vuoi il pacco lo fa a +0,0 altrimenti -0,.. in base alla precarica assiale.
Sta di fatto che io avevi preso spunto da installazioni tipiche che si trovano in rete e sui manuali Schaeffler (allego foto esempio)
Quello lo fai sugli alberi lunghi e lo lasci dondolare assialmente. Tanto varrebbe usare due radiali normali.
 
Professione: project leader
Software: Kubotek
Regione: Lazio
#17
MvW intendi che tutto l'albero potrebbe traslare verso destra, visto che il mozzo esterno mi sembra imbullonato con la sua flangia su una parte fissa? In ogni caso il senso della tua affermazione non cambia e probabilmente hai ragione. Io non lo avevo notato, avendo prestato attenzione solo alla regolazione delle posizioni reciproche degli anelli interni ed esterni dei cuscinetti. Una soluzione potrebbe essere la 3 ma con un distanziale tra gli anelli interni da rettificare in testa fino ad ottenere il giusto precarico.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Technical manager - Mechanical engineer 🔩📐
Software: SolidWorks, FreeCAD, Nanocad, Me10, Excel
Regione: Lombardia
#18
Se si devono iniziare a montare molle a tazza inizia a diventare più complicata la faccenda e anche skf consiglia l'uso moderato delle stesse.
Molte volte si usano i cuscinetti obliqui per fare prima a montare il pacco ma non è detto che serva realmente. È un po'una filosofia.
 

New Rider

Utente Standard
Professione: Impiegato Tecnico
Software: SWorks17s.p05 / Sworks18s.p03 / DSight / SEdge2019/AutoCadLt./ProgeCAD
Regione: Veneto
#20
Ad ogni modo nel mod.1 se aggiungi
La soluzione 2 è errata: anche considerando un blocco assiale che impedisca la traslazione, la soluzione di utilizzare distanziali calibrati per stabilire il precarico comporta, per quanto precisa si faccia la rettifica, la forte dipendenza dai gradienti di temperatura tra albero e supporto. I distanziali per stabilire il precarico sono una soluzione valida solo quando i cuscinetti sono a contatto, o quasi.

La soluzione 1 è universalmente adottata, e l'unica condizione che comporta la formazione di gioco, è il caso in gui la ghiera dovesse allentarsi, ma allora ci troviamo in una condizione di guasto.

Il mio consiglio è quello di adottare la soluzione 1 e di aggiungere una adeguata molla a tazza tra ghiera e cuscinetto, per compensare le dilatazioni termiche mantenendo pressoché invariato il precarico sui corpi volventi. E' sottinteso che la ghiera deve essere dotata di validi (e comunissimi) sistemi di bloccaggio antisvitamento (tra l'altro ben visibili nel disegno in #14).
Tralasciando le dilatazioni termiche che ora non mi riguardano io avevo inserito una bussola tra i due cuscinetti sull anello interno in modo tale che andando ad agire sulla ghiera
L operatore trovava un riscontro ed evitava di continuare a tirare la ghiera creando precarichi dannosi. Io ero propenso al modo 1 con anello interno (domani allego disegno)