OT? Assegnare micro-compiti a colleghi e seguirne l'avanzamento: come fare? cosa usare? voi come fate?

reggio

Utente Senior
Professione: ...
Software: autocad11+swx16 sp4 w7 x64+Ready2W2016
Regione: Emilia - Modena
Ciao a tutti, buona domenica e buona quarantena ...
Spero di non aver sbagliato gruppo o violato qualche regola del forum, ho scritto quì perchè mi pare il luogo dove trovo virtual-colleghi con pensieri e problematiche più simili alle mie.

Nel nostro lavorare quotidiano, ci troviamo a dover gestire macro compiti (commesse) abbastanza definiti (90%) e suddivisibili tra i colleghi, ma oltre a questo, quotidianamente ci troviamo a dover gestire micro-problemi come:
- Il tornitore è in ritardo e blocca avanzamento montaggio
- Il riduttore è sbagliato da rimandare indietro e sostituire
- il cliente ha cambiato idea sul colore carpenteria
- Lamiere sbagliate da rifare
- Zincaturificio pronto solo metà del materiale
- Fattura sbagliata
- ...
insomma tutti micro problemi la cui descrizione dettagliata richiede molto tempo, più tempo di quello che serve per risolvere, però al contempo sono tutte informazioni che debbono essere gestite da 2 o più colleghi (tecnico/produzione/montaggio o tecnico amministrazione o commerciale/tecnico/amministrazione/produzione o ...) perchè ogni problema/cambiamento impatta su più reparti, che debbono essere messi al corrente per potersi regolare di conseguenza ...

Nel tempo abbiamo visto che, le macro info, quelle generali di commessa, possono essere gestite dal gestionale fin quando il progetto resta sui binari e non ci sono intoppi, ma per tutto il resto, nè il pdm, nè un gantt o altro ci ha mai potuto aiutare e ci dobbiamo accontentare di bigliettini, email, memoria e singola buona volontà ... il chè è quasi sempre, quasi sufficiente :cautious:

VOI affrontate problemi simili?
Voi come fate per assegnare compiti e seguirne le evoluzioni (fatto/non fatto/rimandato/...)?
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Il segreto è fare tutto subito e non demandare, altrimenti il lavoro duplica perché devi pure controllare quello che ha fatto l'altro....che l'ha pure sbagliato.
Uno, massimo 2 persone devono gestire tutto in modo trasversale di cui uno deve essere tecnico, commerciale, acquisti, potere decisionale, interfaccia tecnica e l'atro eventualmente un esecutivo diretto....meglio se esperto.
 

reggio

Utente Senior
Professione: ...
Software: autocad11+swx16 sp4 w7 x64+Ready2W2016
Regione: Emilia - Modena
Il segreto è fare tutto subito e non demandare, altrimenti il lavoro duplica perché devi pure controllare quello che ha fatto l'altro....che l'ha pure sbagliato.
Uno, massimo 2 persone devono gestire tutto in modo trasversale di cui uno deve essere tecnico, commerciale, acquisti, potere decisionale, interfaccia tecnica e l'atro eventualmente un esecutivo diretto....meglio se esperto.
Ciao, lo sò che se riesci a fare tutto bene, tutto da solo e tutto subito è meglio, ma, io non riesco, non ho le condizioni, per questo cerco un sistema o un software, un suggerimento ;)
 

stevie

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Solidedge, Cosmos
Regione: Lombardia
Beh con un software (o foglio di calcolo) che sviluppi un diagramma GANTT dovresti riuscire a gestire il tutto, eventualmente inserendo anche delle note di lavoro.
Il tutto poi dipende da quanto dettagliato lo si fa.
 

reggio

Utente Senior
Professione: ...
Software: autocad11+swx16 sp4 w7 x64+Ready2W2016
Regione: Emilia - Modena
Beh con un software (o foglio di calcolo) che sviluppi un diagramma GANTT dovresti riuscire a gestire il tutto, eventualmente inserendo anche delle note di lavoro.
Il tutto poi dipende da quanto dettagliato lo si fa.
Ciao :)
hai un software che hai usato/testato che puoi suggerire?
Noi, oltre allo scambio email (che non è performante, ma è dispersivo, almeno come lo facciamo noi ora) avevamo provato anche con tabelle excel, uno degli ostacoli NON superati è la condivisione contemporanea del file (sola lettura): hai un metodo sicuro, che permette la scrittura da più utenti da suggerire?

Grazie e a presto!
 

bip

Utente Junior
Professione: faccio funzionare le cose
Software: un grosso martello
Regione: un po' tutto il mondo
Con Office365 puoi lavorare in più di una persona sullo stesso file contemporaneamente
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Membro dello Staff
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore

reggio

Utente Senior
Professione: ...
Software: autocad11+swx16 sp4 w7 x64+Ready2W2016
Regione: Emilia - Modena
Oppure con google doc che e' anche gratis
"AGGRATIS" Ora sì che si inizia a ragionare! :)
In passato avevo brevissimissimamente guardo e snobbato: non mi piace l'idea del cloud e del mandare in giro per server i miei dati/disegni, ma in questo caso, forse meglio farsi passare la schizzinosità.

Qualche tabella di esempio o suggerimento che volete condividere? ;)
 

Allegati

Fulvio Romano

Utente Senior
Professione: Ingegnere
Software: Alcuni, ma non tutti
Regione: Campania
Non lavorerei sul controllo delle attività, ma sul generare processi che impediscano il formarsi di questo tipo di problemi.
Tutto sta nella struttura organizzativa dell'azienda. Se i ruoli verticali ed orizzontali sono ben definiti queste cose accadono raramente.
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
Non lavorerei sul controllo delle attività, ma sul generare processi che impediscano il formarsi di questo tipo di problemi.
Tutto sta nella struttura organizzativa dell'azienda. Se i ruoli verticali ed orizzontali sono ben definiti queste cose accadono raramente.
Il tuo spunto è interessante, ma come puoi controllare le variabili esterne?
Reggio fa alcuni esempi che, credo, capitano più o meno a tutti noi.
Un fornitore che sbaglia un pezzo, sbaglia una spedizione ecc.
Come controlli tutto ciò con procedure interne?
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Il tuo spunto è interessante, ma come puoi controllare le variabili esterne?
Reggio fa alcuni esempi che, credo, capitano più o meno a tutti noi.
Un fornitore che sbaglia un pezzo, sbaglia una spedizione ecc.
Come controlli tutto ciò con procedure interne?
Un esempio banale è il seguente:
- oggi ordino un riduttore che mi dovrebbe arrivare tra 7 settimane
- arriva il riduttore, bolla=contenuto
- metto a magazzino
- dopo un mese monto la macchina col riduttore, con una certa urgenza
- scopro che il riduttore è sbagliato
- ufficio tecnico, ufficio acquisti .... verifiche interne
- chiamo il fornitore e concordo il ritiro per farmi dare quello giusto
- non ce l'hanno a magazzino, quindi aprono il reso e modificano....una settimana
- spediscono
- arriva....monto

Questo è un esempio del corri corri.
Se invece ci fosse un reparto di controllo e verifica di quello che arriva, con la distinta di produzione, si faceva il reso subito e non dopo un mese.

Se queste cose succedono tutti i giorni si è in affanno.

Se capita una volta ogni 6 mesi.... può succedere e fa l'eccezione.

Bisogna puntare sulla qualità per evitare di buttare i soldi.

Non serve il Gantt ma serve la gestione della qualità, la serie di attività di controllo e verifica, le procedure, le standardizzazioni.
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
Un esempio banale è il seguente:
- oggi ordino un riduttore che mi dovrebbe arrivare tra 7 settimane
- arriva il riduttore, bolla=contenuto
- metto a magazzino
- dopo un mese monto la macchina col riduttore, con una certa urgenza
- scopro che il riduttore è sbagliato
- ufficio tecnico, ufficio acquisti .... verifiche interne
- chiamo il fornitore e concordo il ritiro per farmi dare quello giusto
- non ce l'hanno a magazzino, quindi aprono il reso e modificano....una settimana
- spediscono
- arriva....monto

Questo è un esempio del corri corri.
Se invece ci fosse un reparto di controllo e verifica di quello che arriva, con la distinta di produzione, si faceva il reso subito e non dopo un mese.

Se queste cose succedono tutti i giorni si è in affanno.

Se capita una volta ogni 6 mesi.... può succedere e fa l'eccezione.

Bisogna puntare sulla qualità per evitare di buttare i soldi.

Non serve il Gantt ma serve la gestione della qualità, la serie di attività di controllo e verifica, le procedure, le standardizzazioni.
Questo è vero se si pianificano gli acquisti in anticipo e si fa magazzino.
Il discorso cambia in una piccola azienda che fa gli orsini a seconda di quello che deve produrre, quindi spesso come il materiale arriva va subito in montaggio.
Sono pienamente d'accordo sulla gestione della qualità, anche se, purtroppo, spesso è un aspetto non considerato, soprattutto nelle piccole aziende.
Ogni volta che si evidenzia la necessità di un sistema di controllo si rinvia il problema "alla prossima volta perchè ora non c'è tempo".
 

reggio

Utente Senior
Professione: ...
Software: autocad11+swx16 sp4 w7 x64+Ready2W2016
Regione: Emilia - Modena
Un esempio banale è il seguente:
- oggi ordino un riduttore che mi dovrebbe arrivare tra 7 settimane
- arriva il riduttore, bolla=contenuto
- metto a magazzino
- dopo un mese monto la macchina col riduttore, con una certa urgenza
...
Ciao, felice e invidioso della tua realtà, la mia generalmente è questa:

- oggi ordino un riduttore che mi dovrebbe arrivare tra 7 settimane (ma mi servirebbe tra 3)
- arriva il riduttore, bolla=contenuto
- dopo un secondo monto la macchina col riduttore, con una certa urgenza
- scopro che il riduttore è sbagliato
INIZIO ZONA DA GESTIRE
- ufficio tecnico, ufficio acquisti .... verifiche interne
- chiamo il fornitore e concordo il ritiro per farmi dare quello giusto
- non ce l'hanno a magazzino, quindi aprono il reso e modificano... una settimana (beh è andata bene, ma a noi non accade mai, più facile "è speciale, infatti ci volevano 7 settimane, ... risentiamoci...")
(nel frattempo proseguo con il montaggio, salta fuori una lamiera piegata al contrario: era stata controllata all'arrivo, ma tra dx e sx è stata controllata l'altra... falla rifare x quasi subito .. accidenti, ora però è da far verniciare Ral5555/vattelaappesca/bucciato e strifinato sul rosmarino -> implora il verniciatore ...)
...
- spediscono (ma è più facile che andiamo a prendere per risparmiare 13 minuti)
- arriva....monto in tremendo ritardo...

D'accordo la qualità, d'accordo se lo prevedi prima, se lo fai in tempo, se .. ,
ma tutto si semplifica anche a casa mia quando parliamo di macchine standard: ho 100 lamiere a magazzino, quella sbagliata la rendo e uso una delle restanti 99,
ma quando devi gestire il nastro trasportatore fatto su misura, unico pezzo, consegna 5 settimane (n.d.cliente "accidenti, ma non è tutto standard?" ... beh sà, il rullo con cuscinetti al cadmio-tungsteno-pandoro detectabile a norme MOCA con sfere ricavate dalla protesi di Raul Bova era in esaurimento) il tutto si complica (no, non posso permettermi di rifiutare quella commessa con quella consegna).

Voglio dire che la mia realtà è diversa, cerco di organizzarmi, di anticipare, ma è quella la realtà da affrontare, per questo chiedevo
VOI affrontate problemi simili?
Voi come fate per assegnare compiti e seguirne le evoluzioni (fatto/non fatto/rimandato/...)?
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Ciao, felice e invidioso della tua realtà, la mia generalmente è questa:

- oggi ordino un riduttore che mi dovrebbe arrivare tra 7 settimane (ma mi servirebbe tra 3)
- arriva il riduttore, bolla=contenuto
- dopo un secondo monto la macchina col riduttore, con una certa urgenza
- scopro che il riduttore è sbagliato
INIZIO ZONA DA GESTIRE
- ufficio tecnico, ufficio acquisti .... verifiche interne
- chiamo il fornitore e concordo il ritiro per farmi dare quello giusto
- non ce l'hanno a magazzino, quindi aprono il reso e modificano... una settimana (beh è andata bene, ma a noi non accade mai, più facile "è speciale, infatti ci volevano 7 settimane, ... risentiamoci...")
(nel frattempo proseguo con il montaggio, salta fuori una lamiera piegata al contrario: era stata controllata all'arrivo, ma tra dx e sx è stata controllata l'altra... falla rifare x quasi subito .. accidenti, ora però è da far verniciare Ral5555/vattelaappesca/bucciato e strifinato sul rosmarino -> implora il verniciatore ...)
...
- spediscono (ma è più facile che andiamo a prendere per risparmiare 13 minuti)
- arriva....monto in tremendo ritardo...

D'accordo la qualità, d'accordo se lo prevedi prima, se lo fai in tempo, se .. ,
ma tutto si semplifica anche a casa mia quando parliamo di macchine standard: ho 100 lamiere a magazzino, quella sbagliata la rendo e uso una delle restanti 99,
ma quando devi gestire il nastro trasportatore fatto su misura, unico pezzo, consegna 5 settimane (n.d.cliente "accidenti, ma non è tutto standard?" ... beh sà, il rullo con cuscinetti al cadmio-tungsteno-pandoro detectabile a norme MOCA con sfere ricavate dalla protesi di Raul Bova era in esaurimento) il tutto si complica (no, non posso permettermi di rifiutare quella commessa con quella consegna).

Voglio dire che la mia realtà è diversa, cerco di organizzarmi, di anticipare, ma è quella la realtà da affrontare, per questo chiedevo
Pure da noi era così.
Abbiamo fatto dei cambiamenti di persone a capo dei reparti e stiamo sfruttano un po' di sistema qualità. Il risultato è migliorato tanto.
Purtroppo una seconda fase dove il volume di macchine è salito enormemente ha reso tutto un nuovo caos.
 

ale47p

Utente attivo
Professione: reverse/cad/cam
Software: CopyCad/PowerShape/PowerMill/VeriCut
Regione: Veneto
Ciao, felice e invidioso della tua realtà, la mia generalmente è questa:

- oggi ordino un riduttore che mi dovrebbe arrivare tra 7 settimane (ma mi servirebbe tra 3)
- arriva il riduttore, bolla=contenuto
- dopo un secondo monto la macchina col riduttore, con una certa urgenza
- scopro che il riduttore è sbagliato
INIZIO ZONA DA GESTIRE
- ufficio tecnico, ufficio acquisti .... verifiche interne
- chiamo il fornitore e concordo il ritiro per farmi dare quello giusto
- non ce l'hanno a magazzino, quindi aprono il reso e modificano... una settimana (beh è andata bene, ma a noi non accade mai, più facile "è speciale, infatti ci volevano 7 settimane, ... risentiamoci...")
(nel frattempo proseguo con il montaggio, salta fuori una lamiera piegata al contrario: era stata controllata all'arrivo, ma tra dx e sx è stata controllata l'altra... falla rifare x quasi subito .. accidenti, ora però è da far verniciare Ral5555/vattelaappesca/bucciato e strifinato sul rosmarino -> implora il verniciatore ...)
...
- spediscono (ma è più facile che andiamo a prendere per risparmiare 13 minuti)
- arriva....monto in tremendo ritardo...

D'accordo la qualità, d'accordo se lo prevedi prima, se lo fai in tempo, se .. ,
ma tutto si semplifica anche a casa mia quando parliamo di macchine standard: ho 100 lamiere a magazzino, quella sbagliata la rendo e uso una delle restanti 99,
ma quando devi gestire il nastro trasportatore fatto su misura, unico pezzo, consegna 5 settimane (n.d.cliente "accidenti, ma non è tutto standard?" ... beh sà, il rullo con cuscinetti al cadmio-tungsteno-pandoro detectabile a norme MOCA con sfere ricavate dalla protesi di Raul Bova era in esaurimento) il tutto si complica (no, non posso permettermi di rifiutare quella commessa con quella consegna).

Voglio dire che la mia realtà è diversa, cerco di organizzarmi, di anticipare, ma è quella la realtà da affrontare, per questo chiedevo
con queste consegne e fornitori che sbagliano ad cazzum non ci sono speranze di risolvere del tutto questi problemi. purtroppo serve sempre un margine di tempo a fare da cuscinetto se in ballo ci sono tanti fornitori esterni. se non c'è questo tempo, non smetterai mai di correre.

ricordo che uno dei miei ex-titolari si è sparato 250km di domenica per andare a prendere una scatola di inserti speciali che gli avevano lasciato il sabato nascosto a fianco di quel cassonetto a destra del cancello secondario. poi giro di telefonate, il lunedì tutti al lavoro un'ora prima, ufficio tecnico e pulizie a montare la roba perché prima di mezzogiorno deve partire il camion. ex-titolare, appunto...

gli ultimi 8 anni li ho passati in un ufficio tecnico dove non era previsto il caso in cui qualcosa risultasse "andato storto" verso gli ultimi giorni prima della consegna... era tutto pianificato come si deve.
il cliente ha firmato che la consegna del prodotto è il giorno X, il costo è Y.
una volta firmata l'offerta, il cliente sa che le parole "modifica, sconto, anticipo di consegna" sono estinte dal vocabolario. le eccezioni si fanno solo per i clienti di serie A, ma più eccezioni significa essere retrocesso in serie B, occhio. dai nostri concorrenti lo stesso nostro prodotto costa meno, lo sapete tutti, e sapete chi sono. se venite ancora qui un motivo c'è. il messaggio che passa è questo. in 60 anni sono rimasti i clienti buoni, gli altri hanno preso strade "diverse", dove il prodotto che arriva "non è eccellente", quando a volte "sono un po' in ritardo", altre in cui "ci siamo capiti male", fino a "ho perso il paraurti del furgone per strada" e non so quante altre balle ci si deve ricordare poi per non fare figurediM quando devi ricordarti quale stupidaggine ti eri inventato...se penso a dove lavoravo prima mi torna la psoriasi dopo 10 anni...

il trucco è pianificare tutto, non esiste che la fonderia non risolva quelli che per me sono difetti o che mi arrivi il riduttore sbagliato. una volta passa, la seconda è l'ultima.

bisogna esigere, bisogna rompere le palle.


- Il tornitore è in ritardo e blocca avanzamento montaggio pianificare meglio/cambiare tornitore
- Il riduttore è sbagliato da rimandare indietro e sostituire al secondo sbaglio cambiare fornitore
- il cliente ha cambiato idea sul colore carpenteria slitta la consegna
- Lamiere sbagliate da rifare al secondo sbaglio cambiare fornitore
- Zincaturificio pronto solo metà del materiale tirare giù il calendario dei santi
- Fattura sbagliata se la persona incaricata ne ha già sbagliata più di una, tendenzialmente non c'è speranza per il futuro, sicuramente sbaglierà una terza, una quarta volta e così via

e dubito che un software possa aiutarvi se il cliente cambia idea sul colore della carpenteria :censored:

Nel tempo abbiamo visto che, le macro info, quelle generali di commessa, possono essere gestite dal gestionale fin quando il progetto resta sui binari e non ci sono intoppi, ma per tutto il resto, nè il pdm, nè un gantt o altro ci ha mai potuto aiutare e ci dobbiamo accontentare di bigliettini, email, memoria e singola buona volontà ... il chè è quasi sempre, quasi sufficiente :cautious:

VOI affrontate problemi simili?
Voi come fate per assegnare compiti e seguirne le evoluzioni (fatto/non fatto/rimandato/...)?
gantt, editabile solo da 1 persona, che è il responsabile e lo aggiorna e compila 2 volte al giorno anche nei periodi in cui fila tutto liscio, dopo essersi informato su come vanno le cose dai vari capi e si è consultato con il suo superiore, che potrebbe essere direttamente il titolare. conosco aziende dove c'è una persona che fa solo pianificazione. se lui ha il mal di pancia si ferma tutto. tutti gli altri lo vedono in sola lettura. se qualcuno è in ritardo è pregato di avvisarlo con più anticipo possibile, così viene deciso il farsi. si accettano consigli, ma non troppi "ma/no/però" mi raccomando.

nei periodi di caos bisogna sforzarsi di restare lucidi e supportare quelli che non ci riescono. se c'è qualche "malinteso" va risolto immediatamente. se c'è qualcuno che "rompe" lo si elimina, gente valida in giro ce n'è.

un po' estremo, ma nel medio/lungo periodo inizia a pagare.
 

Stefano_GS

Utente standard
Professione: Application engineer
Software: Solidworks 2016
Regione: Piemonte
quoto Ale47p quasi in toto.
Aggiungerei che anche l'organizzazione interna del lavoro deve essere fatta bene, il fornitore magari sbaglia riduttore perchè il mio ordine non era chiaro, magari le zincature sono in ritardo perchè io che ho da lui diverse commesse gli ho più volte chiesto di anticiparmi una commessa poi di dare priorità ad un altra, etc.
Il rigore che side pretendere dai fornitori deve essere almeno pari se non maggiore nel rigore interno e nel rigore nei confronti dei fornitori.
Tutto il flusso di lavoro interno si può sempre migliorare ed è da lì che si deve partire, molte piccole aziende non hanno un minimo di organizzazione aziendale e lavorano loro per primi nello stesso modo di cui si lamentano lato clienti e fornitori
 

bip

Utente Junior
Professione: faccio funzionare le cose
Software: un grosso martello
Regione: un po' tutto il mondo
Sicuramente quanto proposto da ale47p esclude buona parte dei problemi, ma cosa succede nel caso ci sia un problema interno? Mettiamo che salti la corrente una giornata nel tuo capannone, cambi fornitore? Hai un problema a un impianto pur perfettamente manutentato? Il furgone del corriere che ti porta i pezzi ha un incidente e i pezzi restano bloccati in mezzo a una strada?

Purtroppo non tutto è pianificabile, si può solo cercare di farsi trovare preparati
 

brn

Utente Junior
Professione: disegnatore
Software: solidworks 2016
Regione: lombardia
con queste consegne e fornitori che sbagliano ad cazzum non ci sono speranze di risolvere del tutto questi problemi. purtroppo serve sempre un margine di tempo a fare da cuscinetto se in ballo ci sono tanti fornitori esterni. se non c'è questo tempo, non smetterai mai di correre.

ricordo che uno dei miei ex-titolari si è sparato 250km di domenica per andare a prendere una scatola di inserti speciali che gli avevano lasciato il sabato nascosto a fianco di quel cassonetto a destra del cancello secondario. poi giro di telefonate, il lunedì tutti al lavoro un'ora prima, ufficio tecnico e pulizie a montare la roba perché prima di mezzogiorno deve partire il camion. ex-titolare, appunto...

gli ultimi 8 anni li ho passati in un ufficio tecnico dove non era previsto il caso in cui qualcosa risultasse "andato storto" verso gli ultimi giorni prima della consegna... era tutto pianificato come si deve.
il cliente ha firmato che la consegna del prodotto è il giorno X, il costo è Y.
una volta firmata l'offerta, il cliente sa che le parole "modifica, sconto, anticipo di consegna" sono estinte dal vocabolario. le eccezioni si fanno solo per i clienti di serie A, ma più eccezioni significa essere retrocesso in serie B, occhio. dai nostri concorrenti lo stesso nostro prodotto costa meno, lo sapete tutti, e sapete chi sono. se venite ancora qui un motivo c'è. il messaggio che passa è questo. in 60 anni sono rimasti i clienti buoni, gli altri hanno preso strade "diverse", dove il prodotto che arriva "non è eccellente", quando a volte "sono un po' in ritardo", altre in cui "ci siamo capiti male", fino a "ho perso il paraurti del furgone per strada" e non so quante altre balle ci si deve ricordare poi per non fare figurediM quando devi ricordarti quale stupidaggine ti eri inventato...se penso a dove lavoravo prima mi torna la psoriasi dopo 10 anni...

il trucco è pianificare tutto, non esiste che la fonderia non risolva quelli che per me sono difetti o che mi arrivi il riduttore sbagliato. una volta passa, la seconda è l'ultima.

bisogna esigere, bisogna rompere le palle.

- Il tornitore è in ritardo e blocca avanzamento montaggio pianificare meglio/cambiare tornitore
- Il riduttore è sbagliato da rimandare indietro e sostituire al secondo sbaglio cambiare fornitore
- il cliente ha cambiato idea sul colore carpenteria slitta la consegna
- Lamiere sbagliate da rifare al secondo sbaglio cambiare fornitore
- Zincaturificio pronto solo metà del materiale tirare giù il calendario dei santi
- Fattura sbagliata se la persona incaricata ne ha già sbagliata più di una, tendenzialmente non c'è speranza per il futuro, sicuramente sbaglierà una terza, una quarta volta e così via

e dubito che un software possa aiutarvi se il cliente cambia idea sul colore della carpenteria :censored:



gantt, editabile solo da 1 persona, che è il responsabile e lo aggiorna e compila 2 volte al giorno anche nei periodi in cui fila tutto liscio, dopo essersi informato su come vanno le cose dai vari capi e si è consultato con il suo superiore, che potrebbe essere direttamente il titolare. conosco aziende dove c'è una persona che fa solo pianificazione. se lui ha il mal di pancia si ferma tutto. tutti gli altri lo vedono in sola lettura. se qualcuno è in ritardo è pregato di avvisarlo con più anticipo possibile, così viene deciso il farsi. si accettano consigli, ma non troppi "ma/no/però" mi raccomando.

nei periodi di caos bisogna sforzarsi di restare lucidi e supportare quelli che non ci riescono. se c'è qualche "malinteso" va risolto immediatamente. se c'è qualcuno che "rompe" lo si elimina, gente valida in giro ce n'è.

un po' estremo, ma nel medio/lungo periodo inizia a pagare.
Per curiosità che prodotto facevi prima e cosa fai adesso?
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Certo che di variabili ce ne sono a migliaia.....ma di programmi che in automatico o che comunque possano prevedere come fare il tutto non ce ne sono....nemmeno l'intelligenza artificiale.
 

Fulvio Romano

Utente Senior
Professione: Ingegnere
Software: Alcuni, ma non tutti
Regione: Campania
Il tuo spunto è interessante, ma come puoi controllare le variabili esterne?
Reggio fa alcuni esempi che, credo, capitano più o meno a tutti noi.
Un fornitore che sbaglia un pezzo, sbaglia una spedizione ecc.
Come controlli tutto ciò con procedure interne?
Quanto scritto da meccanicamg e ale7p è sacrosanto. La Qualità esiste. Applicarla al 100% è impossibile, applicarla allo 0% è improponibile. Bisogna trovare il giusto equilibrio.

L'organizzazione di reggio ha dei problemi. L'errore di reggio è considerare quei problemi come normali ed invece di risolverli sta cercando un software per tenerli sotto controllo.

Non voglio dilungarmi in strutture aziendali (verticali, trasversali, a matrice e per piattaforma sono le quattro più comuni, la scelta dipende dalle dimensioni dell'azienda e dalla tipologia di prodotto). Quando accade un problema, dopo averlo risolto bisogna porsi altre due domande. Perché è successo? Come faccio ad evitare che accada di nuovo? Certo l'adrenalina di risolvere un problema a volta ci fa dimenticare di rispondere a queste due semplici domande, condannandoci a morte lenta.

Faccio alcuni esempi di pianificazione con analisi dei rischi, anche se so che spesso lasciano il tempo che trovano.

- Il tornitore è in ritardo e blocca avanzamento montaggio
Era una lavorazione strategica? Era anticipabile / perché non è stata anticipata? Era sul percorso critico o era flottante? Perché non è stato individuato un fornitore di backup già all'inizio della pianificazione?

- Il riduttore è sbagliato da rimandare indietro e sostituire
Perché? Non ci siamo capiti? Abbiamo un problema interno? Il fornitore non è affidabile? L'attività era certamente critica, perché non sono state organizzate attività di expediting (controllo dell'avanzamento presso il fornitore) al 20% ed all'80% del lead time come ci insegna il buon Pareto?

- il cliente ha cambiato idea sul colore carpenteria
Era una modifica prevedibile? Il processo produttivo è stato impostato in modo da ritardare il più possibile il punto di non ritorno su questa decisione? Il commerciale aveva avvisato il cliente di questo punto di non ritorno? E' possibile ritardare qualche milestone (al limite la consegna)?

- Lamiere sbagliate da rifare
(vedi riduttore)

- Zincaturificio pronto solo metà del materiale
(vedi riduttore) + era un'attività strategica? Era sul percorso critico? Perché il materiale non è stato affidato a più fornitori? Era stato considerato un piano B? Se no, perché?

- Fattura sbagliata
E' stato considerata la job rotation per questa persona, tipo al centralino?

- si è rotto il furgone
Ottimo! Vuol dire che il ritardolo paga l'assicurazione. Cosa? L'assicurazione professionale non copriva da questo tipo di danno? Dammi un po' il numero del direttore acquisti...