• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Norme trattamento superificale inox ARS

gil

Utente Senior
Professione: Scarabocchiatore
Software: Cadsauro (il cad con la clava)
Regione: Italia
#1
Ciao
Quando si indica la finitura di acciaio inox, si è soliti usare la sigla "ARS" seguita da un numero.
Ad esempio: acciaio inox aisi 304 ars1.

La sigla Ars da dove deriva? A Quali norme fa riferimento? Vorrei approfondire, ma fatico a trovare un buon punto di partenza.
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#2
Non l'ho mai vista e nemmeno si trova googolando....prova a chiedere in Alfinox, Gavinox oppure in qualche centro servizi di lamiera inox se hanno un tecnologo che lo sappia.
 

gil

Utente Senior
Professione: Scarabocchiatore
Software: Cadsauro (il cad con la clava)
Regione: Italia
#3
Ciao. Grazie per la risposta.
Scusa la mia somarata ma la sigla ARS è un codice di colorazione per alluminio anodizzato. Per avere un'idea

Conoscete qualche documento per informarmi in materia?
E visto che ci siamo qualcosa sul trattamento superficiale acciaio inox? E magari qualcosa sulla verniciatura degli acciai?

Ho trovato qualche manuale, per acciaio anche presso Fondazione Promozione Acciaio. Ma nulla che possa risolvere la mia necessità di approfondire su tutti e tre questi materiali. Spero abbiate qualche suggerimento.
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#4
Ogni centro servizi ha i suoi codici che identificano l'inox con finitura opaca, semilucida, lucida, lucida a specchio, satinata, bugnata, striata, levigata come le lamiere da autobotte a cellette, spazzolata ecc....chi più ne ha più ne metta. Pensa che ci sono sue centri servizi al mondo che fanno inox colorato per tapezzare esternamente palazzi, ponti ecc
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#5
Le verniciature degli acciai? All'acqua, epossidico, a polvere e cottura in forno....non capisco cosa ti serve e soprattutto lo scopo. Normalmente i centri servizi di taglio lamiere che fanno il preverniciato lo fanno su base alluminio e su base acciaio e ognuno di loro ha settori differenti ed usi specifici.
 

gil

Utente Senior
Professione: Scarabocchiatore
Software: Cadsauro (il cad con la clava)
Regione: Italia
#6
vorrei approfondire ed integrare le mie conoscenze sui trattamenti superficali dei metalli per edilizia.
 
Professione: project leader
Software: Kubotek
Regione: Lazio
#7
Devo dire a meccanicamg, che trovo eccezionale per la qualità dei suoi interventi, che nell'elenco delle finiture per l'inox ha dimenticato di citare l'INCANTA-BURINI !
A Roma chiamavano così questa finitura, a cerchietti parzialmente sovrapposti, che si faceva A MANO con un tappo di sughero montato sul trapano e un po' di pasta abrasiva. Serviva per coprire i graffi ma la chiamavano così perché il cosiddetto BURINO, tipicamente proveniente dalla campagna e per definizione ingenuamente ignorante e propenso allo stupore, restava appunto INCANTATO dinanzi a questa meraviglia della tecnica....
Ovviamente sto' scherzando e questa finitura esiste ancora oggi ed è , credo, fatta a macchina, ma questa descrizione alla Alberto Sordi mi fa ancora ridere ogni volta che vedo un vecchio tavolino da bar lavorato così: resto INCANTATO....
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#8
Devo dire a meccanicamg, che trovo eccezionale per la qualità dei suoi interventi, che nell'elenco delle finiture per l'inox ha dimenticato di citare l'INCANTA-BURINI !
A Roma chiamavano così questa finitura, a cerchietti parzialmente sovrapposti, che si faceva A MANO con un tappo di sughero montato sul trapano e un po' di pasta abrasiva. Serviva per coprire i graffi ma la chiamavano così perché il cosiddetto BURINO, tipicamente proveniente dalla campagna e per definizione ingenuamente ignorante e propenso allo stupore, restava appunto INCANTATO dinanzi a questa meraviglia della tecnica....
Ovviamente sto' scherzando e questa finitura esiste ancora oggi ed è , credo, fatta a macchina, ma questa descrizione alla Alberto Sordi mi fa ancora ridere ogni volta che vedo un vecchio tavolino da bar lavorato così: resto INCANTATO....
Grazie. La lavorazione che indichi tu la si fa solitamente su vasche e cisterne di medio grandi dimensioni.
 

PierArg

Moderatore
Staff Forum
Professione: ingegnere meccanico
Software: i miei neuroni
Regione: Emilia Romagna
#9
Stai parlando delle cotes de geneve che si usano anche sui meccanismi degli orologi?

A proposito delle cisterne, ma a che serve fare le cotes de geneve? Io pensavo fossero solo per motivi estetici.
 
Professione: project leader
Software: Kubotek
Regione: Lazio
#10
certo che tra il villanissimo incantaburini e le raffinatissime cotes de Geneve c'è una differenza epocale....Potremmo trovare un punto di equilibrio definendo fiorettatura la spazzolatura a cerchi contigui, mentre le cotes de Geneve , almeno quelle che conosco praticate sugli orologi, sono appunto delle coste parallele. Credo che ambedue abbiano solo fini estetici.
Ho trovato un video di un maître horloger svizzero http://people.timezone.com/mdisher/decorte/vh/DSCN0296.MOV che fa vedere come le ricavano. In ogni caso non mi sembra un procedimento che meriti di essere trattato in un sito di progettisti e mi scuso per aver innescato la discussione.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#11
La lavorazione di fiorettatura, particolare finitura di smerigliatura circolare sovrapposta ed incrociata, è utilizzata sia con funzione estetica-decorativa, sia per nascondere impurità, imperfezioni, piccole deformazioni, e dare omogeneità alle superfici di lamiere in acciaio inox e alluminio.
 

PierArg

Moderatore
Staff Forum
Professione: ingegnere meccanico
Software: i miei neuroni
Regione: Emilia Romagna
#12
Grazie Meccanicamg, quindi alla fine si può dire che sono prettamente estetiche.