Montatore trasfertista o disegnatore/progettista?

Fra2799

Utente poco attivo
Professione: Tecnico meccanico
Software: Inventor
Regione: Toscana
Buonasera a tutti, sono nuovo del forum. Come da titolo della discussione avrei voluto discutere con persone che hanno più esperienza di me su quale delle due mansione è più vantaggiosa. Quest'anno mi sono diplomato come tecnico meccanico, e ora sono indeciso quale delle due alternative scegliere come primo lavoro. Lo so che il montatore trasfertista ha uno stipendio che supera di gran lunga quello del disegnatore/progettista, ma la mia situazione è abbastanza intricata: fino a qualche settimana fa avrei voluto continuare gli studi per diventare ingegnere meccanico ma, per motivi familiari, ho aperto gli occhi e purtroppo questa non può essere la mia strada. Così ne ho creata una nuova e ora il mio obbiettivo è quello di raggiungere un buona posizione all'interno di uno studio tecnico e per avere ciò so che ci vorranno degli anni, per superare le varie graduatorie insomma... Con ciò voi mi consigliste di iniziare con l'intraprendere da subito la carriera per raggiungere il mio obbiettivo in ufficio tecnico o di fare quei dieci anni come trasfertista per mettermi da parte qualche soldo per il futuro?
Con disegnatore/progettista intendo studio tecnico, adoro entrambe le mansioni, lo so che sono due figure differenti ?
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
Io mi sento di suggerirti la terza via: Fai di tutto per coronare il tuo sogno di diventare ingegnere.
Conosco persone che hanno preso la laurea anche lavorando, potrebbe essere un opzione.
Poi, ovviamente, la tua situazione la conosci solo tu e la decisione non potrà che ricadere sulle tue spalle.
Se poi deciderai per il montatore meccanico non credo ci sia bisogno di espatriare, se vieni qui in Emilia troverai fior di aziende che cercano montatori trasfertisti e tecnici meccanici.
In bocca al lupo.
 

Fra2799

Utente poco attivo
Professione: Tecnico meccanico
Software: Inventor
Regione: Toscana
Io mi sento di suggerirti la terza via: Fai di tutto per coronare il tuo sogno di diventare ingegnere.
Conosco persone che hanno preso la laurea anche lavorando, potrebbe essere un opzione.
Poi, ovviamente, la tua situazione la conosci solo tu e la decisione non potrà che ricadere sulle tue spalle.
Se poi deciderai per il montatore meccanico non credo ci sia bisogno di espatriare, se vieni qui in Emilia troverai fior di aziende che cercano montatori trasfertisti e tecnici meccanici.
In bocca al lupo.
Ti ringrazio per le belle parole, in effetti ci ho pensato anche a prendere la laurea lavorando, ma in questi momento mi voglio concentrare su un unica via per dare il massimo. Il fatto di espatriare è ancora tutto da decidere dato che alla fine l'Italia in questo settore offre belle possibilità, e anche nella mia regione ci sono ottime ditte; vivo in Toscana. Con trasfertista intendo quella figura che per un periodo di due settimane fino ai due mesi lascia il propio paese ( è il tempo che mi hanno detto durante i colloqui) per andare all'estero e montare le macchine, così prendendo un bel po' di soldi e finito tutto si riparte. Non voglio dare lezioni ma spesso la gente confonde, anche se immagino che voi ne sappiate più di me. Inoltre forse non mi sono espresso bene nella domanda principale, intendo che se inizio come trasfertista, appunto, dopo avrò anche la possibilità di avere una buona carriera in ufficio tecnico?
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
Ti ringrazio per le belle parole, in effetti ci ho pensato anche a prendere la laurea lavorando, ma in questi momento mi voglio concentrare su un unica via per dare il massimo. Il fatto di espatriare è ancora tutto da decidere dato che alla fine l'Italia in questo settore offre belle possibilità, e anche nella mia regione ci sono ottime ditte; vivo in Toscana. Con trasfertista intendo quella figura che per un periodo di due settimane fino ai due mesi lascia il propio paese ( è il tempo che mi hanno detto durante i colloqui) per andare all'estero e montare le macchine, così prendendo un bel po' di soldi e finito tutto si riparte. Non voglio dare lezioni ma spesso la gente confonde, anche se immagino che voi ne sappiate più di me. Inoltre forse non mi sono espresso bene nella domanda principale, intendo che se inizio come trasfertista, appunto, dopo avrò anche la possibilità di avere una buona carriera in ufficio tecnico?
Domanda difficile.
Io posso dirti che sono passato dal fare l'attrezzista e lavorare alle macchine utensili all'ufficio tecnico.
Dipende molto dall'azienda. Una grossa industria strutturata, probabilmente, in ufficio tecnico metterà solo ingegneri. Una piccola azienda, forse, valuterà positivamente l'esperienza fatta sul campo.
 

Mastello

Utente poco attivo
Professione: progettista stampi plastica
Software: Catia v5
Regione: piemonte
Domanda difficile.
Io posso dirti che sono passato dal fare l'attrezzista e lavorare alle macchine utensili all'ufficio tecnico.
Dipende molto dall'azienda. Una grossa industria strutturata, probabilmente, in ufficio tecnico metterà solo ingegneri. Una piccola azienda, forse, valuterà positivamente l'esperienza fatta sul campo.
Ciao Fra2799 per mia esperienza personale ti posso consigliare di fare prima qualche annetto di esperienza in officina in modo tale da capire le fattibilità nella costruzione di ciò che dovrai progettare, penso che per arrivare in alto bisogna partire dal basso, partire subito in ufficio tecnico ti lascerà delle lacune che ti porterai sempre