Modelli 3D minuteria

antoniopf

Utente registrato
Professione: Impiegato
Software: Thinkdesign
Regione: Campania
#1
Salve. Chi mi consiglia qualche sito da dove poter scaricare gratuitamente i modelli 3D della minuteria?
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#3
Voi vi fidate dei modelli che si trovano in rete?
Avete una procedura di validazione dei modelli di terze parti?
 

Stan9411

Utente Junior
Professione: Studente
Software: PTC Creo parametric, Matlab
Regione: Lombardia
#4
Penso sia negli interessi dei produttori caricare i modelli corretti .. si suppone che se li usi nel tuo modello poi li acquisti nella realtà .. o almeno questo dovrebbe essere l’intento di siti come traceparts
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#5
Mai trovato un pezzo diverso dal modello messo a disposizione dal produttore?
Mai letta la disclosure che solleva il produttore dalla responsabilità della rispondenza del modello?
 

Stan9411

Utente Junior
Professione: Studente
Software: PTC Creo parametric, Matlab
Regione: Lombardia
#6
per fortuna no, ma sono giovane.

È chiaro che gli errori capitano a tutti .. ma mi concederai che chiedere nel 2019 “voi vi fidate dei modelli che trovate in rete?” È un tantino anacronistico.

Ci può essere il rischio, ma credo che nessuno rinunci ad un servizio del genere per scarsa fiducia ..
 
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#7
dipende dal modello che si scarica.
se è importante (cilindri, riduttori, cuscinetti...) si prende il catalogo e si controllano le misure importanti
se è viteria (a parte chesi sta un attimo a modellarli e personalizzarli) ci si fida
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#8
... ma mi concederai che chiedere nel 2019 “voi vi fidate dei modelli che trovate in rete?” È un tantino anacronistico.
Direi proprio di no.

Vedo che sei uno studente e suppongo tu abbia studiato anche statistica. Prova a fare un calcolo di questo tipo: se il rischio che un modello generico trovato in rete sia diverso dal pezzo è dello 0.1% e se nella macchina che stai progettando ci sono cento modelli diversi, qual'è la probabilità che tu abbia problemi a causa dei modelli? Accetti un rischio di queste dimensioni a causa di errori commessi da altri?

@MassiVonWeizen

Questa è la risposta che mi aspettavo.

Per prodotti "commodity" (viteria e similari) si fa prima a crearseli da soli, parametrici, seguendo le dimensioni delle norme (magari con modelli di massimo materiale e di minimo materiale per le applicazioni critiche).

Per i prodotti complessi, quale appunto un attuatore pneumatico, che verifiche fate? Quali dimensioni o feature tralasciate nella verifica? Se c'è una differenza, come vi comportate?
 

Stan9411

Utente Junior
Professione: Studente
Software: PTC Creo parametric, Matlab
Regione: Lombardia
#9
Beh allora anche se lo acquisti cercando direttamente da catalogo le dimensioni che ti servono, ti può arrivare diverso. Anche se il componente lo scarichi direttamente dal sito del produttore( anziché dal un sito generico come traceparts ) può arrivarti diverso. Anche se ti fai dimensionare il componente da un consulente dell’azienda a cui ti rivolgi, alla fine ti può arrivare diverso. Anche se te lo disegni tu e te lo fai solo produrre ti può arrivare un pezzo diverso.
A sto punto non conta più se è un modello virtuale trovato in rete o un modellino di cartapesta uscito dall’uovo di Pasqua.
La tua domanda dovrebbe essere molto più genericamente “quando ordinate un componente (in qualsiasi modo) come verificate che risponda alle specifiche ?”
La mia risposta è: se c’e possibilità di reclamo lo si fa, se si è accettato lo scarico di responsabilita ci si attacca e la prossima volta si cambia fornitore.
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#10
Beh allora anche se lo acquisti cercando direttamente da catalogo le dimensioni che ti servono, ti può arrivare diverso. Anche se il componente lo scarichi direttamente dal sito del produttore( anziché dal un sito generico come traceparts ) può arrivarti diverso. Anche se ti fai dimensionare il componente da un consulente dell’azienda a cui ti rivolgi, alla fine ti può arrivare diverso. Anche se te lo disegni tu e te lo fai solo produrre ti può arrivare un pezzo diverso.
A sto punto non conta più se è un modello virtuale trovato in rete o un modellino di cartapesta uscito dall’uovo di Pasqua.
La tua domanda dovrebbe essere molto più genericamente “quando ordinate un componente (in qualsiasi modo) come verificate che risponda alle specifiche ?”
Infatti la mia domanda è:
Voi vi fidate dei modelli che si trovano in rete?
Avete una procedura di validazione dei modelli di terze parti?

La mia risposta è: se c’e possibilità di reclamo lo si fa, se si è accettato lo scarico di responsabilita ci si attacca e la prossima volta si cambia fornitore.
Anche tralasciando che lo scarico di responsabilità c'è sempre, esplicito o implicito, facendo reclamo non risolvi il problema con il tuo cliente: tu devi fornire un prodotto funzionante, indipendentemente dai rapporti con i tuoi fornitori.

Cosa fai se la macchina non funziona, vai dal cliente e gli dici "Io ho fatto un lavoro perfetto, ma il mio fornitore mi ha fornito un modello sbagliato. Comunque ho fatto un reclamo formale e la prossima volta cambierò fornitore". Il tuo cliente, se gentile, ti risponderà che a lui, dei rapporti tra te e tuoi fornitori, non gliene frega una mazza.
 

Meteor02

Utente Standard
Professione: Tecnico stampaggio plastica
Software: Solidworks 2016
Regione: Emilia romagna
#11
exxon
ok ma tu come fai? ad esempio devi usare un cilindro elettrico fexxo che nn hai mai usato per una nuova applicazione. compri il cilindro e ne fai un reverse engineering? scarichi il modello 3d ? il disegno 2 d e ricostruisci il cilindro secondo le quote? nessuno di questi sistemi mi sembra privo di possibilita d'errore eccetto il 1° ma se nel caso il cilindro poi nn fa al caso tuo ti trovi un cilindro inutile in casa e ne devi prendere un altro.
 
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#12
non ho sottomano un catalogo da controllare, ma da qualche parte c'è scritto che le misure possono non essere quelle corrette? ed intendo le misure importanti come l'alberino del motore, lo stelo del cilindro, il diametro del cuscinetto e non quanto sporge la scatola del motore dalla carcassa o lo spessore della carcassa del riduttore?
perché se è così non c'è altra soluzione che affidarsi alla fortuna perché l'unico che può rispondere è chi materialmente ha disegnato il componente e poi mandato in officina.
scusate, ma secondo me sono discorsi estremi che non portano a niente. io scarico l'ultima versione del catalogo del componente poi o lo modello o lo scarico; se lo scarico verifico le dimensioni importanti come la posizione dei fissaggi, le parti che si accoppiano con altre, gl'ingombri se hanno importanza funzionale. tutto il resto rimane come si trova
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#14
Bella domanda. Il mio intervento in questo thread non è del tipo "non fate così perché io ho la soluzione, si fa colà". Le domande che ho posto sono reali, mi piacerebbe sapere come fate voi.

Per la viteria, mi sono fatto i modelli parametrici da zero (minimo materiale, nominale e massimo materiale).
Per i prodotti di case primarie (SKF, Festo, ecc.), prendo i loro modelli e li modifico fino a renderli congruenti con la libreria interna (materiali, superfici, movimenti, ecc.). Questi modelli hanno il flag di "temporaneo" fino alla verifica di ogni dettaglio con un prodotto fisico. Al termine della verifica, il modello ottiene il flag "rilasciato".
Per i prodotti di fornitori secondari (cineserie, particolari che non seguono norme specifiche, pezzi unici), faccio la reverse-engineering.
Non uso mai modelli scaricati da librerie fantasma che si trovano in rete.

non ho sottomano un catalogo da controllare, ma da qualche parte c'è scritto che le misure possono non essere quelle corrette? ed intendo le misure importanti come l'alberino del motore, lo stelo del cilindro, il diametro del cuscinetto e non quanto sporge la scatola del motore dalla carcassa o lo spessore della carcassa del riduttore?
Ti riporto ciò che più o meno è scritto in tutti i cataloghi del mondo (questo è tratto da quello di un fornitore di cuscinetti... a caso):

Nella stesura è stata dedicata la massima attenzione al fine di assicurare l’accuratezza dei dati, tuttavia non si possono accettare responsabilità per eventuali errori od omissioni, nonché per danni o perdite diretti o indiretti derivanti dall’uso delle informazioni qui contenute.
Cioè: se ti fidi, bene, altrimenti misurati il pezzo.

perché se è così non c'è altra soluzione che affidarsi alla fortuna perché l'unico che può rispondere è chi materialmente ha disegnato il componente e poi mandato in officina.
La fortuna è una compagna della quale conviene sempre fare a meno in questi casi. Per questo motivo ho chiesto "voi come fate?". Io riduco il rischio nel modo indicato sopra, magari qualcuno ha un metodo migliore.
 

Meteor02

Utente Standard
Professione: Tecnico stampaggio plastica
Software: Solidworks 2016
Regione: Emilia romagna
#15
e io che speravo nella soluzione :( . comunque devo dire che in anni di lavoro ho sempre dato fiducia ai modelli scaricati dai siti ufficiali e solo 1 volta ho riscontrato diversità. ma probabilmente nel settore stampi prestano molta attenzione ai modelli caricati.
 
Professione: disegnatore
Software: autocad 2013; solidworks 2014
Regione: Friuli Venezia Giulia
#16
Questi modelli hanno il flag di "temporaneo" fino alla verifica di ogni dettaglio con un prodotto fisico. Al termine della verifica, il modello ottiene il flag "rilasciato".
Per i prodotti di fornitori secondari (cineserie, particolari che non seguono norme specifiche, pezzi unici), faccio la reverse-engineering.
questo se hai il treparto montaggio interno.
e chi ha solo lo studio di progettazione? e chi fa solo lo sviluppo conto terzi?
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#17
Anche questa è una bella domanda. Simile è la situazione quando hai dei prodotti semi-custom, che vengono forniti solo al momento dell'assemblaggio. Sono zone grigie nelle quali l'errore di un fornitore di un particolare da 100 Euro può rendere non assemblabile una macchina che ne vale 100,000.

Anche noi abbiamo commesse per la sola progettazione, ma utilizziamo comunque solo componenti che sono stati validati "fisicamente" perché utilizzati in altri progetti. Se non lo fossero, acquisiremmo nel caso un campione.
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#18
Se poi ci aggiungiamo che in un catalogo è sempre scritto che il costruttore si riserva di modificare in qualsiasi momento......
Ogni volta dovresti acquistare, controllare e poi finire il progetto.
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#19
... ma probabilmente nel settore stampi prestano molta attenzione ai modelli caricati.
Tutti i "normalizzati" sono molto più sicuri da questo punto di vista (ma solo se acquisiti da una fonte più che affidabile). Anche per questi particolari, affidarsi al modello scaricato dal sito dove caricano i propri modelli anche i ragazzini che stanno più attenti all'effetto del rendering che alla precisione dimensionale, è un rischio che a mio parere trovo inaccettabile.
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#20
Se poi ci aggiungiamo che in un catalogo è sempre scritto che il costruttore si riserva di modificare in qualsiasi momento......
Le modifiche riguardano quanto scritto nel catalogo, non il prodotto al quale si riferiscono le specifiche.
La dicitura è messa proprio per indicare che in caso di errori rilevati, il catalogo viene modificato senza evidenziare la modifica.
Difficilmente un fornitore (serio) modifica dimensionalmente un prodotto mantenendo lo stesso numero di parte. Sarebbe un agire veramente sconsiderato.

Proprio per questo motivo noi utilizziamo i flag di "temporaneo" e "rilasciato". Temporaneo si riferisce al modello basato sul catalogo (che potrebbe essere modificato), mentre rilasciato è quando la verifica è fatta sul pezzo fisico (che si suppone stabile).