Meccanica o elettronica

athlon

Utente Standard
Professione: webmaster
Software: Art of Illusion
Regione: lombardia
Ciao a tutti,

mi volevo ricollegare ai vari thread sui cambi di velocita' , ingranaggi , frizioni etc etc.

oggigiorno con i controller ed i motori brushless si ottengono coppie notevoli gia' da zero RPM , giri elevati , regolazione fine della velocita' , avanti ed indietro e soprattutto la possibilita' di avere potenze notevoli con un impegno limitato di potenza a monte ( basta un caricatore da 1kw per tenere cariche delle batterie in grado di erogare potenze di 20 o piu' kw)

secondo voi rispetto alla catena composta da :
caricabatterie 1kw ( 400 euro)
4 batterie tampone ( 500 euro )
controller , motore accellaratore cablaggi etc (http://www.electricmotorsport.com/e.../pmac-ssr-36-48v-275a-motor-drive-system.html )

quanto puo' costare un equivalente "vecchia scuola" con prestazioni equivalenti 13kw picco 4kw continui , avanti indietro , regolazione fine, 38 Nm , 5000 rpm max , etc etc

con il scendere dei costi dell' eletronica diventera' sempre piu' convieniente fare tutto "via software" e non via cambi meccanici.

con il scendere dei costi dei pannelli fotovoltaici converra' sempre di piu' fare un accumulo locale e non avere grossi contatori

commenti ?
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Ma coda vuoi costruire? Automobili? Di sicuro non impianti per lavorare acciaio.
 

athlon

Utente Standard
Professione: webmaster
Software: Art of Illusion
Regione: lombardia
in realta' l'idea mi e' venuta mentre collaboravo con una ditta che fa conversioni a CNC di torni verticali fino a 1600mm , ho visto che la parte meccanica e' molto sviluppata con tanti cambi , elettrofrizioni etc etc , il tutto perche' fino ad oggi i motori erano direttamente collegati alla trifase e quindi a giri praticamente imposti.

Con l'elettronica cambia molto e soprattutto con storage locali diventa molto piu' facile avere potenze di picco senza dover sovradismensionare tutto l'impianto elettrico.

ad esempio il powertrain che ho indicato sta avendo un buon successo in piccole gru da cantiere in zone disagiate dove manca il collegamento elettrico e le batterie vengono caricate con pannelli fotovoltaici
 

Fulvio Romano

Utente Senior
Professione: Ingegnere
Software: Alcuni, ma non tutti
Regione: Campania
oggigiorno con i controller ed i motori brushless si ottengono coppie notevoli gia' da zero RPM
Ciao a tutti,
e soprattutto la possibilita' di avere potenze notevoli con un impegno limitato di potenza a monte ( basta un caricatore da 1kw per tenere cariche delle batterie in grado di erogare potenze di 20 o piu' kw)
Mi trovo sinceramente in imbarazzo a rispondere a queste domande.

La coppia di stallo di un motore brushless non dipende in alcun modo dal controllore, ma solo dal disegno del motore stesso.
La potenza di un caricatore non è collegata in alcun modo al controllore o alle batterie, ma solo al rendimento del motore ed il suo duty cycle.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Direi che sono cose molto particolari da usare in posti particolari e non sono assolutamente estensibili a tutto.

Un tornio o una fresatrice avrà sempre un sacco di ingranaggi perché deve avere certe copie a certe velocità. Alcuni elettromandrini vengono fatti con motori torquue però hanno usi speciali perché il regime é basso e l'escursione poca.
 

athlon

Utente Standard
Professione: webmaster
Software: Art of Illusion
Regione: lombardia
Mi trovo sinceramente in imbarazzo a rispondere a queste domande.

La coppia di stallo di un motore brushless non dipende in alcun modo dal controllore, ma solo dal disegno del motore stesso.
La potenza di un caricatore non è collegata in alcun modo al controllore o alle batterie, ma solo al rendimento del motore ed il suo duty cycle.
il controller permette di avere motori che altrimenti sarebbe impossibile gestire con avviamenti stella triangolo o connessioni dirette alla rete . Lo so che la coppia dipende dal disegno del motore ma senza controller molti motori non sono semplici da gestire , pensa solo a quanti tipi di gabbie di scoiattolo sono state inventate per cercare di avere un avvio decente cercando di sacrificare il meno possibile delle performace del motore.

Il mio discoros e' proprio questo , quasi nessuna macchina lavora sempre a prestazione massima , questo permette , con un accumulo locale , di avere un carico elettrico sulla rete che e' solo il consumo medio , togliendo i picchi e non e' cosa da poco , soprattutto se ci sono contemporaneita' di uso di macchine.