lavoro prestazione occasionale

IngExp

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Ansys
Regione: Lombardia
#1
Buonasera, vi scrivo perchè ho ricevuto una proposta di prestazione occasionale dove dovrei fare una relazione di calcolo di una struttura in acciaio senza apporre timbro e firma, che andrebbero a carico dello studio.
Io sono iscritta all' albo ingegneri e lavoro come dipendente in un azienda.
Si può fare?
Dovrei pagare delle tasse su questo?
Dovrei chiedere autorizzazione anche all'azienda?


Grazie a tutti per l aiuto.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#2
Un po'di anni fa sia i sindacati che l'agenzia delle entrate non ha saputo darmi spiegazioni in merito. Ora la cosa é stata chiarita dicendo che hai la soglia di 2500€ per prestazione massima e non oltre 5000€ annui.

Però sei lavoratore dipendente e non puoi più con la nuova legge. Documentati sul sito INPS.

Se fai lavoro di concorrenza é bene che ne parli con l'azienda per la quale lavori e magari pure informarti con il loro commercialista, oppure chiedere all'albo di farti consulenza. Comunque per 4 soldi ci si deve sbattere, non si capisce niente di come scrivono le leggi, nessuno sa mai niente e poi ci si lamenta del lavoro in nero che non diminuisce....che si chiedessero un poco il perché.....con cosa si fa pagare una persona per fare un lavoro ad un altro solo perché è capace? Boh. Tra l'altro la tua relazione é un lavoro professionale e per definizione non potrebbe essere gestito da questo contratto. Informati bebe perché è davvero un casino.
 
Ultima modifica:

IngExp

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Ansys
Regione: Lombardia
#3
Non sarebbe lavoro di concorrenza. In quanto il settore è diverso.
Non so di questa nuova legge...
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#4
quini informati molto bene....perché alla fine é peggio di prima. Ci sono molte più limitazioni. Sui siti ufficiali c'è la legge scritta incomprensibile. Sui siti non ufficiali ci son di quelle spiegazioni che praticamente ti fanno capire che non si può usare questo contratto. Prendi un commercialista con le palle e informati molto bene.
 

IngExp

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Ansys
Regione: Lombardia
#5
Dal sito INPS, a me sembra si possa fare....

"Sono un lavoratore dipendente di un’azienda privata. L’intenzione, nel prossimo futuro, è quella di svolgere alcune consulenze in materia ambientale (materia nella quale ho conseguito una laurea). Devo aprire una partita Iva o posso considerare tale attività nell’ambito del lavoro autonomo occasionale? In tale secondo caso, quali spese posso eventualmente portare in deduzione dal reddito? … Per poter dare una risposta al quesito occorre avere riguardo alle concrete modalità con le quali le prestazioni di servizio (denominate “consulenze”) saranno svolte. È opportuno premettere come la legge non individui alcun limite di reddito, o di durata della prestazione, oltre il quale l’attività svolta esca dall’ambito del lavoro autonomo occasionale e diventi “abituale”, entrando così nel campo di applicazione dell'IVA. In linea generale, per ricadere nell’ambito del lavoro autonomo occasionale deve trattarsi di un rapporto il cui interesse delle parti si esaurisce al raggiungimento del risultato stabilito. È esclusa l'occasionalità, pertanto, quando il rapporto sia caratterizzato da un interesse durevole del prestatore d’opera o del committente, rispettivamente, a svolgere o ricevere nel tempo una o più prestazioni (ancorché non periodiche). Il soggetto prestatore sarà tenuto, pertanto, all’apertura di una partita Iva qualora intenda svolgere tale attività con professionalità, sistematicità e in via abituale; tale adempimento non sarà, di contro, necessario qualora le consulenze saranno erogate in via estemporanea. Ora, ipotizzando che le consulenze mantengano il carattere dell’occasionalità e che vi sia “indipendenza” giuridica del prestatore dal committente, i compensi erogati da quest’ultimo genereranno redditi di l.a.o. che, ai sensi degli artt. 67, comma 1, lett. l) e 71, comma 2 del Tuir, sono considerati redditi diversi."
 

IngExp

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Ansys
Regione: Lombardia
#6
Leggi anche qui...

Se la collaborazione occasionale ai sensi della Legge Biagi, è stata abolita, il lavoro occasionale autonomodopo il Jobs Act viene non solo confermato ma anche esteso. Infatti, per tali prestazioni di lavoro autonomo occasionale, caratterizzate dalla mancanza di abitualità/continuità e di coordinamento da parte del committente con ritenuta d’acconto al 20% ed obbligo di iscrizione alla gestione separata INPS se il reddito supera i 7000 euro l’anno, è stata ampliata, prevedendo che in presenza di prestazioni d’opera di impresa e professionali, è possibile per le aziende e professionisti continuare ad applicare il lavoro autonomo occasionale con ritenuta del 20%.
In questo caso, il lavoratore autonomo, rilascia al committente una ricevuta per la prestazione occasionale.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#7
per ora l'unico sito dove realmente spiega la norma che c'è sul sito INPS unendo la parte descritta dall'AGENZIA DELLE ENTRATE é qui e spiega limiti, quando si e no, contributi, limiti, tasse, marca da bollo, ritenuta, ecc
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#8
e da qualche anno a questa parte si fa tutto sul portale inps qui mentre una volta si faceva a mano e basta. Comunque fa parte dei redditi diversi e lo devi dichiarare nel 730. Le tasse ce le paghi eccome....e si somma al reddito primario e ti aiuta a saltare la soglia di reddito e pagare più tasse mangiando il guadagno 😊
 

IngExp

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Ansys
Regione: Lombardia
#9
Da quel che mi ha detto la commercialista è sufficiente che rientro dentro i 24800 euro per non perdere il bonus Renzi... poi mi fa che non ci sono altre rogne...
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#10
nel primo post scrivi che devi fare relazione di calcolo strutturale ...vedi te se non é professionale....poi che noi italiani troviamo la scappatoia é vero ma sulla ricevuta ci devi scrivere che hai messo in ordine la scrivania del titolare...
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#11
Da quel che mi ha detto la commercialista è sufficiente che rientro dentro i 24800 euro per non perdere il bonus Renzi... poi mi fa che non ci sono altre rogne...
beh allora inizia a preparare il foglio Excel per fare la ricevuta non fiscale con il calcolo della ritenuta d'acconto e qualche marca da bollo da 2€....che salvano sempre ad averle nel cassetto a data antecedente alla ricevuta.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#13
Devo ammettere che è un casino assurdo :cry:
ma come?!?!? É così chiaro....e la tua commercialista ti ha detto solo di non guadagnare troppo lordo.....te l'ho detto che é un ginepraio 😂.... Ti serve realizzare un maxy Excel con ricevuta per ogni scheda, una scheda che riassume e somma i parametri per non eccedere oltre le soglie di 5000€anno e se eccedi devi avere degli avvisi sul foglio Excel e da lì in poi devi calcolare sull'eccedenza dei 5000€ la % della trattenuta inps da versare...poi é meglio che dai dei codici ai clienti per verificare i parametri di occasionalità sul foglio master di Excel. Ci perdi qualche ora solo x fare i fogli...poi verifica il tutto con commercialista e via....a lavorare
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#14
ho scoperto dove é l'inghippo in tutto ciò. Quei decerebrati complicacasini, hanno chiamato "lavoro occasionale" i lavori da dipendente con i voucher e pagato diretto da INPS e hanno chiamato "lavoro autonomo occasionale" quello che fa un normale chiunque nei confronti di una azienda, facendosi pagare dall'azienda ecc ecc...ex art.2222 codice civile. Ma non potevano chiamarli diversamente? Tutta una sera per capire la differenza....non ti dico dove li manderei... Quindi parrebbe che non ci si deve registrare sul sito dell'INPS e passare da sta menata...però non don sicuro.
 

ceschi1959

Utente Standard
Professione: progettista
Software: UG 11 - NX11 TC10
Regione: veneto
#15
Io sono dipendente da qualche anno, prima ero un libero professionista con partita iva. L'anno scorso ho fatto un lavoro per un'azienda non concorrente, ho fatto una ricevuta molto semplice:
prestazione professionale per XY tot
ritenuta d'acconto 20%
netto a pagare tot-20%
Quest'anno mi è arrivata la certificazione unica di quell'azienda in cui c'è scritto che ho preso tot e ho già pagato il 20%. Allegherò questa certificazione all'unico di quest'anno e ci pagherò la differenza di tasse in base all'aliquota, non pago i contributi in quanto già iscritto a previdenza obbligatoria come dipendente.
Ciao e buon lavoro.
C.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#16
Buonasera, vi scrivo perchè ho ricevuto una proposta di prestazione occasionale dove dovrei fare una relazione di calcolo di una struttura in acciaio senza apporre timbro e firma, che andrebbero a carico dello studio.
Io sono iscritta all' albo ingegneri e lavoro come dipendente in un azienda.
Si può fare?
Dovrei pagare delle tasse su questo?
Dovrei chiedere autorizzazione anche all'azienda?


Grazie a tutti per l aiuto.
Se vai a guardare l'articolo del codice civile 2222 e il decreto attuale del Jobs Act, c'è scritto che la prestazione autonoma occasionale non ha limite di denaro senonché per il pagamento INPS sopra il lordo imponibile di 5k€, 20% di ritenuta d'acconto che non prendi, non esiste più il limite dei 30 giorni continuativi....ma:
- deve essere un lavoro di prestazione personale per realizzare
- non deve essere coordinato
- non deve essere una attività professionale (e per tale si intende che un ingegnere iscritto all'albo non può fare prestazioni occasionali ma le deve fare in regime di IVA). A ben guardare, anche se tu facessi una prestazione occasionale da muratore ma sei ing iscritto...devi cacciare l'iva.

Ergo tu non puoi prendere in carico il lavoro che vorresti fare. Comunque cerca un avvocato del lavoro e fatti spiegare bene ste cose, perché la commercialista non te l'ha raccontata per intero o non vi siete capiti.
Se tu avevi l'abilitazione alla professione ma mai iscritto...puoi fare l'occasionale. Se sei iscritto all'albo....hai obbligo di p.iva. Si sa che mantenere lo stato da ing libero professionista iscritto costa un sacco di soldi e menate. Infatti l'iscrizione all'albo la si fa solo al momento della necessità...perché poi é un debito se non lo alimenti con un lavoro redditizio.
 

ceschi1959

Utente Standard
Professione: progettista
Software: UG 11 - NX11 TC10
Regione: veneto
#17
Se vai a guardare l'articolo del codice civile 2222 e il decreto attuale del Jobs Act, c'è scritto che la prestazione autonoma occasionale non ha limite di denaro senonché per il pagamento INPS sopra il lordo imponibile di 5k€, 20% di ritenuta d'acconto che non prendi, non esiste più il limite dei 30 giorni continuativi....ma:
- deve essere un lavoro di prestazione personale per realizzare
- non deve essere coordinato
- non deve essere una attività professionale (e per tale si intende che un ingegnere iscritto all'albo non può fare prestazioni occasionali ma le deve fare in regime di IVA). A ben guardare, anche se tu facessi una prestazione occasionale da muratore ma sei ing iscritto...devi cacciare l'iva.

Ergo tu non puoi prendere in carico il lavoro che vorresti fare. Comunque cerca un avvocato del lavoro e fatti spiegare bene ste cose, perché la commercialista non te l'ha raccontata per intero o non vi siete capiti.
Se tu avevi l'abilitazione alla professione ma mai iscritto...puoi fare l'occasionale. Se sei iscritto all'albo....hai obbligo di p.iva. Si sa che mantenere lo stato da ing libero professionista iscritto costa un sacco di soldi e menate. Infatti l'iscrizione all'albo la si fa solo al momento della necessità...perché poi é un debito se non lo alimenti con un lavoro redditizio.
Tutto corretto, tranne che l'attività ingegneristica è assunta da chi ci mette il timbro e la firma, in questo caso lo studio, che si assume anche la responsabilità civile e penale.
C.
 

IngExp

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Ansys
Regione: Lombardia
#18
A me Inarcassa ha detto che non ho bisogno di partita iva per farla...ho chiesto a posta oggi...
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#20
sono andato a guardare la pubblicazione del Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri intitolato: “Professionisti iscritti ad albi e prestazioni occasionali”. Praticamente permette agli iscritti all'albo di fare prestazione occasionale ed essere dipendenti lavoratori, senza obbligo di partita iva. Comunque ste leggi della m**** che cambiano, non si capisce , che vanno interpretate, che son scritte in stronzese...quindi sí lo puoi fare.