lavoro cad estero

gabdia

Utente registrato
Professione: Disegnatore CAD
Software: CAD 2D-3D-Architectural desktop
Regione: Teramo
#1
Salve a tutti sono un perito meccanico di 26 anni, buona conoscenza della lingua inglese ed ottime conoscenze informatiche. Ho 4 anni di esperienza in un azienda italiana come:
-Addetto al controllo dell’efficienza produttiva degli operai con relativo controllo delle singole schede di lavoro.
-Ottima attitudine alle mansioni di ufficio. Capacità nelle vendite,definire e gestire efficacemente gli obiettivi.
-Ottima conoscenza dei sistemi operativi Windows,AppleMacOs X e degli applicativi Windows Office (Word,Excel,Power Point) & Apple Office (Pages, Numbers, Keynote).
-Buona conoscenza di Xhtml, delle tecniche e degli strumenti di Web Publishing e delle principali applicazioni (PhpStorm, SimpleText, Komodo, ecc.) e CMS avanzati (Drupal, Wordpress).
Sto seguendo un corso di formazione per disegnatore cad di 400 ore +100 di tirocinio dalla durata di 10 mesi con relativo attestato di qualifica professionale ed esame finale. Sto imparando l'utilizzo dei seguenti programmi:
-CAD Bidimensionale
-CAD Tridimensionale
-Trattamento immagini: Photoshop per il disegno tecnico
-Impaginazione e illustrazione: Illustrator per il disegno tecnico
-Architectural desktop

Sono propenso a lasciare l'italia dopo aver concluso questo corso formativo ed investire all'estero le mie competenze. Vorrei sapere quali sono i paesi al mondo ben pagati anche fuori dall'UE per questa professione?
Grazie a tutti per i vostri preziosi consigli.
 

ale47p

Utente registrato
Professione: reverse/cad/cam
Software: CopyCad/PowerShape/PowerMill/VeriCut
Regione: Veneto
#2
leggende parlano di australia, ma io non ci credo fino a che non vedo le buste paga.
conosco uno che è andato a fare il saldatore lì, e diceva di guadagnare molto, e se "uno come me" fosse andato lì (cioè io, che faccio reverse+cad/cam da oltre 15 anni) avrei preso una valanga di soldi.

io, che prende una valanga di soldi attualmente (da dipendente si parla eh), conosco solo gente che lavora a dubai, ma non nel "nostro" settore
 

gabdia

Utente registrato
Professione: Disegnatore CAD
Software: CAD 2D-3D-Architectural desktop
Regione: Teramo
#3
ale47p anche a me, e non sei il primo a dirmelo, conosco un ragazzo che lavora come programmatore CNC a Sydney oltre ad esperto informatico e se la passa veramente bene senza contare che gli hanno fatto la sponsorizzazione permanente. Probabilmente non è tutto oro quel che luccica, però sinceramente con tutto il rispetto per chi lavora ancora in Italia mi sento stanco e deluso. Fare tutti questi sacrifici, certificarsi per poi trovarmi sempre a svolgere lavori non proporzionati ai miei studi e continuamente sottopagati mi lascia con l'amaro in bocca.
 

stevie

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Solidedge, Cosmos
Regione: Lombardia
#4
leggende parlano di australia, ma io non ci credo fino a che non vedo le buste paga.
conosco uno che è andato a fare il saldatore lì, e diceva di guadagnare molto, e se "uno come me" fosse andato lì (cioè io, che faccio reverse+cad/cam da oltre 15 anni) avrei preso una valanga di soldi.

io, che prende una valanga di soldi attualmente (da dipendente si parla eh), conosco solo gente che lavora a dubai, ma non nel "nostro" settore
Anche io credo che molte cose che si sentono siano fandonie.
Generalmente gli stipendi sono più alti certo, ma vanno ponderati con il costo della vita effettivo.
Nel settore manifatturiero poi il grosso della produzione mondiale è concentrato nel sud-est asiatico, qualcosa negli Usa e poca roba ormai in Europa.
C'è da dire poi che basarsi unicamente sulle testimonianze dei vari espatriati non abbia senso, nessuno ti dirà mai che si fa un mazzo tanto e riesce a malapena a campare, cosa che si verifica nella maggior parte dei casi. Chiaro che se qui sei disoccupato e non trovi niente allora accetti anche di andare a farti sfruttare all'estero.
 

gabdia

Utente registrato
Professione: Disegnatore CAD
Software: CAD 2D-3D-Architectural desktop
Regione: Teramo
#5
Anche io credo che molte cose che si sentono siano fandonie.
Generalmente gli stipendi sono più alti certo, ma vanno ponderati con il costo della vita effettivo.
Nel settore manifatturiero poi il grosso della produzione mondiale è concentrato nel sud-est asiatico, qualcosa negli Usa e poca roba ormai in Europa.
C'è da dire poi che basarsi unicamente sulle testimonianze dei vari espatriati non abbia senso, nessuno ti dirà mai che si fa un mazzo tanto e riesce a malapena a campare, cosa che si verifica nella maggior parte dei casi. Chiaro che se qui sei disoccupato e non trovi niente allora accetti anche di andare a farti sfruttare all'estero.
Questo senza ombra di dubbio, però so di persone che hanno lasciato l'Italia ed attualmente si trovano bene. Ho visto casi con contratto di lavoro a tempo indeterminato in cui erano assunti da ben 8 anni, hanno lasciato tutto per andare fuori, sicuramente qualcosa di positivo e di veritierò in tutto ciò che si dice ci sarà, altrimenti lasci il tuo paese per stare peggio? A quali condizioni? Ho posto la domanda in questo forum poichè sono ignorante in merito, non mi rendo conto se le mie conoscenze possono essere sfruttate in maniera profittevole fuori dall'Italia. A me l'Australia non è stata consigliata come il paese dei balocchi ma bensì come possibilità di avere un lavoro ben retribuito,ciò in Italia nella maggior parte dei casi non avviene più e spesso si viene assunti con contratti precari e sottopagati. In nessun paese si diventa milionari, ma se posso migliorare la mia condizione di vita perchè no?
 
Ultima modifica:

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#6
Questo senza ombra di dubbio, però so di persone che hanno lasciato l'Italia ed attualmente si trovano bene. Ho visto casi con contratto di lavoro a tempo indeterminato in cui erano assunti da ben 8 anni, hanno lasciato tutto per andare fuori, sicuramente qualcosa di positivo e di veritierò in tutto ciò che si dice ci sarà, altrimenti lasci il tuo paese per stare peggio? A quali condizioni? Ho posto la domanda in questo forum poichè sono ignorante in merito, non mi rendo conto se le mie conoscenze possono essere sfruttate in maniera profittevole fuori dall'Italia. A me l'Australia non è stata consigliata come il paese dei balocchi ma bensì come possibilità di avere un lavoro ben retribuito,ciò in Italia nella maggior parte dei casi non avviene più e spesso si viene assunti con contratti precari e sottopagati. In nessun paese si diventa milionari, ma se posso migliorare la mia condizione di vita perchè no?
Io conosco una persona che aveva il progetto di andare in Australia, ma ha rinunciato per via della legislazione australiana che rende l'immigrazione molto difficile e complicata. Poi considera che la vita non e' fatta solo di lavoro e guadagno, ma anche di relazioni umane e vita extra-lavorativa. Dovresti ragionare su quanto ti mancheranno i tuoi affetti e i tuoi luoghi, nel momento in cui vivrai dall'altra parte del mondo.
 

New Rider

Utente Standard
Professione: Impiegato Tecnico
Software: SWorks17s.p05 / Sworks18s.p03 / DSight / SEdge2019
Regione: Veneto
#7
Ciao,
no capisco perchè andare all'estero quando qui, almeno dalle mie parte, gli uffici tecnici restano scoperti anche più di 1 anno perchè non riescono a trovare personale. Ricevo proposte di colloquio settimanalmente.
Qualcosa non torna......
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#8
Ciao,
no capisco perchè andare all'estero quando qui, almeno dalle mie parte, gli uffici tecnici restano scoperti anche più di 1 anno perchè non riescono a trovare personale. Ricevo proposte di colloquio settimanalmente.
Qualcosa non torna......
Probabilmente si tratta di retribuzioni scarse. Dalle mie parti e' vero che le aziende non trovano personale capace, ma e' anche vero che gli stipendi da U.T. non sono molto allettanti, soprattutto se uno deve mantenere una famiglia.
 

gabdia

Utente registrato
Professione: Disegnatore CAD
Software: CAD 2D-3D-Architectural desktop
Regione: Teramo
#9
Io conosco una persona che aveva il progetto di andare in Australia, ma ha rinunciato per via della legislazione australiana che rende l'immigrazione molto difficile e complicata. Poi considera che la vita non e' fatta solo di lavoro e guadagno, ma anche di relazioni umane e vita extra-lavorativa. Dovresti ragionare su quanto ti mancheranno i tuoi affetti e i tuoi luoghi, nel momento in cui vivrai dall'altra parte del mondo.
Però il tentativo lo farei, mi alletta la proposta di andarmene. Anche il pensiero di cambiare aria, studiare bene una lingua nuova e lasciare tutto mi fa sentire libero.
 

New Rider

Utente Standard
Professione: Impiegato Tecnico
Software: SWorks17s.p05 / Sworks18s.p03 / DSight / SEdge2019
Regione: Veneto
#10
Probabilmente si tratta di retribuzioni scarse. Dalle mie parti e' vero che le aziende non trovano personale capace, ma e' anche vero che gli stipendi da U.T. non sono molto allettanti, soprattutto se uno deve mantenere una famiglia.
Il prezzo lo fà il mercato come ben saprai. Meno c'è ne sono piu si alza il prezzo più c'è ne sono più si abbassa. Ad ogni modo credo che 1500/1600 € possa andare bene.
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#11
... nessuno ti dirà mai che si fa un mazzo tanto e riesce a malapena a campare, cosa che si verifica nella maggior parte dei casi.
Affermazione un po' sopra le righe: che elementi hai per affermare che qualcosa si verifichi "nella maggior parte dei casi"? Conosci personalmente "la maggior parte" di coloro che è andata a lavorare all'estero?

Io ho lavorato e lavoro in molti Paesi diversi, e la differenza fondamentale che ho potuto osservare riguarda la stratificazione dei livelli sociali.

In Italia c'è un totale appiattimento che ha portato ad avere ingegneri preparati neoassunti con stipendi inferiori rispetto a magazzinieri con trentanni di anzianità. In tutti gli altri Paesi nei quali ho rapporti professionali, la retribuzione è fortemente condizionata dal valore effettivo del lavoratore.

In genere, se non sei qualificato vieni pagato per la forza muscolare che riesci a offrire, mentre se la tua preparazione è utile all'azienda per la quale intendi lavorare, vieni pagato per ciò che vali. Se sei laureato in conservazione dei beni culturali o in lettere antiche e pretendi uno stipendio da laureato come fanno molti qui in Italia, è probabile che all'estero farai la fame come qui, forse di più. Se invece sei un ingegnere non solo sulla carta, ma anche di fatto, all'estero avrai molte più soddisfazioni.

Qualcuno ha citato gli Emirati Arabi Uniti (Dubai) dove un operaio di cantiere guadagna mille Euro/mese, un saldatore 1300 Euro/mese e così via. Un DT guadagna 6-8 mila Euro/mese, un dirigente anche più di dieci.

Poi c'è da dire che l'operaio (che di solito è filippino o cingalese) mangia "street-food" a 2 Euro/pasto, mentre se sei un dirigente e vai in un ristorante italiano al Dubai Mall, ci lasci 200 Euro a testa. Stesso discorso per l'alloggio, il vestiario, ecc.

La Cina non è differente: gli operai guadagnano poco, anche se molto più di dieci anni fa, ma non credo qualcuno intenda partire dall'Italia per andare a fare l'operaio in Cina... Un ingegnere cinese (che ha una preparazione ridicola, rispetto a quella di un ingegnere occidentale), guadagna il triplo di un operaio, che rapportato al costo della vita è un importo stratosferico. Un DT o un dirigente possono arricchirsi, ma difficilmente verranno assunti da un'azienda locale.

Discorso diverso per chi va a lavorare all'estero per filiali o consociate di aziende Italiane: spesso si hanno tutti gli svantaggi dell'uno e dell'altro posto. Le retribuzioni sono terreno di trattativa e dipendono dal caso specifico.
 

TAURUS77

Utente Standard
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: ...più vado avanti più li dimentico
Regione: Piemonte
#12
Il prezzo lo fà il mercato come ben saprai. Meno c'è ne sono piu si alza il prezzo più c'è ne sono più si abbassa. Ad ogni modo credo che 1500/1600 € possa andare bene.
Giovani!!!!!...........fate gli ospiti nelle trasmissioni tv, imparate a giocare con la play station in modo professionale, sparate cazzate varie davanti a una telecamera, snobbate la scuola e la cultura, cantate canzoni senza senso.....guadagnerete molto di più dei 1500/1600€ al mese perchè studiare è sudore e fatica.....imparare un cad e il disegno tecnico comporta assumersi responsabilità importanti....ne vale la pena quando il commercio di piante aromatiche rende molto di più???
 

New Rider

Utente Standard
Professione: Impiegato Tecnico
Software: SWorks17s.p05 / Sworks18s.p03 / DSight / SEdge2019
Regione: Veneto
#13
Giovani!!!!!...........fate gli ospiti nelle trasmissioni tv, imparate a giocare con la play station in modo professionale, sparate cazzate varie davanti a una telecamera, snobbate la scuola e la cultura, cantate canzoni senza senso.....guadagnerete molto di più dei 1500/1600€ al mese perchè studiare è sudore e fatica.....imparare un cad e il disegno tecnico comporta assumersi responsabilità importanti....ne vale la pena quando il commercio di piante aromatiche rende molto di più???
La meccanica è passione.
 

gabdia

Utente registrato
Professione: Disegnatore CAD
Software: CAD 2D-3D-Architectural desktop
Regione: Teramo
#14
Quindi ragazzi scusate se vado off topic, i consigli per un giovane che vuol cercare lavoro all'estero? Oltre all'australia cosa consigliate?
 

Onyx68

Utente registrato
Professione: progettista meccanico carpenteria
Software: solid works; solid edge
Regione: Emilia Romagna
#16
Quindi ragazzi scusate se vado off topic, i consigli per un giovane che vuol cercare lavoro all'estero? Oltre all'australia cosa consigliate?
continua a cercare .. ma scegli il siti giusti. Ma anche inviando cv rigorosamente in EN. sia ai HR che direttamente nelle aziende estere. Parlo per esperienza diretta: dopo vari invii mi hanno contattata .. per altri ragioni ho deciso di restare in IT.. ma se non hai famiglia (figli) qui segui il tuo desiderio.
 

TAURUS77

Utente Standard
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: ...più vado avanti più li dimentico
Regione: Piemonte
#17
La meccanica è passione.
La sera quando un impiegato tecnico tornerà casa dalla propria famiglia.....magari la moglie o i figli hanno bisogno di una visita medica importante a pagamento (non di una borsetta o dei giocattoli) risponderà.....la meccanica è passione.....curatevi con questa......
 

New Rider

Utente Standard
Professione: Impiegato Tecnico
Software: SWorks17s.p05 / Sworks18s.p03 / DSight / SEdge2019
Regione: Veneto
#18
La sera quando un impiegato tecnico tornerà casa dalla propria famiglia.....magari la moglie o i figli hanno bisogno di una visita medica importante a pagamento (non di una borsetta o dei giocattoli) risponderà.....la meccanica è passione.....curatevi con questa......
Trovo il commento un pò al limite. Quanto pensi possa durare la cresta dell'onda per uno you tuber? Quanto può durare un cantante Trapper sulla cresta del successo. Sicuramente nell'immediato avrà guadagni stellari ma poi? Quando avrà 50/60 anni cosa avrà a livello di bagaglio personale. Chi lo sa... sicuramente non consiglierei a mio figlio di fare lo you tuber... Anche Freddy Mercury cantava canzoni... per esempio...
 

ale47p

Utente registrato
Professione: reverse/cad/cam
Software: CopyCad/PowerShape/PowerMill/VeriCut
Regione: Veneto
#19
Ciao,
no capisco perchè andare all'estero quando qui, almeno dalle mie parte, gli uffici tecnici restano scoperti anche più di 1 anno perchè non riescono a trovare personale. Ricevo proposte di colloquio settimanalmente.
Qualcosa non torna......
dipende molto dalla professionalità, dalla zona e dal periodo.

io appena dopo il diploma di perito (nel 2002) potevo scegliermi il lavoro, certo non lo stipendio (che cmq non era male).

se stavo a casa dal lavoro oggi, domani iniziavo da un'altra parte. c'erano contratti migliori per chi iniziava, non ci piove.

ce n'era da fare per tutti.
pochi tra quelli che ho visto io si sapevano organizzare, l'unico metodo di organizzazione in veneto era "riempio il capannone di roba da fare e stresso gli uomini per sbagliare al minimo le consegne".
più o meno come stare a chittagong a smontare navi e "smaltire" scorie radioattive.
qualcuno di questi adesso ha chiuso senza capirci niente, e bestemmia contro l'europa, i cinesi o i migranti...

ovviamente adesso che c'è "meno da fare" le cose sono diverse, le aziende sono molto selettive, nel senso che di gente a spasso ce n'è, e vogliono trovare la figura praticamente perfetta per quello che cercano, non tutti hanno i margini per potersi permettere le stesse cose di 15-20 anni fa.

il futuro sono le aziende che si sanno organizzare, gli altri perderanno la sfida e chiuderanno.
idem per chi cerca lavoro: uno,qui, oggi, si deve saper adattare più di ieri. le cose cambiano, bisogna starci dietro
 

TAURUS77

Utente Standard
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: ...più vado avanti più li dimentico
Regione: Piemonte
#20
Trovo il commento un pò al limite. Quanto pensi possa durare la cresta dell'onda per uno you tuber? Quanto può durare un cantante Trapper sulla cresta del successo. Sicuramente nell'immediato avrà guadagni stellari ma poi? Quando avrà 50/60 anni cosa avrà a livello di bagaglio personale. Chi lo sa... sicuramente non consiglierei a mio figlio di fare lo you tuber... Anche Freddy Mercury cantava canzoni... per esempio...
Il commento è volutamente al limite....il mio è un modo provocatorio per far riflettere visto che la categoria è sottopagata per motivi vari ma sottopagata.