Lavorare senza family table

Login

Utente poco attivo
Professione: Progettista
Software: Creo Parametric
Regione: Veneto
#1
Buongiorno a tutti,
attualmente dove lavoro, stiamo iniziando ad avere problemi con le family table. Sono passate varie persone nell'ufficio, ognuno ci ha messo del suo, ed abbiamo parecchie family table che sono diventati degli archivi paralleli mastodontici.
Abbiamo sviluppato dei nuovi componenti di recente, e ci stavamo chiedendo come poter gestire la tipologia del materiale con relativo peso a livello di parte; per quanto riguarda l'assieme, gestire il peso e i vari materiali che andranno poi a creare la BOM senza passare per le family table.
Se avete qualche idea o anche qualche tutorial da consigliare vi sarei grato.
 

320i S

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Catia V6, Creo 3.0, Pro-e (serie Wildfire 3÷5), Solidworks 2016 - 2018
Regione: Friuli Venezia Giulia
#2
Aspetto filosofico: le FT sono un ottimo strumento di Creo, pochi CAD offrono questa possibilità così estesa in tutta affidabilità, l'errore di molti uffici tecnici (specie se composti da più di 3-4 persone) è di trattare le FT come se fossero dei file che vengono presi in mano una volta sola; questo genera le FT enormi, piene di componenti complicati e molto diversi tra loro (anche proprio come tipologia); l'altro errore che a mio avviso si fa, è che quando "esplode la bomba", subito a vietarle nel modo più assoluto.

Aspetto "caddistico": le FT sono utilissime in quei particolari praticamente identici tra loro (es. viterie), dove si possono gestire anche più di 10 colonne, ma sono utili anche in quei particolari meno "distribuiti", dove variano pochissimi aspetti, ma ha senso averli sempre tutti insieme disponibili, per poter scegliere la variante opportuna.

Detto questo a mio avviso, escludere le FT dall' utilizzo giornaliero non ha senso, ha senso piuttosto decidere a livello di ufficio una persona che ci va a mettere mano e a che livello spingersi (numero di colonne), e quale tipologia di matematiche da gestire (ho avuto esperienza pratica nel merito, e ti assicuro che si possono gestire così, qualunque tipo di database).
Da tenere presenti poi gli assiemi di interscambio nel modulo advanced assembly, che davvero permette di creare librerie intercambiabili, come se fosse una FT.
 

DANI-3D

Utente Senior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: PRO-E WF5
Regione: TOSCANA
#3
Ciao ciao
Le FT sono uno strumento potentissimo ed utilissimo, ma prese a piccole dosi. In passato ne ho addirittura abusato, ho gestito le varianti di intere macchine con le FT, all' inizio tutto bene, ma ben presto il tutto è diventato ingestibile, sopratutto le successive modifiche.
Attualmente ne faccio uso, con ottimi risultati, solo per i commerciali: Viteria, cuscinetti, pignoni, calettatori, molle ecc.