Lavorare in maniera più libera, è possibile?

LadaBronto

Utente registrato
Professione: Impiegato
Software: CATIA V5
Regione: Campania
#1
Ad oggi lavoro per una grande azienda (il lavoro che svolgo non è relativo al CAD in alcun modo) e mi chiedevo se esistessero delle alternative al lavoro da ufficio che mi permettano di essere un po' più libero coi miei orari, non parlo per forza del lavoro da casa (ma sarebbe la soluzione migliore). Ho per ora poca esperienza col CAD (sono diplomato da circa un annetto come perito meccanico, principalmente ho esperienza con CATIA V5), giusto quello che ho imparato a scuola e qualcosa in due periodi di prova, dunque so che per ora è improbabile avere un buon contratto, visto che mi manca l'esperienza, vorrei farla però un po' di esperienza se farla vuol dire avere la certezza in futuro di un lavoro un po' più comodo. Esistono contratti che permettano questo tipo di lavoro? Che genere di aziende dovrei cercare e come dovrei specializzarmi? Consigli?
 
Professione: Technical manager - Mechanical engineer 🔩📐
Software: SolidWorks, FreeCAD, Nanocad, Me10, Excel
Regione: Lombardia
#2
Fammi indovino e ti farò ricco.
Impossibile predire ora. Sicuramente se diventi bravo potresti un domani lavorare per un ufficio tecnico esterno e quindi potresti metterti d'accordo di lavorare da casa.
 

Calender

Utente registrato
Professione: Impiegato tecnico
Software: Inventor
Regione: Friuli Venezia Giulia
#3
Il genere di aziende che non trovi in Campania...te lo dico io che ci sono nato cresciuto ed andato via...comunque consoco qualcuno che si e fatto fare il contratto al 70% ma lo pagano al 70% ed e uno di quei casi win-win tra datore e lavoratore...pero è una persona "chiave" per l'azienda e quindi puo anche fare un po quello che vuole (entro certi limiti)
 

Calender

Utente registrato
Professione: Impiegato tecnico
Software: Inventor
Regione: Friuli Venezia Giulia
#4
Comunque nel nostro paese la vedo dura...si e ancora convinti che bisogna lavorare 12 ore al giorno x essere i migliori.. per me non si è capito niente,ma queste sono solo opinioni...secondo me un progettista che lavora da casa lavora meglio da certi punti di vista, perchè non ha quello che entra ogni due e tre in ufficio a chiedere come si avvita la vite o come si preme il pulsante (la maggior parte delle volte per scaricare responsabilità) :D ..però è anche vero che la presenza serve ;) ..quello che ho voluto dire , in maniera un po ironica, è che bisognerebbe lavorare ad obiettivi e non ad ore..
 

LadaBronto

Utente registrato
Professione: Impiegato
Software: CATIA V5
Regione: Campania
#5
Comunque nel nostro paese la vedo dura...si e ancora convinti che bisogna lavorare 12 ore al giorno x essere i migliori.. per me non si è capito niente,ma queste sono solo opinioni...secondo me un progettista che lavora da casa lavora meglio da certi punti di vista, perchè non ha quello che entra ogni due e tre in ufficio a chiedere come si avvita la vite o come si preme il pulsante (la maggior parte delle volte per scaricare responsabilità) :D ..però è anche vero che la presenza serve ;) ..quello che ho voluto dire , in maniera un po ironica, è che bisognerebbe lavorare ad obiettivi e non ad ore..
Sono convintissimo della stessa cosa, purtroppo se i datori di lavoro non ci vengono incontro non resta altro da fare che fare le cose da sé, motivo di questo thread
 

gerod

Moderatore
Staff Forum
Professione: Libero professionista
Software: Solid Edge, SpaceClaim, Ansys Mechanical, e altri ancora
Regione: Veneto
#6
Le possibilità ci sono. Solo che fare il progettista a distanza non è una cosa facile da gestire.
Per esperienza meglio essere in ufficio: si può discutere in tempo reale (pensa se tu puoi gestirti il tempo e se mi serve parlare con te, tu sei a fare la spesa e non se al computer), si possono gestire meglio i disegni (devi avere una bella linea dati per poter lavorare a distanza).
Per piccoli progetti gestiti da una persona può anche andare.
Comunque se intendi lo smart working si può fare ma dipende dal titolare e dal tipo di lavoro che fai.
 

LadaBronto

Utente registrato
Professione: Impiegato
Software: CATIA V5
Regione: Campania
#7
Le possibilità ci sono. Solo che fare il progettista a distanza non è una cosa facile da gestire.
Per esperienza meglio essere in ufficio: si può discutere in tempo reale (pensa se tu puoi gestirti il tempo e se mi serve parlare con te, tu sei a fare la spesa e non se al computer), si possono gestire meglio i disegni (devi avere una bella linea dati per poter lavorare a distanza).
Per piccoli progetti gestiti da una persona può anche andare.
Comunque se intendi lo smart working si può fare ma dipende dal titolare e dal tipo di lavoro che fai.
Sapendo che la mia attuale azienda non può proporre questo genere di contratto che genere di aziende dovrei cercare?
 

stevie

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Solidedge, Cosmos
Regione: Lombardia
#8
Ad oggi lavoro per una grande azienda (il lavoro che svolgo non è relativo al CAD in alcun modo) e mi chiedevo se esistessero delle alternative al lavoro da ufficio che mi permettano di essere un po' più libero coi miei orari, non parlo per forza del lavoro da casa (ma sarebbe la soluzione migliore). Ho per ora poca esperienza col CAD (sono diplomato da circa un annetto come perito meccanico, principalmente ho esperienza con CATIA V5), giusto quello che ho imparato a scuola e qualcosa in due periodi di prova, dunque so che per ora è improbabile avere un buon contratto, visto che mi manca l'esperienza, vorrei farla però un po' di esperienza se farla vuol dire avere la certezza in futuro di un lavoro un po' più comodo. Esistono contratti che permettano questo tipo di lavoro? Che genere di aziende dovrei cercare e come dovrei specializzarmi? Consigli?
In Italia ne dubito, comunque non se sei dipendente.
 

ale47p

Utente registrato
Professione: reverse/cad/cam
Software: CopyCad/PowerShape/PowerMill/VeriCut
Regione: Veneto
#9
così in maniera veloce mi viene in mente il softwarista, o cmq uno che "cura" software.
un lavoro di ufficio tecnico legato all'officina è veramente scomodo da fare lontano dall'officina, purtroppo
 

PIETRO2002

Utente Junior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: INVENTOR
Regione: LOMBARDIA
#10
In base alla mia esperienza lavorativa, il lavoro di progettista deve sempre confrontarsi sul campo, ad occhio e croce su 5 giorni lavorativi mediamente almeno due devono essere passate in sede.
Poi dipende dal progetto, dalla complessita', tempistiche ecc.
Magari all'inizio per la definizione del tutto si devono passare 5 giorni di fila in sede, poi magari per lo sviluppo dello studio si puo' fare tutto da casa.
Ma ogni progetto ed ogni azienda sono una storia a se e non e' facile semplificare.
Comunque se si vuole imparare e' necessario confrontarsi con le diverse realta' aziendali, non si puo' sapere tutto.
Vi e' il tecnico elettronico, l'informatico, l'esperto di saldature, il reparto macchine utensili cnc...e mille altre figure.
Il vero lavoro in team coinvolge tutti se si vuole raggiungere un obiettivo comune.. quindi da casa magari si possono fare i particolari e le messe in tavola...