ISO 6336

Mattymecc

Utente attivo
Professione: studente
Software: Autocad/Inventor
Regione: Emilia Romagna
Sono valori sempre fissi, è semplicemente un elenco di 80 valori, all'interno del quale devo sperare che ci sia un valore che vada bene di theta per ognuna delle infinite combinazioni di caratteristiche del dente che si potrebbero avere...
In effetti sarebbe una cosa da migliorare...
 

Mattymecc

Utente attivo
Professione: studente
Software: Autocad/Inventor
Regione: Emilia Romagna
Stamattina ho fatto altre prove, e mi sono accorto che se aumento il numero di denti, escono valori che si discostano sempre più da quelli del grafico... a cosa può essere dovuto?
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Stamattina ho fatto altre prove, e mi sono accorto che se aumento il numero di denti, escono valori che si discostano sempre più da quelli del grafico... a cosa può essere dovuto?
Son cotto oggi....cervello non connesso. Ma a spanne potrebbe essere qualcosa legato al raggio di fondo o alla curvatura.
Magari no.
 

Mattymecc

Utente attivo
Professione: studente
Software: Autocad/Inventor
Regione: Emilia Romagna
Grazie comunque e buon riposo allora!!! Riguarderò bene le formule del raggio di fondo, ma non penso siano sbagliate...
 

mastraa

Utente poco attivo
Professione: Progettista
Software: SolidWorks, Creo Suite, Maxsurf, Ansys
Regione: Veneto
Buongiorno,

resuscito questa discussione per una domanda in merito al punto 6.4.2 della parte 1 della norma, in particolare il calcolo della velocità di risonanza. Non sono certo del significato di alcuni parametri e non credo siano presenti nella legenda iniziale (o magari li ho persi io...)

m* è la massa ridotta?
J* è il momento polare? posso ricavarlo tranquillamente da CAD giusto? Non mi sembra ci siano formule nella norma


Andrea
 

Mattymecc

Utente attivo
Professione: studente
Software: Autocad/Inventor
Regione: Emilia Romagna
Si, secondo me puoi ricavarli dal CAD ma poi devi dividere per b, la larghezza di fascia dell'ingranaggio. Comunque penso che la norma dia anche alcune formule per i parametri che hai menzionato, ma controllerò meglio domani...
 

mastraa

Utente poco attivo
Professione: Progettista
Software: SolidWorks, Creo Suite, Maxsurf, Ansys
Regione: Veneto
Si, secondo me puoi ricavarli dal CAD ma poi devi dividere per b, la larghezza di fascia dell'ingranaggio. Comunque penso che la norma dia anche alcune formule per i parametri che hai menzionato, ma controllerò meglio domani...
Ok grazie mille, magari se la sfogli puoi vedere anche se indica il modo di calcolare il 'contact ratio' o se devo farlo con un calcolatore esterno? Perchè vedo che lo usa per i parametri Cv1, Cv2 ecc della tabella 4, ma non mi sembra indichi come calcolarlo


Gentilissimo
Andrea
 

mastraa

Utente poco attivo
Professione: Progettista
Software: SolidWorks, Creo Suite, Maxsurf, Ansys
Regione: Veneto
Non indica come calcolarlo in quanto è un parametro dipendente ESCLUSIVAMENTE dalle geometria delle ruote. Esistono formule su libri come il Niemann e l'Henriot.
Hai ragione, non avevo pensato alla traduazione...pardon

Invece J è il momento d'inerzia polare, giusto?
Per calcolare le velocità critiche si usa massa e momento d'inerzia, ma siccome non è specificato chiedo...
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Legenda della ISO 6336-1

J* = moment of inertia per unit face width
J = Jominy hardenability (see ISO 6336-5)

Nella 6.4.2 si parla solo di J*.
Altri simboli possono indicare infinite cose.
Occorre contestualizzare.
 

mastraa

Utente poco attivo
Professione: Progettista
Software: SolidWorks, Creo Suite, Maxsurf, Ansys
Regione: Veneto
Legenda della ISO 6336-1

J* = moment of inertia per unit face width
J = Jominy hardenability (see ISO 6336-5)

Nella 6.4.2 si parla solo di J*.
Altri simboli possono indicare infinite cose.
Occorre contestualizzare.
Certo,

come scritto parlavo di 6.4.2

Grazie
Andrea
 

mastraa

Utente poco attivo
Professione: Progettista
Software: SolidWorks, Creo Suite, Maxsurf, Ansys
Regione: Veneto
Buonasera,

torno a chiedervi una info riguardo alla seguente figura (presente al paragrafo 6.4.8) Cattura.JPG

Non riesco a capire cosa sia quel di...
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Buonasera,

torno a chiedervi una info riguardo alla seguente figura (presente al paragrafo 6.4.8) Visualizza allegato 62986

Non riesco a capire cosa sia quel di...
Si prende un tondo in S275, quello più piccolo e ci si saldano due dischi in S275 cavi avente diametro esterno di. Poi prendi un altro disco o anello e lo saldi. Poi prendi un anello in materiale ad alta qualità e lo fissi per interferenza alla ruota in ferro. Le indicazioni sono abbastanza chiare sul disegno di come è costruita la ruota di grande diametro.
 

PIETRO2002

Utente Junior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: INVENTOR
Regione: LOMBARDIA
Si prende un tondo in S275, quello più piccolo e ci si saldano due dischi in S275 cavi avente diametro esterno di. Poi prendi un altro disco o anello e lo saldi. Poi prendi un anello in materiale ad alta qualità e lo fissi per interferenza alla ruota in ferro. Le indicazioni sono abbastanza chiare sul disegno di come è costruita la ruota di grande diametro.
Mi sto chiedendo come sia possibile fare le due saldature d'angolo interne.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Mi sto chiedendo come sia possibile fare le due saldature d'angolo interne.
Sono due dischi con i fori per alleggerire, quindi entro dai fori a saldare il cordone interno.
Qui ci metti dentro il braccio e la torcia per saldare.
1627935285397.png
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
La tecnica dei materiali composti non viene fatta solo per acciaio da costruzione e acciai legati ma anche quando si devono produrre corone in bronzo con centro in acciaio da costruzione. Le recenti attività sperimentali hanno dimostrato che è possibile colare direttamente il bronzo sull'anima di ferro e tramite appositi risalti, si ottiene la garanzia di trasmissione di coppia. Una volta si imbullonava la corona sull'anima ma era comunque una doppia lavorazione e occorreva spinare per garantire il trascinamento.