Guide lineari a rulli ... interrotte?

IronMike87

Utente standard
Professione: Ufficio Tecnologie
Software: Solidworks 2019
Regione: Lombardia
In azienda stiamo facendo fare manutenzione al nostro centro di lavoro 5 Assi con tavola fissa.
Per il momento non faccio nomi, valuterò in futuro se nominare o meno la marca.
Stiamo parlando comunque di una macchina di buone dimensioni, con corsa X di ca.3000mm, corsa Y ca.800mm, corsa Z ca.800mm, tavola 3500x1000

La macchina, dopo svariati anni di lavoro ed ahimè alcune serie collisioni, aveva bisogno di interventi significativi in diverse aree, quindi ci siamo rimessi completamente al costruttore, a cui abbiamo affidato tutto il lavoro di manutenzione.

Il problema nasce quando ci siamo accorti che sull'asse X le nuove guide lineari a rulli erano composte da 4 pezzi invece che da 2 pezzi, come da progetto originale.
L'asse X ha una lunghezza superiore ai 4m, ed originalmente contava da 2 assi della lunghezza richiesta. Ora invece, il costruttore ci ha inviato 2 guide composte di un tratto >3m + la rimanenza.
Il costruttore sostiene di non adottare più la soluzione "integrale" sui nuovi macchinari, e di non avere a disposizione il ricambio della soluzione monolitica 1+1, e che quindi se vogliamo sostituirlo con un ricambio di sua marca, dobbiamo per forza adattarci alla nuova soluzione 2+2

Tralasciando la poca professionalità del costruttore che non ci ha segnalato la cosa in fase di preventivazione, lasciandocela scoprire all'arrivo dei pezzi di ricambio, con macchina smontata ed intervento già avviato (siamo quindi "obbligati " ad accettare), vorrei una vostra valutazione della soluzione.

Siccome non ho mai avuto esperienza nella progettazione/manutenzione di macchinari del genere, quindi vorrei evitare di autocondizionarmi con idee non supportate da fatti ed esperienza. Magari è una soluzione più che valida ...

Concludo dicendo che a detta del costruttore:
  • Le guide sono state lavorate come pezzo monolitico e poi "tagliate"
  • Non c'è possibilità di montarle disaccoppiate: nel senso che, nominati i quattro pezzi 1A, 2A, 1B, 2B, non c'è possibilità di montare assieme 1A e 2B
    Io davo per scontata questa cosa, il fatto che me l'abbiano specificata, mi fa però pensare che non lo sia, e che quindi altri costruttori adottino questa soluzione
  • Le guide vengono montate a senso inverso: corta-lunga da un lato, lunga-corta dall'altro

A voi la parola
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
Non ho esperienza di macchine utensili, ma per le altre classi di macchine e' prassi comune il giuntare spezzoni di rotaia quando le lunghezze da raggiungere sono notevoli. Si fa esattamente come descritto: si ordina la guida lunga tutti i metri che servono come codice unico, poi' e' il fornitore a suddividerla in sezioni da accoppiare come ti hanno detto.
 

New Rider

Utente Standard
Professione: Impiegato Tecnico
Software: SWorks17s.p05 / Sworks18s.p03 / DSight / SEdge20 / AutoCadLt / ProgeCAD
Regione: Veneto
In azienda stiamo facendo fare manutenzione al nostro centro di lavoro 5 Assi con tavola fissa.
Per il momento non faccio nomi, valuterò in futuro se nominare o meno la marca.
Stiamo parlando comunque di una macchina di buone dimensioni, con corsa X di ca.3000mm, corsa Y ca.800mm, corsa Z ca.800mm, tavola 3500x1000

La macchina, dopo svariati anni di lavoro ed ahimè alcune serie collisioni, aveva bisogno di interventi significativi in diverse aree, quindi ci siamo rimessi completamente al costruttore, a cui abbiamo affidato tutto il lavoro di manutenzione.

Il problema nasce quando ci siamo accorti che sull'asse X le nuove guide lineari a rulli erano composte da 4 pezzi invece che da 2 pezzi, come da progetto originale.
L'asse X ha una lunghezza superiore ai 4m, ed originalmente contava da 2 assi della lunghezza richiesta. Ora invece, il costruttore ci ha inviato 2 guide composte di un tratto >3m + la rimanenza.
Il costruttore sostiene di non adottare più la soluzione "integrale" sui nuovi macchinari, e di non avere a disposizione il ricambio della soluzione monolitica 1+1, e che quindi se vogliamo sostituirlo con un ricambio di sua marca, dobbiamo per forza adattarci alla nuova soluzione 2+2

Tralasciando la poca professionalità del costruttore che non ci ha segnalato la cosa in fase di preventivazione, lasciandocela scoprire all'arrivo dei pezzi di ricambio, con macchina smontata ed intervento già avviato (siamo quindi "obbligati " ad accettare), vorrei una vostra valutazione della soluzione.

Siccome non ho mai avuto esperienza nella progettazione/manutenzione di macchinari del genere, quindi vorrei evitare di autocondizionarmi con idee non supportate da fatti ed esperienza. Magari è una soluzione più che valida ...

Concludo dicendo che a detta del costruttore:
  • Le guide sono state lavorate come pezzo monolitico e poi "tagliate"
  • Non c'è possibilità di montarle disaccoppiate: nel senso che, nominati i quattro pezzi 1A, 2A, 1B, 2B, non c'è possibilità di montare assieme 1A e 2B
    Io davo per scontata questa cosa, il fatto che me l'abbiano specificata, mi fa però pensare che non lo sia, e che quindi altri costruttori adottino questa soluzione
  • Le guide vengono montate a senso inverso: corta-lunga da un lato, lunga-corta dall'altro

A voi la parola

Ciao,

generalmente le guide vengono fornite in formati di lunghezza 3000/4000/6000mm dipende dal fornitore.
Se devi coprire lunghezze '' fuori standard'' si possono giuntare più guide. Ovviamente questo si dovrà tenere conto in fase di acquisto in modo tale che il produttore possa fornirle in maniera adeguata. Vengono rettificati i due piani laterali e di conseguenza gli spezzoni vengono bollinati in modo da fare combaciare i piani....
Come vengono montate nel tuo caso le slitte? Di che grandezze stiamo parlando?

Ciao
 

PIETRO2002

Utente Junior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: INVENTOR
Regione: LOMBARDIA
Anche a me e' capitato di ordinare guide in piu' spezzoni, l'importante e' definire la cosa in fase d'ordine, in modo tale che il costruttore lavori le parti da giuntare in modo adeguato.
 

Gioan

Utente Junior
Professione: Progettazione
Software: SolidE
Regione: Lombardia
Ti posso dire a mia esperienza che sulla precisione (rettilineità, rollio, ecc..ecc..) si possono tranquillamente giuntare, se le cose sono fatte bene ed utilizzate componenti di alta qualità non si evidenzierà nessun salto (anche con controllo con comparatore centesimale) e nessuna penalizzazione sulla precisione dell'asse. L'importante, per mantenere le corrette rigidità ed il comportamento perfettamente simmetrico è che siano montate sflasate tra i due lati.
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
Confermo: ho visto più di una macchina con soluzioni simili a quella descritta.

Formalmente, la rotaia non è un elemento rigido: sono i piani di appoggio che determinano la sua geometria macroscopica. Per la geometria locale (lo spessore, per esempio) è il fornitore che assicura la compatibilità, fornendo gli spezzoni accoppiati.
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
Se è il costruttore stesso a fare la revisione dovrà anche garantire il lavoro.
Non vedo perchè farsi dei problemi sulle scelte tecniche adottate.
Se la macchina funzionerà male il costruttore dovrà intervenire e risolvere.
 

Kakisan

Utente Standard
Professione: Progettista meccanico
Software: SDW2018
Regione: Veneto - Vicenza
Ciao,
io lavoro nel settore della grande macchina utensile e ti posso confermare che ormai non ci sono più problemi nel giuntare le guide a ricircolo.
Tutti i produttori si sono attrezzati per intestare opportunamente le guide, in modo che sia garantita la geometria e il corretto funzionamento.
Se per di più la macchina su cui state facendo revisione è ancora in produzione, ci sono buone probabilità che la nuova soluzione sia già stata testata.
Come detto in qualche risposta precedente, le rigidezza della macchina è influenzata dalla zona di contatto sfere/rulli - guida, ma la guida stessa non contribuisce in modo evidente alla rigidezza totale della macchina.
C'è peò da fare particolare attenzione al corretto accoppiamento delle guide in fase di montaggio.
 

IronMike87

Utente standard
Professione: Ufficio Tecnologie
Software: Solidworks 2019
Regione: Lombardia
Scusatemi per la scarsa partecipazione ma è stata una settimana davvero piena.
Ringrazio tutti per gli interventi

Se è il costruttore stesso a fare la revisione dovrà anche garantire il lavoro.
Non vedo perchè farsi dei problemi sulle scelte tecniche adottate.
Se la macchina funzionerà male il costruttore dovrà intervenire e risolvere.
In linea di principio sono perfettamente d'accordo con te.
Di contro c'è da dire che il costruttore ci ha fatto e ci sta facendo penare con questo intervento.
Pezzi ricambio sbagliati e fermo macchina prolungato senza che il manutentore stesse lavorando, perché appunto in attesa dei giusti componenti, non hanno contribuito a sanare un ambiente un po' pesante.

Per dire: le guide dell'asse Z prima sono arrivate del modello sbagliato. Successivamente sono arrivate con 4 carrelli invece dei 6 presenti nella soluzione originale. Abbiamo dovuto contattare i tecnici ed aspettare quasi un'intera giornata per avere conferma che queste ultime fossero applicabili sulla nostra macchina.

Qualche dubbio (anche più di qualche :rolleyes:) ce l'hanno fatto venire

Ciao,
io lavoro nel settore della grande macchina utensile e ti posso confermare che ormai non ci sono più problemi nel giuntare le guide a ricircolo.
Tutti i produttori si sono attrezzati per intestare opportunamente le guide, in modo che sia garantita la geometria e il corretto funzionamento.
Se per di più la macchina su cui state facendo revisione è ancora in produzione, ci sono buone probabilità che la nuova soluzione sia già stata testata.
Come detto in qualche risposta precedente, le rigidezza della macchina è influenzata dalla zona di contatto sfere/rulli - guida, ma la guida stessa non contribuisce in modo evidente alla rigidezza totale della macchina.
C'è peò da fare particolare attenzione al corretto accoppiamento delle guide in fase di montaggio.
Il mio dubbio era dovuto appunto all'inesperienza con soluzione del genere, e per questo motivo ho sospeso il mio giudizio.

Il dubbio risiedeva principalmente nella modalità di realizzazione delle guide. Non era stato infatti chiarito che la guida viene lavorata "intera", e solo successivamente tagliata (ad acqua? se qualcuno sa esattamente il ciclo produttivo sarei veramente curioso di sentire i vari step), quindi immagino rettificata sui 2 piani di contatto che poi si accoppieranno.
Pensavo potessero essere degli elementi disgiunti, quindi con un reale gioco, seppure minimo, lungo i piani di funzionamento dei carrelli. E che quindi durante il ciclo di lavoro della macchina potessero andare ad usurarsi in maniera anomala. Contando che è un macchinario critico in grado di fare lavorazioni che altrimenti non abbiamo modo di eseguire, volevo capire esattamente come funzionassero.

Va detto che una volta montate, senza sapere che sono 2 guide giuntate, ad occhio nudo risulta quasi impossibile notarlo, ed anche con con strumenti di misura il "salto" in corrispondenza del piano di accoppiamento è veramente trascurabile (siamo nell'ordine dei micron)
 

Kakisan

Utente Standard
Professione: Progettista meccanico
Software: SDW2018
Regione: Veneto - Vicenza
Ciao,
le guide vengono lavorate lunghe 6m (mi sembra) e successivamente tagliate (ma non penso ad acqua) e poi intestate di rettifica.Un'azienda con cui collaboro realizza macchina con 30m metri di corsa, quindi 33m o 34m di guide, senza avere alcun problema.
Ma so di macchine con corse ancora più lunghe.