FreeCAD eliminerà nel giro di qualche anno l'impero dei cad 3d parametrici a pagamento?

Piero rodofil

Utente poco attivo
Professione: impiemgato
Software: solidworks
Regione: italia
Sono rimasto piacevolmente sorpreso da FreeCAD il cad 3d parametrico free per la meccanica (e non solo). Nella sua ultima versione 0.18 nelle funzioni classiche di modellazione è ormai paragonabile ai vari SolidWorks Inventor SolidEdge e a quanto mi risulta nella futura versione 0.19 stanno lavorando al miglioramento della messa in tavola (Techdraw). E' in continuo sviluppo su una rete mondiale e credo possa nel giro di qualche anno mettere in crisi i blasonati cad a pagamento. cosa ne pensate?
 

marcok625

Utente poco attivo
Professione: Progettista meccanico Automazione
Software: Creo Elements/Direct modeling 19
Regione: Lombardia
Ciao, giusto ieri ho scaricato la versione portable di FreeCAD e ne sono rimasto colpito positivamente.
Non credo però che nel giro di qualche anno cambierà qualcosa dalla situazione attuale.
La vedo più come un programma per aziende piccole nate da poco (start-up) dove i giovani iniziano a progettare con FreeCAD e poi se le cose gli andranno bene e si allargheranno, manterranno il CAD. Magari si tra qualche decina di anni anche le altre aziende più grosse, vedendo che le software house gli imporranno solo licenze in subscription, come qualche casa ha già iniziato a fare, allora cercheranno qualcosa d'altro, ma non è facile cambiare e lo sanno bene. (Attuale mio pensiero personale)
 

ale47p

Utente attivo
Professione: reverse/cad/cam
Software: CopyCad/PowerShape/PowerMill/VeriCut
Regione: Veneto
ha ancora diverse lacune, ma stanno implementando anche altra roba (modulo reverse per esempio)
la cosa bella è che è opensource, quindi il risultato dipende solo dalla voglia e la possibilità di sbattersi
imho cmq non sostituirà quelli a pagamento, c'è gente che appena sente la parola "free" si mette a ridere :censored:
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Io sto seguendo FreeCAD dalla versione 0,16 e ogni anno questo programma cresce.
Allo stato attuale con la versione 0,19 developer abbiamo quasi tutti gli strumenti stabili, un buon Fem adatto alle situazioni semplici di strutture e particolari. Modellazione buona, magari con qualche macro si riesce ad essere maggiormente produttivi, la messa in tavola è in evoluzione perché per ora è il modulo più carente, un modulo assieme scarno che può essere sostituito dal workbench esterno a2plus che funziona a dovere.
Per ora non sta ancora dando filo da torcere ai cad a pagamento però nei prossimi anni potrebbe essere una buona alternativa per chi inizia a lavorare senza investire denaro nel cad.
C'è una cosa importante che ha di diverso dagli altri Cad: FreeCAD è implementabile in qualsiasi ambiente di programmazione, uno che fa per esempio visualizzatori per CNC può implementare il visualizzatore solido di FreeCAD senza spendere un soldo.
 

GiCor

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Inventor; FEM vari; Python
Regione: Puglia
A scopo personale o come muletto di prototipazione e’ piu’ che dignitoso, come strumento professionale col quale eseguire una committenza e’ ancora acerbo. Lo sforzo professionalizzante delle ultimissime versioni e’ evidente, ma senza un partner solido alle spalle che lo ingegnerizzi a regola d’arte, temo che non riuscira’ mai a divenire standard come i vari Code Aster e Code Saturne di EDF.
 

ian3d

Utente Junior
Professione: Progettista
Software: Pro-e Autocad SolidEdge
Regione: Lombardia
Mi allaccio a questa discussione in quanto anche io ho iniziato ad utilizzare FreeCad.
In prima battuta lo trovo molto pratico ed intuitivo per quanto riguarda la modellazione delle parti; un po' meno nella messa in tavola e costruzioni di assieme, anche se in linea di massima si tratta il più delle volte di prendere familiarità con i comandi e le impostazioni.

In ambiente assieme (utilizzo il modulo A2plus V0.4.47) trovo abbia margini di miglioramento; in particolare mi succede che i vincoli falliscono spesso se modifico qualche cosa sulle facce prese come riferimento (aggiungendo un foro per esempio). A mio avviso e per quanto ho imparato, manca la possibilità di vincolare i componenti utilizzando i piani o gli assi di riferimento. Ho ovviato a questo limite inserendo le parti in assieme e definendo la loro posizione attraverso le coordinate assolute.