Flangia bullonata

mir

Utente Standard
Professione: progettista inox
Software: autocad / inventor
Regione: trentino
#1
Domanda veloce: ho una flangia con 3 bulloni che lavora a taglio.
il carico è 1000 N .... io devo verificare il taglio sul bullone a 1000/3 ... giusto?

grazie
mir
 

PiE81

Utente poco attivo
Professione: Ufficio tecnico
Software: Autocad, Catia V5, Solidworks, Kissoft
Regione: Campania
#3
Il carico dove agisce? Eccentrico rispetto al baricentro dei bulloni? Agisce sullo stesso piano dei bulloni o no?
 

PiE81

Utente poco attivo
Professione: Ufficio tecnico
Software: Autocad, Catia V5, Solidworks, Kissoft
Regione: Campania
#5
Ok, ma se non sai il punto di applicazione del carico e la distribuzione dei bulloni e rispettivo baricentro, direi che la tua risposta è molto meno che approssimata.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#7
Se il carico é verticale si ripartisce equamente. Se all'estremo il taglio é triangolare o comunque a scalare. Dipende da direzione e sistema di reazione. Io le farei lavorare per attrito.
Io vedo viti mordenti e piastre. Di bulloni non ce ne sono in foto.
 

mir

Utente Standard
Professione: progettista inox
Software: autocad / inventor
Regione: trentino
#8
Se il carico é verticale si ripartisce equamente. Se all'estremo il taglio é triangolare o comunque a scalare. Dipende da direzione e sistema di reazione. Io le farei lavorare per attrito.
Io vedo viti mordenti e piastre. Di bulloni non ce ne sono in foto.
verticale ... ed hai ragione sono viti mordenti non bulloni .... faccio male a considerarli bulloni?
 

zeigs

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Solid Edge
Regione: Emilia-Romagna
#9
nel caso particolare che siano viti mordenti o bulloni cambia poco: in entrambi i casi non lavorano a taglio, ma una volta strette creano la forza di attrito che tiene ferma la piastra verticale. dal primo momento che non viene superato l'attrito tra le facce il loro dimensionamento si riduce alla verifica che non si snervino stringendole alla coppia necessaria.
quello che cambia passando da vite mordente a bullone è che con la prima è il caso di verificare la profondità di filetto mordente, cosa ceh con il bullone non serve (se vite e dado sono della stessa classe)
se la forza è solo verticale e non ci sono coppie in gioco, io dividerei il carico per le viti, attraverso il coefficiente di attrito calcolo la forza che devono generare, applico un coefficiente di sicurezza, e da quanto ottengo scelgo vite e coppia di serraggio
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#10
Inoltre va usato eurocodice 3 UNI EN ISO 1993-1-8 per la verifica della bullonatura.
Bullone = dado più vite.....hai la verifica a rifollamento o punzonatura da fare su due lati.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#11
Secondo la norma sopra citata ISO 1993-1-8 il tipo di collegamento é ad attrito, categoria B e famiglia di viti resistenti a taglio precaricate in classe 8.8-10.9
Pertanto occorre verificare:
1) Fv,Ed,ser ≤ Fs,Ed,ser verifica collegamento ad attrito
2) Fv,Ed ≤ Fv,Rd verifica a taglio della vite
3) Fv,Ed ≤ Fb,Rd verifica rifollamento materiale strutturale.

Attenzione: le viti che si usano per tenere assieme piastre per attrito hanno comunque la componente di taglio che va verificata, anche se non lavorano direttamente o in modo puro a taglio. Le norme lo hanno sempre prescritto, dalla ex CNR 10011 alla ISO 1993-1-8.