firme progetti

Tristus

Utente registrato
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
#21
E' sempre meglio prevenire il furto di idee da parte di colleghi di ufficio parlando della nostra idea col capo. Cosi' la primogenitura dell'idea è chiara a tutti sin dall'inizio. Litigare non è il caso, pero' si puo' sempre fare una chiacchierata col "ladro" facendogli capire che su quel progetto avrebbe dovuto esserci la mia firma e non la sua.
Non credo che in questo caso si si possa rivalere legalmente, la proprietà intellettuale ha dei paletti delimitatori. Ad ogni modo bisognerebbe conoscere piu' particolari della vicenda per giudicare meglio.
 

Onyx68

Utente registrato
Professione: progettista meccanico carpenteria
Software: solid works; solid edge
Regione: Emilia Romagna
#22
Io credo che in questa fase della disputa, che presumo sia iniziale, pensare di fare causa credo sia la cosa più sbagliata in assoluto. Non posso pensare che un titolare non sappia quello che avviene all'interno di un suo ufficio e comunque ciò non pregiudica il fatto che devi rivolgerti a lui prima di ogni altra cosa. Se non è a conoscenza lo rendi conoscente di quello che avviene fra il suo personale.
Mentre scrivevo è arrivata anche la risposta di exxon che condivido in toto.
gia fatto.. non e interessato...
 

Onyx68

Utente registrato
Professione: progettista meccanico carpenteria
Software: solid works; solid edge
Regione: Emilia Romagna
#23
E' sempre meglio prevenire il furto di idee da parte di colleghi di ufficio parlando della nostra idea col capo. Cosi' la primogenitura dell'idea è chiara a tutti sin dall'inizio. Litigare non è il caso, pero' si puo' sempre fare una chiacchierata col "ladro" facendogli capire che su quel progetto avrebbe dovuto esserci la mia firma e non la sua.
Non credo che in questo caso si si possa rivalere legalmente, la proprietà intellettuale ha dei paletti delimitatori. Ad ogni modo bisognerebbe conoscere piu' particolari della vicenda per giudicare meglio.
gia fatto... sostiene che non avevo inserito la mia firma .. e siccome mancava ha inserito la sua in occasione di una revisione.
 
Ultima modifica:

Onyx68

Utente registrato
Professione: progettista meccanico carpenteria
Software: solid works; solid edge
Regione: Emilia Romagna
#24
Ti è già stato chiesto e non hai risposto: sei dipendente? Supponiamo di sì, visto che citi "il titolare".

Perché, se sei dipendente, nulla è "tuo" di ciò che sviluppi all'interno dell'azienda per quale lavori: tutto appartiene all'azienda. Anche nel caso tu inventassi il moto perpetuo, l'unico diritto che avresti sarebbe quello "morale", ma tutti gli altri sarebbero in capo a chi ti ha assunto.

Detto questo, anche se tu volessi, non potresti intentare causa a nessuno, dato che ti sarebbe stato sottratto qualcosa che non ti appartiene. Sarebbe un po' come se tu andassi dai Carabinieri a denunciare il furto della matita che ti è stata sottratta dalla scrivania dal collega dell'ufficio di fronte. La matita non è tua, non puoi farlo.

Giusto per chiarire, il "Foro competente" non c'entra nulla: quello è stabilito per territorialità, basandosi su dove l'eventuale fatto, verso il quale si intraprende un'azione legale, ha avuto luogo.

Ciò che penso tu stia cercando è probabilmente qualcosa che ha a che vedere con il diritto d'autore. Ci sono sezioni specializzate dei tribunali nelle sedi di Corte d'Appello, che si occupano di queste cause. Nel tuo caso, ripeto, non hai i titoli per intentare alcunché.

Forse non te lo ha ancora chiesto nessuno, ma perché non sei andato dall'usurpatore a dirgli... Beh???
d'accordo che tutto appartiene alla azienda. quindi allora perché non e stato lasciato senza firma il progetto?... ok il fatto che non parliamo di brevetti ma anche un semplice progetto-lavoro e giusto che ognuno risponda nel bene o nel male del suo operato. Dato che il collega ha il vizio di dialogare a nome mio con operatori o commerciale o cliente ... il suo intento e di rilasciare il documento con un "ritorno" cioe a lui.. escludendomi tecnicamente di fronte al cliente... quindi spaccia il mio lavoro come fosse suo.... tutto qui.. torov comunque un comportamento ripugnante (estrema bassezza )
 

Onyx68

Utente registrato
Professione: progettista meccanico carpenteria
Software: solid works; solid edge
Regione: Emilia Romagna
#25
Ti è già stato chiesto e non hai risposto: sei dipendente? Supponiamo di sì, visto che citi "il titolare".

Perché, se sei dipendente, nulla è "tuo" di ciò che sviluppi all'interno dell'azienda per quale lavori: tutto appartiene all'azienda. Anche nel caso tu inventassi il moto perpetuo, l'unico diritto che avresti sarebbe quello "morale", ma tutti gli altri sarebbero in capo a chi ti ha assunto.

Detto questo, anche se tu volessi, non potresti intentare causa a nessuno, dato che ti sarebbe stato sottratto qualcosa che non ti appartiene. Sarebbe un po' come se tu andassi dai Carabinieri a denunciare il furto della matita che ti è stata sottratta dalla scrivania dal collega dell'ufficio di fronte. La matita non è tua, non puoi farlo.

Giusto per chiarire, il "Foro competente" non c'entra nulla: quello è stabilito per territorialità, basandosi su dove l'eventuale fatto, verso il quale si intraprende un'azione legale, ha avuto luogo.

Ciò che penso tu stia cercando è probabilmente qualcosa che ha a che vedere con il diritto d'autore. Ci sono sezioni specializzate dei tribunali nelle sedi di Corte d'Appello, che si occupano di queste cause. Nel tuo caso, ripeto, non hai i titoli per intentare alcunché.

Forse non te lo ha ancora chiesto nessuno, ma perché non sei andato dall'usurpatore a dirgli... Beh???
si dipendente.. ho risposto dopo...
 

Tristus

Utente registrato
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
#26
Perché, se sei dipendente, nulla è "tuo" di ciò che sviluppi all'interno dell'azienda per quale lavori: tutto appartiene all'azienda.
Vero, non sempre ci si puo' appellare alla proprietà intellettuale. Credo che Onyx68 possa fare ben poco dal punto di vista penale, probabilmente non si otterrebbe granchè nemmeno appellandosi ad un qualche codice deontologico. D'altronde le carognate sono ancor piu' carognate quando ti lasciano senza armi per difenderti. Non avrei piu' scrupoli nei confronti di quel tipo, se vi fosse l'occasione di ripagarlo con la stessa moneta.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#27
L'unica cosa è dare le dimissioni....forse se al tuo capo interessi ci pensa, altrimenti ti sei liberato da due c....i.
 
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#28
d'accordo che tutto appartiene alla azienda. quindi allora perché non e stato lasciato senza firma il progetto?... ok il fatto che non parliamo di brevetti ma anche un semplice progetto-lavoro e giusto che ognuno risponda nel bene o nel male del suo operato. Dato che il collega ha il vizio di dialogare a nome mio con operatori o commerciale o cliente ... il suo intento e di rilasciare il documento con un "ritorno" cioe a lui.. escludendomi tecnicamente di fronte al cliente... quindi spaccia il mio lavoro come fosse suo.... tutto qui.. torov comunque un comportamento ripugnante (estrema bassezza )
Purtroppo questi comportamenti non sono infrequenti. Io in passato, in una situazione simile, mi sono "difeso" mollando completamente il lavoro e le sue problematiche nelle mani di quel personaggio simile al tuo. Quando si è arrivati al punto in cui questo non ci levava i piedi, come si dice dalle mie parti, il titolare è venuto da me chiedendomi di risolvere la situazione.
Al che ho imposto una condizione, che mi fosse tolto dai c.....i il personaggio, da quel giorno in avanti.
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#29
E... un sano "chissenefrega"?

Hai fatto il tuo lavoro, l'hai fatto bene, sei stato pagato... serve proprio quel "riconoscimento ufficiale"?

Tanti anni fa, avevo sviluppato una soluzione tecnica per risolvere un problema su un'attrezzatura che utilizzavamo in azienda. Ne avevo parlato con un collega, e lui si era dimostrato entusiasta per l'idea "innovativa". Molti anni dopo, quando io non collaboravo più con quell'azienda, sfogliando una rivista tecnica del settore, trovo un articolo dal titolo "Dispositivo Tizio: come ti risolvo brillantemente il problema". Tizio è il nome di quel collega. Nell'articolo c'erano le sue foto con lui che illustrava la "sua" idea (utilizzando lo stesso prototipo che avevo costruito io...). Mi sono fatto una risata. Neanche a farlo apposta, pochi giorni dopo lo incontro per caso in una fiera, lo saluto, e gli dico: "Grande idea il dispositivo Tizio! Un'idea originale che ti rende onore!". Il colore della sua faccia davanti al mio sorriso è stata una soddisfazione ben più grande di qualsiasi riconoscimento ufficiale sulla paternità di quell'idea...
 
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#30
Se invece il tizio, mentre lavoravate ancora nella stessa azienda, si fosse preso un aumento di stipendio grazie al fatto che aveva "inventato" quel dispositivo avresti avuto lo stesso atteggiamento?
Perchè spesso questi personaggi agiscono in quel modo perchè, non avendo qualità vogliono mettersi in mostra ed avere poi un tornaconto personale.
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#31
Non sarei di certo venuto fuori con qualcosa del tipo "L'ho fatto io, quei soldi spettano a me!".

E' una questione di convenienza personale: rivendicare (in quel modo) la paternità di qualcosa, crea più svantaggi che benefici. Non intendo dire che sia una cosa ben fatta o che debba essere accettata, ma che combatterla a muso duro, crea più danno che beneficio.

Più di una volta ho attivato delle cause per questioni legate alla proprietà intellettuale: una volta per un mio brevetto copiato dalla concorrenza, un'altra per la sottrazione di un progetto da parte di un dipendente infedele. In quei casi i fatti erano circostanziati e avrebbero potuto creare ingenti danni per lunghi periodi. Alzare la voce perché un collega ha avuto un aumento di stipendio con un'idea sottratta al legittimo proprietario serve solo a peggiorare la cosa.

Spesso è più conveniente fare buon viso a cattivo gioco.
 
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#32
Che è diverso dal dire chissenefrega.
Comunque si può capire la frustrazione di Onyx68 che si trova in questa situazione.
 

Onyx68

Utente registrato
Professione: progettista meccanico carpenteria
Software: solid works; solid edge
Regione: Emilia Romagna
#33
Purtroppo questi comportamenti non sono infrequenti. Io in passato, in una situazione simile, mi sono "difeso" mollando completamente il lavoro e le sue problematiche nelle mani di quel personaggio simile al tuo. Quando si è arrivati al punto in cui questo non ci levava i piedi, come si dice dalle mie parti, il titolare è venuto da me chiedendomi di risolvere la situazione.
Al che ho imposto una condizione, che mi fosse tolto dai c.....i il personaggio, da quel giorno in avanti.
In ogni caso ho una risposta dalla regione, che lo condivido con voi:
"
Salve, recentemente un collega pur non progettista si è impossessato del mio progetto firmandosi come autore ed inviandolo al cliente per benestare. Specifico che non e stato autorizzato a cambiare l.autore del progetto. Come posso tutelarmi?
Inviato Giovedì - 11 Aprile 2019
Risposta
Un progetto può godere della tutela del diritto d'autore. E' necessario tuttavia che il progetto costituisca una soluzione originale di problemi tecnici, ovvero siano presenti elementi di novità da un punto di vista tecnico-formale. Secondo l'art. 99 della legge sul diritto d'autore "all'autore di progetti di lavori di ingegneria, o di altri lavori analoghi, che costituiscano soluzioni originali di problemi tecnici, compete, oltre al diritto esclusivo di riproduzione dei piani e disegni dei progetti medesimi, il diritto ad un equo compenso a carico di coloro che realizzino il progetto tecnico a scopo di lucro senza il suo consenso." L'attribuzione della paternità del progetto rileva sotto il profilo dei diritti morali d'autore che consistono nel diritto (personale, inalienabile ed imprescrittibile) a vedere riconosciuta la paternità dell’opera, alla prima pubblicazione ed inedito, alla modifica dell’opera, all'opposizione a modifiche apposte da altri e al ritiro dell’opera che potrà fare valere ai sensi della normativa contenuta nella legge sul diritto d'autore (l. L. 22 aprile 1941, n. 633)"

nello specifico deciderò con un legale se procedo o cambio il posto di lavoro... (forse la seconda.. ) ringrazio per la Vs attenzione.
 

Onyx68

Utente registrato
Professione: progettista meccanico carpenteria
Software: solid works; solid edge
Regione: Emilia Romagna
#34
Se invece il tizio, mentre lavoravate ancora nella stessa azienda, si fosse preso un aumento di stipendio grazie al fatto che aveva "inventato" quel dispositivo avresti avuto lo stesso atteggiamento?
Perchè spesso questi personaggi agiscono in quel modo perchè, non avendo qualità vogliono mettersi in mostra ed avere poi un tornaconto personale.
esatto questo aspetto .. e non solo... considerazioni e valutazioni da parte del cliente.. e ripetto il tipo e solo un manualista...
 
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#35
In ogni caso ho una risposta dalla regione, che lo condivido con voi:
"
Salve, recentemente un collega pur non progettista si è impossessato del mio progetto firmandosi come autore ed inviandolo al cliente per benestare. Specifico che non e stato autorizzato a cambiare l.autore del progetto. Come posso tutelarmi?
Inviato Giovedì - 11 Aprile 2019
Risposta
Un progetto può godere della tutela del diritto d'autore. E' necessario tuttavia che il progetto costituisca una soluzione originale di problemi tecnici, ovvero siano presenti elementi di novità da un punto di vista tecnico-formale. Secondo l'art. 99 della legge sul diritto d'autore "all'autore di progetti di lavori di ingegneria, o di altri lavori analoghi, che costituiscano soluzioni originali di problemi tecnici, compete, oltre al diritto esclusivo di riproduzione dei piani e disegni dei progetti medesimi, il diritto ad un equo compenso a carico di coloro che realizzino il progetto tecnico a scopo di lucro senza il suo consenso." L'attribuzione della paternità del progetto rileva sotto il profilo dei diritti morali d'autore che consistono nel diritto (personale, inalienabile ed imprescrittibile) a vedere riconosciuta la paternità dell’opera, alla prima pubblicazione ed inedito, alla modifica dell’opera, all'opposizione a modifiche apposte da altri e al ritiro dell’opera che potrà fare valere ai sensi della normativa contenuta nella legge sul diritto d'autore (l. L. 22 aprile 1941, n. 633)"

nello specifico deciderò con un legale se procedo o cambio il posto di lavoro... (forse la seconda.. ) ringrazio per la Vs attenzione.
Non conosco il progetto, credo però che la frase "presenti elementi di novità da un punto di vista tecnico-formale" complichi un bel po le cose.
 

Onyx68

Utente registrato
Professione: progettista meccanico carpenteria
Software: solid works; solid edge
Regione: Emilia Romagna
#36
Non sarei di certo venuto fuori con qualcosa del tipo "L'ho fatto io, quei soldi spettano a me!".

E' una questione di convenienza personale: rivendicare (in quel modo) la paternità di qualcosa, crea più svantaggi che benefici. Non intendo dire che sia una cosa ben fatta o che debba essere accettata, ma che combatterla a muso duro, crea più danno che beneficio.

Più di una volta ho attivato delle cause per questioni legate alla proprietà intellettuale: una volta per un mio brevetto copiato dalla concorrenza, un'altra per la sottrazione di un progetto da parte di un dipendente infedele. In quei casi i fatti erano circostanziati e avrebbero potuto creare ingenti danni per lunghi periodi. Alzare la voce perché un collega ha avuto un aumento di stipendio con un'idea sottratta al legittimo proprietario serve solo a peggiorare la cosa.

Spesso è più conveniente fare buon viso a cattivo gioco.
ringrazio della risposta.
capisco che ci sono anche problemi più complessi del mio ma non è un ragionamento da seguire. Anzi forse il mio e un esempio poco tutelato... e pochi esperti in materia. Se tutti procediamo cosi diventa un far- west .. (ben diversa dalle brevettazioni , sè correttamente registrate hai un margine di tutela... )
 

Onyx68

Utente registrato
Professione: progettista meccanico carpenteria
Software: solid works; solid edge
Regione: Emilia Romagna
#37
Non conosco il progetto, credo però che la frase "presenti elementi di novità da un punto di vista tecnico-formale" complichi un bel po le cose.
si potrebbe ma ci sono dettagli... ed interpretazioni ... in ogni caso prediligo la scelta nr 2 di cercare altrove.... grazie :)
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#38
Una precisazione, una valutazione e un consiglio:

Precisazione:
il diritto d'autore ti tutela come inventore se l'elaborato costituisce una "invenzione" sotto il profilo brevettuale. Ti assicuro che il tuo elaborato non lo è: i criteri di brevettabilità sono molto, ma molto stretti.
Oltre a questo, come dipendente ti spetterebbero comunque solo i "diritti morali" citati nella risposta, non potresti avanzare alcuna altra pretesa.

Valutazione:
se te ne vai per un fatto come questo, chi ci guadagna di più è l'azienda che ti lascia andare via. Se crei attriti interni per un fatto di orgoglio personale, l'azienda rischia molto più di quanto pensi di averci rimesso o di poterci rimettere tu. Delle scaramucce tra il progettista e il manualista all'azienda interessa solo che terminino all'istante, e se se ne deve andare qualcuno, meglio che sia quello che si lamenta. L'azienda non è la mamma che stabilisce chi ha ragione tra i due fratellini che litigano; l'azienda guarda (e deve guardare) solo al proprio scopo sociale (retribuire gli azionisti).

Consiglio:
il mio consiglio è quello di restare al tuo posto, di chiarire la faccenda in modo del tutto personale con il "furbetto del cartiglio" (non picchiarlo...), e di imparare la lezione per la prossima volta, prendendo le opportune precauzioni perché sia più difficile che la stessa cosa possa ripetersi in futuro.
 

drake

Utente Standard
Professione: Ingegnere strutturista
Software: SW 2017 sp5.0
Regione: Marche
#39
Io ti ribadisco quello che ti ho accennato altra volta... Dal punto di vista legale non tirerai fuori un ragno dal buco e te lo sconsiglio vivamente. Anzi ti porterà via dei soldini e tanto impegno.
I consigli dati sono tutti valiti ovviamente. Chiarie con il furbetto ovvio che va fatto. Io parlerei anche con il cliente spigenado per benino quello che è successo... La situazione non la conosco, quindi è difficile caprla fino in fondo, ma sembra sia essere molto ingarbugliata. Buona fortuna