Dimensionamento per tavola rotante grande....

romy

Utente Junior
Professione: Progettista
Software: Solidworks
Regione: Arce (Frosinone)
Buongiorno a tutti,

chiedo scusa se non sono attivo sul forum e alla fine uno scrive qualcosa solo quando ne ha bisogno :)

vi chiedo un contributo per risolvere questa faccenda:

stiamo preventivando la realizzazione di una piattaforma girevole per l'avvolgimento e lo stoccaggio dei cavi marini

il cliente finale ha già attrezzature del genere, che a dire la verità non sono niente di che a parte le dimensioni

mi hanno già dato la ralla di riferimento e ho fatto anche dei rilievi ad una esistente

il problema ce l'ho sul gruppo di riduzione poichè utilizza un motore idraulico collegato a un riduttore epicicloidale Brevini e non sono attività che si fanno tutti i giorni.....

la targhetta di quello esistente non era presente e non ho potutto prendere misure....sulla carcassa del riduttore è presente una sigla ma non l'ho trovata in nessun catalogo (compreso Brevini)...la flangia di attacco a occhio era 300mm di diametro

devo quindi fare un dimensionamento almeno a spanne per determinare quanta coppia necessita per far ruotare una giostra similie

quasti i dati:

Ralla con primitivo Ø2700
Pignone con primitivo di Ø270
Regime di rotazione: 1 giro al minuto (è anche troppo per l'attività che svolgerà)
Peso della struttura rotante: 35000 Kg
Dimensioni dell struttura rotante: Øest. 9000 altezza 1000 (HEB da 800 + Piano in IPE200)
Peso del carico: 200000 Kg
Dimensioni del carico: Øest 9000, Øint 6000 altezza 2500

Il servizio è praticamente nullo poichè una volta avvolto il cavo viene stoccato per un paio di anni e una volta al mese viene fatta girare per verificarne il funzionamento, ingrassare, pulire ecc

Ho usato Genius di Bonfiglioli e mi tira fuori 2500 Nm mentre il SEW workbench mi tira fuori 47000 Nm

Valori troppo discordanti per stare tranquillo

Ho cercato nel forum e in giro sulla rete ma riguardano quasi sempre tavole per piccole automazioni ecc.

Sicuramente se il lavoro andrà a buon fine chiederò consulenza diretta a Brevini per il dimensionamento visto che fanno roba pesante ma vorrei comunque non rimanere ignorante e riuscire a fare due conti veloci

ho estrapolato tutti momenti di inerzia delle parti in movimento ma mi sono bloccato sul resto

Grazie in anticipo a tutti
 

Allegati

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Alla fine è un aspo avvolgitore. Manca quanto tiro deve fare. L'inerzia, seppur di grande massa e grande diametro potrebbe essere bassa a causa delle accelerazione basse, ma andrebbe analizzata.
Il motore idraulico è un Danfoss serie OMR probabilmente tra un 160 e un 250 di taglia. Occorrerebbe misurargli la lunghezza del posteriore, perché sono tutti uguali e varia la lunghezza in funzione della taglia.
La marcatura della flangia 350.062 dovrebbe essere una delle taglie di flange ma non la taglia del riduttore.
Quello che si vede al riduttore epicicloidale è che c'è attaccato il tubo dell'olio nella zona alta e credo sia quello per la lubrificazione forzata....ma ci dovrebbe essere anche lo scarico.... altrimenti è il comando del freno di stazionamento...ma non mi ricordo bene. Brevini non l'ho più considerato come fornitore vista la scarsa disponibilità di rapidità in assistenza e modelli 3d non esistenti online.

Comunque con le inerzie in mano devi avere una accelerazione altrimenti non ci fai nulla.
 

romy

Utente Junior
Professione: Progettista
Software: Solidworks
Regione: Arce (Frosinone)
Ciao meccanicamg,

grazie per il rapido feedback

quello che vedi in foto è il freno di stazionamento

diciamo che Brevini ti aiuta solo se poi compri da loro :cool:

anche i 3d te li danno una volta concluso il tutto

per quanto riguarda il tiro siccome il cavo viene depositato dall'alto credo che sia un fattore trascurabile

conta che ci sarà un omino che garantirà che il cavo si avvolga bene nella spirale e quindi come detto 1 giro al minuto sarà anche troppo....ma è il dato che il cliente ha messo in specifica

per l'accellerazione stessa cosa....dato trascurabile ma comunque da tenerne conto

io avevo pensato a 10 sec. di tempo di accelerazione

quindi se non ricordo male 0,628 rad/sec²
 

Calender

Utente attivo
Professione: Impiegato tecnico
Software: Inventor
Regione: Friuli Venezia Giulia
Ciao,

devo quindi fare un dimensionamento almeno a spanne per determinare quanta coppia necessita per far ruotare una giostra similie
devi considerare il tiro all'inizio dell'avvolgimento,quando hai il braccio minore (da estrapolare considerando il resto del sistema) per cui i trovi la coppia resistente dovuta al carico,la coppia di accelerazione a pieno carico (simula pure una rampa ,conoscendo l'inerzia del sistema ti trovi il valore),la coppia di attrito (che dipende dal tipo di ralle usate oltre che al tipo di trasmissione,il peso del sistema a pieno carico, nonchè il tipo di lubrificazione)..tieni conto che per il tiro conta molto come "reagisce" la quota parte di sistema a monte dell'aspo (in sostanza dipenderà anch'esso dall'accelerazione,resistenze d'attrito ecc che si sviluppano nella parte di impianto a monte dell'avvolgicavo)..considerando il massimo contributo che danno queste componenti ovviamente sovradimensioni il sistema,ma sei in sicurezza (se vuoi un dato spannometrico) ...

Se giri cosi lentamente potresti trovarti nel caso di lubrificazione limite,in quel caso può risultare positivo adottare un lubrificante con alta viscosità, per la sua capacità di formare una pellicola notevolmente spessa (oppure olio con caratteristiche di estrema pressione, contenente additivi come piombo, fosforo, cloro, zolfo ecc..) . Tali additivi reagiscono, quando si genera calore douto al contatto diretto metallo-metallo ,generandoreagenti con coefficienti di attrito inferiori a quelli dei materiali degli ingranaggi.Inoltre abbatti il calore sviluppato per attrito ed impedisci la possibile reciproca saldatura della asperità in contatto.
 
Ultima modifica:

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Sul sito di Vascat motori, ci sono i fogli excel per il calcolo dell'aspo avvolgitore che serve a te.
Una volta inseriti i dati relativi al tiro, masse e tempo di accelerazione/decelerazione ti calcola le curve di coppia giri e così puoi avere un'idea abbastanza buona del motore che ti serve....idraulico o elettrico che sia.
Si potrebbe poi aggiungere qualcosa per attrito e altro però così hai la parte principale del carico.
Se non hai idea del tiro puoi ipotizzare il peso che devi tirare e vincere....con i dovuti coefficienti di maggiorazione.
Io monterei tutto elettrico e tutto Rossi riduttori ....Brevini manco per sogno solo perché sono tegnosi.
Giusto per....se apri il file con fogli di calcolo di Google puoi vedere anche le celle nascoste e bloccate e vedere le formule e aggiungerci quello che ti serve.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Ciao meccanicamg,

grazie per il rapido feedback

quello che vedi in foto è il freno di stazionamento

diciamo che Brevini ti aiuta solo se poi compri da loro :cool:

anche i 3d te li danno una volta concluso il tutto

per quanto riguarda il tiro siccome il cavo viene depositato dall'alto credo che sia un fattore trascurabile

conta che ci sarà un omino che garantirà che il cavo si avvolga bene nella spirale e quindi come detto 1 giro al minuto sarà anche troppo....ma è il dato che il cliente ha messo in specifica

per l'accellerazione stessa cosa....dato trascurabile ma comunque da tenerne conto

io avevo pensato a 10 sec. di tempo di accelerazione

quindi se non ricordo male 0,628 rad/sec²
È un aspo avvolgitore o svolgitore? Scrivi che il cavo viene depositato dall'alto. Al posto del tiro per avvolgere devi tenere in frenatura idraulica con motore il peso del cavo all'altezza di profondità di deposito, più pressione acqua sul cavo.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Con un po'di ipotesi, ovviamente saranno da confermare per i tiri, avremo un riduttore con i=15 e pignone/ralla con rapporto 10. Un motore idraulico OMR 375 a 100bar a 40l/Min circa.
Screenshot_20200730_233343.jpg
Avremo quindi questi valori di calcolo:
Screenshot_20200730_235439.jpg
 

romy

Utente Junior
Professione: Progettista
Software: Solidworks
Regione: Arce (Frosinone)
Ciao a tutti,

diciamo che chiamarlo aspo avvolgitore è un parolone

il cavo viene calato dall'alto da un altra macchina che è un tamburone gigante

questo ha la sua motorizzazione (idraulica) e srotola il cavo dall'alto

quindi tiro o spinta sono carichi irrilevanti.....almeno credo

allego foto per capirci

diciamo che mi avete dato tante dritte ma sono confuso peggio di prima

se gentilmente indicate qualche formula o dove reperirle posso provare a fare qualche conto

purtroppo il cliente ha già esperienza e basi su queste macchine e Brevini è di defualt poichè loro fornitore abituale

io sto nel mezzo poichè con Brevini non ho rapporti e come detto siamo ancora a livello di offerta

Saluti
 

Allegati

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Ciao a tutti,

diciamo che chiamarlo aspo avvolgitore è un parolone

il cavo viene calato dall'alto da un altra macchina che è un tamburone gigante

questo ha la sua motorizzazione (idraulica) e srotola il cavo dall'alto

quindi tiro o spinta sono carichi irrilevanti.....almeno credo

allego foto per capirci

diciamo che mi avete dato tante dritte ma sono confuso peggio di prima

se gentilmente indicate qualche formula o dove reperirle posso provare a fare qualche conto

purtroppo il cliente ha già esperienza e basi su queste macchine e Brevini è di defualt poichè loro fornitore abituale

io sto nel mezzo poichè con Brevini non ho rapporti e come detto siamo ancora a livello di offerta

Saluti
Quindi se il tiro è nullo direi che puoi prendere il fogli excel della Vascat e ci metti tiro = 0 ed è abbastanza apposto. Avrai l'accelerazione moltiplicata per l'inerzia da vincere ed eventuali attriti dati da peso moltiplicato coefficiente di attrito moltiplicato distanza dal centro di rotazione.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Se devi riportare tutto al motore, devi prendere l'inerzia a valle e ridurla all'asse motore dividendola per il quadrato del rapporto di riduzione.
Queste cose ne abbiamo già parlato tutte le volte che c'è inerzia rotante.

Screenshot_20200731_182248.jpg
Dove J1 è l'inerzia del carico e del cestello.....e della ralla. Mentre J3 e J4 sono interni al riduttore Brevini....a catalogo c'è già il valore finale ma nel tuo caso è trascurabile. Jm è quello del motore.....nel tuo caso trascurabile