Diario progetto

Cadinpiedi

Utente poco attivo
Professione: Disegnatore
Software: Cocreate
Regione: Lombardia
Nella mia precedente esperienza di lavoro avevo realizzato un modulo in ODT (Writer di Libreoffice).
Era sostanzialmente un documento con intestazione, corpo costituito da tabella e terminale.

Era un lavoro da fare manualmente e ogni documento veniva archiviato nella cartella del progetto corrispondente, così chiunque dovesse rivederlo o cercare informazioni lo trovava senza difficoltà.
All'epoca io e i miei colleghi gestivamo separatamente questi documenti, ma all'occorrenza potevamo scambiarceli senza tanti problemi per ricostruire il filo del progetto.
L' impostazione è ottima, sono concetti facilmente replicabili con un database.
La differenza sostanziale è che così si creano "n" documenti ( come per excel tra l'altro)
da rintracciare in "n" locazioni, mentre con un database esiste UN SOLO documento in UNA SOLA locazione condiviso in tempo reale tra "n" utenti.
 

falonef

Moderatore CATIA V5
Membro dello Staff
Professione: PLM Support Expert (Consumer Goods)
Software: CATIA V5 / PARTsolutions / QA-Report / Q-Checker / Type3toCatia / Agile-PLM / Windows 10
Regione: Svizzera
con il foglio excel si crea un solo documento dove poi con i filtri attivi e disattivi ciò che vuoi.

dopodiché esporti il tutto in pdf ed invii per email.

in caso di bisogno riattivi le voci che ti servono.

il foglio rimane uno solo salvato in extremis n unica cartella.

sono le categorie e subcategorie che aiutano a gestire ciò che si vuole
 

Cadinpiedi

Utente poco attivo
Professione: Disegnatore
Software: Cocreate
Regione: Lombardia
con il foglio excel si crea un solo documento dove poi con i filtri attivi e disattivi ciò che vuoi.

dopodiché esporti il tutto in pdf ed invii per email.

in caso di bisogno riattivi le voci che ti servono.

il foglio rimane uno solo salvato in extremis n unica cartella.

sono le categorie e subcategorie che aiutano a gestire ciò che si vuole
Convieni però che ci sono un sacco di operazioni anche solo per scrivere una semplice nota,
con tutta la buona volontà excel non farà mai concorrenza ad un PDM,
se poi è quasi gratis è un altro discorso.
 

falonef

Moderatore CATIA V5
Membro dello Staff
Professione: PLM Support Expert (Consumer Goods)
Software: CATIA V5 / PARTsolutions / QA-Report / Q-Checker / Type3toCatia / Agile-PLM / Windows 10
Regione: Svizzera
si certo excel non sostituirà MAI un pdm.

il mio é solo un piccolo strumento per annotare tutto ciò che si vuole in modo semplice
 

falonef

Moderatore CATIA V5
Membro dello Staff
Professione: PLM Support Expert (Consumer Goods)
Software: CATIA V5 / PARTsolutions / QA-Report / Q-Checker / Type3toCatia / Agile-PLM / Windows 10
Regione: Svizzera

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
Nella mia precedente esperienza di lavoro avevo realizzato un modulo in ODT (Writer di Libreoffice).
Era sostanzialmente un documento con intestazione, corpo costituito da tabella e terminale.
Nella prima venivano riepilogati i dati di inizio: data, cliente, specifiche richieste, eventuale nome in codice, eventuali normative da rispettare ed eventuale progetto da cui derivava (se era una modifica o se era una variante).
Nella parte tabellare veniva inserita una riga ad ogni operazione nuova: data, tipo di intervento o richiesta da soddisfare, persona da contattare o che aveva dato l'input, le considerazioni dei vari responsabili (tipo: va bene così perché abbiamo raggiunto un accordo con cliente e fornitore; il cliente ha cambiato idea e accetta questa soluzione; usiamo un componente commerciale fatto da Tizio invece che da Caio ecc.) Ne creavo una anche per indicare le varie bozze 3d che realizzavo o per le soluzioni che studiavo.
Nella parte finale veniva riportata la data di conclusione con le caratteristiche finali e l'approvazione.
Era un lavoro da fare manualmente e ogni documento veniva archiviato nella cartella del progetto corrispondente, così chiunque dovesse rivederlo o cercare informazioni lo trovava senza difficoltà.
All'epoca io e i miei colleghi gestivamo separatamente questi documenti, ma all'occorrenza potevamo scambiarceli senza tanti problemi per ricostruire il filo del progetto.
Proprio questo è quello che ci servirebbe e che sto cominciando a costruire.
Non avendo dimestichezza con la programmazione ho cominciato su Excel, anche questo non lo so usare in maniera approfondita ma qualcosa di decente lo ricavo.
Immagino non sia possibile vedere uno di questi documenti, anche vuoto, giusto per valutare come era impostato.
 

francescodue

Utente Junior
Professione: operaio tecnico
Software: Creo2 / Proe Wildfire 2.0
Regione: Veneto
Scusa il ritardo, purtroppo ho avuto qualche problema a casa.
Ti allego tre PDF che ho recuperato da un vecchio backup: riguardandoli non sono la versione finale che veniva utilizzata.
Purtroppo, per problemi lavorativi, non posso fornire altro.
Il primo file (pr-01) si riferisce ad un progetto di modifica di un prodotto della mia azienda per incorporare un prodotto di un cliente.
Noterai delle sigle (KB08, KB09): erano il sistema di codifica della data che usavo (non ricordo per quale motivo).
Mi è invece venuto in mente una cosa: nella parte tabellare (che in questi file è un semplice elenco puntato) metti sempre in alto l'ultima riga. In questo modo quando apri il file hai subito all'inizio gli ultimi interventi e non devi scorrerlo.
Non so quanto possono esserti utili.
 

Allegati

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
Scusa il ritardo, purtroppo ho avuto qualche problema a casa.
Ti allego tre PDF che ho recuperato da un vecchio backup: riguardandoli non sono la versione finale che veniva utilizzata.
Purtroppo, per problemi lavorativi, non posso fornire altro.
Il primo file (pr-01) si riferisce ad un progetto di modifica di un prodotto della mia azienda per incorporare un prodotto di un cliente.
Noterai delle sigle (KB08, KB09): erano il sistema di codifica della data che usavo (non ricordo per quale motivo).
Mi è invece venuto in mente una cosa: nella parte tabellare (che in questi file è un semplice elenco puntato) metti sempre in alto l'ultima riga. In questo modo quando apri il file hai subito all'inizio gli ultimi interventi e non devi scorrerlo.
Non so quanto possono esserti utili.
Ti ringrazio, me li salvo e non appena ho un attimo inizierò a studiarli.
Nel frattempo ne ho creato uno mio che sto "migliorando" nel tempo, ma avere spunti da cose esistenti e funzionanti è sempre una gran cosa.