• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Curiosità riguardo primo impiego disegnatore/progettista

Professione: disegnatore
Software: top solid
Regione: Italy
#1
Buonasera ragazzi.

Parto col dire che questo post lo apro solo per curiosità e per provare a guardare oltre.

Nel 2016 mi sono diplomato come perito meccanico e da circa un anno e mezzo(6m stage) sono dipendente di uno studio tecnico riguardo la progettazione di stampi.

Mi trovo molto bene,titolare disponibile,tollerante il giusto,colleghi seppur un po' brillanti ma non ti negano mai la mano che ti serve.
Da subito ho iniziato a maneggiare con solidworks, a fare qualche lavoretto per riprendere quello che avevo lasciato a scuola. Piano piano sono entrato a regime fino a circa un anno fa, dove sono partito da zero con un programma nuovo, specifico per la progettazione di stampi. Dopo il primo periodo di buio,diciamo i primi 3-4 mesi, ne sono uscito bene.Con commenti dai colleghi e dal titolare del tipo " sei un treno" "vai forte".

In effetti noto che facendomi il ****, facendo domande,provando da solo a risolvere i problemi e avendo il programma che mi da una mano essendomici sbattuto abbastanza, ho una marcia in più dei miei colleghi.

Non è presunzione, sento e vedo che su progetti simili ci impiego anche la metà del tempo di quello che sarebbe necessario.

Ora so che sono ancora in piena fase di crescita, non mi sento per nulla arrivato perchè non lo sono, ma stavo pensando a quello che potrebbe succedere più avanti col tempo.

Pensavo a come sarò tra tipo 3 anni, essendo uno studio abbastanza piccolo,(5 progettisti), e cercavo di capire quando sarebbe il momento di dire " qua hai dato e non hai possibilità di crescere, guardati altrove"

La voglia di imparare è tanta e di fare anche, quindi cercavo di capire(anche dai vostri consigli) quale sarebbe il momento di dare una svolta per cercare di limitarmi il meno possibile.

Questa è la mia situazione, spero di non aver dato un tono celebrativo perchè non mi interessa e non era quello il fulcro del discorso.

Grazie a tutti quelli che risponderanno e lascieranno la loro opinione.
 
Professione: Ufficio tecnico
Software: Solidwork 2016
Regione: Lombardia
#2
e cercavo di capire quando sarebbe il momento di dire " qua hai dato e non hai possibilità di crescere, guardati altrove"
Sono felice per te e il tuo percorso lavorativo, oggigiorno non è facile trovarsi appena usciti da scuola in un ambiente stimolante alla prima esperienza lavorativa.
Per quanto riguarda la questione da te sollevata l'unica risposta che mi viene da dare è:
Tempo al tempo.

Non penso che nessuno sia in grado di dirti questo perché te lo devi sentire tu in primis... Tu conosci l'azienda, tu conosci l'ambiente e di lavoro e sopratutto, tu conosci te stesso.
Detto questo, complimenti e continua così.
 

Lorenzo.bon

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere disegnatore
Software: Autodesk Inventor Professional 2018
Regione: Piemonte
#3
Questo post mi ha incuriosito perchè sono nella stessa situazione: primo impiego in una piccola azienda dove mi trovo molto bene. Il clima molto tranquillo e senza scadenze serrate mi ha permesso di imparare con calma l'uso del software (Inventor nel mio caso) ma il futuro non promette grandi passi avanti. Mi spiego: le mie mansioni nell'azienda saranno bene o male sempre le stesse, così come lo stipendio, e questo sarà sempre più un limite con il passare del tempo. Per ora ti consiglio di sfruttare il buon posto di lavoro per fare esperienza specifica col tuo software, magari insistendo con il titolare in modo che ti faccia seguire dei corsi di aggiornamento, ma allo stesso tempo guarda intorno a te e "ruba" qualche nozione da altri ambiti interni al tuo ambiente di lavoro. Ciò ti permetterà di poterti "vendere" meglio se vorrai cambiare azienda, magari andando verso una multinazionale dove la crescita professionale ed economica è più facile.

Questa è la mia opinione e sicuramente non è la verità assoluta, ma è una delle strade che mi sono state consigliate dal mio stesso datore di lavoro, che è perfettamente consapevole dei limiti di una piccola azienda.

Ciao e buona fortuna
 
Professione: disegnatore
Software: top solid
Regione: Italy
#4
Grazie ragazzi, avete centrato il bersaglio.

Col passare del tempo ovviamente crescero' ancora, ma arriverà il momento dove "sarò stretto" e quindi volevo gia mettere le mani avanti.

Il futuro promette progetti più complessi , ma essendo uno studio di piccolo taglio la vedo dura fare grandi passi in avanti.
 

gil

Utente Senior
Professione: Scarabocchiatore
Software: Cadsauro (il cad con la clava)
Regione: Italia
#5
Per come la vedo io, la risposta non dipende da te.
Ovvero; sistemati il curriculum e prova a cercare alternative lavorative.
Se c'è qualcuno che, per possibilità di crescita e/o compenso, offre di più allora è il momento di cambiare aria. Altrimenti è meglio che resti dove sei.
 
Professione: disegnatore
Software: top solid
Regione: Italy
#6
Come scritto nel post iniziale, io non ho bisogno di andare via da dove sono adesso.

Dove sto adesso c'è un bel clima, buona paga.

Pensavo ad un futuro e cercavo dei consigli su come sarebbe meglio muoversi.
 
Professione: disegnatore
Software: top solid
Regione: Italy
#7
Se altri vogliono condividere la loro esperienza riguardo al primo impiego o comunque un commento inerente al topic ben venga :)
 
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Inventor/Rhinoceros/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#8
Non vorrei smontarti ma il saper usare bene un software lavorando più velocemente di altri non fa di te un buon progettista.
Oltretutto sei un settore, quello degli stampi, dove servono conoscenze tecniche ed esperienza. E questa la si fa con mooolti anni di lavoro.
Quindi il mio consiglio è, piedi per terra e cerca di imparare il mestiere.
 

beppino

Utente Standard
Professione: ... faccio cose ... troppe per farle bene ...
Software: NX12
Regione: Piemonte, nèè...
#9
Condivido al 100% quanto scritto da Tecnomodel.
Progettare uno stampo in autonomia, richiede anni (tanti) di esperienza.
Ogni stampo ha una sua peculiarità, e richiede competenze che si acquistano solo negli anni.
Stampabilità particolari, cicli di produzione più o meno elevati, costampaggi, iniezione con ausilio del gas, multiimpronte per alta produzione, grandi particolari, ecc...
Se l'ambiente è buono e i colleghi/capo sono disponibili, approfittane per imparare, poi si vedrà.
 
Professione: disegnatore
Software: top solid
Regione: Italy
#10
Certo ragazzi , sono consapevole che il settore gia di suo richiede più tempo per essere totalmente indipendenti.

Per farvi un esempio ho un collega che lavora sugli stampi da circa 10 anni e mi conferma il tutto.

Volevo solo dei pareri su cosa fare quando ti senti (non) arrivato. Ovviamente nel mio caso mi servono ancora anni e anni ma cercavo di guardare gia un po avanti.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#11
Io sono la controparte: sono titolare di studio tecnico con un piccolo team di neodiplomati che sto formando con pazienza e soddisfazione. Forse vado contro i miei interessi, ma i tuoi dubbi sono legittimi: difficilmente lo studio tecnico esterno ti puo' dare la completezza di visione e la possibilita' di carriera dell'azienda strutturata (e lo stipendio), di contro sicuramente lo stress e la pressione sono inferiori, se si e' dipendente ovviamente mentre se si e' il titolare dello studio allora la situazione e' piu' pesante anche a livello mentale. Visto che sei ancora molto giovane ti conviene stare li' ancora per un po', allargherai le tue competenze ma anche il giro delle conoscenze il giorno che volessi andartene. Poi se sei cosi' bravo potrai sempre offrire al tuo titolare di associarti, magari accetta.
 
Professione: disegnatore
Software: top solid
Regione: Italy
#12
Grazie @cacciatorino del tuo pensiero .

Solo per curiosità , vale la pena passare dallo studio tecnico all’azienda strutturata tenendo conto solamente dello stipendio ? Io per adesso prendo 1.4 al mese con 1h/g di straordinario...

So che dipende dalla bravura/esperienza/responsabilità , ma di quanto superiore potrebbe essere lo stipendio in un’azienda strutturata? Anche con esempio concreti

Grazie
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#13
So che dipende dalla bravura/esperienza/responsabilità , ma di quanto superiore potrebbe essere lo stipendio in un’azienda strutturata? Anche con esempio concreti

Grazie
Non ti so rispondere, dalle mie parti 1400 euro e' un bello stipendio. Hai la 14-sima?
 

Pralek

Utente Junior
Professione: Progettazione ottica e R&D
Software: solid edge
Regione: Emiliaromagna
#16
Ciao,
io ho fatto il progettista in vari ambiti, macchine automatiche, packaging ed oggi illuminotecnica; lavoro dal '97 facendo due anni di officina di precisione e poi progettista, ho usato 5 programmi diversi in 5 aziende non sempre diverse (ovvero ho assaggiato anche due aziende che producevano lo stesso genere di macchine ma con sw diversi, oppure stesso genere, stesso sw ma modalità di progettazione diverse).

Tutto sto pippotto per poi concludere che: non c'è mai un "abbastanza" finchè non lo senti tu:
-Se dai importanza allo stipendio, cerchi solo quando hai già un contratto (così puoi permetterti di rifiutare) ma è sempre un salto nel buio a livello di genre di progettazione, sw e colleghi.
-Se dai importanza ad un genere di meccanica prima dovresti "assaggiarne" diverse per capire quale ti soddisfa di più ma ti devi poi accontentare dello stipendio, sw e colleghi.
-Se dai importanza ai colleghi... ecc ecc

E se poi vinci al superenalotto? ;-)

Questa è la classica situazione della coperta troppo corta, la misura la sentirai solo tu.

Buon lavoro.
 

Meteor02

Utente Standard
Professione: Tecnico stampaggio plastica
Software: Solidworks 2016
Regione: Emilia romagna
#17
sono 25 anni che lavoro nel settore plastico termoformatura e iniezione, da 15 progetto stampi e seguo i clienti nel processo di codesing, ancora oggi sto imparando e mi si presentano progetti con gli obbiettivi piu disparati, il software ti aiuta come aiuta tutti averne la padronanza assoluta è un bel vantaggio ma il difficile viene quando il software non ti aiuta o ti aiuta senza soddisfare gli obbiettivi imposti dal cliente, è li che salta fuori il progettista esperto(chiusure alternative, tipi di movimenti, tipologie di iniezione ecc). diciamo che dopo 3/4 anni che progetti stampi in totale autonomia puoi aver la presunzione di aver capito qualcosa (sempre che non ti passino solo stampi apri e chiudi). lo stipendio va di pari passo con le conoscenze e le responsabilità, 1400 euro non sono un brutto stipendio
 
Professione: disegnatore
Software: top solid
Regione: Italy
#18
si con 14-esima

Ero solamente curioso per vedere la differenza tra studio tecnico e azienda strutturata.

Il mio stipendio mi sembra sulla norma, di base sarebbe 1100 circa come da contratto apprendista.

Quindi non prendo nulla in più di quello che dovrei, straordinari a parte.
 
Professione: disegnatore
Software: top solid
Regione: Italy
#19
Altra cosa .. nel mio ufficio tecnico abbiamo a disposizione un software per la simulazione di colata “magmasoft” .

Dato il costo elevato , penso sia un programma abbastanza raro e Imparare a maneggiarlo mi farebbe più vendibile in un futuro ..
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#20
Altra cosa .. nel mio ufficio tecnico abbiamo a disposizione un software per la simulazione di colata “magmasoft” .

Dato il costo elevato , penso sia un programma abbastanza raro e Imparare a maneggiarlo mi farebbe più vendibile in un futuro ..
Sbav sbav.....costoso, raro ma fatto bene. É perfetto per l'analisi di colata di qualsiasi tecnologia.