creo 3.0

blubossa

Utente Standard
Professione: disegnatore
Software: CREO 2, WF5, SOLIDWORKS 2015, AUTOCAD 2016,
Regione: puglia
#1
Ciao,
attualmente utilizzo CREO 2.0 ma secondo voi ne vale la pena aggiornare a CREO 3.0?
...a che versione sono arrivati?

grazie
bb
 

calacc

Utente Standard
Professione: Product Development Engineering Specialist
Software: CREO Parametric 2.0 M230
Regione: Emilia Romagna
#2
Ciao bb, è una domanda che mi son fatto anche io. Non c'è una risposta perché credo che dipenda dal lavoro specifico dell'utente. Personalmente ce l'ho installato ma lavoro ancora con la 2 perché su questo pc mi pare più scattante ed affidabile (adesso ho la M230 e la continueranno ad aggiornare fino alla fine dell'anno). Allego un pdf con i miglioramenti che ci sono passando dalla 2 alla 3, magari dacci un'occhiata e se vedi che qualcosa ti può interessare per migliorare il lavoro che fai approfondisci.
In generale si può dire che gli aspetti più importanti che hanno spinto molti utenti a migrare alla 3 sono:

  • Data Exchange (importare dati di altri CAD senza passare per formati neutri)
  • Detailed Drawings (completamente ridisegnato)
Personalmente un dettaglio che mi piace molto è il nuovo menù dell'edit reference che lo trovo molto più intuitivo. Funziona bene anche nella 2 (allo stesso modo) solo che bisogna applicarsi un'attimo di più con le tendine per usarlo bene...
 

Allegati

Ultima modifica:

blubossa

Utente Standard
Professione: disegnatore
Software: CREO 2, WF5, SOLIDWORKS 2015, AUTOCAD 2016,
Regione: puglia
#4
Ciao bb, è una domanda che mi son fatto anche io. Non c'è una risposta perché credo che dipenda dal lavoro specifico dell'utente. Personalmente ce l'ho installato ma lavoro ancora con la 2 perché su questo pc mi pare più scattante ed affidabile (adesso ho la M230 e la continueranno ad aggiornare fino alla fine dell'anno). Allego un pdf con i miglioramenti che ci sono passando dalla 2 alla 3, magari dacci un'occhiata e se vedi che qualcosa ti può interessare per migliorare il lavoro che fai approfondisci.
In generale si può dire che gli aspetti più importanti che hanno spinto molti utenti a migrare alla 3 sono:

  • Data Exchange (importare dati di altri CAD senza passare per formati neutri)
  • Detailed Drawings (completamente ridisegnato)
Personalmente un dettaglio che mi piace molto è il nuovo menù dell'edit reference che lo trovo molto più intuitivo. Funziona bene anche nella 2 (allo stesso modo) solo che bisogna applicarsi un'attimo di più con le tendine per usarlo bene...
Ciao,
ma sei sicuro che hai la M230 DI CREO 3.0?
non mi sembra di aver letto a nessuna parte che siano arrivati a questa versione.....

bb
 

blubossa

Utente Standard
Professione: disegnatore
Software: CREO 2, WF5, SOLIDWORKS 2015, AUTOCAD 2016,
Regione: puglia
#6
...ok.
speravo in qualche intervento di altri utilizzatori di creo 3.0 per sentire i loro pareri......:frown:

bb
 

320i S

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Catia V6, Creo 3.0, Pro-e (serie Wildfire 3÷5), Solidworks 2016 - 2018
Regione: Friuli Venezia Giulia
#7
Io uso la Creo 3.0, ma posso fare un confronto con la Creo 1.0 e la serie wildfire, non la Creo 2.0
Devo dire che comunque i passi avanti sono molti e sotto tanti punti di vista.
Prime fra tutti, le possibilità di risistemazione di matematiche importate che risultano come superfici non solidificabili, oltre a comandi aggiunti, l'interfaccia è molto più completa.
 

Daniele-san

Utente Standard
Professione: Mechanical Design Engineer
Software: ProEngineer/Wildfire/Creo 2.0/Creo 3.0/Creo 4.0
Regione: Marche
#8
Ciao bb, è una domanda che mi son fatto anche io. Non c'è una risposta perché credo che dipenda dal lavoro specifico dell'utente. Personalmente ce l'ho installato ma lavoro ancora con la 2 perché su questo pc mi pare più scattante ed affidabile (adesso ho la M230 e la continueranno ad aggiornare fino alla fine dell'anno). Allego un pdf con i miglioramenti che ci sono passando dalla 2 alla 3, magari dacci un'occhiata e se vedi che qualcosa ti può interessare per migliorare il lavoro che fai approfondisci.
In generale si può dire che gli aspetti più importanti che hanno spinto molti utenti a migrare alla 3 sono:

  • Data Exchange (importare dati di altri CAD senza passare per formati neutri)
  • Detailed Drawings (completamente ridisegnato)
Personalmente un dettaglio che mi piace molto è il nuovo menù dell'edit reference che lo trovo molto più intuitivo. Funziona bene anche nella 2 (allo stesso modo) solo che bisogna applicarsi un'attimo di più con le tendine per usarlo bene...
Ciao calacc
sono appena passato alla 3.0 con l'acquisto di una nuova licenza (con la 2.0 ero senza manutenzione da poco piu di due anni)
nella versione 3.0 non c'era la possibilità di avere l'albero modello nativo dei file importati da altri cad?
ciao
 

320i S

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Catia V6, Creo 3.0, Pro-e (serie Wildfire 3÷5), Solidworks 2016 - 2018
Regione: Friuli Venezia Giulia
#9
Ciao calacc
sono appena passato alla 3.0 con l'acquisto di una nuova licenza (con la 2.0 ero senza manutenzione da poco piu di due anni)
nella versione 3.0 non c'era la possibilità di avere l'albero modello nativo dei file importati da altri cad?
ciao
Prova a spiegarti meglio, son sincero, non ho capito.
 

folle76

Utente Standard
Professione: Ex ingegnere meccanico
Software: Creo Parametric 3.0, Solidworks 2016
Regione: -
#10
Ciao calacc
sono appena passato alla 3.0 con l'acquisto di una nuova licenza (con la 2.0 ero senza manutenzione da poco piu di due anni)
nella versione 3.0 non c'era la possibilità di avere l'albero modello nativo dei file importati da altri cad?
ciao
No, quello che tu intendi è una chimera. Non credo proprio che né in Creo né in nessun altro CAD avrai mai la possibilità di importare un modello di un altro cad ed avere la possibilità di averne anche a disposizione l'intero albero di modellazione completamente editabile.
In realtà tra importare uno step di un altro CAD piuttosto che il formato nativo di un altro CAD non ci sono grossi vantaggi. L'unico è che se tu importi un file nativo di un altro CAD in Creo, ci costruisci sopra delle features in Creo e ti modificano il file nativo di base non ti saltano tutte le feature successive di Creo. Se fai attualmente la stessa cosa con uno STEP ti saltano tutte le feature successive. Spero di essermi spiegato.
Si mantiene una qualche associatività tra features di Creo e il file nativo. Invece con lo step no.
Nella mia realtà aziendale questa funzionalità è pressoché inutile
 

320i S

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Catia V6, Creo 3.0, Pro-e (serie Wildfire 3÷5), Solidworks 2016 - 2018
Regione: Friuli Venezia Giulia
#11
Se è quello che intende [MENTION=13287]folle76[/MENTION]...concordo, non potrà mai esserci l'albero modello nativo.
Da prendere come notevole il fatto che Creo apre nativamente i file dei CAD più diffusi, senza passare per un formato universale!
 

calacc

Utente Standard
Professione: Product Development Engineering Specialist
Software: CREO Parametric 2.0 M230
Regione: Emilia Romagna
#12
L'albero modello nativo con le features editabili no. È comprensibile per il fatto che le features vengono create con algoritmi matematici diversi da un cad all'altro. La modifica si effettua col flexible modeling agendo direttamente sulla geometria per modellazione diretta. Questo si vede nel video di esempio:
[youtube]TH_Dimrwh5c[/youtube]
Allego anche il pdf sulla Unite Technology
 

Allegati

Daniele-san

Utente Standard
Professione: Mechanical Design Engineer
Software: ProEngineer/Wildfire/Creo 2.0/Creo 3.0/Creo 4.0
Regione: Marche
#13
L'albero modello nativo con le features editabili no. È comprensibile per il fatto che le features vengono create con algoritmi matematici diversi da un cad all'altro. La modifica si effettua col flexible modeling agendo direttamente sulla geometria per modellazione diretta. Questo si vede nel video di esempio:
[youtube]TH_Dimrwh5c[/youtube]
Allego anche il pdf sulla Unite Technology
:finger: :finger: :finger: :finger:
 
Professione: Disegnatore
Software: SW 2017 - SE ST4
Regione: Piemonte
#15
Buongiorno a tutti; mi collego a questa vecchia discussione in quanto ora sto iniziando a usare CREO 2.0 (su richiesta cliente); mi potreste aiutare per favore?
ho delle problematiche relative all'utilizzo di alcune funzioni:
1) Definizione dello schizzo: come faccio a capire se lo schizzo è definito?
ho notato che il colore delle linee a volte diventa rosso a volte giallo: cosa cambia? Il problema è anche che trascinando i punti si spostano le quote; per evitarlo devo per forza fare "blocca" su ciascuna quota? oppure c'è un altro sistema?
2) Esiste il comando rifila segmento: non esiste l'allunga segmento fino al bordo (come Autocad).
3) Se devo creare più fori filettati, posso farlo tramite una sola funzione "Foro"? Oppure devo creare tanti singoli fori?
4) Come si fa a creare un piano parallelo ad un altro ma passante per un asse?
5) E' possibile ruotare la vista in una tavola quotata oppure devo variare la tipologia di vista dalle proprietà?
Ho cercato sul web, ma purtroppo c'è pochissimo materiale online; chiedo a voi aiuto e vi ringrazio.
 

320i S

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Catia V6, Creo 3.0, Pro-e (serie Wildfire 3÷5), Solidworks 2016 - 2018
Regione: Friuli Venezia Giulia
#16
1) creo ti dice se manca qualcosa quando esci dalla modalità sketch, le quote se non le hai messe te, le mette lui; le quote in giallo sono modificabili con il trascinamento, se le vuoi bloccate, glielo devi dire (c'è una impostazione nel config. pro da mettere, per averle bloccate, quando le modifichi dalla prima volta).
2) non ricordo il meù schizzo di Creo 2, ma c'è
3) funzione foro è unica, esiste la serie di punti, fai uno schizzo dei punti su uno di questi ci metti il foro e poi selezioni lo schizzo dei punti per la serie (o lo crei all' interno del comando serie)
4) quello che hai detto: crei piano (menù crea riferimenti), scegli il piano, lo metti parallelo e poi passante per l'asse, ovviamente se asse e piano non sono paralleli, non ti creerà il piano
5)la scheda proprietà delle viste fa tutto, se hai difficoltà ad orientarti li, creati la vista in 3D salvandola e poi la ritrovi tra le scelte.
 
Professione: Disegnatore
Software: SW 2017 - SE ST4
Regione: Piemonte
#17
ciao! ti ringrazio molto per la risposta;
1) ottimo, proverò grazie!
2) sì, ho trovato; bisogna tenere premuto CTRL (mi pare) per estendere le linee
3) ok, solo che avevo più fori a interassi diversi, quindi sarebbe stato utile ripetere la sola serie (come solidworks/solidedge); non credo si possa fare; oltretutto, nella mia versione, ho notato che la serie di serie, si può eseguire un numero limitato di volte (mi pare 3); anche nel tuo?
4) ok, ma non me lo crea; proverò ancora
5) sì, sto prendendoci la mano; lo trovo un po' macchinoso, ma ci tocca tenerlo così ;-)
ancora grazie 320is!!! buona serata e buon week. a presto
 

320i S

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Catia V6, Creo 3.0, Pro-e (serie Wildfire 3÷5), Solidworks 2016 - 2018
Regione: Friuli Venezia Giulia
#18
3) se hai interassi diversi, il top è a serie di punti (di sketch), su questo qualche possibilità in più perchè vengono conteggiati i punti di "geometria solida", ma esistono i punti di "geometria di costruzione", cosa assente per esempio in solidworks; la serie di serie risulta anche a me sia limitata, ma c'è un motivo ben preciso, ovvero la complessità di ricostruzione, che aumenta inevitabilmente, a mio parere oltre il secondo livello di serie, non conviene andare; considera che Creo sente in automatico le serie delle feature in assieme senza selezionarle, ma già a doppio livello, le cose si complicano.
4) sui riferimenti Creo ha moltissime possibilità, ma richiede la coerenza assoluta in quel che si seleziona, non fa alcuna approssimazione, ad esempio se un asse che ritieni perpendicolare ad un piano, misurando ti indica "90°", attenzione che vuol dire che non sono realmente perpendicolari, mentre se scrive "perpendicolari" o "paralleli", questo indica l'assoluta precisione.
5) nella sua macchinosità però, ti da la possibilità di realizzare qualsiasi vista, oltre al riorientamento, anche creando le sezioni direttamente da li (che poi ritrovi anche nel 3D), oltre a sezione locali multiple infinite (qualche CAD questo non lo fa).
 
Professione: Disegnatore
Software: SW 2017 - SE ST4
Regione: Piemonte
#19
se hai interassi diversi, il top è a serie di punti (di sketch), su questo qualche possibilità in più perchè vengono conteggiati i punti di "geometria solida", ma esistono i punti di "geometria di costruzione", cosa assente per esempio in solidworks;
ok, mi potresti speigare meglio come si fa? ho provato ma non riesco;
creo prima uno schizzo e inserisco dei semplici punti come SW?
cosa intendi per geometria di costruzione?
 

320i S

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Catia V6, Creo 3.0, Pro-e (serie Wildfire 3÷5), Solidworks 2016 - 2018
Regione: Friuli Venezia Giulia
#20
Qualsiasi cosa disegni in sketch, puoi trasformarla in geometria di costruzione (quindi non diventerà solida), idem i punti, quelli che diventeranno "di costruzione" non parteciperanno alla serie di punti.