Copiare corpo in un multi-corpo

Psikokite

Utente registrato
Professione: Geometra
Software: AutoCAD, Blender, Fusion360, Inventor
Regione: Abruzzo
#1
Buongiorno a tutti, sono alle primissime armi con inventor, ma anche con il paradigma dei cad parametrici.
Spero che l'immagine si chiara. Se volessi copiare il tubolare orizzontale sotto la lamiera, per poi utilizzarlo sugli altri tre lati cosa dovrei fare? Il caso in questione è molto semplice, lo chiedo per capire come mi dovrei comportare nel caso fossero corpi complessi o particolari.
Grazie
 

Allegati

Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#2
Quello che si vede è una parte, mi sembra di capire,però, che tu stia creando un assieme.
In un assieme puoi inserire lo stesso componente N volte, vincolandolo come è necessario.
 

Psikokite

Utente registrato
Professione: Geometra
Software: AutoCAD, Blender, Fusion360, Inventor
Regione: Abruzzo
#3
Grazie, ma in assieme come faccio a copiare una parte?

Inviato dal mio Mi Note 3 utilizzando Tapatalk
 

Cast16

Utente Standard
Professione: Design Engineer
Software: Inventor, Autocad, Solid Edge
Regione: UK
#4
In un multibody puoi usare Pattern body selezionando i pulsanti come in quoesto screenshot: 2019-02-21 11_54_26-Autodesk Inventor 2018.png

Dopo puoi usare move body per spostare il nuovo body che puoi anche modificare.

In unn assieme fai semplicemente Ctrl+C, Ctrl+V (coppia incolla) ed imposta le relazioni.
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#5
Non usare un multi-corpo per fare un assemblaggio: creati separatamente le varie parti (.ipt) e poi crea un assemblato (.iam).
 

Cast16

Utente Standard
Professione: Design Engineer
Software: Inventor, Autocad, Solid Edge
Regione: UK
#6
Non usare un multi-corpo per fare un assemblaggio: creati separatamente le varie parti (.ipt) e poi crea un assemblato (.iam).
Non sono d'accordo. Il multicorpo e' uno dei modi piu stabili per avere un assieme parametrico in Inventor. Ci sarebbe da discutere sul modo non propprio standard come Psikokite sta creando il secondo body...
 
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#7
Non sono d'accordo. Il multicorpo e' uno dei modi piu stabili per avere un assieme parametrico in Inventor. Ci sarebbe da discutere sul modo non propprio standard come Psikokite sta creando il secondo body...
Per fare degli assemblaggi sono stati inventati, apposta, gli assiemi.
Il multicorpo serve per altro.
Anche perchè come fai a gestire una distinta con il multicorpo?
 

Cast16

Utente Standard
Professione: Design Engineer
Software: Inventor, Autocad, Solid Edge
Regione: UK
#8
Per fare degli assemblaggi sono stati inventati, apposta, gli assiemi.
Il multicorpo serve per altro.
Anche perchè come fai a gestire una distinta con il multicorpo?
Il multicorpo sara' il Master. Crei la tua assieme usando il comando Make components ( or Make parts).
2019-02-21 14_11_49-Autodesk Inventor 2018.png Ogni modifica nel Master si transferisce nei figli. L'assieme rimane solido. Specialmente utile quando si prevedono modifche continue e componenti che devono essere in relazione uno con l'altro.
Dai un occhiata qui:

https://synergiscadblog.com/2014/07/29/inventor-multi-body-part-modeling-part-1-of-2/

Il multicorpo serve per altro.
..posso sapere per quale altro motivo usi il multicorpo?
 
Ultima modifica:

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#9
A me sembra una cosa ben poco ortodossa: il non poter mettere vincoli tra le parti non è un vantaggio, anzi. La gestione dei materiali diventa impossibile, l'inserimento di parti di libreria anche. Non vedo vantaggi.
 
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#10
Il multicorpo sara' il Master. Crei la tua assieme usando il comando Make components ( or Make parts).
View attachment 52621 Ogni modifica nel Master si transferisce nei figli. L'assieme rimane solido. Specialmente utile quando si prevedono modifche continue e componenti che devono essere in relazione uno con l'altro.
Dai un occhiata qui:

https://synergiscadblog.com/2014/07/29/inventor-multi-body-part-modeling-part-1-of-2/



..posso sapere per quale altro motivo usi il multicorpo?
Ad esempio quando devo modellare dei condotti.
In quel modo modello tutta la forma che mi serve spegnendo il resto della parte, alla fine faccio una sottrazione booleana e via.

Ora non uso più Inventor ma è un metodo che utilizzo ancora.
Resto comunque poco d'accordo sull'utilizzo del multibody per fare assiemi, hai un file in più da creare/gestire e non vedo vantaggi.
Anzi, probabilmente hai problemi nella gestione materiali, distinta ecc, come segnalato anche da Exxon.
 

Cast16

Utente Standard
Professione: Design Engineer
Software: Inventor, Autocad, Solid Edge
Regione: UK
#11
A me sembra una cosa ben poco ortodossa: il non poter mettere vincoli tra le parti non è un vantaggio, anzi. La gestione dei materiali diventa impossibile, l'inserimento di parti di libreria anche. Non vedo vantaggi.
Ognuno applica gli stumenti del software alle sue esigenze.
Io a qualcuno alle prime armi direi che il multibody e' assolutamente da provare, sperimentare e decidere se ti puo' essere utile.
 

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna e Seguace Anonimo di Shiren :)
Software: Inventor 2018 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
#12
Io il multicorpo lo uso solo per avere i commerciali in un unico ipt, con i corpi costituenti gestibili per bene durante le messe in tavola ( esempio : cuscinetto con gli anelli interni ed esterni che verranno tratteggiati e le sfere no ).
Cosa che con un ipt unico non riesci a fare e non è il caso di sprecare iam con ipt collegati.
Per il resto li evito come la peste, non c'è legame con la parametrizzazione che mi farà cambiare idea.
Poi ognuno ha le sue esigenze e le sue abitudini.
Non consiglierei mai ad un novizio di iniziare ad approcciare Inventor col multicorpo, ho cominciato dalla rel 5.3 e sono arrivato fino alla 2014 prima di apprezzarne le caratteristiche, solo per l' utilizzo sopra descritto.
 
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#13
Infatti, oltretutto il nostro amico ha detto che è alle primissime armi anche nell'uso del parametrico.
La cosa migliore da fare sarebbe partire dall'ABC, non solo di Inventor ma dell'uso del cad parametrico.
 

Psikokite

Utente registrato
Professione: Geometra
Software: AutoCAD, Blender, Fusion360, Inventor
Regione: Abruzzo
#14
Grazie a tutti. Il mio problema principale è come funziona il flusso di lavoro in parametrico, che è totalmente te diverso dai casa non parametrico che ho sempre usato. Per il momento sono ripartito con un assieme e ho creato le varie parti. Se creo diversi .ipt e avessi l'esigenza di avere dei riferimenti rispetto ad una parte che è in un altro .ipt, come faccio per esempio ad ottenere una proiezione di quella parte esterna?

Altra piccola domanda, scusate l'off-topic, mi potreste consigliare qualche testo o risorsa online per capire qual'è la giusta linea di lavoro con i parametrici? Se inizio a studiarlo per i fatti miei, provando e riprovando, forse avrò dei risultati, ma ho sempre paura di non avere il giusto modo di operare.

Inviato dal mio Mi Note 3 utilizzando Tapatalk
 
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#15
Cosa intendi per riferimenti?
Puoi "importare" nel tuo ipt varie cosa da un altra parte.
Parametri, schizzi, geometria, il solido stesso.
Lo fai con il comando "deriva", selezioni il file da cui ti servono entità e poi scegli dalla finestra cosa importare.
 

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna e Seguace Anonimo di Shiren :)
Software: Inventor 2018 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
#16
Per dare una risposta mirata, bisogna sapere che tipo di prodotti tratti.
Personalmente non uso mai gli schizzi adattivi, che sono utili ma molto pericolosi, oltre ad appesantire a dismisura il modello sul quale si lavora.
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#17
Se ti può essere utile, sappi che la logica "parametrica" non si impara davanti al CAD, ma (come ha lasciato trasparire stefanobruno) insieme ai concetti di pianificazione della progettazione e dipende quindi dal tipo di prodotto. Ma anche da altri fattori come se si tratta di progetti sviluppati dal singolo o in team, se gli stessi sono soggetti ad aggiornamento, se pezzi unici o produzione di serie, e molto altro.
 

Cast16

Utente Standard
Professione: Design Engineer
Software: Inventor, Autocad, Solid Edge
Regione: UK
#18
Grazie a tutti. Il mio problema principale è come funziona il flusso di lavoro in parametrico, che è totalmente te diverso dai casa non parametrico che ho sempre usato. Per il momento sono ripartito con un assieme e ho creato le varie parti. Se creo diversi .ipt e avessi l'esigenza di avere dei riferimenti rispetto ad una parte che è in un altro .ipt, come faccio per esempio ad ottenere una proiezione di quella parte esterna?

Altra piccola domanda, scusate l'off-topic, mi potreste consigliare qualche testo o risorsa online per capire qual'è la giusta linea di lavoro con i parametrici? Se inizio a studiarlo per i fatti miei, provando e riprovando, forse avrò dei risultati, ma ho sempre paura di non avere il giusto modo di operare.

Inviato dal mio Mi Note 3 utilizzando Tapatalk
Dai un'occhiata qui: https://www.autodesk.com/autodesk-u...ssembly-Modeling-Techniques-2013#presentation
Se capisci l'inglese meglio ma c'e' un video comunque. Una delle tecniche consigliate e' appunto il multibody che a mio parere e' un strumento molto utile quando le parti dipendono dalle geometrie delle altre componenti. Se come dici hai tempo di provare e riprovare, non ti sara' difficile da capirlo e tenere in considerazione quando avrai bisogno. La possibilita' di avere multibody multispessore e' stata richiesta dai utenti per anni alla Autodesk, ed e' considerata una delle piu' grandi migliorie della versione 2018.
 

Zac69

Utente Standard
Professione: Disegnatore
Software: Inventor
Regione: Piemonte
#19
Il multibody è stato creato da Autodesk in quanto molti utenti che arrivavano da solidwork ne sentivano l'esigenza. Ha copiato però male in quanto in solidwork puoi fare direttamente la distinta da un multibody, mentre Autodesk non la fa. Io uso i multibody solo per oggetti standard a nostro catalogo, ma non li uso per scomporli o fare distinte.
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#20
Concordo sul fatto che il multibody sia adatto a quegli assiemi destinati a non essere in ogni caso divisi. SKF, ad esempio, realizza così i modelli dei loro cuscinetti.

Io preferisco editare anche quelle parti per avere il movimento relativo dei componenti e assegnare loro materiali diversi che poi vengano mantenuti a qualsiasi livello. Questo aumenta il numero di file da gestire, ma se si ha una buona organizzazione delle librerie, non ci si accorge neppure della loro esistenza.

La distinta, anche se un po' macchinosa in Inventor, permette di gestire assiemi e sottoassiemi in tutti i modi pensabili, mentre i multibody risultano in questo penalizzati, ragione definitiva per il loro utilizzo solo in ambiti ristretti e ben definiti.