Controllo coppia di serraggio avvitatore

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#21
Che poi, spesso, gli ispettori siano una pigna nel c... collo, è un altro paio di maniche.
Questo succede perché è nella natura umana diventare oppressivi non appena si ottiene un minimo di potere.

(adesso sì che siamo OT, mi auto-ammonisco.)
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#22
Salve a tutti scusate se riapro una discussione vecchia.
Vorrei sapere come hai risolto alla fine?
Abbiamo cambiato il metodo di verifica, la vite viene serrata, segnata la posizione e riallentata.
Poi si serra nuovamente con dinamometrica fino a riportarla sul segno tracciato e si verifica a che coppia si arriva.
L'ispettore dell'audit successivo ha accettato la presa in carico e la risoluzione.
Ti parlo però dell'audit di 1 anno e mezzo fa, ora non lavoro più in quell'azienda e non ho seguito l'audit successivo.
 

volaff

Utente Senior
Professione: Studente
Software: Solidworks 2014,Ansys APDL
Regione: Campania
#23
Abbiamo cambiato il metodo di verifica, la vite viene serrata, segnata la posizione e riallentata.
Poi si serra nuovamente con dinamometrica fino a riportarla sul segno tracciato e si verifica a che coppia si arriva.
L'ispettore dell'audit successivo ha accettato la presa in carico e la risoluzione.
Ti parlo però dell'audit di 1 anno e mezzo fa, ora non lavoro più in quell'azienda e non ho seguito l'audit successivo.
Grazie mille!

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
 

antonio_sc

Utente Junior
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: PTC Creo Parametric
Regione: Campania
#24
L'ispettore dell'audit successivo ha accettato la presa in carico e la risoluzione.
Ti parlo però dell'audit di 1 anno e mezzo fa, ora non lavoro più in quell'azienda e non ho seguito l'audit successivo.
Ne approfitto per chiedere una cosa,sono poco pratico di normative e procedure:giggle:....
Di solito se si passa un audit, si può quindi non essere in regola per la medesima problematica a quello successivo? :unsure:
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#25
Gli audit non sono "esami". L'errore è comune per chi pensa che l'ISO9000 sia un qualche genere di "marchio di qualità". Niente di tutto questo.

La procedura che l'azienda X adotta per una terminata fase di produzione, progetto, gestione degli ordini, o dei fornitori o chissà che altro è di assoluta libera scelta. Deve però essere motivata, in modo solido.

Nel caso specifico, se la macchina permette quel tipo di valutazione della coppia con una ripetibilità adatta al caso, l'ispettore può ritenerla accettabile e dare la sua approvazione. Questo però non significa che lo stesso metodo sia utilizzabile dall'azienda Y, o anche dalla stessa azienda per un prodotto differente (ad esempio per una vite autofilettante).

Purtroppo, anche lo stesso metodo, valutato da un ispettore diverso, potrebbe avere esito negativo, ma l'azienda, se certa del suo operato, può ricorrere, motivando la cosa. Ciò che è importante capire, è che l'azienda deve essere la prima a mettere in discussione i propri metodi e a giustificare le procedure. All'ispettore si dovrebbe solo raccontare cosa si fa, senza lasciargli possibilità di sollevare alcuna eccezione.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Technical manager - Mechanical engineer 🔩📐
Software: SolidWorks, FreeCAD, Nanocad, Me10, Excel
Regione: Lombardia
#26
Tradotto sono solo pagliacciate, soldi spesi per niente e giri di convenienza economica. Fatto sta che la coppia di serraggio della vite non è certa e rimane stimata, non controllabile e non verificabile.
Il resto fa solo business non meccanica.
 

volaff

Utente Senior
Professione: Studente
Software: Solidworks 2014,Ansys APDL
Regione: Campania
#27
Tradotto sono solo pagliacciate, soldi spesi per niente e giri di convenienza economica. Fatto sta che la coppia di serraggio della vite non è certa e rimane stimata, non controllabile e non verificabile.
Il resto fa solo business non meccanica.
Concordo. Una volta serrata è complicato stimarla se non empiricamente forse!

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
 

antonio_sc

Utente Junior
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: PTC Creo Parametric
Regione: Campania
#28
Tradotto sono solo pagliacciate, soldi spesi per niente e giri di convenienza economica. Fatto sta che la coppia di serraggio della vite non è certa e rimane stimata, non controllabile e non verificabile.
Il resto fa solo business non meccanica.
Un po come il "rodaggio" per le armi da fuoco?
(Nel senso....chiacchiere da bar?) :ROFLMAO::ROFLMAO::ROFLMAO:
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#29
Tradotto sono solo pagliacciate
Ma dai...

Definire l'ISO9000 e il controllo della coppia di serraggio delle viti come "pagliacciate" non ti fa molto onore.

Al contrario, la prima è un pilastro storico e fondamentale della qualità industriale, il secondo è uno dei più importanti fattori che influenzano la solidità e la sicurezza di qualsiasi assemblaggio utilizzi accoppiamenti filettati.
 

paulpaul

Utente Standard
Professione: Macchinista
Software: Solid Edge, Autocad, Matlab
Regione: Parma
#30
Se un'azienda ha problemi nello spendere poche migliaia di Euro per dotarsi della adeguata strumentazione e delle necessarie ricalibrazioni periodiche, significa che il suo business target non richiede l'aderenza a una Norma come la ISO9000. Non c'è nulla di male nel lavorare in modo diverso: ho rapporti con decine di ottime aziende che non sono ISO9000.

Ciò che è invece denigrabile è chi prima si fa certificare ISO9000 dando l'incarico a un consulente esterno, si fa preparare i moduli, si fa spiegare come compilarli in modo "da passare l'ispezione" e poi guarda alla Norma come fosse l'ufficio delle tasse: un dovere imposto.

La ISO9000 è uno strumento straordinario per migliorare la qualità: se non lo si capisce, significa che non se ne ha bisogno, ed è meglio lasciar stare.
Nulla di più vero a mio avviso: quante aziende che fanno le corse per compilare i moduli in vista dell'ispezione...moduli che magari fanno riferimento a procedure astratte (scritte da chi non conosce i processi aziendali) e difatti mai utilizzate. Il manuale qualità va scritto da persone interne all'azienda, che conoscano i processi: al limite i consulenti potranno valutare l'aderenza o meno alla ISO di questi, e dare veste formale al tutto.
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#31
Nulla di più vero a mio avviso: quante aziende che fanno le corse per compilare i moduli in vista dell'ispezione...moduli che magari fanno riferimento a procedure astratte (scritte da chi non conosce i processi aziendali) e difatti mai utilizzate. Il manuale qualità va scritto da persone interne all'azienda, che conoscano i processi: al limite i consulenti potranno valutare l'aderenza o meno alla ISO di questi, e dare veste formale al tutto.
In una grossa azienda è fattibile, dover assumere una persona con queste competenze specifiche probabilmente non è un grosso problema.
teniamo però conto del tessuto produttivo italiano, composto per la stragrande maggioranza da aziende sotto i 10 dipendenti (e sono stato largo), molto spesso aziende a conduzione familiare.
In un contesto del genere difficilmente ci saranno all'interno le competenze per svolgere un lavoro simile ed assumere una persona solo per questo può risultare antieconomico.
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#32
L'idea comune di dover acquisire specifiche figure per "gestire" l'ISO9000 è chiaro indice che non si è capito cosa rappresenti quella Norma. La qualità deve essere parte di tutto e di tutti, non serve l'esperto che si sostituisca al lavoro degli altri.

Ho colleghi professionisti che lavorano con una segretaria e un tecnico di laboratorio (tre persone in tutto) tranquillamente ISO9000 da tanti di quegli anni che non mi ricordo neppure.
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#33
L'idea comune di dover acquisire specifiche figure per "gestire" l'ISO9000 è chiaro indice che non si è capito cosa rappresenti quella Norma. La qualità deve essere parte di tutto e di tutti, non serve l'esperto che si sostituisca al lavoro degli altri.

Ho colleghi professionisti che lavorano con una segretaria e un tecnico di laboratorio (tre persone in tutto) tranquillamente ISO9000 da tanti di quegli anni che non mi ricordo neppure.
Certo, in ogni azienda si trova senza problemi una figura che ha il tempo di studiarsi a fondo la norma, tenersi aggiornato, creare la modulistica, mantenerla aggiornata, formare il personale ecc.Senza parlare delle capacità di capirla, di applicarla correttamente e di realizzare un sistema a prova di verifiche.
Che ci vuole....
 

stevie

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Solidedge, Cosmos
Regione: Lombardia
#34
Tradotto sono solo pagliacciate, soldi spesi per niente e giri di convenienza economica. Fatto sta che la coppia di serraggio della vite non è certa e rimane stimata, non controllabile e non verificabile.
Il resto fa solo business non meccanica.
A conferma di questo conosco aziende con standard qualitativi e produttivi ben superiori alle controparti certificate ISO 9000.
Spesso si è costretti a certificarsi per un problema "di marketing"...ovvero un potenziale cliente non accetta di lavorare con aziende non certificate, indipendentemente dalla qualità dei prodotti/servizi offerte.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Technical manager - Mechanical engineer 🔩📐
Software: SolidWorks, FreeCAD, Nanocad, Me10, Excel
Regione: Lombardia
#35
A conferma di questo conosco aziende con standard qualitativi e produttivi ben superiori alle controparti certificate ISO 9000.
Spesso si è costretti a certificarsi per un problema "di marketing"...ovvero un potenziale cliente non accetta di lavorare con aziende non certificate, indipendentemente dalla qualità dei prodotti/servizi offerte.
Esattamente questo è il problema di molte realtà. Siccome ci sono molta aziende artigianali che fanno cose fatte bene e qualche cantinaro che tira avanti, si è obbligati tutti ad avere lo stemma sul petto per competere....poi non si è in grado di fare il prodotto o non si seguono le norme di nessun genere fa poca differenza.
 

paulpaul

Utente Standard
Professione: Macchinista
Software: Solid Edge, Autocad, Matlab
Regione: Parma
#36
Sono abbastanza d'accordo con quanto detto sopra, ma non vedrei la ISO solo come business: l'imprenditore lungimirante la dovrebbe vedere come occasione di ulteriore miglioramento dei processi, aldilà del fatto che questi possano essere già ben sistemati anche in un'Azienda priva della certificazione. E' realmente così? Quasi mai, per quanto ne so.

Se invece vede la ISO solo come marketing credo stia sbagliando qualcosa, tanto più se non vi è la volontà manageriale/economica di investire in tutti i processi coinvolti (e si ritorna quindi al caso dell'azienda fabbrica-moduli pre-ispezione, con grandi ed inutili/costose perdite di tempo).

Che serva o meno una figura dedicata credo dipenda molto dalle dimensioni dell'azienda e dal prodotto: è comunque necessaria la nomina di un RGQ, alle dirette dipendenze della Direzione. Questa figura, tra le altre cose, non dovrebbe avere la pretesa di impostare autonomamente i processi, ma solo di formalizzarli, verificarne l'adeguata aderenza alla norma, verificarne l'attuazione, ecc.

Rimane comunque a mio avviso il grosso handicap di pagare chi ti esamina...questo per me è il vero peccato originale di tutto il discorso.