Conteggio ore trasferta per corso

stevie

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Solidedge, Cosmos
Regione: Lombardia
#21
Nell'azienda in cui lavoro funziona così: ci sono due tipologie di retribuzione, quella a forfait e quella a ore. Nel primo caso non sono pagate né trasferte né ore di straordinario mentre nel secondo caso sì.
C'è poi il discorso assicurativo per cui chi va a fare corsi fuori sede è come se fosse in azienda.
All'estero sapete come funziona?
Nel tuo caso è pacifico che le ore di trasferta vadano pagate, perchè si tratta di ore legate ad un'attività dell'azienda...questo è un caso un po diverso.
 
Professione: Ingegnere
Software: Alcuni, ma non tutti
Regione: Campania
#22
Buongiorno,
come funziona quando vado a fare un corso fuori sede e devo partire prima dell'orario di lavoro e causa distanza tornare dopo la normale fine del lavoro?
Le ore extra vanno messe come straordinario? Oppure non vanno conteggiate?
Ciao, non sono d'accordo con molto di quanto scritto in questo thread. Primo su tutto quello di rivolgersi a patronati, caf, sindacati per una manciata di euro?

Quando si ha un dubbio bisogna chiedere alla persona più vicina al problema. Un tuo collega che ci è passato, il tuo capo, il tuo referente per le risorse umane (anche se non sempre è una buona idea), la segretaria (le segretarie su queste cose battono 100 a 1 anche l'amministratore delegato!)
Se sei in imbarazzo, e ti capisco al 100%, non porre la domanda come un "posso inserire le ore come straordinario", ma "le ore extralavoro vanno riportate o non è necessario?". In alcuni casi infatti anche se l'azienda non le paga, le ore di viaggio vanno comunque dichiarate per questioni assicurative, multe, ecc.

Il fatto di dover "ringraziare" l'azienda perché ti manda a un corso andrebbe approfondito. Sicuramente un'azienda che promuove la formazione dei propri dipendenti è da lodare rispetto ad una che non lo fa. Sicuramente la formazione va ad accrescere le tue competenze, che poi potrai portare in un'altra azienda se dovessi andare via. Però è vero anche che l'azienda ti sta fornendo uno strumento di lavoro affinché tu possa svolgere la tua mansione, e in sede di colloquio l'assenza di tale strumento sarà stata certamente considerata nel calcolo della tua paga, ovvero del tuo "valore". Altrimenti prendereste tutti lo stesso stipendio, sia quelli più competenti, sia quelli meno competenti. E' come negoziare l'auto aziendale. Io non ho l'auto, mi serve per andare a lavoro, rinuncio ad una parte dello stipendio e mi danno l'auto aziendale come benefit. Devo ringraziare? Certo, perché comunque è un segno di apertura dell'azienda. Devo buttarmi a zerbino perché mi stanno facendo un favore? Eh no, questo no.

Inoltre, cosa più importante, se l'azienda considera normale pagare quello straordinario e se tutti i tuoi colleghi se lo fanno [giustamente] pagare, tu perché dovresti rinunciarci? Per farti bello con un'azienda che probabilmente non lo noterà neppure?

Comunque, se la tua domanda era generica sulle regole da applicare, non credo esista una regola. Dipende dal contratto nazionale applicato, dipende dal tuo livello di inquadramento, dipende dal tuo contratto personale, e se nulla di tutto ciò riporta la tua fattispecie, dipende in ultima analisi dalle travel policy che adotta l'azienda. Ti faccio un esempio, sei in trasferta, il vitto va pagato. Giusto? Esci a cena e prendi una pizza ed una birra. Fino a quanto puoi spendere? Non c'è scritto nel contratto, ma di solito è ben chiaro nelle travel policy aziendali. La birra la puoi prendere? In una azienda per la quale ho lavorato, gli alcolici erano tassativamente esclusi e non rimborsabili, neanche al pasto serale, e non è certo il CCNL a dare queste indicazioni. Ed un pacchetto di cioccolatini per un viaggio lungo? Puoi metterlo in nota spese? Stiamo parlando di 1.20 EUR, io per rispetto alla mia dignità non lo farei, ma ho avuto colleghi che lo hanno fatto. Ho lavorato per aziende che lo mettevano ("caramelle e cioccolatini") in chiaro nelle esclusioni.

Dai, chiedi in azienda.
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#23
Secondo me i link allegati sono fuorvianti, quelli fanno riferimento a ore di trasferta per lavori che la ditta fattura al cliente.
In questo caso non solo l'azienda non ci fattura nulla, ma paga pure dei soldi per il corso di formazione.
Per me rimane un pessimo biglietto da visita chiedere straordinari su ore di viaggio fatte da un dipendente che va ad un corso pagato dall'azienda per cui lavora, poi non so cosa dica la legge e nemmeno mi interessa, l'Italia è il paese dei furbi quindi sicuramente un giudice del lavoro darebbe ragione al dipendente che poverino si è dovuto fare 1 ora di macchina in più per andare ad un corso pagato dalla ditta...
Prendiamo un caso simile, corso di formazione di una settimana in una città diversa e con alloggio in hotel.
Che fai? Siccome l'azienda ti forma paghi l'hotel di tasca tua?
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#24
Prendiamo un caso simile, corso di formazione di una settimana in una città diversa e con alloggio in hotel.
Che fai? Siccome l'azienda ti forma paghi l'hotel di tasca tua?
Si parlava solo del fatto di pagare le ore di viaggio, non le spese vive. Perche' mischiare mele con pere?

Estremizzando, nel tuo caso il dipendente potrebbe chiedere di essere pagato anche quando dorme di notte, perche' lui vorrebbe starsene a casa dalla fidanzata e invece gli tocca dormire da solo in terra straniera per volere dell'azienda! :D
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#25
Si parlava solo del fatto di pagare le ore di viaggio, non le spese vive. Perche' mischiare mele con pere?

Estremizzando, nel tuo caso il dipendente potrebbe chiedere di essere pagato anche quando dorme di notte, perche' lui vorrebbe starsene a casa dalla fidanzata e invece gli tocca dormire da solo in terra straniera per volere dell'azienda! :D
In quel caso esistono regole ben definite, tra le quali è prevista una diaria giornaliera in caso di trasferta con pernotto.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#27
In quel caso esistono regole ben definite, tra le quali è prevista una diaria giornaliera in caso di trasferta con pernotto.
si ma stai continuando ad introdurre fattispecie che esulano dall'argomento del topic. Qui' chi ha aperto la discussione vuole farsi pagare il disagio di essersi alzato un'ora prima la mattina, non deve farsi rimborsare spese che lui ha anticipato.
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#28
Quello che volevo evidenziare è che il ritenere un pessimo atteggiamento il richiedere questo "indennizzo" non sia, secondo me, così corretto.
L'esempio portato voleva solo far notare questo.
Poi, e l'ho già scritto, io non chiederei le ora extra in questo caso.
 

TAURUS77

Utente Standard
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: ...più vado avanti più li dimentico
Regione: Piemonte
#29
Boh!!! Sto leggendo ma dubbi e peprplessità mi assalgono.....tempo fa mi fu chiesto di fare un corso e da Torino mi sono dovuto sbattere a Bologna....il corso a Bologna si teneva in una zona decentrata "dove perse le scarpe il Signore" come si dice dalle mie parti...nessun Taxi pagato e nessun pranzo pagato, sono uscito da casa in piena notte pagandomi un taxi e sono rientrato alle 23 graziato dalla bontà di un amico che mi diede un passaggio fino a casa. Altra storia altro corso stavolta a Modena....stesso cosa di prima con l'aggiunta che mi son dovuto fare chilometri e chilometri a piedi...l'autista dei bus urbani quando ha capito dove dovevo andare fece una faccia come dire se prendevi un taxi facevi prima....ma l'azienda non ha pagato il taxi a nessuno dei partecipanti......sono arrivato al corso grondante di sudore e un po' grazie alla mia lungimiranza mi ero premunito portandomi un cambio di biancheria e camicia. Che bello le aziende che si fanno grandi col culo degli altri...Noi siamo una grande realtà, noi lavoriamo in team, noi....noi....bla bla bla. Se davvero una azienda vuole essere grande, leader e tutte le belle frasi da carosello pubblicitario deve essere grande anche nel portafoglio e cosi non scassa la mi...a a nessuno perchè il dipendente non è zerbino.
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#31
Se un azienda non fa formazione perchè un dipendente gli chiede di essere retribuito meglio abbandonarla in fretta.
A dirigenti del genere si può solo augurare un fallimento, peccato che chi ne paghi le conseguenze siano solo i lavoratori.
 

TAURUS77

Utente Standard
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: ...più vado avanti più li dimentico
Regione: Piemonte
#32
Altra storia altra italia....mio padre non è stato il mega proprietario di azienda....ma un semplice carpentire edile che lavorava in proprio o a volte in società con altri come lui per la costruzione di piccole case max tre quattro piani....sia d'inverno che d'estate un pane caldo con olio o delle teglie di pasta a forno o delle bibite fresche o dei gelati per i ragazzi che lavoravano con lui erano sempre assicurati e molto apprezzati dai lavoratori.....se la giornata era troppo calda o troppo fredda spesso se l'obiettivo era stato raggiunto si chiudeva prima e fischiava a tutti e a gran voce "picciotti amuninni a casa chi semu stanchi"....se qualcuno doveva andare da qualche parte con la propria macchina per portare gli altri o delle attrezzature "teccà pigliati sti sordi pi la benzina." Non so se è a tutti chiaro quello che voglio dire.....ma a volte o visto più gesti benevolenza da parte dei piccoli datori che dalle AZIENDE megatitolate....poi che vi siano aziende e aziende e impiegati e impiegati è un'altro paio di maniche. In ogni caso i valori che ho ricevuto li porto dentro e li trasmetterò ai miei figli....mio malgrado qui al nord non ho trovato (e non sono solo) valori ma solo gente senza scrupoli pronta a lucrare pure sul panino del dipendentente in trasferta.
Chiudo qui il mio intervento
 

paulpaul

Utente Standard
Professione: Macchinista
Software: Solid Edge, Autocad, Matlab
Regione: Parma
#33
Quello che volevo evidenziare è che il ritenere un pessimo atteggiamento il richiedere questo "indennizzo" non sia, secondo me, così corretto.
L'esempio portato voleva solo far notare questo.
Poi, e l'ho già scritto, io non chiederei le ora extra in questo caso.
Dato che sono uno di quelli che ha scritto quanto affermi, puntualizzo meglio (autoquotandomi) la situazione a cui facevo riferimento, che mi pareva essere simile a quella prospettata dall'OP:

L'azienda di solito paga il corso ed il trasferimento + vitto (ed eventuale alloggio), ma le ore di straordinario dovute al fatto che magari uno si deve alzare un'ora prima per raggiungere la sede del corso assolutamente no: come ti ripeto, non so se siano dovute o meno, ma io mi vergognerei a chiederlo quando l'azienda paga tutto il resto (e reagirei male se me lo chiedessero a mia volta, cosa che fortunatamente non è mai successa).
Due anni fa ho mandato (col consenso della Direzione ovviamente) due persone ad un corso di due giorni in Olanda, molto costoso ma anche molto quotato: corso + viaggio (aereo, taxi, bus, metro, auto a noleggio, rimborso auto personale) + vitto + alloggio (in camere singole) interamente pagati dall'azienda (e ci mancherebbe che un dipendente se li pagasse, aggiungo). Ecco...se avessero però chiesto anche le due ore di straordinario dovute alla levataccia delle 6 del mattino (anziché alle canoniche 8 dell'orario regolare di ufficio) per andare a prendere l'aereo a Milano...penso che avrebbero fatto una pessima figura, almeno con me. Ma è una mia opinione personale del tutto slegata da considerazioni contrattuali e contestualizzata al caso specifico.
 

stevie

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Solidedge, Cosmos
Regione: Lombardia
#34
Però scusatemi qui si continua a far confusione secondo me...chi mescola trasferte all'estero con l'alzarsi 1 ora prima la mattina per andare ad un corso e voler avere 1 ora di straordinario...
 

TECNOMODEL

Utente Senior
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Cimatron E/Inventor/Creo Direct Modeling
Regione: Emilia Romagna
#35
Però scusatemi qui si continua a far confusione secondo me...chi mescola trasferte all'estero con l'alzarsi 1 ora prima la mattina per andare ad un corso e voler avere 1 ora di straordinario...
Vero, la discussione si è un pò ampliata.
Credo però che stiano emergendo alcuni spunti interessanti per l'OP che, mi pare, sia alle prime esperienze lavorative.
 

haga78

Utente Junior
Professione: progettista meccanico
Software: SolidWorks, SolidEdge, AutoCAD
Regione: Italy
#38
Hai CCNL Metalmeccanico?
Dalle mie parti funziona così: se viaggi + lavori in un giorno le 8 ore lavorative vengono retribuite come lavoro, le ore eccedenti (impiegate per il viaggio) vengono retribuite all'85% (meno delle lavorative) e non come straordinario, concordemente al CCNL.

Vedi qui cerca ore di viaggio.

Ad es. se fai 1 h di viaggio andata + 8 ore corso + 1 h viaggio ritorno e la tua paga oraria è 10 euro/h prenderai

- 8 h x 10 = 80 euro
- 2 h x 10 x 0,85 = 17 euro

Comunque ti conviene chiedere al tuo diretto superiore o in amministrazione, dovrai fare un report delle ore credo con l'occasione differenzia quelle di viaggio da quelle di corso e poi saranno magari loro a decidere come retribuirtele.