Centraggio materiale su rulli

SMIRRO

Utente registrato
Professione: Progettista meccanico
Software: Solidworks, Solid Edge, Top Solid
Regione: Toscana
#1
Buongiorno,
ho un problema che ha a che fare con una bobina di materiale cartaceo che viene svolto ad un estremo di un tavolo con un rullo motorizzato, e riavvolta, dopo vari passaggi intermedi che prevedono anche il tensionamento, visto che si parla di qualche metro di materiale, da un altro capo del tavolo tramite un altro rullo motorizzato.
La direzione di moto non è sempre la stessa, a volte può essere invertita repentinamente, e si procede all'indietro. In questi casi succede che il materiale si alzi o si abbassi in direzione assiale rispetto ai rulli. Questo, quando non fa uscire proprio il materiale dalla guida del rullo, porta a formare delle gobbe nel rullo che viene ricreato a valle, e non è accettabile.
I rulli sono cilindrici, ed hanno una sponda in basso che evita che il materiale possa uscire, ed un anello mobile nella direzione opposta. Quello che succede è che a volte il materiale si arricci contro queste sponde, come conseguenza di quanto detto sopra.

Ora, la soluzione che è stata proposta sarebbe quella di inclinare l'asse del/dei cilindro/i incriminato/i con delle "zeppe", a seconda di come si presenti il problema. Questa soluzione, per come la vedo io, al di là del poco elegante, e del non generalizzabile, non sarebbe risolutiva poiché troppo mirata ed empirica, infatti nel caso del cambio formato, quindi utilizzando materiale a grana diversa, si sarebbe punto e a capo; alla costruzione della prossima macchina, quindi con pezzi nuovi, anche se non ci fosse il cambio formato, si sarebbe punto e a capo.

La mia idea prevede di utilizzare un sistema simile a quello che viene utilizzato nelle scartatrici a nastro: quindi il rullo folle avrebbe una regolazione assiale che permetterebbe il recupero di questo sbilanciamento, inoltre i rulli dovrebbero presentare una forma "a schiena d'asino", come è per quelli dei nastri trasportatori, che permettano il centraggio del materiale sugli stessi.

Spero di essermi spiegato bene, non mi è possibile entrare in maggior dettaglio.
Vorrei intavolare una discussione su questo problema.
Grazie in anticipo a chi contribuirà.
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#2
Con un problema simile, ho scelto anch'io la soluzione delle "zeppe". Solo che le mie erano "zeppe attive", costituite da un servomotore che alzava o abbassava il sopporto da uno dei lati del cilindro.

La regolazione avveniva con un PID, leggendo la posizione del prodotto svolto per mezzo di una serie di sensori fotoelettrici che individuavano la posizione di uno dei bordi, mantenendolo entro pochi millimetri (rulli diametro 250 mm, lunghezza 4.5 m).

Mettere le sponde sui rulli è il modo migliore per andarsi a fare male...
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Technical manager - Mechanical engineer 🔩📐
Software: SolidWorks, FreeCAD, Nanocad, Me10, Excel
Regione: Lombardia
#3
Io l'ho fatto per tenere centrato un nastro trasportatore con un cilindro pneumatico all'estremo che si alza e abbassa e una fotocellula doppia per tarare la finestra di tolleranza per il comando di regolazione.
Funziona.
 

SMIRRO

Utente registrato
Professione: Progettista meccanico
Software: Solidworks, Solid Edge, Top Solid
Regione: Toscana
#4
Con un problema simile, ho scelto anch'io la soluzione delle "zeppe". Solo che le mie erano "zeppe attive", costituite da un servomotore che alzava o abbassava il sopporto da uno dei lati del cilindro.

La regolazione avveniva con un PID, leggendo la posizione del prodotto svolto per mezzo di una serie di sensori fotoelettrici che individuavano la posizione di uno dei bordi, mantenendolo entro pochi millimetri (rulli diametro 250 mm, lunghezza 4.5 m).
Grazie per la risposta.
Nel mio caso le zeppe sarebbero dei semplici orpelli
 

SMIRRO

Utente registrato
Professione: Progettista meccanico
Software: Solidworks, Solid Edge, Top Solid
Regione: Toscana
#5
Io l'ho fatto per tenere centrato un nastro trasportatore con un cilindro pneumatico all'estremo che si alza e abbassa e una fotocellula doppia per tarare la finestra di tolleranza per il comando di regolazione.
Funziona.
L'idea per rendere percorribile la strada delle zeppe, sarebbe quella di mettere una vite a battere, decentrata rispetto all'asse del rullo, di modo che la registrazione fosse meglio controllabile.

Io però preferirei la strada descritta per esempio in questo manuale:
1565614542158.png
 
Ultima modifica:

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#6
E' un sistema che funziona bene su rulli corti. Per esempio, le seghe e le smerigliatrici a nastro utilizzano tutte quel sistema. Se però hai un cilindro lungo metri, la bombatura diventa importante e può causare problemi collaterali.

Oltre a questo, il costo di un rullo cilindrico è molto inferiore rispetto a uno sagomato e la differenza può superare allegramente il costo di un sistema attivo di centraggio.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#7
L'idea per rendere percorribile la strada delle zeppe, sarebbe quella di mettere una vite a battere, decentrata rispetto all'asse del rullo, di modo che la registrazione fosse meglio controllabile.

Io però preferirei la strada descritta per esempio in questo manuale:
View attachment 54238
Anche io ho sempre usato i rulli biconici, ma quando si trattava di tenere in guida nastri. Qui' se non ho capito male vorresti creare una bobina a partire da un'anima biconica, cose che effettivamente non ho mai visto, e che penso funzionerebbe poco a man mano che il diametro della bobina cresce e l'effetto conico si attenua.
E, sempre se non ho capito male, lavori con bobine con asse verticale, giusto?
Una cosa che ho visto invece era montare uno dei due rulli con un sopporto incernierato da un lato e scorrevole assialmente con un doppio cilindo pneumatico in tandem dall'altro: normalmente i due cilindri erano uno chiuso e uno aperto per avere la posizione intermedia: quando il tappetino tendeva a deviare si dava un colpo con uno dei due cilindri per tendere il lato dove si stava verificando lo sbandamento e riportare il nastro al centro, il tutto controllato in via automatica da un sensore ottico ovviamente. e' una soluzione abbastanza "agricola" ma pare funzionasse. Spero di essermi fatto capire.
 

SMIRRO

Utente registrato
Professione: Progettista meccanico
Software: Solidworks, Solid Edge, Top Solid
Regione: Toscana
#8
Anche io ho sempre usato i rulli biconici, ma quando si trattava di tenere in guida nastri. Qui' se non ho capito male vorresti creare una bobina a partire da un'anima biconica, cose che effettivamente non ho mai visto, e che penso funzionerebbe poco a man mano che il diametro della bobina cresce e l'effetto conico si attenua.
E, sempre se non ho capito male, lavori con bobine con asse verticale, giusto?
Mi sono spiegato male in effetti: i rulli dove avvengono le azioni di avvolgimento e svolgimento sono rulli atti a tenere le anime vere e proprie delle bobine, e quelli non verrebbero toccati. Nel percorso invece, piuttosto intricato, ci sono diversi rulli che consentono al nastro di materiale di fare il suo giro, molti di questi folli. Sono proprio questi rulli qua ai quali avrei dato la biconicità.
L'asse delle bobine è verticale in questo caso, sì.

E' un sistema che funziona bene su rulli corti. Per esempio, le seghe e le smerigliatrici a nastro utilizzano tutte quel sistema. Se però hai un cilindro lungo metri, la bombatura diventa importante e può causare problemi collaterali.
Mi sono espresso male anche qui, ho parlato di metri di materiale, ma non ho specificato che la luce massima fra rullo e rullo è inferiore al metro.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#9
Mi sono spiegato male in effetti: i rulli dove avvengono le azioni di avvolgimento e svolgimento sono rulli atti a tenere le anime vere e proprie delle bobine, e quelli non verrebbero toccati. Nel percorso invece, piuttosto intricato, ci sono diversi rulli che consentono al nastro di materiale di fare il suo giro, molti di questi folli. Sono proprio questi rulli qua ai quali avrei dato la biconicità.
L'asse delle bobine è verticale in questo caso, sì.
Io in genere divido i rulli in 1/3 conico, 1/3 cilindrico e 1/3 conico. Come riduzione di diametro per i nastri puo' bastare anche 1mm, ma avendo tanti metri di carta da gestire (con il suo peso!) non so se possa essere una strada funzionale. Forse quella dei rulli "pendolari" attivi e' una scelta piu' efficace.
 

SMIRRO

Utente registrato
Professione: Progettista meccanico
Software: Solidworks, Solid Edge, Top Solid
Regione: Toscana
#10
Mi sto convincendo ad utilizzare il sistema delle inclinazioni delle assi, come in molti mi state consigliando, ma controllato manualmente dall'operatore, quindi utilizzando ad esempio il sistema a vite come detto sopra
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#11
Mi sto convincendo ad utilizzare il sistema delle inclinazioni delle assi, come in molti mi state consigliando, ma controllato manualmente dall'operatore, quindi utilizzando ad esempio il sistema a vite come detto sopra
Penso che sia sufficiente regolarne uno solo. Sicuramente dovrai andare a toccare l'inclinazione in base alla grammatura del prodotto che stai trattando.
 

SMIRRO

Utente registrato
Professione: Progettista meccanico
Software: Solidworks, Solid Edge, Top Solid
Regione: Toscana
#12
Penso che sia sufficiente regolarne uno solo. Sicuramente dovrai andare a toccare l'inclinazione in base alla grammatura del prodotto che stai trattando.
Sono sicuramente d'accordo per la regolazione nel caso del cambio formato, e probabilmente hai ragione sul fatto che ne basti uno: quello immediatamente a monte dell'albero dove avviene l'avvolgimento.
 

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna e Seguace Anonimo di Shiren :) [ Ma dove sei finito ? ]
Software: Inventor 2019 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
#13
Per centrare il nastro di acciaio/alluminio/carta/politene, si usano le unità di sterzatura, sistemi meccanicamente semplici ma con unità di controllo sofisticate.
Non ne ho mai viste, però, con gli assi dei rulli avvolgitore e devolgitore messi in verticale.
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#14
Mi sto convincendo ad utilizzare il sistema delle inclinazioni delle assi, come in molti mi state consigliando, ma controllato manualmente dall'operatore, quindi utilizzando ad esempio il sistema a vite come detto sopra
Il sistema automatico che descrivevo in #2 è andato a sostituire un equivalente sistema manuale costituito da un volantino che alzava o abbassava uno dei sopporti. La regolazione era affidata all'addetto alla linea che con la lunga esperienza, sapeva prevedere la deriva del materiale svolto e agiva in anticipo (basandosi sulle piccole onde che si creavano, prima che le stesse costituissero un problema).

Il sistema funzionava egregiamente, ma dipendeva interamente da un singolo operatore, ed è per questo motivo che è stato sostituito.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#15
guida nstro.JPG

Un cliente mi ha appena mandato questa cattura presa da un manuale habasit, vedi se puo' esserti di aiuto.
 

New Rider

Utente Standard
Professione: Impiegato Tecnico
Software: SWorks17s.p05 / Sworks18s.p03 / DSight / SEdge2019/AutoCadLt./ProgeCAD
Regione: Veneto
#17
Io non ho capito come funziona.

Qualcuno me lo spiega?
Il nastro viene tenuto in sede dai due rulli verticali in ambo i sensi di marcia a patto che si utilizzi nastri robusti e con elevata stabilità trasversale. I rulli impediscono che il nastro si sposti a DX e SX.

Ciao
 

SMIRRO

Utente registrato
Professione: Progettista meccanico
Software: Solidworks, Solid Edge, Top Solid
Regione: Toscana
#18
View attachment 54333

Un cliente mi ha appena mandato questa cattura presa da un manuale habasit, vedi se puo' esserti di aiuto.
Grazie.
Sì, anche io avevo preso molti spunti da quel manuale, infatti anche la cattura in #5 viene da lì.
Purtroppo nello specifico del mio caso non posso usare questa applicazione, il mio asse è verticale.
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
#19
Il nastro viene tenuto in sede dai due rulli verticali in ambo i sensi di marcia a patto che si utilizzi nastri robusti e con elevata stabilità trasversale. I rulli impediscono che il nastro si sposti a DX e SX.
Se i rulli verticali servissero solo come guida, non capisco perché sarebbero collegati al rullo orizzontale che, guidato, si sposta dalla posizione di ortogonalità rispetto al nastro, ruotando sul suo asse mediano (come anche indicato chiaramente dalle frecce curve).

Se il rullo orizzontale si sposta dalla posizione di ortogonalità, allora il nastro viene guidato nella direzione di inclinazione.

Con quella soluzione meccanica, l'equilibrio del nastro migliora quando lo stesso si muove da destra verso sinistra (con riferimento alla figura in #15), ma l'equilibrio diventa instabile quando il nastro si muove in direzione opposta.

Dato che nel testo è indicato chiaramente che funziona in entrambi i sensi di marcia, volevo capire come questo fosse possibile.

... e non l'ho ancora capito.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Technical manager - Mechanical engineer 🔩📐
Software: SolidWorks, FreeCAD, Nanocad, Me10, Excel
Regione: Lombardia
#20
Credo che per capire come funzionano i traini sterzanti sia il caso di interpellare l'azienda EMG che ha una sede di ingegneria che si occupa, in Germania, di progettare traini sterzanti e sistemi di centraggio a contatto con lettura bordo non a contatto tramite apposita apparecchiatura.
Normalmente lasciare al sistema di autocentrarsi come l'immagine del tappeto habasit, nei sistemi di precisione e dove non c'è rigidezza del materiale necessiterebbe di un sistema di retrofit e quindi un pilotaggio elettrico del centratore e l'eliminazione dei rullini laterali.
Se invece il materiale è rigido, si ha che il rullino laterale viene spinto naturalmente da un lato ma credo sia performante montare una molla torsionale sul perno del centratore in modo che richiami meccanicamente al centro.