AutoCAD gratuito per le scuole

PIETRO2002

Utente Junior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: INVENTOR
Regione: LOMBARDIA
volevo solo dire che per ora (a mio modesto parere) è impensabile non conoscere le basi del codice iso...tutto qua

tra 10/20 anni potrebbe essere soppiantato quasi del tutto
Sono d'accordo che sarebbe buona cosa sapere il codice Iso, con piu' cose si sanno meglio e', ma se per imparare quello tralascio le nuove tecnologie allora non ci sto! Per fare un paragone sono della generazione che usava il regolo, se usavi quello capivi anche i logaritmi, prova a chiedere adesso ad un ragazzo se sa cosa sia.. fortunatamente il mondo va avanti ed esistono le calcolatrici ed i computer, pero' e' sempre utile conoscere i logaritmi! Non facciamo d'ogni erba un fascio.
 

ale47p

Utente attivo
Professione: reverse/cad/cam
Software: CopyCad/PowerShape/PowerMill/VeriCut
Regione: Veneto
mi sa che lavoro su Marte

dove lavoro è una piccola realtà e forse sarà anche la tipologia di lavoro, ma il codice ISO è morto da anni . e sinceramente se il tuo "padrone" si accontenta di vedere il mandrino che gira, come si dice?... chi si accontenta gode.
il mio ex titolare voleva anche sentire il mouse clicckare...ovvio :cautious:

e no, non penso che tu lavori su marte, penso più semplicemente che ci siano più posti dove serve ancora conoscere il codice iso rispetto a quelli in cui non serve proprio a nulla...io non nego che esistano realtà all'ultimo grido, ma invece mi sembra che tu faccia fatica a renderti conto invece che ci sono realtà che non hanno voglia o necessità (per il momento) di adeguarsi. queste realtà ci sono, è un dato di fatto. il codice iso è tutto fuori che morto ;)
 

PIETRO2002

Utente Junior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: INVENTOR
Regione: LOMBARDIA
il mio ex titolare voleva anche sentire il mouse clicckare...ovvio :cautious:

e no, non penso che tu lavori su marte, penso più semplicemente che ci siano più posti dove serve ancora conoscere il codice iso rispetto a quelli in cui non serve proprio a nulla...io non nego che esistano realtà all'ultimo grido, ma invece mi sembra che tu faccia fatica a renderti conto invece che ci sono realtà che non hanno voglia o necessità (per il momento) di adeguarsi. queste realtà ci sono, è un dato di fatto. il codice iso è tutto fuori che morto ;)
Mi piace pensare a quella vignetta, dove vi e' l'uomo preistorico che tira la carretta con le ruote quadre e suda di bestia, dietro c'e' l'amico che ha scoperto la ruota tonda e vuole comunicare la sua invenzione, ma l'uomo che tira il carretto dice di non avere tempo.. tanto abbiamo sempre fatto cosi'!! W l'Italia
 

shirokko

Utente
Professione: Progettista cad-cam
Software: CimatronIT, Cimatron 13, Rhinoceros 6, Solidworks 2021, SolidCAM 2021
Regione: Marche
Mi piace pensare a quella vignetta, dove vi e' l'uomo preistorico che tira la carretta con le ruote quadre e suda di bestia, dietro c'e' l'amico che ha scoperto la ruota tonda e vuole comunicare la sua invenzione, ma l'uomo che tira il carretto dice di non avere tempo.. tanto abbiamo sempre fatto cosi'!! W l'Italia
Più semplicemente le cose possono coesistere.
 

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
Secondo me è anche una questione di tempo. Bisogna dare tempo alla scuola perchè cominci a orientarsi meglio nella scelta degli strumenti didattici da adottare.
Il mondo del software è un vulcano che sforna ogni giorno nuovi strumenti, mentre la scuola (che già di per sè accusa molti ritardi cronici) non puo' riuscire a stare appresso a tanta dinamicità. Non nel breve tempo perlomeno.

Strumenti nuovi vanno bene. Ma io alle scuole farei insegnare anche la geometria dei greci.
Cosa ci hanno insegnato del teorema di Pitagora? Cose noiosissime, robe da imparare a memoria come preghiere.
Se l'avessero insegnate come effettivamente i greci riuscirono a risolvere i problemi legati al calcolo delle superfici e dei volumi solidi... avrebbe appassionato e gli alunni avrebbero imparato di piu.
 
Ultima modifica:

PIETRO2002

Utente Junior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: INVENTOR
Regione: LOMBARDIA
Più semplicemente le cose possono coesistere.
Sicurissimamente, ma l'uomo con la ruota tonda andra' piu' lontano facendo meno fatica... alcune volte e' meglio fermarsi un poco e "pensare"... ( togliere i paraocchi mentali e guardarsi attorno)
 

Vittorio

Utente Standard
Professione: progettista
Software: CatiaV5-6R27 HyperMill_2021.1
Regione: Lombardia
Capisco che è difficile abbandonare quello che si è capaci di fare per provare il nuovo.
Ma non capisco perché anche in una piccola realtà, dove fanno delle banalissime lavorazioni, non possa essere utile un software cam.
Il primo vantaggio che mi viene in mente e la cattiva interpretazione dei disegni e delle quote.
Un Dxf annulla errori di interpretazione
Il CAM lo legge e genera il programma per il Cnc. E adesso non ditemi che usate ancora i disegni fatti a mano sul tecnigrafo. Il secondo vantaggio è che l'esperienza fatta da ogni singolo operatore rimane in azienda anche se quest'ultimo un domani si dimette e magari mette in difficoltà chi rimane.
Faccio un esempio stupido : Supponiamo che un operatore metta a punto dei parametri per un utensile. Numero di giri, avanzamento profondità di passata eccetera eccetera. Questo utensile verrà memorizzato nel database del Cam e tutti gli altri colleghi potranno usufruire di questa sua esperienza.
Avrei altri esempi da citare ma non vorrei annoiarvi
 

shirokko

Utente
Professione: Progettista cad-cam
Software: CimatronIT, Cimatron 13, Rhinoceros 6, Solidworks 2021, SolidCAM 2021
Regione: Marche
Sicurissimamente, ma l'uomo con la ruota tonda andra' piu' lontano facendo meno fatica... alcune volte e' meglio fermarsi un poco e "pensare"... ( togliere i paraocchi mentali e guardarsi attorno)
Vi racconto qualche situazione che ho visto in giro.

Azienda A: si realizzano stampi, di norma si lavora con sistemi CAD/CAM. Tuttavia la produzione è abbastanza omogenea, per cui i pezzi prima di essere montati in macchina hanno bisogno di una operazione di preparazione assai ripetitiva (una spianatura e varie forature), per questo è stato creato un programma ISO parametrico che, aggiornando tre quote, si adatta al pezzo da lavorare. Tempo di programmazione: 10 secondi. Neanche lo sforzo di arrivare all'ufficio tecnico e operazione gestita da operatore basico.

Azienda B: Stesso operatore, fa stampi con Open Mind e lavorazioni al tornio in ISO Fanuc, dato che i suoi lavori al tornio sono morfologicamente simili, ma dovendo fare un pezzo con un diametro o una lunghezza differente, cambiare una quota è semplice come in un modellatore solido parametrico, ma più immediato.

Azienda C: L'ufficio tecnico realizza i percorsi utensile senza sapere con precisione su quale macchina vanno lavorati. L'ISO è generalmente compatibile, il richiamo delle origini, gli utensili, i parametri di taglio, i cicli di foratura no, e vengono aggiustati da chi è davanti al CNC.

Poi c'è la madre di tutti i motivi: le macchine CNC non sono tutte uguali. Molto spesso le configurazioni macchina (accessori, attrezzaggi...) sono fuori standard, e hanno implementazioni del linguaggio particolari. I CAM non sempre lo sanno, e indovinate chi deve chiedere le modifiche ai post...
 

Vittorio

Utente Standard
Professione: progettista
Software: CatiaV5-6R27 HyperMill_2021.1
Regione: Lombardia
Secondo me è anche una questione di tempo. Bisogna dare tempo alla scuola perchè cominci a orientarsi meglio nella scelta degli strumenti didattici da adottare.
Il mondo del software è un vulcano che sforna ogni giorno nuovi strumenti, mentre la scuola (che già di per sè accusa molti ritardi cronici) non puo' riuscire a stare appresso a tanta dinamicità. Non nel breve tempo perlomeno.

Strumenti nuovi vanno bene. Ma io alle scuole farei insegnare anche la geometria dei greci.
Cosa ci hanno insegnato del teorema di Pitagora? Cose noiosissime, robe da imparare a memoria come preghiere.
Se l'avessero insegnate come effettivamente i greci riuscirono a risolvere i problemi legati al calcolo delle superfici e dei volumi solidi... avrebbe appassionato e gli alunni avrebbero imparato di piu.
Infatti, hai ragione. In un post precedente ho fatto una citazione magari un po' azzardata e metaforica, ma con " Hanno fatto più danni i maestri che le guerre, intendevo proprio questo
 

PIETRO2002

Utente Junior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: INVENTOR
Regione: LOMBARDIA
Vi racconto qualche situazione che ho visto in giro.

Azienda A: si realizzano stampi, di norma si lavora con sistemi CAD/CAM. Tuttavia la produzione è abbastanza omogenea, per cui i pezzi prima di essere montati in macchina hanno bisogno di una operazione di preparazione assai ripetitiva (una spianatura e varie forature), per questo è stato creato un programma ISO parametrico che, aggiornando tre quote, si adatta al pezzo da lavorare. Tempo di programmazione: 10 secondi. Neanche lo sforzo di arrivare all'ufficio tecnico e operazione gestita da operatore basico.

Azienda B: Stesso operatore, fa stampi con Open Mind e lavorazioni al tornio in ISO Fanuc, dato che i suoi lavori al tornio sono morfologicamente simili, ma dovendo fare un pezzo con un diametro o una lunghezza differente, cambiare una quota è semplice come in un modellatore solido parametrico, ma più immediato.

Azienda C: L'ufficio tecnico realizza i percorsi utensile senza sapere con precisione su quale macchina vanno lavorati. L'ISO è generalmente compatibile, il richiamo delle origini, gli utensili, i parametri di taglio, i cicli di foratura no, e vengono aggiustati da chi è davanti al CNC.

Poi c'è la madre di tutti i motivi: le macchine CNC non sono tutte uguali. Molto spesso le configurazioni macchina (accessori, attrezzaggi...) sono fuori standard, e hanno implementazioni del linguaggio particolari. I CAM non sempre lo sanno, e indovinate chi deve chiedere le modifiche ai post...
Concordo in pieno, l'importante che si abbia il quadro completo per poter scegliere il meglio, se l'omino che tirava il carro con ruote quadrate si fosse fermato ad ascoltare almeno aveva tre scelte, o continuare a fare come prima, o adottare la ruota tonda o magari, se era creativo, caricarsi il carro in spalla!
 

shirokko

Utente
Professione: Progettista cad-cam
Software: CimatronIT, Cimatron 13, Rhinoceros 6, Solidworks 2021, SolidCAM 2021
Regione: Marche
Concordo in pieno, l'importante che si abbia il quadro completo per poter scegliere il meglio, se l'omino che tirava il carro con ruote quadrate si fosse fermato ad ascoltare almeno aveva tre scelte, o continuare a fare come prima, o adottare la ruota tonda o magari, se era creativo, caricarsi il carro in spalla!
E il quadro completo lo si ha sapendo come funzionano le cose. Personalmente penso che sia uno dei compiti della scuola.
 

PIETRO2002

Utente Junior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: INVENTOR
Regione: LOMBARDIA
E il quadro completo lo si ha sapendo come funzionano le cose. Personalmente penso che sia uno dei compiti della scuola.
Sarebbe l'ideale, ma non carichiamo troppo la scuola, basta che metta in grado gli studenti di pensare, poi sul mondo del lavoro ci pensano gli imprenditori piu' o meno illuminati!
 

shirokko

Utente
Professione: Progettista cad-cam
Software: CimatronIT, Cimatron 13, Rhinoceros 6, Solidworks 2021, SolidCAM 2021
Regione: Marche
Mi spaventano le persone che non hanno dubbi ed hanno la verita' in tasca, tutto li!
Questo è un altro discorso. E magari varrebbe la pena farlo davanti ad una birra. Buona vita!
 

stevie

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Solidedge, Cosmos
Regione: Lombardia
Sono d'accordo che sarebbe buona cosa sapere il codice Iso, con piu' cose si sanno meglio e', ma se per imparare quello tralascio le nuove tecnologie allora non ci sto! Per fare un paragone sono della generazione che usava il regolo, se usavi quello capivi anche i logaritmi, prova a chiedere adesso ad un ragazzo se sa cosa sia.. fortunatamente il mondo va avanti ed esistono le calcolatrici ed i computer, pero' e' sempre utile conoscere i logaritmi! Non facciamo d'ogni erba un fascio.
Chi ha mai detto di trascurare le "nuove" tecnologie...che poi così nuove non sono visto che il primo CAM in azienda l'abbiamo acquistato nel 1986...

Ho semplicemente detto che "imparare a scimmia" un software, che sia un CAM o altro, senza avere le basi di quello che si fa lo ritengo poco utile dal punto di vista didattico/conoscitivo.

Oltretutto come detto da altri la programmazione a bordo macchina è tutt'altro che morta...non sempre si ha la necessità di fare superfici complesse, magari si fanno spine, alberi filettati, flange con fori, piccole scanalature, lavorazioni 2.5D...in tutti questi casi programmare a bordo macchina è un vantaggio perchè si elimina la necessità di passare dal cam.

Se uno ha visto sempre e solo programmare via CAM ha una visione limitata della realtà produttiva e non è questione di non voler usare nuove tecnologie.
 

Vittorio

Utente Standard
Professione: progettista
Software: CatiaV5-6R27 HyperMill_2021.1
Regione: Lombardia
Chi ha mai detto di trascurare le "nuove" tecnologie...che poi così nuove non sono visto che il primo CAM in azienda l'abbiamo acquistato nel 1986...

Ho semplicemente detto che "imparare a scimmia" un software, che sia un CAM o altro, senza avere le basi di quello che si fa lo ritengo poco utile dal punto di vista didattico/conoscitivo.

Oltretutto come detto da altri la programmazione a bordo macchina è tutt'altro che morta...non sempre si ha la necessità di fare superfici complesse, magari si fanno spine, alberi filettati, flange con fori, piccole scanalature, lavorazioni 2.5D...in tutti questi casi programmare a bordo macchina è un vantaggio perchè si elimina la necessità di passare dal cam.

Se uno ha visto sempre e solo programmare via CAM ha una visione limitata della realtà produttiva e non è questione di non voler usare nuove tecnologie.

cosa intendi per programmazione a bordo macchina?
perchè.. il programma che utilizzi a bordo macchina non è niente altro che un CAM installato nel controllo.
Nel senso che se devi costruire un rettangolo e fresarlo.. Con heidenhain "a bordo macchina" non fai altro che dire base per altezza e profondità , ma questo non è programmare in ISO.
Utilizzare un CAM.. non significa che sei seduto su una sedia in ufficio.
Agggiungo..
Che a questo punto conviene insegnare a nostri ragazzi ad utilizzare un CAM perchè è universale e va bene per tutti i controlli numerici
Sarà poi il post-processor che farà la differenza
 
Ultima modifica:

Vittorio

Utente Standard
Professione: progettista
Software: CatiaV5-6R27 HyperMill_2021.1
Regione: Lombardia
Quello che conta è insegnare come si affronta una sgrossatura,una finitura, una foratura . Insomma le strategie di lavorazione.
E poi chissà.. magari lo vedono come un video gioco e non si spaccano i maroni con la monotonia
 
Ultima modifica:

tizi121212

Utente poco attivo
Professione: docente
Software: nanocad
Regione: lazio
Ti hanno detto una mezza verità.
Il sistema di licenze flottante (le licenze di rete) è stato dismesso da Autodesk in favore delle licenze "named user"; ma questo non significa che le licenze debbano essere realmente a nome degli studenti.
Nella mia aula corsi (sono il responsabile della formazione in un training center Autodesk autorizzato) ho semplicemente creato 20 utenti chiamati corso01, corso02, corso03 ecc.
Gli studenti non devono sapere la password di accesso; accedono al software con il login già eseguito e un autenticazione a due fattori (così non possono accedere all'account utente e cambiarsi la password a piacimento).
Probabilmente il vostro tecnico dei laboratori di informatica non aveva voglia di sbattersi...
Ti ringrazio nuovamente per l’intervento.

Oggi ho avuto occasione di riparlarne con il tecnico che si occupa dei laboratori, e siccome tu hai parlato di login, lui ha inteso che tu ti riferivi alla web app di autocad e non al programma completo installato su PC.

Io invece penso che tu intendevi l’AutoCAD completo installato su PC.

Chi ha ragione?
 
Hai installato un sistema per bloccare i banner/annunci

Abbiamo capito, le pubblicità sono fastidiose!

Il software di blocco dei banner fa un ottimo lavoro nel bloccare gli annunci, ma blocca anche le funzioni utili del nostro sito web. Per una migliore esperienza sul sito, disabilita il tuo AdBlocker su CAD3D.it. Grazie!

Ho disabilitato AdBlock