Accoppiamento perno-boccola

Steruitq

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Autodesk Inventor
Regione: Piemonte
Ciao a tutti,

ho una domanda che molti di voi risulterà banale, ma per me che sono alle prime armi no :)

Devo riprogettare una fixture per un robot di saldatura automatica a stagno, la fixture è di dimensioni contenute (più o meno come il caricabatterie di un PC portatile). Sulla piastra in cui verrà appoggiata, sono già presenti due boccole in acciaio di tipo ISO 2338B 6x16 h8.

Ho bisogno che la fixture non abbia giochi, cioè non possa né ruotare né muoversi in x e y, ma che sia possibile rimuoverla facilmente tirandola verso l'alto, visto che questa operazione viene eseguita manualmente circa 3 volte ogni 2 minuti.

Che tolleranza dovrei scegliere per la boccola secondo voi? Per il materiale avevo pensato al bronzo, potrebbe andare bene?

Grazie a tutti
 

MassiVonWeizen

Utente Senior
Professione: disegnatore
Software: solidworks 2019
Regione: Friuli Venezia Giulia
non abbia giochi, cioè non possa né ruotare né muoversi in x e y
e come la blocchi?
ma che sia possibile rimuoverla facilmente tirandola verso l'alto
considerando che un organo tondo ha solo due movimenti, rotatorio e assiale, e dando per buono x come rotatorio, se la puoi sfilare deve potersi muovere in Y
le cose non quadrano.
se mettessi uno schemino sarebbe più facile
 

Steruitq

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Autodesk Inventor
Regione: Piemonte
Sì è vero, senza uno schema non è molto chiaro. Nell'immagine allegata c'è il disegno della piastra, che è in posizione orizzontale fissa. Le spine cilindriche ISO 2338B 6x16 h8 di cui sto parlando (nel messaggio originale le ho erroneamente chiamate boccole, scusate) sono quelle con etichetta n°5.
Su questa piastra va appoggiata una fixture a forma di parallelepipedo, nella fixture ci sarà un foro centrale per la spina indicata con etichetta 4 (non voglio usare questa per il centraggio) e altri due fori in cui inserire le due boccole per le quali ho bisogno di un consiglio.

La situazione ideale sarebbe che la posizione orizzontale della fixture sia bella ferma, mentre deve essere possibile togliere e mettere la fixture sulla piastra tirandola verso l'alto, perché questa operazione verrà fatta più di una volta al minutoL-1226 - assy saldatura WS WS3 su XFC302.pdf - Adobe Acrobat Pro Extended.jpg
Spero che adesso sia chiaro :giggle:
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Cosa sia la fixture lo sai solo te. Se parli come mangi sicuramente apprenderai più velocemente.
Se hai delle spine in h8 piantate le dovrai sccoppiare con delle busdole con foro H7....o meglio G6 ....e se vuoi più aria F8...in modo da avere qualche centesimo di aria.
Basta vedere le tolleranze delle spine e il gioco è fatto.
Potresti poi anche usare delle viti a colletto rettificato che centrano e hanno il filetto, quindi tiene a contatto....se mai ti dovesse servire.
 

ceschi1959

Utente Standard
Professione: progettista
Software: UG 11 - NX1988 TC12.2
Regione: veneto
Sì è vero, senza uno schema non è molto chiaro. Nell'immagine allegata c'è il disegno della piastra, che è in posizione orizzontale fissa. Le spine cilindriche ISO 2338B 6x16 h8 di cui sto parlando (nel messaggio originale le ho erroneamente chiamate boccole, scusate) sono quelle con etichetta n°5.
Su questa piastra va appoggiata una fixture a forma di parallelepipedo, nella fixture ci sarà un foro centrale per la spina indicata con etichetta 4 (non voglio usare questa per il centraggio) e altri due fori in cui inserire le due boccole per le quali ho bisogno di un consiglio.

La situazione ideale sarebbe che la posizione orizzontale della fixture sia bella ferma, mentre deve essere possibile togliere e mettere la fixture sulla piastra tirandola verso l'alto, perché questa operazione verrà fatta più di una volta al minutoVisualizza allegato 51863
Spero che adesso sia chiaro :giggle:
Non ho capito se ti centri su entrambe le spine 5, perché in tal caso, devi tenere presente anche la tolleranza di posizione e comincia a diventare complicato....
 

antonio_sc

Utente Junior
Professione: Ingegnere Meccanico
Software: PTC Creo Parametric
Regione: Campania
Ciao se il tuo scopo è impedire la rotazione nel piano tra i due elementi e disaccoppiare in maniera semplice il tutto (senza che sia necessaria una precisione spinta), un accoppiamento libero normale F8/h8 potrebbe andare bene (se ho capito bene voi ragionate in "albero base")...in questo modo riesci a gerstirne anche meglio il posizionamento (da curare con attenzione, come ha anticipato ceschi1959).. ... come regola generale per garantire l'economicità del prodotto generalmente si attribuisce all'albero un grado di precisione più elevato o al più uguale a quello del foro :giggle:
 

Steruitq

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Autodesk Inventor
Regione: Piemonte
Perfetto grazie mille! Mi avete dato un sacco di spunti su cui ragionare
Sono abbastanza alle prime armi come avrete capito :)

Una fixture è quella che in italiano chiamiamo "posaggio", anche se non so se questo termine è corretto. In pratica è un qualcosa che permette di avere i componenti (in questo caso da saldare) sempre nella stessa posizione quando vengono lavorati da una macchina. Quindi io inserisco i componenti nella fixture, posiziono la fixture sotto il robot e quest'ultimo li salda. Più riesco a garantire che la posizione della fixture sulla piastra sia sempre la stessa, maggiore sarà il grado di precisione e ripetibilità delle saldature
 

MassiVonWeizen

Utente Senior
Professione: disegnatore
Software: solidworks 2019
Regione: Friuli Venezia Giulia
se le boccole sono 2 ed entrano in altrettanti perni lo spostamento sugli assi orizzontale (x) e verticale (y) è dato dal gioco della tolleranza. ad esempio H8/g6 ha un gioco massimo di 0.064 il che vuo dire che nel caso entrambi gli accoppaimento abbiano questo sforunata combinazione si avrà uno spostamento di 0.064milllesimi.
trascurabile? lo puoi sapere solo tu.
invece sarà molto più importante la precisione degli interassi delle forature e dei perni in quanto andranno ad influire sulla precisione di centraggio e sull'usura delle boccole. se la differenza degli interassi non è compensata dal gioco delle boccole si rischi l'impuntamento dell'attrezzatura (nel caso questa esca sempre completamente dal perno); altrimenti se il centraggio coesiste col gioco delle boccole ci può essere comunque uno sfregamento fra perno e boccola che, visto anche la frequenza del movimento, può usurare in breve tempo la boccola.
la boccola dovrà essere in un materiale diverso dal perno e facilemente sostituibile per il discorso di cui sopra; ci sono in commercio boccole in bronzo sinterizzato autolubrificanti ad esempio. il materiale della boccola comunque credo sia da valutare attentamente in funzione del tipo di lavoro ad alta freuenza che fa
 

exxon

Utente Junior
Professione: engineer
Software: inventor
Regione: veneto
Usare delle spine cilindriche per il centraggio di componenti che devono essere spesso separati non è una bella soluzione. Noi sui posaggi utilizziamo delle spine coniche di centraggio come quella in figura.

C1.png

Si trovano di varie dimensioni e possono essere utilizzate o in coppia, oppure una insieme a un accoppiamento con un grado di libertà aggiuntivo che permette di compensare eventuali tolleranze di esecuzione delle parti come quello in questa immagine.

C2.jpg
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
Un altro metodo e' che la tua fixture abbia un foro e un'asola: il foro intercetta la prima spina e ti ferma il pezzo alla traslazione, l'asola intecetta la seconda spina e blocca il pezzo alla rotazione. Il vantaggio e' che non hai problemi col rispetto dell'interasse delle spine e dei fori su cui vanno ad inserirsi. Il problema e' l'usura del punto di contatto asola/spina, cosa che puoi risolvere usando una linguetta invece di una delle due spine n.5.