5000 anni fa i Sumeri davano vita all'antenato di tutti i CAD

ragnol

Utente standard
Professione: geometra
Software: Cad, Dietrich's, Sema
Regione: Trentino
Che storia!

I bisnonni della mia professione...
 

thelittlesniper

Utente poco attivo
Professione: Disegnatore
Software: Auto CAD, Revit
Regione: Alto Adige
Quando il progetto prima lo pensavi, poi lo "disegnavi" e poi cosí veniva fatto... ora, con la scusa di autocad, archicad, allplan, revit, e co. ti arrivano modifiche anche quando hai la betoniera in cantiere!

Io sono della "nuova scuola", quella che con un ctrl+z risolve gli errori e che in 5 minuti fa una modifica su un disegno esistente e spesso mi sento dire che -quando si disegnava su carta questo privilegio non c'era-. Verissimo ma il lavoro che ora faccio da solo, allora, veniva seguito da almeno 3/4 disegnatori e il progetto era indiscutibile dall'artigiano o dall'installatore mentre attualmente vedo che spesso le modifiche vengono richieste direttamente dal cantiere e per ieri!
 

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
spesso mi sento dire che -quando si disegnava su carta questo privilegio non c'era-
C'era la lametta da barba che raschiava sulla carta lucida. E ci insegnavano che dopo aver abraso il lucido era buona norma passare la gomma per evitare che la carta lucida assorbisse troppo inchiostro nel punto della correzione, pregiudicando la regolarità del tratto. Questo fino agli anni 80, poi risulto' evidente a tutti che passare al cad sarebbe stato conveniente. Non a tutti per la verità perchè c'erano anche i "puristi" del disegno a mano, i quali oggi non si sognerebbero piu' di fare le considerazione che facevano allora. Sebbene non sia un male (anzi) sapersi destreggiare anche col vecchio tecnigrafo o anche piu' semplicemente con le 2 squadrette, compasso, normografo ecc

il lavoro che ora faccio da solo, allora, veniva seguito da almeno 3/4 disegnatori e il progetto era indiscutibile dall'artigiano
Leggevo tempo fa che molte delle grandi basiliche venivano edificate senza un progetto su carta. Le maestranze che venivano impegate erano cosi' specializzate che bastava che il committente desse loro delle indicazioni di massima. Poi cominciarono a disegnare le piante e ad interpellare grandi architetti.
 

shirokko

Utente
Professione: Progettista cad-cam
Software: CimatronIT, Cimatron 13, Rhinoceros 6, Solidworks 2021, SolidCAM 2021
Regione: Marche
Disegno tecnico livello Flintstones!
 

ragnol

Utente standard
Professione: geometra
Software: Cad, Dietrich's, Sema
Regione: Trentino
Leggevo tempo fa che molte delle grandi basiliche venivano edificate senza un progetto su carta. Le maestranze che venivano impegate erano cosi' specializzate che bastava che il committente desse loro delle indicazioni di massima. Poi cominciarono a disegnare le piante e ad interpellare grandi architetti.
In linea generale può essere. Ma la cupola di Firenze richiese a Brunelleschi una "modellazione" matematica che è stata esattamente ricostruita (con verifiche in loco delle ipotesi sulla carta: anelli di fissaggio delle funi ecc) solo pochi anni fa.

E, racconta la leggenda, che la città di Firenze non si fidava del tutto del Brunelleschi (la cui prima proposta era stata bocciata) e quindi gli affiancò il Ghiberti. Finchè Filippo si ruppe le scatole, rimase a casa fingendosi malato per qualche giorno, dimostrando che senza di lui Ghiberti non era in grado di dare indicazioni alle maestranze su come ricavare i letti di posa (non planari) dei mattoni a spinaspesce.

Forse leggenda, ma mi piace pensarla vera...

100986.jpg
 

gil

Utente Senior
Professione: Scarabocchiatore
Software: Cadsauro (il cad con la clava)
Regione: Italia
risolve gli errori e che in 5 minuti fa una modifica su un disegno esistente e spesso mi sento dire che -quando si disegnava su carta questo privilegio non c'era
Consolati, io ogni tanto mi sento dire "tanto fa tutto il computer, non ti basta spiengere qualche bottone?"
 

Cadinpiedi

Utente poco attivo
Professione: Disegnatore
Software: Cocreate
Regione: Lombardia
Leggevo tempo fa che molte delle grandi basiliche venivano edificate senza un progetto su carta. Le maestranze che venivano impegate erano cosi' specializzate che bastava che il committente desse loro delle indicazioni di massima. Poi cominciarono a disegnare le piante e ad interpellare grandi architetti.
Ho letto anch'io un libro di architettura sulle cattedrali gotiche dove erano riportate le fotografie dei disegni 1:1 tracciati sulla pietra, per terra o sulle pareti, che servivano alle maestranze per confrontare i manufatti, capitelli, conci etc. Mi sembra che in Inghilterra ci siano degli esempi ancora visibili.
 

Vittorio

Utente Standard
Professione: progettista
Software: CatiaV5-6R27 HyperMill_2021.1
Regione: Lombardia
già ! .. adesso fa tutto il computer , solo gli addetti ai lavori sanno che il computer è la macchina piu' stupida che ci sia. Non è in grado di prendere decisioni in primis.. e poi ha fatto aumentare la mole di lavoro .. e tutt' altro che snellisce il carico di lavoro.
Comunque questo è il presente e qui dobbiamo adattarci , ma credo che non erano tempi bellissimi nemmeno per i sumeri.
Sbagliavi un progetto e venivi lapidato sul posto :)
 

Catafratto

Utente Standard
Professione: Disegnatore/progettista
Software: Inventor 2020
Regione: Veneto
Oppure coccodrilli sacri.
Comunque da alcuni documenti sembra che gli Egizi facessero progetti (vedi all. 1)
1621599731822.png

(Scusate, non ho resistito)
 

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
Sbagliavi un progetto e venivi lapidato sul posto
Severi ma giusti :)

Anticamente avevano il problema dell'ira degli dei. Se il progettista sbagliava qualcosa nella costruzione di un tempio si correva il rischio che le divinità si arrabbiassero e punissero la comunità.
Non so' se i sumeri avevano lo stesso problema, ma ad esempio Eratostene racconta che gli abitanti di Delo erano stati incaricati dagli oracoli di Apollo di costruire un altare che avesse il volume doppio rispetto a quello esistente, di forma cubica, perchè cio' li avrebbe liberati dalla peste che affliggeva la città.
Quelli raddoppiarono le misure dei lati, e la peste non si fermo'. Eratostene spiego' che il metodo era sbagliato.
Duplicare il volume di un cubo quanto tu hai solo una riga ed un compasso non è cosa semplice. Se raddoppi i lati ottieni un volume 8 volte maggiore, e non il doppio come evidentemente voleva Apollo.

Da qui nacque il problema della duplicazione del cubo. Duplicare un quadrato era semplice, si doveva costruire un altro quadrato che avesse per lato la misura della diagonale del primo. Col cubo le cose si complicano.
Noi oggi abbiamo il cad... ma all'epoca solo righe (piu' spesso le funi) e compasso, e tanto ragionamento. Tanto di cappello agli antichi greci. Agli antichi in generale. Anche loro avevano gli Einstein, i Newton, i Galilei ecc ecc
 

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
Comunque da alcuni documenti sembra che gli Egizi facessero progetti
Li facevano si', ma al contrario dei greci non si ponevano lo scrupolo di dimostrare nulla, nemmeno le teorie matematiche. Il faranoe era un dio e bastava solo il risultato.
Ti davano la formula per calcolare l'area di un trapezio e basta. (come fa oggi le scuola, d'altronde).
Perchè il quadrato costruito sull'ipotenusa è uguale alla somma dei quadrati costruiti sui cateti? Bo! Questa è la formula... imparala a memoria. Gli antichi egizi facevano la stessa cosa.
Non è giunta a noi nessuna dimostrazione matematica da parte degli antichi egizi. Solo i risultati dei loro calcoli e le formule per ottenerli. Comunque tanto di cappello agli antichi egizi, quando i greci volevano imparare la geometria andavano in Egitto.

https://chiaranegri2.files.wordpress.com/2010/12/papiro3g.jpg
.
 

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
Ho letto anch'io un libro di architettura sulle cattedrali gotiche dove erano riportate le fotografie dei disegni 1:1 tracciati sulla pietra, per terra o sulle pareti, che servivano alle maestranze per confrontare i manufatti, capitelli, conci etc. Mi sembra che in Inghilterra ci siano degli esempi ancora visibili.
Le cattedrali gotiche, esatto. Non è uno scherzo costruire una cattedrale gotica, le maestranze erano sicuramente specializzatissime. Anche oggi avere un bravo capomastro in cantiere è di fondamentale importanza, ma a quei tempi credo ancor di piu'.
 

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
forse il video è in tema.
E' sicuramente cio' che piu' si avvicina al lavoro di quelle maestranze di cui si parlava piu' sopra. Una grande padronanza della pietra. Come un video che arriva dal passato. E' uno spettacolo vedere questi lavori.
 

liber

Utente Standard
Professione: tiralinee
Software: autocad map
Regione: Sotto la Gabbia
se avete notato nel disegno le "mazzette" sono almeno quanto lo spessore dei muri, quindi erano anche dei buoni costruttori oltre che progettisti
 

Vittorio

Utente Standard
Professione: progettista
Software: CatiaV5-6R27 HyperMill_2021.1
Regione: Lombardia
sicuramente bravi progettisti, ma una mano la dava anche il momento storico.
Concorrenza inesistente
Costo materiali irrilevante
Manodopera costo zero
e lapidazione in caso di crollo
:)
 

PIETRO2002

Utente Junior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: INVENTOR
Regione: LOMBARDIA
sicuramente bravi progettisti, ma una mano la dava anche il momento storico.
Concorrenza inesistente
Costo materiali irrilevante
Manodopera costo zero
e lapidazione in caso di crollo
:)
Magari esco fuori tema... si narra che su un disegno fosse scritto: " superficie da lapidare al montaggio"...
Forse intendeva l'operazione di lapidello e non sassate.. :)