Protolabs


Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 36
  1. #11
    Utente Senior L'avatar di Meccbell
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1322
    Professione
    cercare di risolvere i problemi esistenti più velocemente dei nuovi che si creano
    Regione
    Malpensaland - Lombardia
    Software
    SE + SinteCam25 + Featurecam Mill3D

    Predefinito

    Quoto in toto Stevie, aggiungendo che vi sono casi in cui le spine svolgono funzioni che una vite non potrebbe mai assolvere.
    Uno per tutti, il posizionamento di supporti piedinati o flangiati con il conseguente allineamento di albero/cuscinetto.
    In questo caso, in sede di montaggio e/o manutenzione, puo' essere necessario poter posizionare il supporto prima di inserire le viti ed ancor piu' necessario mantenerlo in posizione a viti allentate. Anzi, in questi casi spesso si usano le spine coniche, che una volta inserite con la "giusta" botta di martello in testa, non si muovono piu' ed hanno anche il vantaggio (vista la conicita') di posizionare il pezzo mobile rispetto al fisso man mano che vengono inserite (ottime per parti particolarmente grandi e pesanti).

    Una domanda per opua: ti firmi come disegnatore, ma visto che i collegamenti filettati sono uno degli argomenti piu' ampiamente trattati nei libri sia di disegno, che di meccanica e costruzione macchine, come mai su 'sta cosa sei, come dire, un po' "deboluccio" ? :p

    :)
    Meccbell, the Chipmaker

    "L'epoca della procrastinazione, delle mezze misure, del mitigare, degli espedienti inutili, del differire sta giungendo alla fine.
    Ora stiamo entrando nell'epoca dove ogni azione causa conseguenze."


    Winston L.S. Churchill
    (dal discorso alla House of Commons del 12 novembre 1936, citato anche da Al Gore in Una scomoda verità)



  2. #12
    Utente Standard
    Iscritto dal
    2008
    Messaggi
    113
    Professione
    Responsabile di Ufficio Tecnico
    Regione
    Toscana
    Software
    Pro-E

    Predefinito

    Comunque la funzione principale delle spine è quella di fornire un corretto sistema di centraggio per il montaggio di pezzi. Quello di utilizzare le spine per trasmettere i carichi di taglio è un metodo che non mi trova molto d'accordo perché le viti sono progettate anche per trasmettere tali carichi (in fondo il precarico con cui sono avvitate serve anche a garantire questo, oltre che ad assicurare una più lunga resistenza a fatica delle viti stesse), anche perché così facendo si tende a sfruttare male il materiale delle viti.

  3. #13
    Moderatore SolidEdge L'avatar di cacciatorino
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    9329
    Professione
    Ingegnere meccanico
    Regione
    Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
    Software
    SolidEdge CoCreate Salome-Meca

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da thor105 Visualizza Messaggio
    Comunque la funzione principale delle spine è quella di fornire un corretto sistema di centraggio per il montaggio di pezzi. Quello di utilizzare le spine per trasmettere i carichi di taglio è un metodo che non mi trova molto d'accordo perché le viti sono progettate anche per trasmettere tali carichi (in fondo il precarico con cui sono avvitate serve anche a garantire questo, oltre che ad assicurare una più lunga resistenza a fatica delle viti stesse), anche perché così facendo si tende a sfruttare male il materiale delle viti.
    Vero, ma quando i carichi sono alternati/intermittenti conviene mettere anche le spine, altrimenti a lungo andare si rischiano slittamenti e perdite di posizionamento.
    Per il resto perfettamente d'accordo sul fatto di usare le spine quando e' necessario assicurare il corretto posizionamento delle parti, specie quando lo smontaggio/rimontaggio vengono fatti da un manutentore durante il turno di notte!

    Ciao.



    stimarchetti.altervista.org - Progettazione Meccanica

  4. #14
    Moderatore Solidworks L'avatar di Oldwarper
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    2098
    Professione
    Progettista
    Regione
    Emilia Romagna
    Software
    Solidworks, Cimatron IT, Cimatron E, Rhino, AutoCAD, Logopress, Solidcam

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da thor105 Visualizza Messaggio
    Comunque la funzione principale delle spine è quella di fornire un corretto sistema di centraggio per il montaggio di pezzi. Quello di utilizzare le spine per trasmettere i carichi di taglio è un metodo che non mi trova molto d'accordo perché le viti sono progettate anche per trasmettere tali carichi (in fondo il precarico con cui sono avvitate serve anche a garantire questo, oltre che ad assicurare una più lunga resistenza a fatica delle viti stesse), anche perché così facendo si tende a sfruttare male il materiale delle viti.
    Una vite non puo' in modo affidabile e soprattutto ben determinabile sopportare carichi trasversali. Lo stesso filetto causa un fortissimi indebolimento della sezione resistente (dal fondo della vite parte la linea di rottura). Nelle ruote da auto le viti o i dadi hanno una svasatura per evitare che gli sforzi di taglio siano direttamente trasmesse al corpo della vite e che tutta la coppia venga trasmessa per attrito e le viti siano sollecitate a sola o principale trazione (con la conicita' un eventuale slittamento della ruota dal mozzo spinge nuovamente contro i due pezzi fino a che l'attrito non torna a prevalere).

    Se proprio c'e' la necessita' di trasmettere coppie in modo affidabile i modi ci sono, chiavette e linguette, nate proprio per quello. Le spine possono dare una mano, ma anch'esse non sono nate per quello.
    Saluti, Stefano.
    “Timeo Fenestras et dona ferentes”

  5. #15
    Utente Standard
    Iscritto dal
    2008
    Messaggi
    113
    Professione
    Responsabile di Ufficio Tecnico
    Regione
    Toscana
    Software
    Pro-E

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Oldwarper Visualizza Messaggio
    Una vite non puo' in modo affidabile e soprattutto ben determinabile sopportare carichi trasversali. Lo stesso filetto causa un fortissimi indebolimento della sezione resistente (dal fondo della vite parte la linea di rottura). Nelle ruote da auto le viti o i dadi hanno una svasatura per evitare che gli sforzi di taglio siano direttamente trasmesse al corpo della vite e che tutta la coppia venga trasmessa per attrito e le viti siano sollecitate a sola o principale trazione (con la conicita' un eventuale slittamento della ruota dal mozzo spinge nuovamente contro i due pezzi fino a che l'attrito non torna a prevalere).

    Se proprio c'e' la necessita' di trasmettere coppie in modo affidabile i modi ci sono, chiavette e linguette, nate proprio per quello. Le spine possono dare una mano, ma anch'esse non sono nate per quello.
    E' ovvio che le parti nate per tramettere i carichi trasversali siano chiavette e linguette. Ancor meglio delle viti per trasmettere carichi di taglio si usano i rivetti (vedi aerei). Comunque il carico trasversale trasmissibile da una vite è determinabile in prima approssimazione utilizzando una sezione resistente ridotta che tiene conto della presenza del filetto. Non sono valori precisissimi, ma almeno permettono di dimensionarla anche in presenza di carichi trasversali.

  6. #16
    Utente Standard
    Iscritto dal
    2008
    Messaggi
    142
    Professione
    disegnatore
    Regione
    toscana
    Software
    pro-e

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da stevie Visualizza Messaggio
    Considera che i fori per le spine vengono in genere alesati su tolleranze H7, mentre le spine solitamente sono in tolleranza h6, le superfici sono rettificate.
    Ciao e grazie a tutti, perdonami ma, le tolleranze che hai scritto fanno ovviamente riferimento alla spina e al foro che ospita la spina piantata sull'altra parte, da ciò ne deriva un giuoco max di 0.024 mm, ma sul foro dove viene piantata la spina che tolleranza dovrà esserci per garantire l'interferenza?

  7. #17
    Utente Senior L'avatar di Meccbell
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1322
    Professione
    cercare di risolvere i problemi esistenti più velocemente dei nuovi che si creano
    Regione
    Malpensaland - Lombardia
    Software
    SE + SinteCam25 + Featurecam Mill3D

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da opua Visualizza Messaggio
    Ciao e grazie a tutti, perdonami ma, le tolleranze che hai scritto fanno ovviamente riferimento alla spina e al foro che ospita la spina piantata sull'altra parte, da ciò ne deriva un giuoco max di 0.024 mm, ma sul foro dove viene piantata la spina che tolleranza dovrà esserci per garantire l'interferenza?
    Di solito si fa il foro in tolleranza H7 (o più raramente H6), che corrisponde a quella degli alesatori standard in commercio.
    Le spine commerciali standard sono in tolleranza m6, quindi previste per l'interferenza.
    Se proprio si deve ottenere il piantaggio su una parte e l'accoppiamento libero stretto sull'altra, allora ci sono 2 alternative:
    1) spina standard m6 con foro di piantaggio H7 e foro libero G7/G8
    2) spina semistandard h8 con foro di piantaggio N7 o P8 e foro libero, ma incerto, H7
    In tutti e 2 i casi, uno dei due fori va realizzato con un alesatore centesimale, rispettivamente maggiorato oppure minorato rispetto ai normali H7.

    Personalmente preferisco sempre il caso 1).
    Notare anche che oramai sempre più spesso il problema si risolve con l'uso di resine tipo Loctite.
    Ultima modifica di Meccbell; 18-04-2008 alle 22: 40
    Meccbell, the Chipmaker

    "L'epoca della procrastinazione, delle mezze misure, del mitigare, degli espedienti inutili, del differire sta giungendo alla fine.
    Ora stiamo entrando nell'epoca dove ogni azione causa conseguenze."


    Winston L.S. Churchill
    (dal discorso alla House of Commons del 12 novembre 1936, citato anche da Al Gore in Una scomoda verità)



  8. #18
    Utente Standard
    Iscritto dal
    2008
    Messaggi
    142
    Professione
    disegnatore
    Regione
    toscana
    Software
    pro-e

    Predefinito

    Ciao Meccbell, dunque si fa variare i fori oppure la spina? Nel caso di spina cilindrica i fori delle due parti da accoppiare saranno dello stesso diametro ma con una tolleranza differente, oppure nel caso in cui l'accoppiamento sarà garantito solo dalla spina, mi par di capire che quest'ultima sarà conica in modo da scorrere in un foro e piantarsi nell'altro, mentre i fori avranno la stessa tolleranza...
    generalmente quale delle due varianti si sceglie?
    L'esempio che hai citato al punto 1
    1) spina standard m6 con foro di piantaggio H7 e foro libero G7/G8
    se si prende in considerazione un diametro di 6 mm la spina arriverà al max 6,015, mentre il foro in H7 assumerà la dimensione di 6,015, quindi la stessa dimensione....come fa ad esserci interferenza?
    Scusa Meccbell per le troppe domande ma vorrei capire bene.
    Grazie di nuovo

  9. #19
    Utente Senior L'avatar di Meccbell
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1322
    Professione
    cercare di risolvere i problemi esistenti più velocemente dei nuovi che si creano
    Regione
    Malpensaland - Lombardia
    Software
    SE + SinteCam25 + Featurecam Mill3D

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da opua Visualizza Messaggio
    Ciao Meccbell, dunque si fa variare i fori oppure la spina? Nel caso di spina cilindrica i fori delle due parti da accoppiare saranno dello stesso diametro ma con una tolleranza differente, oppure nel caso in cui l'accoppiamento sarà garantito solo dalla spina, mi par di capire che quest'ultima sarà conica in modo da scorrere in un foro e piantarsi nell'altro, mentre i fori avranno la stessa tolleranza...
    Le spine coniche sono tutto un'altro discorso. Dai un'occhio ad un manuale, tipo Baldassini, e te ne renderai subito conto.
    generalmente quale delle due varianti si sceglie?
    L'esempio che hai citato al punto 1
    1) spina standard m6 con foro di piantaggio H7 e foro libero G7/G8
    se si prende in considerazione un diametro di 6 mm la spina arriverà al max 6,015, mentre il foro in H7 assumerà la dimensione di 6,015, quindi la stessa dimensione....come fa ad esserci interferenza?
    Scusa Meccbell per le troppe domande ma vorrei capire bene.
    Grazie di nuovo
    In effetti sono stato impreciso io.
    L'accoppiamento H7/m6 è da considerarsi "incerto".
    Quindi la spina, nell'ipotesi da te citata, sarà appena frenata nel foro. Ma dato che in officina si dice che "zero con zero non passa" (ce l'ha in firma anche un'altro utente del forum), questo vuol dire che in ogni caso, anche a parità esatta di misure, la spina non rischia di "cadere sul pavimento".
    In più, basta anche solo una frazione di centesimo di interferenza per dover usare martello o mazzuola.

    Ti ripeto che personalmente preferisco la soluzione 1) per i motivi citati, ovvero gli alesatori H7 e le spine m6 sono la "first choice" di ogni utensileria/fornitore di componenti e quindi li trovi anche al mercatino rionale. O quasi...
    L'altra combinazione invece richiede sia per l'utensile, che per le spine, di ricorrere a materiale semistandard.
    Meccbell, the Chipmaker

    "L'epoca della procrastinazione, delle mezze misure, del mitigare, degli espedienti inutili, del differire sta giungendo alla fine.
    Ora stiamo entrando nell'epoca dove ogni azione causa conseguenze."


    Winston L.S. Churchill
    (dal discorso alla House of Commons del 12 novembre 1936, citato anche da Al Gore in Una scomoda verità)



  10. #20
    Utente Junior
    Iscritto dal
    2016
    Messaggi
    12
    Professione
    Studente di ingegneria meccanica
    Regione
    Emilia Romagna
    Software
    catia

    Predefinito

    Ciao ragazzi, mi permetto di riaprire la discussione dopo tempo, ma chiedevo un chiarimento. Ho una spina di 3mm e sono in pratica obbligato a prenderla m6 perchè tutti i venditori hanno le m6, se volessi fare il foro in H7 come suggerito, in condizione di albero minimo e foro massimo avrei un gioco di 0,008mm. Ora io non ho molta esperienza, ma direi che questo gioco sia confrontabile con la rugosità dei materiali e pertanto potrei continuare a ritenerla forzata, sbaglio? la spina non deve trasmettere coppia, si deve limitare a rimanere dove è stata montata, perchè deve scorrere all'interno di una asola come indicato in figura. In alternativa potrei inserirla con gioco e bloccarla con un grano filettato, ma in questo modo andrei ad appesantire la BOM e a rallentare il processo di montaggio (sto facendo un progetto all'università il cui scopo è migliorare un prodotto già esistente). Cosa mi consigliate?Grazie2017-10-05.png


  • Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima

    Discussioni Simili

    1. Chiarimenti sui brevetti
      Di MauroTC nel forum Forum generale della professione e del lavoro
      Risposte: 14
      Ultimo Messaggio: 18-08-2010, 01: 10
    2. spine elastiche a spirale
      Di cliff23 nel forum Progettazione meccanica - forum generale
      Risposte: 2
      Ultimo Messaggio: 01-05-2010, 21: 33
    3. Chiarimenti su Illustrator
      Di sigur ròs nel forum Altri software di CAD generico
      Risposte: 4
      Ultimo Messaggio: 05-03-2010, 20: 00
    4. Fori: taglio estruso o creazione guidata fori?
      Di aferro nel forum Solidworks
      Risposte: 8
      Ultimo Messaggio: 28-04-2008, 16: 04
    5. spine e fori di centraggio chiarimenti
      Di opua nel forum Discussioni Off Topics
      Risposte: 3
      Ultimo Messaggio: 17-04-2008, 10: 33

    Segnalibri

    Segnalibri

    Permessi di Scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •  





    CAD3D.it - la community dei progettisti