Sezionare un aerofotogrammetria

Brandotw

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Autocad
Regione: Napoli
Ciao a tutti, dovrei creare dei prospetti da un'aerofotogrammetria e fin ad ora ho sempre usato metodi spartani e poco veloci. Qualcuno ha idee, consigli, suggerimenti, trucchi da darmi per aiutarmi in questo lavoro che odio? Posto delle immagini di esempio per farvi capire: Nella prima immagine "aero" troviamo l'aerofotogrammetria con gli edifici numerati e delle direzioni (frecce in giallo), io devo creare delle sezioni di tutti gli edifici che passano per quelle direzioni sia dal lato destro che dal lato sinistro (cioè come se immaginassimo prima di vedere da destra verso sinistra e poi da sinistra verso destra).
Qualcuno ha qualche suggerimento?
 

Allegati

  • aero.JPG
    aero.JPG
    157.7 KB · Visualizzazioni: 28
  • prospetti.JPG
    prospetti.JPG
    30.8 KB · Visualizzazioni: 30

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
Se per metodi spartani e poco veloci intendi il classico lavoro di estrusione delle polilinee che identificano gli edifici, allora temo che non vi siano altre alternative a quel tipo di lavoro.
Piu' che altro il lavoro piu' noioso, a mio avviso, consiste nell'assegnare le altezze (grosso modo) a quei solidi. Per cui si dovrà consultare google map, o google earth anche per vedere se esiste già una rappresentazione 3d di quell'area. Dopodichè assegnare le altezze ai solidi estrusi.

Tempo fà feci un lavoro simile per ricostruire l'andamento altimetrico relativamente ad una via cittadina sulla quale si doveva intervenire con la costruzione di una linea a rotaie. Mi fornirono il video del sorvolo della via, tramite google earth. Video che elaborai con software per il matchmoving, ricostruendo cosi' l'andamento altimetrico della via, e costruendo l'ambiente 3d sul quale inserire i solidi dei manufatti. Dopodichè diedi loro il video con il filmato originale con inseriti i solidi di progetto, come un sorvolo che assieme a tutto il resto facesse vedere anche le opere in progetto..

Nel caso prospettato da te è tutto molto piu' semplice. Dovresti innanzitutto avere un'idea dell'andamento altimetrico in corrispondenza della linea di sezione. Il resto è facile da fare.
Secondo me la parte piu' rognosa è quella relativa alle altezze dei palazzi. Comunque sia, è conveniente ricreare l'ambiente 3d di quella porzione.
Esiste già un 3d di quella serie di costruzioni, da consultare su google earth?
 
Ultima modifica:

Brandotw

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Autocad
Regione: Napoli
Se per metodi spartani e poco veloci intendi il classico lavoro di estrusione delle polilinee che identificano gli edifici, allora temo che non vi siano altre alternative a quel tipo di lavoro.
Piu' che altro il lavoro piu' noioso, a mio avviso, consiste nell'assegnare le altezze (grosso modo) a quei solidi. Per cui si dovrà consultare google map, o google earth anche per vedere se esiste già una rappresentazione 3d di quell'area. Dopodichè assegnare le altezze ai solidi estrusi.

Tempo fà feci un lavoro simile per ricostruire l'andamento altimetrico relativamente ad una via cittadina sulla quale si doveva intervenire con la costruzione di una linea a rotaie. Mi fornirono il video del sorvolo della via, tramite google earth. Video che elaborai con software per il matchmoving, ricostruendo cosi' l'andamento altimetrico della via, e costruendo l'ambiente 3d sul quale inserire i solidi dei manufatti. Dopodichè diedi loro il video con il filmato originale con inseriti i solidi di progetto, come un sorvolo che assieme a tutto il resto facesse vedere anche le opere in progetto..

Nel caso prospettato da te è tutto molto piu' semplice. Dovresti innanzitutto avere un'idea dell'andamento altimetrico in corrispondenza della linea di sezione. Il resto è facile da fare.
Secondo me la parte piu' rognosa è quella relativa alle altezze dei palazzi. Comunque sia, è conveniente ricreare l'ambiente 3d di quella porzione.
Esiste già un 3d di quella serie di costruzioni, da consultare su google earth?

il rilievo altimetrico generalmente lo faccio con google earth laddove siano zone dove c'è google 3d altrimenti scendo con street view e faccio il conto dei piani per ogni edificio (temo non ci sia rimedio a questo).
Piuttosto mi interesserebbe capire cosa intendi con "lavoro di estrusione delle polilinee", potresti spiegarmi passo passo cosa intendi?
Il mio metodo è molto spartano, io praticamente allineo il settore di riferimento (la linea gialla) orizzontalmente al piano (la linea che rappresenterebbe l'andamento altimetrico della zona) e faccio una xlinea Vert degli edifici che intersecano tale settore, dopodichè mi disegno il rettangolo con le altezze che ho precedentemente rilevato da google.
 

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
Credo che sia piu' conveniente lucidare con Autocad il fotogrammetrico, ponendo la mappa stessa come sfondo, dandogli un po' di trasparenza e ricalcando tramite polilinee quelli che sono i bordi degli edifici interessati dalla linea di sezione, comprendendo anche qualche bordo delle vie. Dopodichè estrudere ciascuna polilinea che identifica ciascun edificio in base all'altezza che si è stimata (desunta da osservazione da street view oppure da sopralluogo sul posto).

Una polilinea 2d estrusa ad una determinata altezza darà origine ad un solido, che nel nostro caso rappresenterà il l'edificio.

Dopodichè con Autocad e col comando sezione piazzi la sezione facendola corrispondere con quella gialla. A quel punto hai entrambe le sezioni, viste sia da una parte che dall'altra. Una volta che i solidi degli edifici sono stati creati, ci penserà Autocad a darti la sezione. Dovrai solo decidere dove sistemarla. Per quanto riguarda l'andamento altimetrico del piano di campagna, li' dovresti vedere se nella fotogrammetrica che hai a disposizione vi sono dei riferimenti di quota. Altrimenti la si puo' calcolare con discreta approssimazione da piu' visuali della zona interessata e lavorando di match moving. I programmi per il matchmoving ricreano ugualmente l'ambiente 3d prendendo come riferimenti dei punti. Nel tuo caso i punti di riferimento da prendere per il matchmoving sono quelli che identificano il piano stradale.

Per evitare il matchmoving sarebbe meglio controllare se nella fotogrammetrica vi sono riferimenti di quota. In tal caso è tutto piu' semplice
 
Ultima modifica:

Brandotw

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Autocad
Regione: Napoli
Ti ringrazio per la spiegazione molto dettagliata, però purtroppo ho provato tutta la mattinata ma non sono riuscito a fare quello che mi hai spiegato, per caso riusciresti a farmi un breve video dimostrativo? Lo so che sto chiedendo tanto ma il tuo metodo sembra davvero rivoluzionario per il mio lavoro e vorrei capire se davvero lo è.
 

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
In questa maniera.
La rotellina del mouse mi ha abbandonato e non mi consentiva di effettuare il pan.
Allega l'immagine in buona risoluzione della foto che vuoi lucidare. Portala in scala e poi lucida le linee che ti interessano con il comando polilinea, includendo anche i cigli delle strade. Estrudi dando una altezza ai solidi. Io ho fatto ad occhio, anche per la scala. Per velocizzare il video ho lucidato un solo palazzo e l'ho copiato in serie.
Poi col comando sezione e il sottocomando "disegna sezione" disegna la sezione facendola corrispondere con la linea gialla.

Per cambiare vista alla sezione è sufficiente cliccare su una iconcina a forma di freccia che viene visualizzata quando si selezione il piano di sezione. Puoi scegliere da che parte la sezione debba guardare. Infine col comando crea sezione Autocad ti disegna i solidi selezionati.
Autocad applica un retino grigio alle superfici sezionate.

Per il piano di campagna dovresti creare una superficie piana adattandola a quello che è il reale andamento del terreno.

 

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
il tuo metodo sembra davvero rivoluzionario per il mio lavoro e vorrei capire se davvero lo è.

In realtà sono i programmi Cad i veri "rivoluzionari".
Passando dal vecchio tecnigrafo al cad anche io ho dovuto rivedere un po' i metodi di approccio ai vari problemi.
Esattamente come te, per fare i prospetti e le sezioni di un edificio, dapprima disegnavo il piano di campagna poi con la pianta tiravo delle linee, come facevo col tecnigrafo. Lo faccio ancora, nel caso il prospetto sia semplice. Ma se è complicato allora preferisco crearmi dei solidi e col comando sezione sarà il Cad a fare il lavoro piu' rognoso.

Nel tuo caso dovrai spendere un po di tempo per la lucidatura, ma è un lavoro semplice che non impegna troppo.
 

Brandotw

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Autocad
Regione: Napoli
grazie mille per tutto, farò tesoro dei tuoi suggerimenti e proverò a metterli in atto. Ci ho provato un po' stasera e ancora non mi riesce proprio bene, ma è solo questione di pratica.
 

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
Io ritengo che come metodo ti eviti di tirar su' ogni linea che interseca la linea di sezione quando fai i prospetti.
Alle volte, a seconda del numero di solidi creati, si ha difficoltà a visualizzare l'icona freccetta che consente il cambio vista nel piano sezione (come è capitato a me nel video). In tal caso è conveniente isolare il piano sezione per poi selezionarlo nuovamente. La sezione creata và poi rifinita "a mano" a seconda delle proprie preferenze di visualizzazione.

La rotazione del cursore l'ho effettuata col comando snap e col sottocomando "r" (rotate) digitando da tastiera.
Sottocomando "r" che non appare nella lista dei sottocomandi del comando snap, ma che è comunque presente. Per riportarlo come prima si ridà il comando r impostanto tutto a 0
(0,0 invio, 0)
 

+forte

Astronauta
Professione: viaggiatore spazio-tempo
Software: cad mep plant mec reverse lux render ele hvac cfd
Regione: asgard
ma quella non è fotogrammetria , il rilievo 3d va fatto tutto a mano , la fotogrammetria si fa coi droni ,
per quello che devi fare tu ci stanno metodi più veloci con strumenti 3d come blender e sketchup
vedi immagini sotto di alcune mie prove , dove ho usato open street map
 

Allegati

  • ostiense.jpg
    ostiense.jpg
    267.6 KB · Visualizzazioni: 10
  • courmayeur.jpg
    courmayeur.jpg
    175.5 KB · Visualizzazioni: 12
  • cerenovamare.jpg
    cerenovamare.jpg
    133.7 KB · Visualizzazioni: 14

Brandotw

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Autocad
Regione: Napoli
ma quella non è fotogrammetria , il rilievo 3d va fatto tutto a mano , la fotogrammetria si fa coi droni ,
per quello che devi fare tu ci stanno metodi più veloci con strumenti 3d come blender e sketchup
vedi immagini sotto di alcune mie prove , dove ho usato open street map
non ho idea di cosa siano blender e sketchup, in ogni caso a me servirebbe rapresentarli in 2d è possibile farlo con questi metodi?
 

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
La mappa postata da Brandotw è una aero-fotogrammetrica.
Sono mappe in 2d ricavate da foto aeree. Esistono da parecchi anni. Vengono fornite anche in formato dwg, oltre che su cartaceo.
Sono vettorizzazioni eseguite avvalendosi delle foto aeree.

La fotogrammetria come viene intesa oggi arriva solo di recente. Oggi grazie alla possibilità di mandar su' i droni, e grazie anche ai software è possibile ricavare piu' informazioni dalle foto che non siano solo quelle ricavabili da una visione dall'alto di una sola foto. Oggi ci si avvale di foto scattate in sequenza. I droni registrano il video e dal video i software estraggono i fotogrammi che serviranno per ricostruire l'andamento altimetrico del terreno.
Prima parlavo di matchmoving. In realtà i moderni software dedicati alla fotogrammetria svolgono un lavoro simile a quello dei piu' tradizionali software matchmoving.
Ricreano un ambiente 3d a partire da una sequenza di immagini 2d.
 

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
non ho idea di cosa siano blender e sketchup, in ogni caso a me servirebbe rapresentarli in 2d è possibile farlo con questi metodi?

E' possibile fare il contrario, cioè da una sequenza 2d arrivare a creare un ambiente 3d.
Dove per ambiente 3d si intendono appunto solo alcuni punti salienti oppure una nuvola di punti.
I moderni programmi dedicati alla fotogrammetria cercano di ricavare quante piu' informazioni possibile da una sequenza di foto onde restituire una nuvola di punti
Pero' sono enormemente esigenti in fatto di qualità delle immagini da elaborare e per arrivare ad un risultato accettabile impiegano parecchio tempo per restituirci la nostra nuvola di punti.

I programmi tradizionali di matchmoving non restituiscono alcuna nuvola. Solo dei punti salienti che stà all'operarore identificare nell'ambiente 3d.

Ad esempio, da questo sorvolo video fatto con google earth ho ricostruito la mesh 3d che identifica l'area di intervento, assieme al suo andamento altimetrico. Per farlo ho adoperato Syntheyes per il matchmoving. Perchè non mi serviva avere una intera nuvola di punti, ma solo quei punti relativi al piano asfalto che mi avrebbero consentito di disegnare l'andamento plano altimetrico della via.
Una mesh 3d sulla quale disegnare i solidi di progetto, mesh 3d ricavata da una sequenza di fotogrammi 2d



Quella in azzurro è la mesh 3d inserita nel video 2d.
Non è pensabile fare una cosa del genere con un programma di fotogrammetria. E' necessario un software per il machmoving, ovvero il tracking (in questo caso manuale) dei punti che ci interessano. Nel caso specifico dei punti visibili nei fotogrammi e tracciabili. Punti che possono essere macchie d'olio sull'asfalto, spigoli di marciapiede ecc ecc. Alla fine si collegano questi punti e si crea la mesh.
Si potrebbe fare anche per le pareti dei palazzi onde ricostruirne l'altezza approssimata, ma è necessario del software che consenta il tracking dei punti
 

Allegati

  • pianta tracciato.jpg
    pianta tracciato.jpg
    15.4 KB · Visualizzazioni: 8
  • prospetto tracciato.jpg
    prospetto tracciato.jpg
    23.3 KB · Visualizzazioni: 7

Brandotw

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: Autocad
Regione: Napoli
La mappa postata da Brandotw è una aero-fotogrammetrica.
Sono mappe in 2d ricavate da foto aeree. Esistono da parecchi anni. Vengono fornite anche in formato dwg, oltre che su cartaceo.
Sono vettorizzazioni eseguite avvalendosi delle foto aeree.

La fotogrammetria come viene intesa oggi arriva solo di recente. Oggi grazie alla possibilità di mandar su' i droni, e grazie anche ai software è possibile ricavare piu' informazioni dalle foto che non siano solo quelle ricavabili da una visione dall'alto di una sola foto. Oggi ci si avvale di foto scattate in sequenza. I droni registrano il video e dal video i software estraggono i fotogrammi che serviranno per ricostruire l'andamento altimetrico del terreno.
Prima parlavo di matchmoving. In realtà i moderni software dedicati alla fotogrammetria svolgono un lavoro simile a quello dei piu' tradizionali software matchmoving.
Ricreano un ambiente 3d a partire da una sequenza di immagini 2d.
Esattamente!
E' possibile fare il contrario, cioè da una sequenza 2d arrivare a creare un ambiente 3d.
Dove per ambiente 3d si intendono appunto solo alcuni punti salienti oppure una nuvola di punti.
I moderni programmi dedicati alla fotogrammetria cercano di ricavare quante piu' informazioni possibile da una sequenza di foto onde restituire una nuvola di punti
Pero' sono enormemente esigenti in fatto di qualità delle immagini da elaborare e per arrivare ad un risultato accettabile impiegano parecchio tempo per restituirci la nostra nuvola di punti.

I programmi tradizionali di matchmoving non restituiscono alcuna nuvola. Solo dei punti salienti che stà all'operarore identificare nell'ambiente 3d.

Ad esempio, da questo sorvolo video fatto con google earth ho ricostruito la mesh 3d che identifica l'area di intervento, assieme al suo andamento altimetrico. Per farlo ho adoperato Syntheyes per il matchmoving. Perchè non mi serviva avere una intera nuvola di punti, ma solo quei punti relativi al piano asfalto che mi avrebbero consentito di disegnare l'andamento plano altimetrico della via.
Una mesh 3d sulla quale disegnare i solidi di progetto, mesh 3d ricavata da una sequenza di fotogrammi 2d



Quella in azzurro è la mesh 3d inserita nel video 2d.
Non è pensabile fare una cosa del genere con un programma di fotogrammetria. E' necessario un software per il machmoving, ovvero il tracking (in questo caso manuale) dei punti che ci interessano. Nel caso specifico dei punti visibili nei fotogrammi e tracciabili. Punti che possono essere macchie d'olio sull'asfalto, spigoli di marciapiede ecc ecc. Alla fine si collegano questi punti e si crea la mesh.
Si potrebbe fare anche per le pareti dei palazzi onde ricostruirne l'altezza approssimata, ma è necessario del software che consenta il tracking dei punti
Il lavoro è molto affascinante e molto lontano dalle mie competenze però non credo possa servirmi per il mio obbiettivo (oppure sono stupido e non riesco a vedere come usare queste tecniche per fare il mio lavoro).
 

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
non credo possa servirmi per il mio obbiettivo

Non ti servirebbe perchè hai già la planimetria sulla quale lavorare.
Ma nel caso non vi fosse la possibilità di avere una planimetria si potrebbe utilizzare un sorvolo della zona interessata, cioè una sequenza di immagini come i fotogrammi di un video (o delle foto scattate a certi intervalli di spazio).
E' cio che fanno i moderni programmi di fotogrammetria oppure quelli per il matchmoving.
 

+forte

Astronauta
Professione: viaggiatore spazio-tempo
Software: cad mep plant mec reverse lux render ele hvac cfd
Regione: asgard
non ho idea di cosa siano blender e sketchup, in ogni caso a me servirebbe rapresentarli in 2d è possibile farlo con questi metodi?
certo ti fai le tue viste e\o sezioni e le esporti in dwg ad es. , che ce vo
 

Tristus

Utente Senior
Professione: Geometra
Software: Autocad, 3ds Max
Regione: Sardegna
certo ti fai le tue viste e\o sezioni e le esporti in dwg ad es. , che ce vo

Allora è piu' conveniente controllare tramite google earth se in quell'area sono inseriti i 3d degli edifici.
Nel video del sorvolo cittadino che ho postato prima gli edifici sono in 3d.
 

Statistiche forum

Discussioni
54,593
Messaggi
465,018
Utenti registrati
93,384
Ultimo utente registrato
L_mech_tek

Top