Product engineer ...cosa fa?

meek851

Utente poco attivo
Professione: progettazione
Software: catia, ansys, ...
Regione: emilia romagna
Buongiorno a tutti,

Ho avuto una offerta di lavoro come product engineer presso una grossa azienda del settore automotive (trasmissioni meccaniche)..attualmente faccio il progettista meccanico ma in un azienda piccola ,in cui questa figura non c'è ed i ruoli come potete immaginare non sono cosi parcellizzati...mi hanno descritto il ruolo ,in pratica si tratta di:

-Gestire tutti gli aspetti tecnici del componente durante l'intero ciclo di vita.
-Sviluppo studi di fattibilità del prodotto, gestire il prototipo ed il rilascio in produzione dello stesso.
- Definire programmi di test e validare il prodotto
-Collaborare con gli altri reparti per la riduzione dei costi (ingegneri di produzione,progettisti ecc..)
-Redigere presentazioni del prodotto al cliente

Sinceramente mi sembrano tutte cose un po vaghe per cui chiedo a voi..di cosa si occupa nello specifico questa figura? E' un industrializzatore o un passacarte?...Ho paura che il mio attuale lavoro (progettista) si discosti molto da questo e che sia un lavoro poco "pratico" ma molto burocratizzato..

QUalsiasi info è ben accetta..grazie!
 

Stan9411

Utente Junior
Professione: System Engineer
Software: PTC Creo parametric, Matlab
Regione: Lombardia
Da me ci sono.. sono quelli che fanno il concept iniziale del componente. Del tipo: “deve assolvere a questa funzione, occupando al massimo questo spazio, con grossomodo questo peso target, rientrando in questo budget” .. quindi definisci i parametri di massima (di solito usando fogli di calcolo o linguaggi di scripting) e poi inizi a interfacciarti e a coordinare tutte le altre funzioni aziendali più specifiche: quello che te lo disegna, quello che ti seleziona i materiali, quello che ti fa la verifica strutturale, quello che te lo prototipizza e te lo testa … tutti avranno qualche problema e ti costringeranno a tornare indietro dagli altri a fargli correggere qualcosa.. e tu devi saperne di tutto un po’ .. perché sei il referente di PRODOTTO. Mentre magari il disegnatore può fregarsene di dettagli che sono importanti per quello del testing.. sei tu il tramite.

Magari non è iper-tecnico, iper-pratico, ma, per quello che vedo io, è un lavoro che grattate di capo te le dà in abbondanza.

Poi ovviamente ogni azienda e ogni persona lo interpreta in maniera diversa .. c’è chi sta dietro al pc solo a compilare Excel con le scadenze e inoltrarli al gruppo di lavoro.. e chi invece sta lì a confrontarsi e ad aiutare tutti
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Infatti dipende molto dalla realtà aziendale. Per me son tutti termini che riempiono la bocca ma poi vanno calati nella realtà aziendale.
Non tutti usano particolari strumenti, alcuni fanno imposizione senza avere competenze tecniche specifiche ed ecco che poi escono le minchiate e i paradossi.
Chiedi direttamente all'azienda.
 

meek851

Utente poco attivo
Professione: progettazione
Software: catia, ansys, ...
Regione: emilia romagna
Infatti..la mia paura è proprio quella di finire per fare una sorta di "maggiordomo" (scusate il termine) che si muove da un tavolo all'altro al servizio della sala 😂..non so se ho reso l'idea (ovviamente nulla contro i maggiordomi e chi fa questo lavoro eh)...c'è a chi piace fare proprio questo in azienda (il maggiordomo intendo) e magari scaricare tutto sugli altri (responsabilità ecc..), a me no... quindi spero non si tratti solo di compilare excel e passare mail...seno mi sparo...c'è qualche domanda che dovrei fare per "sgamare" eventualmente l'approccio che ha l'azienda nei confronti di questa figura? (Se si tratta di uno o dell'altro caso)..

ono quelli che fanno il concept iniziale del componente

Cioè in pratica nel mio caso (azienda metalmeccanica) fa una sorta di dimensionamento di massima iniziale (progetto preliminare) e si occupa di rendere producibile il tutto coi minimi costi interfacciandosi con gli esperti di tutti i reparti se ho capito bene..almeno sulla carta :unsure:
 

ceschi1959

Utente Standard
Professione: progettista
Software: UG 11 - NX1988 TC12.2
Regione: veneto
Eccomi qui: Product Engineer presso una media azienda di un settore affine all'automotive.

L'azienda decide di lanciare un prodotto, innovativo oppure un restiling di uno esistente.

Quindi io: -Sviluppo studi di fattibilità del prodotto, gestire il prototipo ed il rilascio in produzione dello stesso.
Dopo aver concordato e/o stabilito con il testing a quali prove sottoporre il prodotto o il semplice componente: - Definire programmi di test e validare il prodotto
Concependo il prodotto o il particolare in modo da permetterne la realizzazione (chiusure, sformi...) e il montaggio: -Collaborare con gli altri reparti per la riduzione dei costi (ingegneri di produzione, progettisti ecc..) ho evidenziato il termine perchè io sono essenzialmente un progettista(!).
Se c'è da rifare uno stampo, oppure arriva in azienda una nuova macchina con possibilità di ottimizzare lavorazioni... -Gestire tutti gli aspetti tecnici del componente durante l'intero ciclo di vita.

Questo MAI fatto, ci pensano altre realtà aziendali: -Redigere presentazioni del prodotto al cliente.

Lo stile è definito da altri colleghi.

Non mi sento il maggiordomo di nessuno, anzi...

Ciao
 

TETRASTORE

Utente Senior
Professione: Founder di TETRAPOWER SRL
Software: Solid Edge
Regione: Emilia Romagna
Sinceramente mi sembrano tutte cose un po vaghe per cui chiedo a voi..di cosa si occupa nello specifico questa figura? E' un industrializzatore o un passacarte?...Ho paura che il mio attuale lavoro (progettista) si discosti molto da questo e che sia un lavoro poco "pratico" ma molto burocratizzato..
Non è assolutamente un lavoro da passacarte ma può essere stimolante a patto che tu sia disponibile anche ad una formazione continua che espanda le tue conoscenze che sicuramente già detieni in ambito progettuale. Richiede doti personali ed esperienza come: orientamento al risultato, spirito di iniziativa, problem solving, pensiero analitico, predisposizione al lavoro in team ed alle relazioni interpersonali, spiccato senso all'innovazione ed al cambiamento.
Integrando le informazioni che ti sono state già fornite nei post precedenti, basandomi sui punti che tu hai riportato, li espando per facilitarti la comprensione delle singole mansioni (che potrebbero avere variazioni da un'azienda all'altra).

-Gestire tutti gli aspetti tecnici del componente durante l'intero ciclo di vita.
Il Product Engineer ha la responsabilità di garantire la progettazione di nuovi prodotti in linea con le aspettative della clientela.
I progetti possono essere di due tipologie (ovviamente dipende dal tipo di prodotto e di azienda): progetti completi standard che portano allo sviluppo di un prodotto nuovo ma all’interno di una famiglia esistente; progetti completi non standard che portano allo sviluppo di prodotti nuovi fino alla stesura dei disegni finali.
Il Sales Department provvederà ad assegnare specifici progetti di sviluppo nuovo prodotto e a trasmettere attraverso la Scheda Prodotto tutte le informazioni e le specifiche di base per consentire l’avvio dell’attività di progettazione in piena autonomia.
Il Product Engineer provvederà ad aggiornare sullo stato di avanzamento lavori nel rispetto delle tempistiche pattuite e, nel caso di non rispetto, a condividerne di nuove.
Il Product Engineer ha la responsabilità di definire soluzioni progettuali e proporre eventuali innovazioni in relazione al raggiungimento delle specifiche di prodotto, definire le caratteristiche funzionali e strutturali e realizzare le singole fasi di progettazione. Se necessario esegue l’analisi degli elementi finiti (FEA) statica e/o dinamica ed elabora calcoli relativi alle performances funzionali del prodotto da progettare.
Dovrà poi seguire il prodotto durante l'intero ciclo di vita valutando eventuali miglioramenti o interventi correttivi sulla base dei feedback provenienti dagli utilizzatori.
Gli può essere richiesto, o può decidere autonomamente, di recarsi presso gli utilizzatori per verificare le applicazioni sia come servizio prevendita che post vendita.

-Sviluppo studi di fattibilità del prodotto, gestire il prototipo ed il rilascio in produzione dello stesso.
- Definire programmi di test e validare il prodotto

Il Product Engineer deve coordinare od effettuare in prima persona, lo studio di fattibilità ed ha una funzione di supporto nell'attività di prototipazione e testing, per cui segue l’analisi dei prototipi per la loro validazione. Se necessario si interfaccia con i colleghi dell’area Testing per condurre e monitorare le prove pratiche eventualmente richieste dal cliente per omologare o approvare il progetto.


-Collaborare con gli altri reparti per la riduzione dei costi (ingegneri di produzione,progettisti ecc..)
Con il supporto dei buyer, intrattiene relazioni con i fornitori per la definizione di materiali e componenti in fase di progettazione.
Collabora con il Process Engineering (se presente) per migliorie e innovazioni di processo sia derivanti da esigenze legate ai nuovi prodotti sia per innovazioni che possono portare a migliore efficienza produttiva.


-Redigere presentazioni del prodotto al cliente
Deve produrre tutta la documentazione necessaria (slide, Power Point, filmati, cataloghi, manuali, ecc.) per illustrare il prodotto e le sue caratteristiche affinchè gli altri enti aziendali (Sales, Product Manager, Marketing, ecc.) possano a loro volta disporre degli strumenti necessari per presentare il prodotto e le sue peculiarità.
Potrebbe essere anche lui stesso incaricato di presentare il prodotto nell'ambito di manifestazioni fieristiche o presso i clienti.

c'è qualche domanda che dovrei fare per "sgamare" eventualmente l'approccio che ha l'azienda nei confronti di questa figura?
La prima domanda che potresti fare è chiedere a chi dovrai rendere conto, in pratica la tua posizione nell'organigramma aziendale; la risposta ti farà comprendere il livello di responsabilità che ti verrà richiesto.
Un'altra domanda, a mio parere, la devi rivolgere a te stesso:
sei disposto ad impegnarti per crescere ed avere future soddisfazioni (anche economiche) mettendo però sul piatto la tua volontà ad imparare cose nuove e a non considerare più il tempo frazionato come se tu fossi un normale dipendente esecutivo? Quest'ultimo punto te lo riporto perchè nel caso ti arrivi la telefonata che evidenzia un problema 5 minuti prima della fine del tuo turno, il Venerdì sera, dovrai essere disponibile ad affrontarlo subito.

Se intraprendi questa attività con entusiasmo non sarai il maggiordomo di nessuno e ti troverai sicuramente ad affrontare dei problemi che potrai superare con l'impegno, la fantasia, l'esperienza, la perseveranza e la collaborazione, ma avrai anche tante soddisfazioni.
 
Ultima modifica:

stevie

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Solidedge, Cosmos
Regione: Lombardia
secondo me si stanno facendo un sacco di congetture senza sapere sostanzialmente nulla di cosa effettivamente dovrebbe andare a fare e senza sapere nulla riguardo all'azienda (la stessa posizione in due aziende diverse comporta sostanzialmente figure professionali completamente diverse)...

la cosa che più mi "preoccupa" è quel :

Gestire tutti gli aspetti tecnici del componente durante l'intero ciclo di vita

che significa tutto e nulla...che una singola figura possa gestire "tutti gli aspetti tecnici" di un componente è un'utopia per non dire peggio

attento poi quando un'azienda italiana adotta una terminologia inglese...
 

meek851

Utente poco attivo
Professione: progettazione
Software: catia, ansys, ...
Regione: emilia romagna
Buongiorno e grazie a tutti per le risposte..siete stati molto gentili. L'azienda è una grande azienda (circa 2000 persone ) ma è di casa madre estera (nord america). Dovrei andare nella filiale italiana che produce essenzialmente cambi automobilistici per veicoli (ma non solo): .... comunque tra due giorni ho il secondo colloquio ..vi farò sapere meglio.Intanto qualsiasi altra info e ben accetta :D ..grazie ancora!
 
Ultima modifica:

IronMike87

Utente attivo
Professione: Ufficio Tecnologie
Software: Solidworks 2019
Regione: Lombardia
Se posso dirti la mia ... Ho cambiato a luglio di quest'anno e son passato da Manufacturing Engineer a Product, sempre settore automotive. È un'azienda fornitrice degli OEM, ma di fatto è come se fossimo un OEM a nostra volta dato che forniamo un prodotto finito, ingegnerizzato completamente inhouse, derivante da applicazioni non automotive in altri settori.

Probabilmente essendo il referente di un sito produttivo verso la casa madre (made in USA) il lavoro non è esattamente quello puro che si intende. Ho in carico tutto il processo di omologazione dei fornitori locali, gestione documentazione e distinte, monitoraggio di alcuni costi, supervisione di certe attività.
In generale, i Product "veri" che fanno parte del team di ingegneria in USA gestiscono l'evoluzione tecnica del prodotto. Modellano componenti 3D. Contattano e gestiscono i fornitori di componenti critici (ma non solo). Vagliano soluzioni di efficientamento o riduzione costi. Sono in costante contatto con il cliente che viene servito dalla loro linea di prodotto.

Visto che sei ancora all'inizio, consiglio spassionato, non spaventarti nel chiedere chiarimenti a chi ti intervista. Headhunters e HR dell'azienda sono lì per quello, e da un certo punto di vista forniscono semplicemente un servizio. E spesse volte non hanno ben chiare le mansioni del ruolo quando stilano la job-description. O restano volutamente sul vago.
Chiedi con garbo che ti descrivano più nel dettaglio cosa andrai a fare, e vedi di capire se la risposta che ti daranno è soddisfacente, e se incontra le tue aspettative. Inutile buttarsi a capofitto in qualcosa senza avere il quadro quanto il più possibile delineato (poi ovviamente va tolta quella laccatura d'oro che è legata ad ogni ricerca di personale) :)
 

Staff online

Statistiche forum

Discussioni
55,733
Messaggi
475,507
Utenti registrati
96,159
Ultimo utente registrato
mattia14

Top