Percentuale di posizioni e ingegneri che fanno lunghe trasferte estero

Amy

Utente poco attivo
Professione: Industrial engineer
Software: N/A
Regione: Italia
Salve,
volevo chiedervi quale è indicativamente la percentuale di posizioni per ingegneri nell'industria privata italiana (nel suo complesso) che prevedono lunghe trasferte all'estero (cioè che comportano periodi all'estero superiori ai 6 mesi all'anno).
E, più in generale, quale è la percentuale di ingegneri che lavorano in Italia nel settore industriale privato che fa lunghe trasferte all'estero?
Vi ringrazio anticipatamente per le vostre risposte e contributi e saluto,
Amerigo
 
Ultima modifica:

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Bah....dipende cosa fai. Se vai a lavorare sulle piattaforme petrolifere è come dici tu. Se sei un costruttore di impianti industriali lo vedo difficile. A meno che sei un capo commesa e stai costruendo dal prato, una città azienda, come fa Danieli con gli impianti siderurgici.
 

Amy

Utente poco attivo
Professione: Industrial engineer
Software: N/A
Regione: Italia
Ti ringrazio della tua risposta, meccanicamg. Comprendo che varia per settore. E, considerando tutti i settori industriali, su 100 ingegneri che lavorano in Italia quanti di questi fanno lunghe trasferte all'estero, a tuo parere? E, quale è la percentuale di tali posizioni rispetto alla totalità di posizioni per ingegneri pubblicizzate?
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
E se i dati sono sbagliati? Secondo il mio parere non superano il 5% delle persone aventi titolo. Sono lavori particolari, di responsabilità e specifici delle aziende impiantistiche di grosse dimensioni. Non solo il siderurgico ma anche il minerario e il settore zucchero e simili hanno queste cose.
Gli annunci di offerte di lavoro, se non riservano qualche strana sorpresa, non sono normalmente con riferimenti a lunghe trasferte.
 

Amy

Utente poco attivo
Professione: Industrial engineer
Software: N/A
Regione: Italia
E se i dati sono sbagliati? Secondo il mio parere non superano il 5% delle persone aventi titolo. Sono lavori particolari, di responsabilità e specifici delle aziende impiantistiche di grosse dimensioni. Non solo il siderurgico ma anche il minerario e il settore zucchero e simili hanno queste cose.
Gli annunci di offerte di lavoro, se non riservano qualche strana sorpresa, non sono normalmente con riferimenti a lunghe trasferte.

Scusa, cosa intendi con se i dati sono sbagliati? Quali dati?
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Tu chiedi un mio parere....non ho in mano le statistiche ....mi baso su quello che ho intorno a me.
 

MassiVonWeizen

Utente Senior
Professione: disegnatore
Software: SolidEdge
Regione: Friuli Venezia Giulia
Forse prima di tutto bisogna capire il senso della domanda? Cosa si vuole sapere? Cosa di vuole ricavare dalla percentuale di ingegneri che fanno trasferte?
 

Amy

Utente poco attivo
Professione: Industrial engineer
Software: N/A
Regione: Italia
Forse prima di tutto bisogna capire il senso della domanda? Cosa si vuole sapere? Cosa di vuole ricavare dalla percentuale di ingegneri che fanno trasferte?

Ciao MassiVonWeizen. Il senso della domanda è: su 100 ingegneri che lavorano in Italia quanti fanno lunghe trasferte all'estero (superiori ai 6 mesi)? E quale è la percentuale di percentuale di tali posizioni rispetto alla totalità di posizioni per ingegneri pubblicizzate?
Volevo sapere se, in primo luogo, i due dati sono piuttosto simili, e quale è, secondo voi, il numero di tali posizioni rispetto al totale che un ipotetico ingegnere interessato a lavorare nell'industria privata italiana ma facendo lunghe trasferte all'estero è plausibile che possa trovare? Nella mia domanda è implicito che questo ipotetico ingegnere non ha ancora deciso in quale settore lavorare e quindi è disposto a considerare qualsiasi settore nell'ambito dell'industria privata.
 
Ultima modifica:

Amy

Utente poco attivo
Professione: Industrial engineer
Software: N/A
Regione: Italia
Tu chiedi un mio parere....non ho in mano le statistiche ....mi baso su quello che ho intorno a me.

Ho capito. Pensavo che, in realtà, questa percentuale fosse tra il 10 e il 20%, perchè concordo con te che sia intorno al 5% (o anche meno) nella maggior parte dei settori industriali, ma ritenevo che fosse nettamente superiore in settori come quello petrolifero (come giustamente sottolineavi anche tu), ma anche in quello delle grandi costruzioni sia legate al settore dell'oil&gas che delle grandi opere pubbliche (per intenderci in quei settori in cui operano aziende come Cimolai, Webuild, Rizzani De Eccher, ...). Però, probabilmente hai ragione tu perchè anche in queste realtà il numero di ingegneri che sono impegnati in lunghe trasferte all'estero (e, assumo, il numero di tali posizioni pubblicizzate) non è di molto superiore al 5%.
 
Ultima modifica:

MassiVonWeizen

Utente Senior
Professione: disegnatore
Software: SolidEdge
Regione: Friuli Venezia Giulia
Ciao MassiVonWeizen. Il senso della domanda è:
Quello che mi hai risposto non è la motivazione della domanda, ma esattamente la domanda stessa.
Riformulo la domanda: a cosa ti serve sapere qual è la percentuale di ingegneri che fanno trasferte?
 

Amy

Utente poco attivo
Professione: Industrial engineer
Software: N/A
Regione: Italia
Quello che mi hai risposto non è la motivazione della domanda, ma esattamente la domanda stessa.
Riformulo la domanda: a cosa ti serve sapere qual è la percentuale di ingegneri che fanno trasferte?

La motivazione è nella seconda parte della mia risposta alla tua domanda. Quale è la percentuale di posizioni che in quanto ingegnere posso attendermi di trovare se sono interessato ad essere assunto da un'azienda in Italia ma voglio lavorare all'estero per un gran parte dell'anno? Ed, in secondo luogo, questa percentuale X di annunci è sostanzialmente uguale a quella del numero di ingegneri che lavorano in Italia ma fanno lunghe trasferte all'estero oppure è superiore perchè nel corso della carriera il numero di coloro che fanno lunghe trasferte all'estero tende a diminuire?
 
Ultima modifica:

Amy

Utente poco attivo
Professione: Industrial engineer
Software: N/A
Regione: Italia
Quello che mi hai risposto non è la motivazione della domanda, ma esattamente la domanda stessa.
Riformulo la domanda: a cosa ti serve sapere qual è la percentuale di ingegneri che fanno trasferte?
Lo chiedo sia perchè so interessato io per la mia carriera professionale sia perchè mi è stata posta da una amico interessato che vorrebbe iscriversi ad Ingegneria e lavorare all'estero ma essendo assunto in Italia poichè nel lungo termine puà stabilizzarsi in Italia. Pensavo che la percentuale fosse tra il 10 e il 20%, ma probabilmente ha ragione meccanicamg.
 

Amy

Utente poco attivo
Professione: Industrial engineer
Software: N/A
Regione: Italia
Scusate, non so che cosa non vi è chiaro. Volevo chiedervi, in base alla vostra conoscenza/esperienza, quanti sono in percentuale gli annunci di posizione per ingegneri che comportano lunghe trasferte all'estero (superiori ai 6 mesi). E più in generale, su 100 ingegneri che lavorano in Italia, quanti sono fannno lunghe tarsferte all'estero?
 

stevie

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Solidedge, Cosmos
Regione: Lombardia
Scusate, non so che cosa non vi è chiaro. Volevo chiedervi, in base alla vostra conoscenza/esperienza, quanti sono in percentuale gli annunci di posizione per ingegneri che comportano lunghe trasferte all'estero (superiori ai 6 mesi). E più in generale, su 100 ingegneri che lavorano in Italia, quanti sono fannno lunghe tarsferte all'estero?
Meno del 5%
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Scusate, non so che cosa non vi è chiaro. Volevo chiedervi, in base alla vostra conoscenza/esperienza, quanti sono in percentuale gli annunci di posizione per ingegneri che comportano lunghe trasferte all'estero (superiori ai 6 mesi). E più in generale, su 100 ingegneri che lavorano in Italia, quanti sono fannno lunghe tarsferte all'estero?
Offerte e annunci per trasferte lunghe praticamente non ce ne sono.
Non possono mandare i pivelli a gestire cantieri mionari....quindi usano i senior aziendali....ma pochi.
 

Amy

Utente poco attivo
Professione: Industrial engineer
Software: N/A
Regione: Italia
Offerte e annunci per trasferte lunghe praticamente non ce ne sono.
Non possono mandare i pivelli a gestire cantieri mionari....quindi usano i senior aziendali....ma pochi.

In generale, è vero, meccanicamg, però ho trovato anche annunci di aziende come Bonatti, Trevi, Cimolai ..., che cercano giovani laureati in ingegneria che dopo un breve periodo di formazione in Italia vengono mandati all'estero per periodi medio-lunghi (ovviamente non a gestire i cantieri ma ad assistere i project manager). Però, probabilmente, come sostenete voi, rappresentano una percentuale limitata delle posizioni per ingegnere.
 
Ultima modifica:

paulpaul

Utente Standard
Professione: Macchinista
Software: Solid Edge, Autocad, Matlab
Regione: Parma
@Amy
Come ti hanno detto, dipende molto dall'azienda: questo tipo di trasferte sono molto diffuse dove il prodotto deve necessariamente essere spedito "a pezzi" ed installato in sito (notevoli dimensioni). Parliamo quindi ad esempio di linee per packaging e imbottigliamento e soprattutto di impianti per la produzione di energia e oil & gas. Ci possono andare anche figure junior neolaureate, che magari inizialmente fanno un lavoro molto operativo (e quando dico molto...dico proprio montaggio) e che comunque dipendono dal Site Manager, di solito con qualche anno di esperienza. Purtroppo non so quantificarti la percentuale sul totale degli annunci perché dipende tantissimo dal settore, come detto: ma limitandosi all'ambito di cui sopra, non sono nemmeno pochi. La Bonatti è una di quelle (la conosco relativamente bene).
 

Utenti online

Statistiche forum

Discussioni
55,952
Messaggi
477,298
Utenti registrati
96,730
Ultimo utente registrato
pescolino

Top