Neoingegnere insoddisfatto

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

Marco9669

Utente standard
Professione: In teoria ingegnere, in pratica meno di un operaio
Software: solidworks, catia, ansys
Regione: veneto
A me in realtà è capitato il contrario: mi veniva sempre detto che le formule andavano capite, non imparate a memoria.
Anzi, un professore diceva sempre: "Tanto lo so che dopo l'esame le formule le avete già dimenticate. Per questo io vi chiedo il significato e la loro interpretazione"
Beati voi! Da me in facoltà solo pochissimi professori permettevano l'utilizzo di formulari, gli altri esami andavano imparati a memoria con formule e dimostrazioni di tutto. Aver capito i concetti era scontato in partenza (non ci si presentava neanche se mancavano nozioni teoriche) il voto dell'esame dipendeva da quanto ricordavi le formule e le dimostrazioni...dimenticare qualche formula all'esame voleva dire riprovare l'appello.
 

Vittorio

Utente Standard
Professione: progettista
Software: CatiaV5-6R29 HyperMill_2022.1
Regione: Lombardia
Vedo che cambiano le generazioni ma i problemi rimangono quelli di 60anni fa.
Mi spiace dirlo e gli insegnanti non me ne vogliano, ma hanno fatto piu' danni gli insegnanti che le guerre.
Ovviamente non voglio generalizzare.. .ma le percentuali vanno a favore dei danni.
 
Ultima modifica:

stevie

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Solidedge, Cosmos
Regione: Lombardia
Beati voi! Da me in facoltà solo pochissimi professori permettevano l'utilizzo di formulari, gli altri esami andavano imparati a memoria con formule e dimostrazioni di tutto. Aver capito i concetti era scontato in partenza (non ci si presentava neanche se mancavano nozioni teoriche) il voto dell'esame dipendeva da quanto ricordavi le formule e le dimostrazioni...dimenticare qualche formula all'esame voleva dire riprovare l'appello.

un conto è aver chiaro le dimostrazioni e saperle replicare , altra cosa impararsi a memoria le formule...

poi anche questa cosa che i professori non avessero esperienza lavorativa...mi lascia perplesso...dove ho studiato io le aziende chiedevano consulenze ai professori quindi immagino sapessero il fatto loro...certo non tiravano le passate al tornio o saldavano se intendete questo per "esperienza lavorativa" ...
 

Stan9411

Utente Junior
Professione: System Engineer
Software: PTC Creo parametric, Matlab
Regione: Lombardia
Beati voi! Da me in facoltà solo pochissimi professori permettevano l'utilizzo di formulari, gli altri esami andavano imparati a memoria con formule e dimostrazioni di tutto
Mi sa che sei tu che nella tua carriera universitaria hai sempre travisato quello che ti era richiesto di fare … se capisci la formula non la devi imparare a memoria .. sono relazioni fisiche, mica poesie.. descrivono la realtà, per via diretta o inversa puoi sempre ricavare una formula se hai capito il problema a cui si applica.

All’inizio parti dalla base e le ricavi … quando hai fatto questo per decine di volte alla fine sai scriverle in maniera meccanica.. ma non è “impararle a memoria” .. è metabolizzarle

E si che il metodo di studio dovresti creartelo già alle superiori .. se per tutta l’università hai imparato a memoria anziché capire, allora stiamo a posto …

Roba da pazzi
 

Marco9669

Utente standard
Professione: In teoria ingegnere, in pratica meno di un operaio
Software: solidworks, catia, ansys
Regione: veneto
Come detto prima...a quanto pare abbiamo fatto delle ingegnerie diverse.
Fosse cosi facile come dite voi non ci sarebbero cosi tanti ritiri, bocciature ecc..
Però va bene, difendiamo il sistema universitario fino alla fine!
dove ho studiato io le aziende chiedevano consulenze ai professori quindi immagino sapessero il fatto loro.
Anche in azienda da me vengono professori universitari ogni tanto a fare consulenza..la realtà è che non sanno fare niente ma li chiamano perchè avere la firma dell'università "fa figo" e sembra che il prodotto che vendi sia più "sicuro ed efficiente", ma la realtà è che spesso il prodotto è perfetto in partenza.
 

MassiVonWeizen

Utente Senior
Professione: disegnatore
Software: SolidEdge
Regione: Friuli Venezia Giulia
Come detto prima...a quanto pare abbiamo fatto delle ingegnerie diverse.
A me sembra che tu abbia fatto l'università di Tuttologia, negli ultimi anni parecchio frequentata a quanto sembra. Perché invece che cercare di fare l'ingegnere non fai il consulente, saresti richiestissimo e finalmente daresti una svegliata a questo Paese retrogrado.
 

IronMike87

Utente attivo
Professione: Ufficio Tecnologie
Software: Solidworks 2019
Regione: Lombardia
E si che il metodo di studio dovresti creartelo già alle superiori .. se per tutta l’università hai imparato a memoria anziché capire, allora stiamo a posto …
Purtroppo posso testimoniare di avere avuto anch'io esperienze simili. Con l'aggravante di uno specifico caso: lo stesso corso, tenuto da due docenti diversi ma con programma condiviso, in un caso l'esame era open book, nell'altro no.
Poi si domandavano come mai c'erano così tante domande di cambio di scaglione ...
Questo al PoliMi ormai 15 anni fa

Quello che secondo me manca in tutto il sistema formativo italiano, è la mancanza di uniformità di giudizio. A partire dall'esame di maturità, passando per i corsi universitari, arrivando fino all'assurdo degli scaglioni degli stessi corsi.

Ci aggiungerei pure la difformità nel numero di appelli sostenibili. Al PoliMi si avevano (e credo si abbiano tuttora) solo 4 appelli nell'anno accademico. Altre facoltà di ingegneria variano dai 6 agli 8 appelli, se non di più.
Stendo poi un velo di pietosa invidia sulle altre facoltà7atenei (uno dei miei migliori amici ha fatto Chimica Industriale alla Statale di Milano e per alcuni corsi aveva 10 appelli per anno accademico :cry:)
 

stevie

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Solidedge, Cosmos
Regione: Lombardia
Come detto prima...a quanto pare abbiamo fatto delle ingegnerie diverse.
Fosse cosi facile come dite voi non ci sarebbero cosi tanti ritiri, bocciature ecc..
Però va bene, difendiamo il sistema universitario fino alla fine!

Anche in azienda da me vengono professori universitari ogni tanto a fare consulenza..la realtà è che non sanno fare niente ma li chiamano perchè avere la firma dell'università "fa figo" e sembra che il prodotto che vendi sia più "sicuro ed efficiente", ma la realtà è che spesso il prodotto è perfetto in partenza.

Io non devo difendere proprio nulla...
Che l'università italiana abbia dei problemi è risaputo, primo fra tutti il fatto che a mio avviso si laureano troppe persone per gli sbocchi lavorativi che il paese offre (a sentire invece alcuni espertoni dovrebbero laurearsi ancora più persone, per far cosa poi ce lo dovrebbero spiegare).
Detto questo ti ho già spiegato che il problema principale italiano non sono le università ma la scarsa qualità e quantità delle imprese, se vuoi continuare a dare la colpa alle università continua pure.
Se ti fossi laureato al MIT di Boston e fossi tornato in Italia (e saresti stato un folle) probabilmente avresti trovato il lavoro che hai ora o poco meglio...
 

Diego90

Utente poco attivo
Professione: Progettista meccanico
Software: Solidworks, Solidworks Simulation
Regione: Veneto
Marco 9669 perchè non vedi la fine dei tuoi studi come un punto di partenza? Invece di inveire contro il "sistema" rimboccati le maniche e datti da fare per raggiungere i tuoi obiettivi. Quello di cui scrivi è una tua opinione e situazione attuale, gli investimenti e la tua capacità di apprendere si valutano nel tempo. Vuoi guadagnare di più? Datti da fare per fare il tuo lavoro al meglio. Vuoi fare un corso di formazione? Se hai capacità l'azienda investirà su di te. Di certo non ti verrà sempre detto di si ma anche questo non devo certo spiegartelo. Se hai capacità e sei consapevole del tuo valore non sarà un problema. Io ho seguito laureati e diplomati e ti assicuro che l'approccio all'imparare è molto diverso (poi certamente non discrimino ne l'uno ne l'altro). Poi di base il fattore discriminante è la "fame", esistono dipendenti "dipendenti" e dipendenti "imprenditori" vedi te quello che vuoi essere.
 

Fulvio Romano

Utente Senior
Professione: Ingegnere
Software: Alcuni, ma non tutti
Regione: Campania
Come detto prima...a quanto pare abbiamo fatto delle ingegnerie diverse.
Fosse cosi facile come dite voi non ci sarebbero cosi tanti ritiri, bocciature ecc..
Però va bene, difendiamo il sistema universitario fino alla fine!
Certo che lo difendiamo! Non tutti siamo adatti a fare gli ingegneri ed i ritiri e le bocciature dimostrano che il sistema universitario sta funzionando alla perfezione.
 

Marco9669

Utente standard
Professione: In teoria ingegnere, in pratica meno di un operaio
Software: solidworks, catia, ansys
Regione: veneto
Ogni tanto davvero mi chiedo cosa mai abbia creato questo alone di divinità alla figura dell'ingegnere. Assunto in stage e pagato quanto un 20enne alla soglia dei 30 anni..
"non tutti siamo adatti a fare l'ingegnere"... sicuramente si, perchè alcuni non sono adatti a farsi prendere per il culo.
Se ti fossi laureato al MIT di Boston e fossi tornato in Italia (e saresti stato un folle) probabilmente avresti trovato il lavoro che hai ora o poco meglio...
Be, ti sei risposto da solo.
Certo che lo difendiamo! Non tutti siamo adatti a fare gli ingegneri ed i ritiri e le bocciature dimostrano che il sistema universitario sta funzionando alla perfezione.
Ma non vogliamo ammettere che l'università è semplicemente:
1) troppo lunga
2) non forma assolutamente su niente
3) non ripaga l'investimento
4) troppo inutilmente stressante
o è difficile ammettere la verità?
Io ho una certa età, non posso fare figli perchè non posso permettermelo. Pensate che me ne frega davvero qualcosa di sbandierare il fatto che sono un'ingegnere? Meglio il mio amico che sbandiera i suoi 50k in banca e non sa neanche com'è fatta l'università però lui intanto casa la può comprare mentre io sto ancora con i miei; senza contare il fatto che una cosa è vivere con i genitori a 20 anni e risparmiare un'altra cosa è vivere con i genitori passati i 26 anni e se anche andassi a vivere da solo non potrei risparmiare. La verità è che i soldi si fanno quando si è giovani e io quando ero giovane studiavo cavolate inutili.
Ma è cosi difficile vedere la realtà dei fatti o dobbiamo continuare fino alla morte a incoraggiare giovani ad intraprendere una strada sicuramente fallimentare in tutti i sensi?
Poi ci si chiede come mai non si fanno più figli.. vedete voi, finisco l'università quasi a 26 anni senza un soldo in tasca ed assunto in stage. L'università è il motivo che porta le persone a fare figli più tardi e a rovinare le persone, questa è la verità. L'università come "sistema" rovina il futuro del paese perchè fa dimenticare alla gente che la pratica è il vero motore dell'economia no "chiacchiere".
Poi io magari capisco che ci commenta viene da una generazione ormai "passata", magari 50-60enni e quindi hanno vissuto un'altra Italia e un'altra situazione, ma io vi racconto la situazione attuale; magari in passato conveniva.. oggi no dal punto di vista economico e sinceramente neanche dal punto di vista formativo! E ripeto, io sto fin troppo bene perchè assunto da amici di famiglia, non fosse stato per quello a loro non fregava proprio niente che mi mettevo a sbandierare il titolo di ingegnere: mi mandavano a casa perchè preferivano prendere un diplomato a me dato che a me finito l'apprendistato devono darmi il 5s. Questa è la verità di oggi. Per quanto riguarda il mettersi in proprio: se uno si mette in proprio è sicuramente per le sue esperienza lavorative e non certo per quello che ha imparato in università quindi un diplomato ha le stesse possibilità di un laureato.. se non di più perchè più flessibile e meno quadrato come un laureato.
 

MassiVonWeizen

Utente Senior
Professione: disegnatore
Software: SolidEdge
Regione: Friuli Venezia Giulia
Ma è cosi difficile vedere la realtà dei fatti o dobbiamo continuare fino alla morte a incoraggiare giovani ad intraprendere una strada sicuramente fallimentare in tutti i sensi?
E tu lo vuoi capire che la tua esperienza vale solo per te?
Ma non vogliamo ammettere che l'università è semplicemente:
1) troppo lunga
2) non forma assolutamente su niente
3) non ripaga l'investimento
4) troppo inutilmente stressante
Immagino che ti abbiano costretto a completarla con la pistola puntata alla testa.
Ma è cosi difficile vedere la realtà dei fatti o dobbiamo continuare fino alla morte a incoraggiare giovani ad intraprendere una strada sicuramente fallimentare in tutti i sensi?
Se in 5 anni non ti sei reso conto che non era una scelta fallimentare forse il problema sei tu e non l'università. Ma anche questa è una selezione.
Poi ci si chiede come mai non si fanno più figli.. vedete voi, finisco l'università quasi a 26 anni senza un soldo in tasca ed assunto in stage. L'università è il motivo che porta le persone a fare figli più tardi e a rovinare le persone, questa è la verità. L'università come "sistema" rovina il futuro del paese perchè fa dimenticare alla gente che la pratica è il vero motore dell'economia no "chiacchiere".
La rovina del paese è la gente come te che fa chiacchiere da bar.
 

Marco9669

Utente standard
Professione: In teoria ingegnere, in pratica meno di un operaio
Software: solidworks, catia, ansys
Regione: veneto
Immagino che ti abbiano costretto a completarla con la pistola puntata alla testa.
Come spessissimo accade ormai avevo già iniziato.
Se in 5 anni non ti sei reso conto che non era una scelta fallimentare forse il problema sei tu e non l'università. Ma anche questa è una selezione.
Avevo già iniziato e non volevo buttar via anni. Speravo in un miracolo e nella promessa.
E tu lo vuoi capire che la tua esperienza vale solo per te?
Non è vero.
La rovina del paese è la gente come te che fa chiacchiere da bar.
Certo. Il problema sono io. Lavoro tutta la settimana per lo stesso stipendio di chi prende il reddito di cittadinanza e lavora in pizzeria in nero, ma sono io indegno.
Mi aspetto le prossime critiche e offese, tanto qui è da mo che nessuno ha argomentazioni valide per controbattere ma solo offese.
Ma non si può bloccare sta discussione…? Mamma mia ..
La chiamavano democrazia.
 

stevie

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Solidedge, Cosmos
Regione: Lombardia
Ma scusami tu alla fine quanto prendi netti?
 

Archimede Pitagorico

Utente poco attivo
Professione: Artigiano
Software: ...vari...
Regione: veneto
Se marco9669 si rende conto che è retribuito troppo poco per le sue capacità è il momento di fare il salto di qualità.

Marco9669.. apriti una P.I. e dimostra al mondo cosa e quanto vali (e non è ironia). Se pensi che una P.I. "paghi" di piu... provaci...
In bocca al lupo
 
Ultima modifica:

Mario SJPD

in Prova
Professione: RESP.TECNICO/PROGETTISTA
Software: SOLID/INV/AUTOCAD/ME10
Regione: BRESCIA
Io ho una certa età, non posso fare figli perchè non posso permettermelo. Pensate che me ne frega davvero qualcosa di sbandierare il fatto che sono un'ingegnere? Meglio il mio amico che sbandiera i suoi 50k in banca e non sa neanche com'è fatta l'università però lui intanto casa la può comprare mentre io sto ancora con i miei; senza contare il fatto che una cosa è vivere con i genitori a 20 anni e risparmiare un'altra cosa è vivere con i genitori passati i 26 anni e se anche andassi a vivere da solo non potrei risparmiare. La verità è che i soldi si fanno quando si è giovani e io quando ero giovane studiavo cavolate inutili
ok ho capito il tuo punto di vista sull'università come vedi viene discusso perchè la tua esperienza non è valida per tutti comunque l'hai testimoniata e ti ringrazio.
ti sono state fatte molte osservazioni e dati molti consigli su come uscire da questa situazione che trovi scomoda ,sono curioso di sapere se oltre alle forse legittime lamentele hai ascoltato anche qualche consiglio o se qualcuno ti ha detto qualcosa di utile.
per farla semplice "adess che fomei?" traduco "adesso cosa fai?"
-continui a fare un lavoro che trovi poco appropriato per la tua preparazione e soprattutto poco pagato?
-cerchi sbocchi lavorativi diversi come dipendente in italia?
-cerchi sbocchi lavorativi diversi come dipendente all'estero?
-apri una attività tua es.partita iva come ingegnere calcolista o quant'altro?
-apri una attività tua es.partita iva come disegnatore che ti permetta di guadagnare di piu?(in tal caso visto che è il mio settore potrei girarti qualcosa di semplice giusto per permetterti di valutare le tue capacità attuali in questo settore)
cosa pensi possa darti maggiori soddisfazioni e soprattutto cosa a quanto pare più importante un maggior guadagno immediato?
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

Staff online

Statistiche forum

Discussioni
55,733
Messaggi
475,507
Utenti registrati
96,159
Ultimo utente registrato
mattia14

Top