Consiglio su proseguimento "carriera"

NinoS19

Utente poco attivo
Professione: Disegnatore CAD
Software: Solidworks 2020; AutoCAD 2018/2020
Regione: Campania
Salve a tutti!
Mi chiamo Nino e sono un ingegnere meccanico, laureato triennale a settembre 2020, alla veneranda età di 30 anni (svariati anni fuori corso per problemi personali, ma non è questa la cosa importante).
Subito dopo la laurea ho iniziato a lavorare come disegnatore meccanico, sporcandomi anche le mani in officina quando c'è stato bisogno. Purtroppo, nonostante un contratto di apprendistato di 3 anni, l'ambiente non era il massimo così come la paga quindi a novembre ho cambiato azienda e ruolo. Ora sono responsabile acquisti nell'ufficio tecnico di produzione di un'azienda di macchine per il settore alimentare.

La passione per il disegno tecnico, i CAD e la progettazione (per quanto io abbia un solo anno di esperienza e sono tutto tranne che un vero "progettista") rimane e vorrei comunque farne la mia occupazione principale. Ragionando su questo mi sono venute svariate idee per mantenere viva questa via e non rimanere ancorato al mio ruolo attuale. Vi chiedo quindi un confronto e anche critiche nel caso.

La prima idea, visto che sono rimasto in buoni rapporti con la vecchia officina, è continuare a collaborare come disegnatore con loro nei miei giorni liberi (ovviamente sabato e domenica) e quindi poter continuare ad arricchire le mie conoscenze da questo punto di vista. Il contro è che dovrei "semplicemente" eseguire senza davvero mettermi alla prova.

La seconda idea sarebbe quella di prendere le diverse certificazioni Solidworks, con l'obiettivo di approfondire la mia conoscenza del programma e poi, eventualmente, tentare di passare dall'ufficio tecnico di produzione a quello di progettazione con una conoscenza del programma e dell'azienda più profonda, riuscendo quindi ad essere subito produttivo al 100% (in due mesi in questa azienda hanno già cambiato due disegnatori, quindi l'opportunità ci sarebbe).

Queste due idee, tra l'altro, non si escludono a vicenda e forse unirle potrebbe essere vantaggioso anche se dispendioso come energie.

La terza, più a lungo termine, sarebbe completare il ciclo di studi con una magistrale, anche telematica se vista di buon occhio, a forte propensione verso la progettazione. Ma serve davvero una magistrale per fare il progettista, soprattutto in medie-piccole aziende dove ci sono più disegnatori "semplici" che ingegneri progettisti?
 

Stan9411

Utente Junior
Professione: System Engineer
Software: PTC Creo parametric, Matlab
Regione: Lombardia
Ma serve davvero una magistrale per fare il progettista, soprattutto in medie-piccole aziende dove ci sono più disegnatori "semplici" che ingegneri progettisti?

No.
Come già aaaaaampiamenteeee discusso di recente in altri thread, la magistrale in ingegneria meccanica non è pensata per fornire le conoscenze necessarie a lavorare come disegnatore/progettista nelle medio-piccole aziende italiane. Per fare quello, come dici tu, “è sufficiente” conoscere molto bene il prodotto di cui ti occupi, avere senso pratico, conoscere le lavorazioni e le norme del disegno.
Alla magistrale ti riempiono di formule, concetti, competenze che servono in altre realtà.

Meglio le altre due strade.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Concordo con quanto detto:
- la magistrale non serve alle aziende italiane di piccolo/medio calibro. Se la fai devi poi inserirti in settori specifici per fare rendere il titolo di studio
- i certificati Solidworks ae aziende italiane servono a ben poco perché ci sono i giovani nerd che sanno tutto di Solidworks ma purtroppo non sanno niente di meccanica però costano ben poco
- trovati una azienda dove puoi lavora, imparare e proseguire e migliorare
- non è detto che non puoi cambiare azienda ogni tot anni
- tanta fortuna e territorio che offre
- i settori si stanno riprendendo e c'è tanto da fare nel metallurgico, siderurgico, automazione, macchine speciali, automotrice, batterie ecc
 

NinoS19

Utente poco attivo
Professione: Disegnatore CAD
Software: Solidworks 2020; AutoCAD 2018/2020
Regione: Campania
Innanzitutto grazie ad entrambi per le risposte.

Concordo con quanto detto:
- la magistrale non serve alle aziende italiane di piccolo/medio calibro. Se la fai devi poi inserirti in settori specifici per fare rendere il titolo di studio
- i certificati Solidworks ae aziende italiane servono a ben poco perché ci sono i giovani nerd che sanno tutto di Solidworks ma purtroppo non sanno niente di meccanica però costano ben poco
- trovati una azienda dove puoi lavora, imparare e proseguire e migliorare
- non è detto che non puoi cambiare azienda ogni tot anni
- tanta fortuna e territorio che offre
- i settori si stanno riprendendo e c'è tanto da fare nel metallurgico, siderurgico, automazione, macchine speciali, automotrice, batterie ecc

Rispondo per alcuni punti in modo da avere anche una discussione più ampia, se escono spunti interessanti (non solo per me, ovviamente)

- la magistrale non serve alle aziende italiane di piccolo/medio calibro. Se la fai devi poi inserirti in settori specifici per fare rendere il titolo di studio
Di questo mi ero parzialmente già accorto, non solo dalla mia poca esperienza lavorativa ma anche per testimonianze dirette con amici/colleghi. Qui da me (Campania) la maggior parte delle officine/aziende con cui ho avuto contatti hanno bisogno di produrre e sono anche ancorati a prodotti o soluzioni "vecchie" ma funzionanti. Fortunatamente nell'azienda dove sono ora c'è una forte propensione all'innovazione, anche su richieste specifiche del cliente.

- i certificati Solidworks ae aziende italiane servono a ben poco perché ci sono i giovani nerd che sanno tutto di Solidworks ma purtroppo non sanno niente di meccanica però costano ben poco
Questo un po' mi sorprende. Non che il mio curriculum sia eccelso, ne sono consapevole, ma avendo avuto esperienza di officina e quindi esperienza di meccanica anche "pratica", questi certificati non dovrebbero pormi in una posizione di vantaggio nella ricerca di un'eventuale nuova posizione? Ad un datore di lavoro non conviene pagare bene una persona che abbia conoscenze di meccanica e del CAD, che quindi ha anche un occhio più allenato, rispetto a pagare due "smanettoni" che di lavorazioni o accoppiamenti sanno poco o nulla?

- trovati una azienda dove puoi lavora, imparare e proseguire e migliorare
Come dicevo prima, nella mia attuale azienda c'è una forte propensione ad innovare il prodotto. Lavorando nell'ufficio di produzione, sono comunque a contatto con la progettazione e mi trovo spesso ad interfacciarmi con il capo progettista. Tra le mie mani passano parecchie tavole di particolari e assiemi e ho quindi la possibilità di "studiarli", così come ho la possibilità di osservare la macchina lavorare oppure parlare con i tecnici del mio ufficio.

Per il resto, ho provato con mano che i settori si stanno riprendendo e per fortuna (cosa che non pensavo) ci sono molte opportunità nella mia zona, alcune anche ben pagate. Stesso io, prima di passare al mio attuale posto di lavoro, ho avuto altri 4 colloqui per posti da disegnatore, poi non più proseguiti per altri fattori.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Le aziende medio piccole preferiscono prendere un giovane che sia capace di capire cosa gli si sta dicendo, e lo affiancano (o si deve arrangiare) a imparare uso e costumi del CAD....modi sbagliati o giusti che si usano....e se ha fortuna può mostrare strade migliori di modellazione e gestione.
Nel frattempo si ritrova a picchiare la testa nei problemi meccanici.
Sembra strano ma...i certificati non dichiarano che X sa progettare, che è il lavoro che va a svolgere, ma che sa usare temperino e matita di Solidworks 😆
 

MassiVonWeizen

Utente Senior
Professione: disegnatore
Software: SolidEdge
Regione: Friuli Venezia Giulia
a proposito di CSWA ti linko alcune discussioni:
 

NinoS19

Utente poco attivo
Professione: Disegnatore CAD
Software: Solidworks 2020; AutoCAD 2018/2020
Regione: Campania
a proposito di CSWA ti linko alcune discussioni:
Grazie mille, molto utili queste discussioni!
 

Vittorio

Utente Standard
Professione: progettista
Software: CatiaV5-6R29 HyperMill_2022.1
Regione: Lombardia
mi sembra che ,per ora, sei già nell'azienda giusta. Riguardo al CAD , sono pienamente d'accordo con i pareri espressi sopra.
Ogni CAD ha pregi e difetti , compresi i più blasonati, sono strumenti che velocizzano la progettazione ma non inventano nulla.
Mettici del tuo in ogni lavoro che fai, è l'unico mio consiglio.
 

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna
Software: Inventor 2021 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
Occhio che lavorare per due aziende, facendo lo stesso tipo di lavoro, difficilmente è ben visto, sia dalle aziende stesse che, soprattutto, dal fisco, se le cose non sono fatte per bene.
Per quello che riguarda le certificazioni su un cad specifico, non servono a nulla.
Servono i corsi, ma il documento non lo guarda nessuno.
 

Staff online

Statistiche forum

Discussioni
55,733
Messaggi
475,507
Utenti registrati
96,159
Ultimo utente registrato
mattia14

Top