ANALISI MODALE

Ing.Cecco

Utente poco attivo
Professione: Analista CFD
Software: ANSYS, ADINA, STAR CCM+, SpaceCLAIM
Regione: Marche
Ciao a tutti.

Devo valutare la bontà di un particolare di plastica (una protezione di una scheda elettronica), fissata con 4 viti ad un motore elettrico, quindi soggetta alle sollecitazioni del motore stesso.

Ho fatto un'analisi modale del componente singolo libero e trovo le frequenze e modi naturali.

Questi dati li confronto con i dati ottenuti con l'accelerometro posto sul particolare di plastica durante il funzionamento del motore da 6000 a 10000 rpm a step di 500 rpm.

In un grafico RPM vs Frequenza vedo quali sono le armoniche e le zone di frequenza maggiormente sollecitate e vedo se qui cadono le frequenze naturali (moltiplicate per le armoniche tipiche di questo sistema: 1, 2, 4, 8, 12, 17) del componente di plastica.

Faccio la stessa cosa per altri design e vedo dove cadono le frequenze naturali, se si sono spostate rispetto a quello di partenza ed in questo modo scelgo quello che potenzalmente potrebbe dare meno problemi in termini di vibrazioni.

Ora vi chiedo?
1. cosa ne pensate di questo procedimento?
2. Devo considerare anche le frequenze di risonanza del componente vincolato? basta solo fissarlo rigidamente nella zona delle viti o dovrei modellare tutto l'assemblato?

Grazie e chi avrà la pazienza di rispondermi.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Le viti fanno tanto. La coppia di serraggio influenza la zona. La scheda che vibra di suo si ripercuote sulla campana
 

Staff online

Statistiche forum

Discussioni
55,255
Messaggi
472,305
Utenti registrati
95,087
Ultimo utente registrato
Popone

Top