Home Manufacturing Componenti Fischer lancia i connettori First Mate Last Break

Fischer lancia i connettori First Mate Last Break

Fischer Connectors ha rilasciato i nuovi connettori First Mate Last Break della serie Fischer Core a bassa tensione, per offrire livelli eccezionali di sicurezza elettrica, affidabilità meccanica e facilità d’uso per gli operatori di dispositivi medici in conformità con la norma IEC 60601-1.

I nuovi connettori First Mate Last Break di Fischer Connectors sono disponibili in due dimensioni (“taglia 104” con spina da 15 mm di diametro e “taglia 1031” con spina da 13 mm di diametro) e tre configurazioni miste a bassa tensione (una con 12 contatti, due con 14 contatti). Il contatto più lungo ‘FMLB’ per la terra è indicato in rosso.

Come indica il nome, il contatto First Mate Last Break (FMLB) assicura la presenza permanente della messa a terra di un sistema elettrico attraverso un pin più lungo nella spina che “si accoppia per primo e si rompe per ultimo” con la presa del sistema per evitare condizioni di sicurezza elettrica rischiose. Ad esempio, protegge dalle scariche elettrostatiche (ESD), consentendo di indirizzare eventuali tensioni vaganti verso una messa a terra sicura, in modo da evitare danni all’operatore e alle apparecchiature sensibili alla tensione.

I nuovi connettori Fischer Core FMLB sono disponibili in due misure (“misura 104” con spina da 15 mm di diametro e “misura 1031” con spina da 13 mm di diametro) e in tre configurazioni miste a bassa tensione. Fischer Core 104 A 130 e Fischer Core 1031 A 105 sono dotati di 14 pin: 3 contatti di alimentazione da 0,9 mm per una corrente massima di 9,5 A per la taglia 104 / 8,1 A per la taglia 1031, e 11 contatti dati da 0,5 mm (incluso un contatto FMLB più lungo per la terra) per 5 Gbit/s Ethernet. Il connettore Fischer Core 104 A 131 presenta 12 contatti di alimentazione e dati da 0,5 mm (compreso il contatto di terra/FMLB più lungo) per 4,2 A e 5 Gbit/s Ethernet.

La console del sistema PAL di MicroAire è dotata di due prese Fischer Core 104 A 130 che si accoppiano per prime e si interrompono per ultime con il pin più lungo della spina del cavo del manipolo. La presa Fischer Core A 131 FMLB del pedale è installata tra le due prese dello strumento.

I connettori Fischer Core FMLB e i cavi associati sono estremamente robusti e durevoli, non solo dal punto di vista meccanico ma anche da quello del design. Sono sigillati IP68, resistono alla sterilizzazione in autoclave e alla corrosione (1.000 ore di nebbia salina, soluzione salina al 5%, 35 °C), offrono cicli di vita di lunga durata con 10.000 cicli di accoppiamento e i loro robusti sistemi di chiusura e codifica garantiscono connessioni sicure in ogni momento.

“Oltre che per la sua robustezza, la nostra serie di punta Fischer Core è nota per la sua versatilità”, spiega Alexandra Monchatre, responsabile mercati e prodotti di Fischer Connectors. “Non solo in termini di configurazioni di contatto, dimensioni del corpo e materiali, ma anche in termini di sistemi di chiusura, ovvero push-pull, antimanomissione, a sgancio rapido e a frizione. Questo facilita la vita degli ingegneri progettisti, in particolare quando si tratta di rispondere alle diverse esigenze degli utenti dei dispositivi medici. Un singolo dispositivo può utilizzare due diversi tipi di meccanismi di chiusura, a seconda che il connettore venga utilizzato per collegare un manipolo o una console di controllo”.

È proprio questo il caso del sistema di liposuzione assistita da potenza (PAL) di MicroAire Surgical Instruments, che utilizza quattro connettori Fischer Core First Mate Last Break e un gruppo di cavi di 12 piedi in silicone sovrastampato resistente all’autoclave. Il manipolo del sistema utilizza un connettore con meccanismo di bloccaggio push-pull, mentre la console utilizza un connettore con accoppiamento a frizione sullo stesso gruppo di cavi per soddisfare le diverse esigenze degli utenti finali.

Informazioni sui connettori Fischer

Fischer Connectors fa parte del Gruppo Conextivity. Fischer Connectors produce soluzioni per gli ecosistemi che richiedono il trasferimento e la gestione locale di dati, segnali ed energia. Le sue soluzioni elettroniche, i connettori e i gruppi di cavi sono apprezzati in tutto il mondo per la loro affidabilità, durata e precisione in ambienti difficili come i settori medico, della difesa e della sicurezza, della strumentazione, della robotica e dell’industria.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.fischerconnectors.com.

Informazioni sul Gruppo Conextivity

Conextivity Group è un gruppo tecnologico globale che offre soluzioni di connettività ad alte prestazioni che gestiscono flussi di energia e dati senza soluzione di continuità da sensori e dispositivi al cloud e all’IA, consentendo la nascita di nuovi ecosistemi trasversali e scalabili. Con quasi 700 persone in tutto il mondo, un centro di R&D del Gruppo situato in Svizzera e supportato da hub regionali, e sei siti produttivi, il gruppo con sede in Svizzera è un partner di connettività a servizio completo che comprende due attività commerciali: Fischer Connectors e Wearin’. Wearin’ crea soluzioni indossabili IoT che aumentano la sicurezza e l’efficienza migliorando la consapevolezza della situazione e il coordinamento degli esseri umani connessi, compresi i lavoratori solitari, i vigili del fuoco e i primi soccorritori.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.conextivity.com.

Articolo precedenteIntroduzione allo sviluppo di prodotti basato su modelli (MBPD)
Articolo successivoAnsys e Sony si uniscono per migliorare la simulazione dei sensori di immagine e le funzioni basate su telecamere nelle applicazioni automobilistiche di prossima generazione