Home CAD Inventor Factory Design Utilities migliora drasticamente l’efficienza della pianificazione di fabbrica.

Factory Design Utilities migliora drasticamente l’efficienza della pianificazione di fabbrica.

Un produttore globale di sistemi di lavorazione ottimizza i flussi di lavoro con iLogic e FDU

In qualità di uno dei maggiori fornitori di sistemi di lavorazione industriale al mondo, l’azienda tedesca di Düsseldorf GEA realizza le macchine che producono i prodotti che usiamo ogni giorno, dagli alimenti e le bevande nei nostri carrelli della spesa ai farmaci che i nostri medici ci prescrivono, fino al gas nelle nostre auto. Queste comprendono sia sistemi standard che soluzioni personalizzate e su ordinazione.

Queste ultime sono sviluppate con iLogic, un insieme specializzato di strumenti all’interno di Autodesk® Inventor® basato sulla progettazione guidata da regole.

I sistemi di lavorazione su larga scala utilizzano molti degli stessi tipi di componenti – compressori, pompe, valvole, controllori, miscelatori, omogeneizzatori – in configurazioni uniche. Gli strumenti di iLogic consentono agli ingegneri di GEA di creare uno “scheletro parametrico” che i team di prodotto standard possono poi adattare per creare automaticamente nuovi modelli.

Uomo in piedi accanto ad attrezzature industriali in una fabbrica
Lune Reizebos, Application Specialist del team OneEngineering di GEA. Immagine per gentile concessione di GEA.

“Ci incontriamo regolarmente con gli esperti che comprendono tutte le complessità di un processo specifico e della macchina GEA per quel processo”, afferma Lune Riezebos, Application Specialist in Service Delivery di GEA. “Ci spiegano quali parametri hanno, e questo è tutto ciò che ci serve per costruire un modello che possono regolare e trasformare automaticamente in molte configurazioni diverse”.

Con il tempo, si crea una libreria di componenti che possono essere riutilizzati più volte, sviluppando prodotti standardizzati per scenari personalizzati senza dover passare attraverso un processo di personalizzazione più lungo e tradizionale.

“Possiamo creare un nuovo modello in 2 ore invece che in 3 settimane”, afferma Riezebos. “A seconda della complessità del sistema, è possibile ridurre i tempi di progettazione dal 30% all’80%. In questo modo è molto più facile soddisfare le esigenze dei clienti”.

Ma l’azienda si è presto resa conto che il nuovo approccio comportava una sfida inaspettata.

Il ciclo di vendita di grandi sistemi di elaborazione può essere lungo perché il cliente e GEA stanno cercando di capire come risolvere un nuovo problema. Allo stesso tempo, GEA deve utilizzare le proprie risorse ingegneristiche in modo oculato, quindi non è sempre possibile sviluppare un modello 3D completo di una soluzione prima che il cliente firmi il contratto.

Per colmare il divario, i team di vendita sviluppavano layout in 2D con AutoCAD® durante la fase iniziale del ciclo di vendita. Gli ingegneri ricreavano poi questi layout in 3D con Inventor dopo la conferma della vendita. Questo comportava una grande quantità di sforzi duplicati. Inoltre, si creavano situazioni spiacevoli quando il team di vendita creava inavvertitamente layout di sistema in 2D che non potevano essere prodotti come specificato. Si trattava di un risultato imprevisto, dovuto alle buone intenzioni dei team di vendita che rispondevano alle richieste di modifica dei clienti prima che il team di ingegneri venisse coinvolto.

“Avevamo trovato un modo per consentire ai team di vendita di costruire i sistemi mettendo insieme dei ‘blocchi’ in AutoCAD”, dice Martin Andersen, Senior Manager Design Engineer di GEA. “Ma era troppo facile modificare aspetti che non dovevano essere modificati. Quando abbiamo raggiunto la fase di progetto e abbiamo iniziato a ridisegnare tutto da zero, abbiamo dovuto dire ai clienti che ciò che avevano approvato non poteva essere realizzato”.

Anche se il team di Andersen poteva sempre modificare il layout 3D per soddisfare le esigenze del cliente, la disconnessione portava inutili tensioni e ritardi nel processo. A quel punto il team di ingegneri si è reso conto che un metodo molto più efficiente era già disponibile nel sistema. Autodesk Product Design and Manufacturing Collection.

Come si è scoperto, la risposta era Factory Design Utilities. Disponibile solo nella Product Design and Manufacturing Collection. Può collegare i layout 2D creati in AutoCAD con i modelli 3D. In altre parole, Factory Design Utilities ha permesso al team di GEA di creare simultaneamente layout 2D e 3D e di mantenerli sincronizzati a ogni modifica.

Source link

Articolo precedenteCreo Plus: la stessa potenza di CREO adesso come soluzione SaaS
Articolo successivoFormlabs Fuse Blast reinventa la post-elaborazione SLS, portando le parti da stampate a finite in 15 minuti