• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Wildfire 4 - dovrebbe uscire a fine mese

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#1
Vi riporto l'articolo.
E' un pò una zuppa ma, per i neofiti ci può essere qualche cosa che non sanno.

PTC PRESENTA Pro/ENGINEER® WILDFIRE® 4.0
16/01/2008 20.42.18

Milano, 16 gennaio 2008 – PTC (Nasdaq: PMTC), la Product Development Company®, annuncia oggi Pro/ENGINEER Wildfire 4.0, una delle principali soluzioni del software di progettazione 3D CAD/CAM/CAE integrato che rappresenta una componente chiave del Product Development System di PTC®. Con questa nuova release, PTC migliora ulteriormente la soluzione parametrica più completa del settore dello sviluppo prodotto, offrendo nuove capacità che permetteranno di ottimizzare i processi chiave di progettazione elettromeccanica e su scala globale. Con Pro/ENGINEER Wildfire 4.0 sarà possibile progettare e realizzare prodotti innovativi di successo, grazie all’accelerazione del time-to-market, al miglioramento della qualità e alla riduzione significativa dei costi.

“La produzione discreta necessita di un sistema di sviluppo prodotto in grado di competere in un ambiente globale in rapida evoluzione. Le aziende manifatturiere devono ottimizzare i propri processi di sviluppo e adottare le soluzioni di progettazione più avanzate per migliorare l'efficienza, il time-to-market, la qualità dei prodotti e ridurre i costi”, ha affermato Marc Halpern, Research Director di Gartner.

Pro/ENGINEER Wildfire 4.0 offre nuove e potenti funzionalità e garantisce una facilità di utilizzo ancora maggiore per ottimizzare i processi chiave di progettazione globali e migliorare la produttività del personale e dei processi.

Progettazione dettagliata
• Tecnologia Auto Round TM innovativa — l’impiego di questa tecnologia permette un notevole risparmio di tempo per l'arrotondamento automatizzato persino per le feature più complesse. Un'operazione di arrotondamento che richiedeva 20 minuti ad un utente esperto viene completata da Auto Round in appena 40 secondi.
• Prestazioni migliorate per grandi assemblaggi — grazie alla gestione automatizzata e ottimizzata dei file di assiemi con rappresentazioni semplificate, il consumo di memoria viene ridotto del 40% e i tempi di recupero dei modelli si riducono del 60%.
• Disegni 3D avanzati — visualizzazione automatica delle dimensioni in disegni 3D che permette di aumentare il riutilizzo dei dati di progettazione e di creare disegni pronti per la produzione. È possibile, inoltre, pubblicare o accedere a disegni 3D attraverso PTC ProductView™.
• Migliore editing delle superfici — ottimizzazione dei progetti con nuove capacità per la modifica diretta delle superfici, incluse funzioni di editing e smoothing multi-risoluzione.
• Rimozione più veloce delle superfici — rapida rimozione di geometrie rotonde e fori per consentire la creazione diretta degli stampi o per semplificare i progetti per l'analisi, con una riduzione del tempo di editing dei modelli fino al 50%.
• Nuova estensione Pro/ENGINEER per l'analisi delle tolleranze con tecnologia CETOL — questo nuovo modulo analizza rapidamente le tolleranze e discrepanze geometriche direttamente nel modello CAD.
• Nuovo tool di riconoscimento delle feature — converte rapidamente le geometrie importate in feature del modello in fase di progettazione.
• Import DataDoctorTM potenziato — nuove capacità di riparazione dati e un'interfaccia utente aggiornata e facile da utilizzare, con un miglioramento sensibile della capacità di riutilizzo dei dati legacy e di terze parti.
• Miglioramento nello Scambio dati — nuovi processori potenziati permettono ai clienti di sfruttare meglio altri dati CAD (incluso il nuovo modulo Pro/ENGINEER Interface per JT), di pubblicare dati Pro/ENGINEER in PDF 3D e di importare rappresentazioni esatte del prodotto direttamente da ProductView.

Outsourcing della progettazione
• Nuova estensione Pro/ENGINEER per la gestione dei diritti di proprietà intellettuale — questo nuovo modulo permette di proteggere la proprietà intellettuale dei progetti offrendo ulteriori livelli di sicurezza in caso di progettazioni congiunte sia all’interno che all’esterno dell’azienda.

Verifica e convalida
• Simulazione più facile e avanzata — permette di analizzare i progetti in modo più rapido e semplice, attraverso funzionalità di diagnostica intelligente, meshing, una migliore gestione della connettività degli assiemi e l'analisi dei risultati.

Progettazione di utensili e macchinari industriali
• Maggiore facilità d'uso — semplificazione e automazione del processo, dalla progettazione alla realizzazione del prodotto, grazie ad una potente funzione di gestione dei processi per la definizione dei percorsi utensili, funzionalità di annotazione ed altre capacità chiave.

Migliore progettazione elettromeccanica
• Nuova funzione per cavi a nastro — permette di creare più rapidamente i progetti di elettromeccanica attraverso funzionalità intelligenti e automatizzate per l'aggiunta e l'instradamento di cavi a nastro.
• Collaborazione di progettazione più rapida — la nuova estensione di collaborazione Pro/ENGINEER ECAD-MCAD accelera la progettazione elettromeccanica attraverso l’impiego di una nuova interfaccia tra i progetti MCAD ed ECAD. Gli utenti possono identificare automaticamente le modifiche incrementali ed eseguire l'evidenziazione incrociata tra i progetti di schede MCAD ed ECAD.

“Pro/ENGINEER Wildfire 4.0 offre numerose funzionalità e permette di affrontare con successo le crescenti sfide dello sviluppo prodotto”, ha dichiarato Frank Menendez, Principle Engineer di Alcon Research. “Non ci sono dubbi che le nuove capacità e la maggiore flessibilità di Pro/ENGINEER Wildfire 4.0, unita ai miglioramenti già implementati in Windchill® PDMLink® 9.0, ci consentiranno di ottimizzare ulteriormente i processi di sviluppo prodotto in Alcon”.

“I miglioramenti a livello di progettazione elettromeccanica ci consentiranno di aumentare la produttività” afferma Jon Sprang, ingegnere presso Daktronics. “Con Pro/ENGINEER Wildfire 4.0 l'importazione di un progetto complesso che prima richiedeva più di tre ore può ora essere completata in circa 15 minuti. Anche la collaborazione efficiente nei progetti ECAD-MCAD è sempre stata un'area problematica; le nuove capacità di collaborazione ECAD-MCAD ci aiuteranno a risolvere queste difficoltà”.

“Le nuove capacità introdotte in Pro/ENGINEER Wildfire 4.0 mirano a rafforzare i processi aziendali chiave che hanno il maggiore impatto sul successo delle iniziative di sviluppo globali di un cliente”, ha spiegato James E. Heppelmann, Executive Vice President per i prodotti software e Chief Product Officer di PTC. “La nuova versione di Pro/ENGINEER evidenzia, ancora una volta, l'enfasi posta da PTC sulla qualità, facilità d'uso e capacità di rispondere alle esigenze dei clienti. Attraverso il monitoraggio costante del mercato e delle esigenze dei nostri clienti, PTC ha investito importanti risorse in Pro/ENGINEER Wildfire 4.0 per garantire una soluzione che continui a potenziare le attività di sviluppo prodotto in un ambiente distribuito a livello globale”.

Aggiornamenti e disponibilità di Pro/ENGINEER Wildfire 4.0
La disponibilità di Pro/ENGINEER Wildfire 4.0 è prevista a partire dalla fine di questo mese.* I clienti con piano di manutenzione attivo per Pro/ENGINEER possono facilmente eseguire il download di Pro/ENGINEER Wildfire 4.0 oppure ordinare il CD con il software direttamente dal sito internet.
Per ulteriori informazioni su Pro/ENGINEER Wildfire 4.0, visitare le pagine su Pro/ENGINEER all'indirizzo www.ptc.com.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#2
Ho visto che fra i sistemi operativi supportati ci sono ancora Solaris e HP-UX, ma non piu' linux.
Forse la domanda e' Ot in questo contesto, ma una volta che si ha un programma funzionante su Unix, non e' quasi automatico farlo girare anche su linux?
La mia domanda ha un carattere esclusivamente tecnico...

Ciao.
 

zimmy

Utente Standard
Professione: non l'ho mai capito
Software: icone e menu
Regione: lombardia
#3
Le notizie che ho dicono che occorrerà ancora aspettare qualche mese per avere la disponibilità della WF4 in versione definitiva.

Di Linux si era già detto un anno fa che non ci sarebbe stata più supporto. Che sia perfettamente compatibile la compilazione per Unix e per Linux non ci giurerei.

Ma poi quanti sono i clienti "ufficiali" che usano LINUX ? Tralasciamo quindi tutte le versioni "casalinghe". Chi di voi spenderebbe risorse per svilupare, mantenere, garantire la versione Linux per pochi adepti ?

Ciao
 

enri

Utente Senior
Professione: Architetto
Software: Rhino-VectorWorks e altri
Regione: Italia
#4
Differenti versioni unix devono essere ricompilate per funzionare, da AIX a Solaris, a Linux, a OS X, il tempo impiegato per la ricompilazione secondo è è molto ridotto, trattasi quasi sempre di operazioni automatiche, magari un pò più complesse rispetto alla ricompilazione casalinga, ma semplici per una sw house;
 

gio14

Utente Standard
Professione: stampi
Software: Pro-e
Regione: BG
#5
Le notizie che ho dicono che occorrerà ancora aspettare qualche mese per avere la disponibilità della WF4 in versione definitiva.

Di Linux si era già detto un anno fa che non ci sarebbe stata più supporto. Che sia perfettamente compatibile la compilazione per Unix e per Linux non ci giurerei.

Ma poi quanti sono i clienti "ufficiali" che usano LINUX ? Tralasciamo quindi tutte le versioni "casalinghe". Chi di voi spenderebbe risorse per svilupare, mantenere, garantire la versione Linux per pochi adepti ?

Ciao
Senti io uso Linux e ho provato Solaris, sono praticamente quasi uguali, stessi ambienti grafici con Kde e Gnome e molti altri applicativi (hai mai sentito parlare di multipiattaforma) ci sono compilatori che compilano un programma per diverse piattaforme, basta un po' di accortezza quando scrivi il codice, ma visto che già questo lo devono tener presente per gli altri unix ricompilare per Linux è quasi uno scherzo (ovvio se il codice sorgente fosse scritto in basic per portarlo su di un unix devono riscriverli in C ma siccome Pro/e e senz'altro scritto in C o C++ il problema non si pone) evidentemente i problemi sono altri, poi per il fatto delle versioni casalinghe vai tranquillo che di quelle se ne sono serviti tutti per allargare la base di utenti, e la storia dei pochi adepti è sempre un investimento per il futuro, perché non sai come si svilupperanno i mercati emergenti, e poi quando non ti costa quasi niente mantenerlo (dammi retta i problemi sono di altra natura)
 

The_Matrix

Utente Senior
Professione: Industry Leader - Automotive & Machinery
Software: NX10/TC10/4GD
Regione: Mi piacerebbe lavorare in California... Invece sto in Piemonte. Pazienza...
#7
I CAD non sono dei "monoliti" che prendi e ricompili.
SOno fatti da una marea di componenti, molti dei quali fuori dal controllo della software house produttrice del prodotto.
Siamo sempre sicuri che tutti i componenti di un CAD High-End siano disponibili per tutte le piattaforme?
 

zimmy

Utente Standard
Professione: non l'ho mai capito
Software: icone e menu
Regione: lombardia
#8
Se io fossi il sig ProE non so se continuerei nella piattaforma LINUX per pochi clienti preferendo investire denaro e risorse sullo sviluppo del prodotto.
Certifcare su Linux vuol dire garantirne il funzionamento e quindi garantirne il supporto tecnico (800-...), tecnici in giro per il mondo, ecc...
Voi lo fareste ?
Io no !
 

Delysid

Utente Standard
Professione: Designer
Software: Rhinoceros, Pro/ENGINEER, CINEMA 4D
Regione: Toscana
#9
Senti io uso Linux e ho provato Solaris, sono praticamente quasi uguali, stessi ambienti grafici con Kde e Gnome e molti altri applicativi (hai mai sentito parlare di multipiattaforma) ci sono compilatori che compilano un programma per diverse piattaforme, basta un po' di accortezza quando scrivi il codice, ma visto che già questo lo devono tener presente per gli altri unix ricompilare per Linux è quasi uno scherzo (ovvio se il codice sorgente fosse scritto in basic per portarlo su di un unix devono riscriverli in C ma siccome Pro/e e senz'altro scritto in C o C++ il problema non si pone) evidentemente i problemi sono altri, poi per il fatto delle versioni casalinghe vai tranquillo che di quelle se ne sono serviti tutti per allargare la base di utenti, e la storia dei pochi adepti è sempre un investimento per il futuro, perché non sai come si svilupperanno i mercati emergenti, e poi quando non ti costa quasi niente mantenerlo (dammi retta i problemi sono di altra natura)
Verissimo, se c'è per Solaris compilare per GNU/Linux non è un problema. In ogni caso sarei curioso di sapere se potrebbe andare su OpenSolaris.

Comunque non trovo la lista aggiornata delle piattaforme supportate per Wildfire 4.0, ma per quanto riguarda il porting su GNU/Linux ancora non è detto che non ci sarà... certo che comunque una spinta da parte di tutti gli utenti non sarebbe male (se c'è richiesta da parte di molti non possono ignorarla, e ciò gioverebbe a tutti, anche agli utenti Windows, così siamo sicuri che non usino le merde di .VB o .NET nemmeno in futuro).
 
Ultima modifica:

gio14

Utente Standard
Professione: stampi
Software: Pro-e
Regione: BG
#10
Se io fossi il sig ProE non so se continuerei nella piattaforma LINUX per pochi clienti preferendo investire denaro e risorse sullo sviluppo del prodotto.
Certifcare su Linux vuol dire garantirne il funzionamento e quindi garantirne il supporto tecnico (800-...), tecnici in giro per il mondo, ecc...
Voi lo fareste ?
Io no !
Se non ricordo male quelli della Ptc avevano gia detto esplicitamente fino dalla prima versione di Pro/e per Linux che non avrebbero fornito supporto diretto per le versioni Linux, perciò il problema dei tecnici in giro per il mondo non si pone.


p.s.
Scusa zimmy ma guarda che non ce l'ho con te tutt'altro (quelli che usano Pro/e mi stanno simpatici :D) poi te di questa storia non hai colpe ma ti limiti ha dire quello che sai
 

zimmy

Utente Standard
Professione: non l'ho mai capito
Software: icone e menu
Regione: lombardia
#11
Ciao Gio14
certamente non mi ero risentito di quello che si dice qui.
Nei messaggi talvolta non si percepisce il tono e si travisa un po'. Mi spiace!
Il forum è molto interessante anche per queste discussioni oltre che per i soliti Tips&Tricks.
Non conosco il mondo Linux e le mie opinioni forse non sono particolarmente motivate o profonde.
Ma nella mia esperienza da consulente negli anni ( e di aziende ne vedo proprio tante) non ho mai, dico mai , visto nessuna installazione su Linux.
Quindi mi sembra naturale ( e lo dico senza nessuna polemica e senza dover prendere necessariamente le difese della PTC - anche perchè non ne ho certo voglia-) che PTC non abbia intenzione di proseguire su questa strada.

Questo infine non toglie che Linux possa essere una piattaforma più interessante e più efficace di Windows.

Alla prossima
Pier
 

gio14

Utente Standard
Professione: stampi
Software: Pro-e
Regione: BG
#12
Ciao Gio14
certamente non mi ero risentito di quello che si dice qui.
Nei messaggi talvolta non si percepisce il tono e si travisa un po'. Mi spiace!
Il forum è molto interessante anche per queste discussioni oltre che per i soliti Tips&Tricks.
Non conosco il mondo Linux e le mie opinioni forse non sono particolarmente motivate o profonde.
Ma nella mia esperienza da consulente negli anni ( e di aziende ne vedo proprio tante) non ho mai, dico mai , visto nessuna installazione su Linux.
Quindi mi sembra naturale ( e lo dico senza nessuna polemica e senza dover prendere necessariamente le difese della PTC - anche perchè non ne ho certo voglia-) che PTC non abbia intenzione di proseguire su questa strada.

Questo infine non toglie che Linux possa essere una piattaforma più interessante e più efficace di Windows.

Alla prossima
Pier

Ciao Zimmy, vedi a mio avviso il problema è un po' più complesso, Ptc come UG e altri produttori di software di un certo livello non è che portano il loro software su Linux (o altri S.O.) per aumentare il numero di utenti, lo sanno benissimo che il numero attuale di utenza Linux è trascurabile, oppure perché su Linux gira meglio che su win, non è questo il punto, ma lo fanno per crearsi un alternativa, in poche parole rompere un monopolio, perché e assurdo che un produttore di S.O. (uno dei peggiori a mio parere, ma questa è una mia opinione e non è il nodo cruciale) tenga tutti sotto scacco e faccia il bello e il cattivo tempo(o mangi stà minestra o...) piccolo esempio, non vuole più supportare le OpenGl a favore delle DirectX e io Ptc o UG e via dicendo devo accettare supino, le DirectX possono anche essere migliori di OpenGl ma lo devo decidere IO quello che va bene per me (la scelta di qualcun' altro mi può anche sfavorire a vantaggio di qualche suo amico) poi ovvio se gli utenti non capiscono e se non lo seguono su questa strada pensando che la cosa non li riguardi(tanto dicono io ho il mio Xp e mi va bene chi me lo fa fare di star qua ha sbattermi per provare un altro S.O che non so neanche se va bene ho già i miei problemi ha migliorarmi con Pro/e e non ne voglio altri) a mio avviso sbagliano perché è inevitabile che certe scelte ricadranno anche su di loro
 

zimmy

Utente Standard
Professione: non l'ho mai capito
Software: icone e menu
Regione: lombardia
#13
Gio,
quello che dici è corretto e lo condivido.
brutto il monopolio di Windows (per tutti) e un'alternativa (magari anche migliore) è auspicabile.
Io mi metto solamente dalla parte di chi deve indirizzare risorse ed investimenti. Ecco che allora posso capire che forse sia meglio, almeno in questo momento, spingere di più sul prodotto e sul Data Base Man. per controbattere la concorrenza anzichè farsi paladini di una battaglia sul S.O. comunque difficile.
Tutto qui.
A presto
Pier
 

NightHawk

Utente Standard
Professione: Ingegnere
Software: ProE WildFire 4.0 M050 + MDO
Regione: Marche
#14
Purtroppo, il monopolio di Windows si è imposto grazie alla facilità d'uso. Ormai non trovi più nessuno che conosca un benchè minimo rudimento di DOS.
Digitare due righe di codice è da "programmatori" (ti senti spesso dire).

Ho un server con Slackware Current (lo so, mi voglio male) e devo dire che mi trovo benissimo. Sul portatile ho installato UBUNTU 7.10 e gira che è una meraviglia.

Penso che fine 2008, inizi 2009 ci sarà una inversione di tendenza. Vist* fa letteralmente schifo ed ha una serie di richieste hardware da paura.
Se andate sul sito di Ubuntu, noterete che DELL ha stretto una sorta di partnership con ubuntu ed inizierà a commercializzare portatili con Ubuntu installato e configurato. Secondo me questo è un passo importante.

Da estremo sostenitore di Linux, ho dovuto acquistare la licenza per windows solo perchè ho visto che PTC non avrebbe portato la WF4.0 su Linux.

Questo mi dispiace molto anche perchè ho notato che ProE su Windows sfrutta malissimo il Processore DualCore.... non so su Linux perchè non ho provato ad installarlo e fargli vedere il server di licenze su windows....

Appena ho un attimo provo ad installarlo sul server (ATHLON 64) e ci provo.

Andrea
 

gio14

Utente Standard
Professione: stampi
Software: Pro-e
Regione: BG
#15
@ NightHawk
Anch'io ho usato per un po' di tempo la Slackvare (non ricordo più se la 8 o la 9) bella distro, mi piaceva perché come Debian era pulita e veloce e ti potevi compilare il kernel senza problemi (cosa non sempre possibile in distro troppo personalizzate) però purtroppo rispetto a Debian (che uso tutt'ora) è che dovevi compilarti un sacco di programmi, mentre con Debian hai "apt" (l'havrai sperimentato con Ubuntu) hai ha disposizione tutti i programmi per Linux con un click (ultimamente sono diventato un po' uno scansafatiche) Ubuntu l'ho provata e non è male ma è un po' troppo personalizzata per i miei gusti e poi non mi piace come usa sudo al posto dell'amministratore (io sono per il root classico) per quanto riguarda il fatto del DualCore purtroppo devo deluderti io uso Pro/e con Debian su athlon 64 DualCore e su di un athlon 64 a singolo processore e sinceramente di differenze ne vedo poche perché Pro/e ne usa uno solo, certamente il DualCore è molto meglio comunque perché tutti gli altri processi in corso vengono spostati sull'altro processore, poi sai in Linux la gestione del desktop è molto migliore che in win e quando devo fare un percorso cam un po' lungo mi sposto su di un altro desktop e posso lavorare tranquillamente senza rallentamenti (cosa un po' difficile con un solo processore) poi per il resto come ho avuto modo di dire altre volte Pro/e su Linux mi sembra sia migliore un po' su tutto rispetto che su win, l'unica cosa se lo installi su Linux metti in preventivo che ci perderai un po' più di tempo rispetto a win per mettere tutto a puntino (però per uno che usa slack penso che non sia un problema )