Vincoli per Assembly

Braindrop81

Utente Junior
Professione: Disegnatore CAD/CAM
Software: Solid Edge - Autocad - Catia V5 - Visi 17
Regione: Marche
#1
Salve a tutti,
scrivo perchè è un pò che sto provando a vincolare un'assembly in modo che cambiando un parametro ad un vincolo venga simulato un certo movimento. Allego due Immagini della prova che sto facendo: il perno blu è fisso nello spazio; Vorrei riuscire a far muovere il perno, che esce dalla forcella dello stelo del cilindro, dentro l asola della piastra verde e arrivato alla fine dell'asola vorrei ke la piastra ruotasse attorno al perno blu. Spero di essere stato chiaro anche se ne dubito.
Cmq sono a disposizione per chiarimenti.
Grazie a tutti per la disponibilità.











IMG001.GIF

IMG002.GIF
 

radio

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettista (credevo...)
Software: Solid Edge ST7
Regione: Lombardia
#2
Così a spanne direi che devi vincolare con una tangenza la faccia cil. del perno con una faccia interna dell'asola, e mettere un parallelismo a distanza tra l'asse del perno e l'asse di una delle due facce semicilindriche dell'asola.
Suppongo che il martinetto abbia libertà di basculare.
Ovvio che oltre certi limiti di corsa del mart. il sistema non riuscirà a risolvere la rete di vincoli.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#3
Putroppo quel sistema per come e' disegnato e' labile. In ambiente assembly scordati di poter fare cio' che dici, forse ce la puoi fare in ambiente motion inserendo delle molle deboli (non so se esistono queste molle in motion, non sono esperto).

Altrimento prova con www.phun.at :smile:
 

radio

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettista (credevo...)
Software: Solid Edge ST7
Regione: Lombardia
#4
Ha ragione Cacciatorino, il sistema di per sé è labile; ma se per motivi tuoi vuoi risolverlo lo stesso puoi fissare l’angolo di rotazione della piastra (preferibile), oppure puoi fissare l’interasse del martinetto (2 posizioni teor. Possibili) ed il sistema diviene isostatico.
Nella realtà ad un dato angolo di rotazione della piastra hai n possibili interassi, ed ad un dato interasse hai n possibili angoli di rotazione.